Ascolta l’inedito di Art Blakey & The Jazz Messengers

Ascolta l’inedito di Art Blakey & The Jazz Messengers

Il 24 aprile Blue Note Records pubblicherà Just Coolin’, un inedito album registrato da Art Blakey & The Jazz Messengers l’8 marzo 1959 nel celebre primo studio di Rudy Van Gelder

Alla seduta prese parte una formazione di Jazz Messengers che ebbe vita effimera, con Art Blakey alla batteria, Lee Morgan alla tromba, Hank Mobley al sax tenore, Bobby Timmons al pianoforte e Jymie Merritt al contrabbasso. Nell’album figurano due composizioni inedite, tra le quali “Quick Trick” (siglata da Bobby Timmons) ora disponibile in streaming e download. Just Coolin’ verrà pubblicato in CD, digitale e vinile da 180 grammi realizzato attraverso un processo interamente analogico, sulla base di un master e di una matrice curati da Kevin Gray.

La seduta di Just Coolin’ fotografa una fase della storia dei Jazz Messengers in cui il ruolo di sassofonista era in fase di transizione. La band si era appena guadagnato un posto nella storia del jazz grazie all’album Moanin’, un autentico classico in cui al sax tenore figurava Benny Golson. Nel luglio del 1959 Blakey avrebbe ingaggiato Wayne Shorter, destinato ad occupare il ruolo nella band fino al 1964.
Nel frattempo era tornato Hank Mobley, che aveva già fatto parte della prima formazione del gruppo nel 1954, ed era così apparso nell’album di debutto The Jazz Messengers At The Café Bohemia del 1955. Mobley inoltre rivestiva un ruolo fondamentale come compositore per i Messengers, e così tre dei sei brani di Just Coolin’ sono di suo pugno: “Hipsippy Blues”, “M&M” e “Just Coolin’”.
Tuttavia, cinque settimane dopo questa registrazione realizzata in studio il fondatore e produttore della Blue Note Alfred Lion decise di registrare di nuovo la band dal vivo, questa volta al leggendario Birdland di New York, catturando così – il 15 aprile del 1959 – una solida performance che comprendeva una nuova versione di quattro dei brani già registrati in studio in marzo. Alla fine, la registrazione al Birdland (che Lion pubblicò quello stesso anno come doppio album intitolato Art Blakey & The Jazz Messengers At The Jazz Corner Of The World) finì con l’avere il sopravvento sulla registrazione precedente.
“Nel 2020 è stato grande ritrovare un’altra testimonianza dei giovani Morgan, Mobley e Timmons insieme” scrive Bob Blumenthal nelle note di copertina di Just Coolin’ “La musica si era consolidata nel mese tra la registrazione in studio e il live, ma il fuoco che pervade questi sei brani ha un fascino tutto suo.”
Ora, 61 anni dopo, gli appassionati di jazz in tutto il mondo avranno la possibilità di provare la stessa emozione.

L'articolo Ascolta l’inedito di Art Blakey & The Jazz Messengers proviene da www.controradio.it.

Nasce Homeplaying: Piattaforma di socialità musicale a distanza

Nasce Homeplaying: Piattaforma di socialità musicale a distanza

Che tempo fa oggi? Il tempo meteorologico ispira l’improvvisazione musicale di musicisti che suonano ognuno da casa sua e la performance va in streaming ogni lunedì mercoledì e venerdì alle 18.00 live dal canale FB di Tempo Reale

Ci manca molto suonare insieme. Ci manca molto improvvisare insieme. Non ci basta restare passivi. Per questo abbiamo dato vita a questo progetto: affinché musicisti distanti possano suonare facilmente insieme da casa. Con i musicisti di Tempo Reale, ma presto speriamo di farlo anche con molti altri.

Obiettivo

Colmare attivamente le distanze fisiche tra musicisti per suonare insieme tra almeno due persone, tutti rigorosamente da casa, tutti rigorosamente dal vivo.

Strumento

La piattaforma culturale Homeplaying si basa su sistemi software assolutamente comuni, che siamo riusciti a piegare alle esigenze musicali dell’improvvisazione. Chi è interessato può seguire il risultato in una diretta facebook live sulla pagina di Tempo Reale.

Tema

Produzione di musica imprevedibile ovvero ogni volta completamente nuova e regolata dalle mappe sinottiche metereologiche della giornata stessa del concerto (il progetto di contenuti si chiama Meteo-Sistema di improvvisazione per gruppi di musicisti online ed è stato concepito appositamente da Francesco Giomi)

Calendario

Tutti i Lunedi – Mercoledi – Venerdi dal 16 marzo al 3 aprile alle ore 18 sulla pagina facebook di Tempo Reale.

Sviluppi futuri

La possibilità a musicisti esterni di partecipare, ciascuno dalla sua abitazione, creando connessioni e momenti musicali ulteriormente differenziati. In questa fase si può addirittura immaginare una trasmissione continua calendarizzata di contenuti sonori originali e costantemente in diretta.

Background storico e alcuni chiarimenti necessari

1. Nel 2020 sono i 50 anni della prima esperienza assoluta di telematica musicale condotta nel 1970 dal pioniere della computer music Pietro Grossi tra Rimini e Pisa; il nostro lavoro è quindi un omaggio questo grande pioniere.

2. La piattaforma non ha un intento di innovazione tecnologica (esistono già software per suonare a distanza) né di rivoluzione mediatica (i primi progetti di concerti a distanza datano infatti ai lontani anni novanta), ma grazie alla semplicità degli attuali sistemi condivisi da tutti, può diventare un sistema per unire le persone attraverso la musica, farle divertire, farle ascoltare contenuti completamente originali e istantanei.

Progetto Meteo

E’ uno schema di improvvisazione ideato da Francesco Giomi che consente a musicisti distanti (almeno due) di suonare insieme da casa collegati tra loro via connessione digitale. Il progetto è basato sulla mappa sinottica metereologica della giornata dell’improvvisazione o comunque più vicina nel tempo al momento della performance.

Ciascun musicista sceglie arbitrariamente i parametri della mappa da seguire utilizzando le due famiglie classiche (Aree isotermiche-colori; Isobare-linee nere continue) e seguendo un piccolo sistema di regole.

L'articolo Nasce Homeplaying: Piattaforma di socialità musicale a distanza proviene da www.controradio.it.

In Sala Vanni torna l’elettronica di ricerca con Disconnect Code

In Sala Vanni torna l’elettronica di ricerca con Disconnect Code

Venerdì 6 marzo in Sala Vanni  a Firenze Disconnect <Code>, Varg2™ e Soho Rezanejad  presentano: Entertaining the Darkness. Inizio concerti ore 21.15

Secondo appuntamento in calendario per Disconnect <Code>, la rassegna che porta a Firenze le migliori proposte dell’elettronica di ricerca. Quella nordeuropea è rappresentata da un’artista che probabilmente ha più contribuito a renderla simbolo di avanguardia e di alta qualità. Il nome in questione è quello di Varg2™, che venerdì 6 marzo proporrà un set speciale pensato e dedicato esclusivamente alla Sala Vanni. È notizia di pochi giorni fa l’inserimento nella performance della cantante e musicista Soho Rezanejad, che arricchirà di emozione le trame sonore del norvegese (inizio concerto ore 21:15 – ingresso 13 + dp / 20 €). 

Affermandosi come numero uno del genere Varg2™ si muove a  cavallo tra industrial e ambient, e la sua musica ha ormai una riconoscibilità più che affermata.  Negli anni ha saputo forgiare un suo stile personale: una techno caratterizzata da beat ovattati, e talvolta acid, profondi e calibrati. Insieme a Anthony Linell dirige la Northern Electronics, etichetta con la quale portano avanti progetti sperimentali come la Nordic Flora Series.
Soho Rezanejad ha fatto parte dei Lust For Youth, gruppo danese di ispirazione post-industrial e drone ma poi spostatosi su sonorità più emozionali. Di origini iraniane, nata a New York e cresciuta in Danimarca è anche comparsa nel film “The Charmer” di Milad Alamni, dove l’attualissimo problema dell’immigrazione clandestina assume un ruolo centrale. La sua identità multiculturale e il suo amore per la musica elettronica e la lirica trovano ampio sfogo nella sua carriera solista, negli ultimi due anni ha infatti pubblicato due album: Six Archetypes nel 2018 e Honesty Without Compassion Is Brutality Vol.1 nel 2019, entrambi usciti per la Silicone Records.

L'articolo In Sala Vanni torna l’elettronica di ricerca con Disconnect Code proviene da www.controradio.it.

Flog Firenze annullati i concerti in programma fino al 3 aprile

Flog Firenze annullati i concerti in programma fino al 3 aprile

Cosi si legge dalla pagina FB Official  “In seguito al D.P.C. del 4 marzo 2020, la FLOG è costretta a malincuore ad annullare tutti gli spettacoli previsti e a prevedere, salvo aggiornamenti o variazioni successive delle suddette disposizioni nazionali, la chiusura dell’Auditorium FLOG fino al prossimo 3 aprile

Il decreto, cui la FLOG intende attenersi, è quello in relazione alle misure cautelari a tutela della salute degli spettatori e del personale dell’Auditorium in relazione alla diffusione del Coronavirus. I concerti e gli spettacoli in programma fino al 3 di aprile sono ANNULLATI, ma per alcuni di questi stiamo lavorando per il recupero di nuove date, che slitteranno tra aprile e maggio.

Il rimborso dei biglietti avrà le modalità di legge (per gli acquisti effettuati on line rivolgersi a Ticket One, per quelli fatti nei punti vendita, direttamente nei punti dove ci si è recati). In caso di posticipo dell’evento in altra data, il biglietto già in vostro possesso sarà valido come titolo d’ingresso. Comunicheremo in tempi brevi sulla nostra Pagina Facebook Auditorium Flog “Official” informazioni sui concerti annullati definitivamente e sulle date che saremo in grado di posticipare.

Siamo estremamente dispiaciuti della situazione, dovuta alla grave crisi sanitaria in corso a livello internazionale e al clima di preoccupazione e di incertezza che si è creato e sviluppato di conseguenza. La FLOG si muoverà cercando il modo migliore per gestire la situazione e i disagi creati. Tanti gli eventi previsti nella programmazione di marzo, con serate che avrebbero coinvolto una grande quantità di pubblico; stiamo valutando di posticipare e/o recuperare ove possibile, buona parte dei concerti che siamo costretti ad annullare per cause di forza maggiore.

Questa crisi sta avendo, ed avrà ancora di più in futuro, gravi ripercussioni su tutte le categorie economiche e le attività nazionali. Solo per quanto riguarda il nostro settore, quello del pubblico spettacolo, il danno economico provocato dalla crisi e dall’annullamento degli spettacoli è già molto consistente, ancora più drammatico per alcuni soggetti più deboli tra organizzatori, agenzie di booking e, a maggior ragione, per artisti e i musicisti che si vedono cancellare date senza alcun paracadute previdenziale.

Contiamo di riuscire a superare anche questo stato di emergenza e riprendere al più presto la normale attività, con l’impegno e la professionalità che ha sempre accompagnato il nostro lavoro e che avete potuto apprezzare nel corso di tutti questi anni.

Tra l’altro a febbraio 2021 la FLOG taglierà il traguardo dei 30 (!!!!) anni di attività continuativa. Sarà meglio preparare i festeggiamenti per il prossimo anniversario…

Siamo stati con voi tutto questo tempo. E continueremo a farlo ancora a lungo

Grazie a tutti per la solidarietà e la comprensione

Il vostro affezionatissimo

Auditorium FLOG. “

L'articolo Flog Firenze annullati i concerti in programma fino al 3 aprile proviene da www.controradio.it.

Africa Unite e Architorti in concerto alla Flog di Firenze

Africa Unite e Architorti in concerto alla Flog di Firenze

Vibranite: venerdì 6 marzo alla Flog di Firenze tornano gli Africa Unite accompagnati dal quintetto Architorti. Segue DanceHall con Real Rockers Sound System & Andrea Mi

“In tempo reale” è un’opera musicale scritta a quattro mani dal quintetto Architorti e dagli Africa Unite, un concept album sul rapporto uomo-rete-social che in questa epoca sta conducendo ad importanti mutamenti politici e culturali nel nostro paese e nel mondo intero.

La visione degli Africa Unite li ha portati ad allargare e scomporre il proprio suono attraverso gli Architorti: quintetto e orchestra diventano l’occhio musicale che tesse le trame armoniche e melodiche dell’album. La vocalità di Bunna e i recitativi di Madaski assumono contorni assolutamente inediti e particolari, come tutto il suono che caratterizza l’album, sicuramente un tentativo molto particolare e definitivo di trasformare il Reggae in un’altra forma musicale.

Lo spettacolo si avvale della presenza di Madaski tastiere e voce e naturalmente Bunna nel suo ruolo di leader, più la formazione degli Architorti, capitanata da Marco Robino al violoncello, Marco Benz Gentile, Efix Puleo e Federica Biribicchi ai violini e Marco Gentile alla viola.

Uno spettacolo intenso dove i brani storici degli AFRICA si avvarranno dell’intervento degli ARCHI e viceversa: uno scontro/incontro tra il ritmo e l’armonia, la sospensione degli archi e a volte il pieno dell’orchestra, il tutto condotto dalla voce di Bunna. Uno spettacolo in controtendenza, una formazione insolita, per un suono potente e allo stesso tempo interessante, e sicuramente al di fuori dei canoni.

Segue DanceHall con REAL ROCKERS Sound System & Andrea Mi INFO

Apertura 21.30 INGRESSO € 13/ €10 prevendite TicketOne

L'articolo Africa Unite e Architorti in concerto alla Flog di Firenze proviene da www.controradio.it.