Bilancio di previsione, via libera a maggioranza dal Consiglio regionale

Bilancio di previsione, via libera a maggioranza dal Consiglio regionale

L’Aula ha approvato a maggioranza, con il voto di astensione dei gruppi di opposizione, il Bilancio di previsione 2021-2023 del Consiglio regionale. Come ha ricordato il presidente del Consiglio, Antonio Mazzeo, illustrando brevemente l’atto, si tratta di “un bilancio puramente tecnico, perché definiremo le destinazioni delle risorse con la prima variazione di Bilancio”.

Le entrate e le uscite ammontano a poco più di 29 milioni di euro per il 2021 e a oltre 28 milioni per il 2022 e il 2023. La gran parte delle entrate 2021, per una cifra di oltre 23 milioni, derivano da trasferimenti di fondi dal bilancio regionale.

Prosecuzione in notturna della seduta del Consiglio regionale per l’approvazione della manovra di bilancio della Regione Toscana che vale complessivamente 11,15 miliardi di euro. Oltre 80 milioni di investimenti, incremento della spesa sanitaria fino a 7,28 miliardi e nessun aumento delle tasse regionali: sono le principali linee della manovra composta dalla nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza regionale (Defr), il bilancio di previsione 2021-2023, la legge di stabilità per il 2021 e il collegato, insieme ad alcune disposizioni di carattere finanziario.

L’approvazione è arrivata nella tarda serata. Oggi l’Aula tornerà a riunirsi con altri atti all’ordine del giorno. “Per la prima volta dal 2014 le Regioni non sono chiamate a concorrere al raggiungimento degli obbiettivi di finanza pubblica – ha spiegato il presidente della commissione Affari istituzionali Giacomo Bugliani (Pd) illustrando i provvedimenti in aula – hanno l’obbligo invece di realizzare investimenti aggiuntivi rispetto a quelli già programmati, con risorse proprie, il cui volume, per la Toscana, vale 80,6 milioni”.

Le spese di funzionamento rimangono stabili, c’è invece una crescita dei fondi di riserva per finanziare il nuovo ciclo di programmazione comunitaria. Bugliani si è soffermato sul piano di razionalizzazione delle società partecipate tra cui le terme di Montecatini (Pistoia) per le quali serve un accordo con i creditori entro il 30 giugno. Ai trasporti sono destinati 50milioni, 22 ai servizi per l’impiego e 37 alla non autosufficienza. Contributo straordinario una tantum di 1,5 milioni ai piccoli comuni per interventi di manutenzione sulle strade e 6 milioni per interventi sulla qualità dell’aria.

Bugliani ha poi illustrato i contributi per interventi sulla viabilità, tra cui una lunga serie di rimodulazioni di contributi: slittano, per esempio, sul 2022 gli 11 milioni per la tangenziale di Lucca; così come il contributo straordinario di 3,5 milioni per la realizzazione del ponte sull’Arno a Fibbiana, nel comune di Montelupo Fiorentino (Firenze).

L'articolo Bilancio di previsione, via libera a maggioranza dal Consiglio regionale proviene da www.controradio.it.

Recovery fund: Giani, Toscana ha progetti per 8-10 miliardi

Recovery fund: Giani, Toscana ha progetti per 8-10 miliardi

“Noi siamo in grado di mettere in campo dagli 8 ai 10 miliardi di progetti con le caratteristiche che il Recovery fund chiede, ovvero il fatto che si possa da qui al 2022 avere progettazioni esecutive e che devono vedere completati tutti i progetti nel 2026. Se non hai la capacità di realizzazione di quello per cui presenti progetti hai l’infrazione e anche le penali, quindi dobbiamo essere attenti a mettere in campo progettazioni esecutive”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani intervenendo in Consiglio regionale sul Piano nazionale di ripresa e resilienza.

“Noi siamo pronti a livello regionale – ha aggiunto Giani – va visto come sarà gestita la partita a livello nazionale perché se a decidere saranno i singoli ministeri con cabina di regia la presidenza del Consiglio dei ministri questi progetti più che presentarli in modo organico dovremmo cercare di inserirli nei vari progetti dei ministeri, ma rischiamo di vederne accettato un pezzo, ma non un altro”.

Giani ha poi aggiunto tre “messaggi forti che mi sento di dare: grande attenzione alla sanità perché se non c’è il Mes cogliamo l’occasione del Recovery fund per dare forza al nostro sistema di sanità e salute perché il Covid deve averci insegnato qualcosa”. “Secondo – ha aggiunto – che  venga dato spazio ai progetti regionali, che non si centralizzi
troppo la destinazione delle risorse. E, infine, la valorizzazione dell’innovazione dal punto di vista informatico e tecnologico e della transizione ecologica”.

“Sono deluso che a livello nazionale sul capitolo salute siano dedicati solo 9 miliardi
pari al 4,6%” delle risorse totali del Recovery Fund per l’Italia, pari a 209 miliardi. “Il Mes che sarebbe dedicato solo alla sanità vedo che non viene approvato. Quindi mi sento di
fare un appello affinché sulla sanità ci siano più risorse. Le risorse previste per la sanità dovrebbero essere triplicate”, serve “più sanità perché il Covid ci ha insegnato che abbiamo
bisogno di strutture, di rapporto con il territorio”. Ha sottolineato Giani intervenendo in Consiglio.

Per Giani è inoltre necessario che “i 209 miliardi non siano solo oggetto di progetti nazionali”, ma anche “di progetti di carattere regionale. Io pongo questo problema, il fatto che ci sia una quota consistente che nasce da progetti regionali. Comunque sia noi ci attrezzeremo, dividendo il piano in sei capitoli, e attivando gli assessori in modo che ciascuno di loro possa trovare con il rispettivo ministro lo sviluppo di un rapporto perché se devono essere progetti nazionali vi sia un’interlocuzione a livello regionale”.

L'articolo Recovery fund: Giani, Toscana ha progetti per 8-10 miliardi proviene da www.controradio.it.

La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità”

Eugenio Giani ha enunciato oggi quelle che saranno le linee programmatiche del suo programma. L’occasione è stata la prima seduta del nuovo consiglio regionale: "Sarò il presidente di tutti"

The post La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità” appeared first on intoscana.

La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità”

Eugenio Giani ha enunciato oggi quelle che saranno le linee programmatiche del suo programma. L’occasione è stata la prima seduta del nuovo consiglio regionale: "Sarò il presidente di tutti"

The post La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità” appeared first on intoscana.

Coronavirus: positivi in Toscana , 55% maschi con età media 59 anni

Coronavirus: positivi in Toscana , 55% maschi con età media 59 anni

“Dalla piattaforma dell’Istituto superiore di sanità dei casi positivi, alimentata dai dipartimenti di prevenzione delle tre Asl toscane, emerge che il 55% dei casi sono maschi con età media di 59 anni e solo il 14% ha meno di 40 anni confermando come i più giovani non vengano sostanzialmente toccati dal virus”. Lo ha detto l’assessora al diritto alla salute, Stefania Saccardi, nel corso della comunicazione della Giunta regionale sull’emergenza Coronavirus durante la seduta in videoconferenza del Consiglio regionale.

Tra i casi positivi al Coronavirus, ha aggiunto Saccardi, “il 10% è risultato asintomatico, quasi il 30% ha condizioni cliniche lievi, il 33% severe e quasi 5% gravi. Un malato su 3 ha almeno una patologia cronica”. Per quanto riguarda i deceduti, ha aggiunto Saccardi, “la letalità, il numero di deceduti sui positivi totali, è del 5,2% contro il 15,4% della Lombardia e il 11% dell’Emilia Romagna. L’incremento della mortalità invece, cioè i deceduti sulla popolazione residente, mostra un aumento meno repentino nel tempo: solo il Veneto registra dati migliori della Toscana tra le Regioni a forte circolazione del virus”.

L'articolo Coronavirus: positivi in Toscana , 55% maschi con età media 59 anni proviene da www.controradio.it.