🎧 Zona Bianca la Toscana ed il resto d’Italia, tranne la Val d’Aosta, da lunedì

🎧 Zona Bianca la Toscana ed il resto d’Italia, tranne la Val d’Aosta, da lunedì

Firenze, da lunedì Italia tutta bianca. tranne la valle d’Aosta che resta gialla. Anche Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Toscana, Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano, infatti, entrano in zona bianca.

Ha avuto ragione questa volta, il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani che stamane aveva dichiarato: “Il ritorno della Toscana in zona bianca, è un fatto naturale, ormai siamo da 21 giorni, dal 30 maggio, in condizioni di zona bianca: oggi la Toscana ha 67 contagi in un giorno, ieri ne aveva 60, siamo sostanzialmente a meno della metà del limite della zona bianca”.

“Sono orgoglioso – ha aggiunto Giani – perché siamo arrivati a una capacità vaccinale che ormai è superiore alla maggioranza dei toscani che devono essere vaccinati, abbiamo superato il milione e 800mila dosi per una regione di 3,6 milioni di abitanti”.

La situazione dunque, per il governatore toscano, “si presenta con un’organizzazione che è in grado ormai di rispondere a qualsiasi bisogno che la vaccinazione richiede. Non ci sono più gli AstraZeneca, se non per i richiami di coloro che over 60 lo devono avere? Non c’è problema, facciamo con i Pfizer”.

La conferma ufficiale del cambio di zona è arrivata dal Ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, ha firmato una nuova ordinanza che andrà in vigore a partire dal 21 Giugno.

In podcast le dichiarazioni del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani.

L'articolo 🎧 Zona Bianca la Toscana ed il resto d’Italia, tranne la Val d’Aosta, da lunedì da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana, 67 nuovi casi, 3 decessi

Coronavirus in Toscana, 67 nuovi casi, 3 decessi

Firenze, in Toscana sono 243.747 i casi di positività al Coronavirus, 67 in più rispetto a ieri (65 confermati con tampone molecolare e 2 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,03% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 233.436 (95,8% dei casi totali).

Oggi sono stati eseguiti 6.232 tamponi molecolari e 9.264 tamponi antigenici rapidi, di questi lo 0,4% è risultato positivo. Sono invece 5.039 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui l’1,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi al Coronavirus sono oggi 3.470, -4,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 189 (11 in meno rispetto a ieri), di cui 37 in terapia intensiva (5 in meno). Oggi si registrano 3 nuovi decessi: 2 uomini e una donna con un’età media di 79 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia di Coronavirus in regione.

L’età media dei 67 nuovi positivi odierni è di 43 anni circa (15% ha meno di 20 anni, 28% tra 20 e 39 anni, 36% tra 40 e 59 anni, 15% tra 60 e 79 anni, 6% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (65 confermati con tampone molecolare e 2 da test rapido antigenico). Sono 67.279 i casi complessivi ad oggi a Firenze (18 in più rispetto a ieri), 22.555 a Prato (8 in più), 22.975 a Pistoia (4 in più), 13.303 a Massa (2 in più), 24.628 a Lucca (5 in più), 29.200 a Pisa (8 in più), 17.477 a Livorno (6 in più), 22.839 ad Arezzo (5 in più), 13.826 a Siena (4 in più), 9.110 a Grosseto (7 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 30 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 21 nella Nord Ovest, 16 nella Sud est.

La Toscana si trova al 12° posto in Italia come numerosità di casi di Coronavirus (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 6.645 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.172 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 8.809 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 7.900, Pisa con 7.012, la più bassa Grosseto con 4.169.
Complessivamente, 3.281 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (160 in meno rispetto a ieri, meno 4,6%).
Sono 11.260 (47 in meno rispetto a ieri, meno 0,4%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 5.807, Nord Ovest 4.233, Sud Est 1.220).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 189 (11 in meno rispetto a ieri, meno 5,5%), 37 in terapia intensiva (5 in meno rispetto a ieri, meno 11,9%).
Le persone complessivamente guarite sono 233.436 (235 in più rispetto a ieri, più 0,1%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 233.436 (235 in più rispetto a ieri, più 0,1%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Purtroppo, oggi si registrano 3 nuovi decessi: 2 uomini e una donna con un’età media di 79 anni.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 2 a Firenze, 1 a Siena.

Sono 6.841 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 2.206 a Firenze, 596 a Prato, 627 a Pistoia, 524 a Massa Carrara, 665 a Lucca, 701 a Pisa, 416 a Livorno, 503 ad Arezzo, 330 a Siena, 182 a Grosseto, 91 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 186,5 per 100.000 residenti contro il 214,6 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (276 per 100.000), Prato (232,8 per 100.000) e Firenze (223,7 per 100.000), il più basso a Grosseto (83,3 per 100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

L'articolo Coronavirus in Toscana, 67 nuovi casi, 3 decessi da www.controradio.it.

🎧 Adozioni: rientrata a Firenze la coppia bloccata a Manila

🎧 Adozioni: rientrata  a Firenze la coppia bloccata a Manila

La coppia di fiorentini rimasta bloccata a Manila durante un percorso di adozione è rientrata a Firenze. Negativi al tampone coniugi e figlio adottivo. Erano nelle Filippine dal 21 maggio.

“Questa volta ti parlo dalle Cure, a Firenze. Un luogo più confortevole”. Confortevole. Usa questa parole Francesco Sozzi per raccontare del disagio vissuto in quasi un mese nelle Filippine. Ora hanno fatto rientro in Italia, Francesco ed Elisabetta e il loro figlio adottivo. A Manila erano rimasti bloccati a causa della positività del minore al Covid.

Una storia travagliata certo, ma che poteva prendere una piega peggiore, come capitato ai coniugi di Campi Bisenzio in India. Resta la domanda: perché le persone costrette a completare il loro percorso di adozione durante una pandemia non hanno avuto una corsia preferenziale per vaccinarsi prima di partire? La domanda sembra adesso appartenere al passato, relegata nell’archivio degli infiniti errori commessi durante questo ultimo anno e mezzo.

In questo mese abbiamo raccontato passo dopo passo, la storia di Francesco ed Elisabetta e per loro questo mese nelle Filippine resterà solo un ricordo. Arrivati a Manila il 21 maggio avevano potuto incontrare il loro figlio, dopo dieci giorni in isolamento. Poi, il 06 giugno, pochi momenti prima della partenza, era arrivato il test positivo che ha poi costretto tutta la famiglia a trascorrere la quarantena in hotel, naturalmente a proprie spese.

Infine il rientro, mercoledì 16 giugno, e finalmente il ricongiungimento con il loro primo figlio, affidato al nonno per un periodo non breve. Tutto bene dunque. Però Francesco, ai nostri microfoni non riesce a non commuoversi pensando a Simonetta e a suo marito Enzo, ancora ricoverato in gravi condizioni a Careggi. Il pensiero di Francesco va a loro, memore dell’odissea che hanno vissuto per tornare in Italia, con un volo organizzato grazie ad una raccolta fatta da loro amici e non dallo Stato.

L'articolo 🎧 Adozioni: rientrata a Firenze la coppia bloccata a Manila da www.controradio.it.

🎧 Storie di stoffa: tre mamme ripartono con tessuti, colori e fantasia

🎧 Storie di stoffa: tre mamme ripartono con tessuti, colori e fantasia

Dal lockdown pandemico alla voglia di rimettersi in gioco attraverso la creatività e la condivisione al femminile. E’ un po’ il senso del progetto ‘Storie di stoffa’ ideato da tre donne, amiche e mamme, ognuna con le proprie difficoltà lavorative durante l’emergenza Covid. Ognuna con la voglia di riprendere in mano i propri sogni.

Chiara Brilli ha intervistato una di loro, Claudia

Fantasia, colori e un’idea ben precisa: fare indossare ai bambini delle storie. Così i tessuti prendono vita e avvicinano i piccoli alla lettura.

Claudia, Viola e Camille (foto) creano stoffe animate da disegni originali che realizzano partendo dalla scrittura di storie per bambini. Si trovano in via Montebello a Firenze e sui canali social a storiedistoffafirenze.

Partite con delle magliette unisex in cotone organico o lino hanno l’ambizione di creare delle vere e proprie linee di accessori utili per i più piccoli e da usare nel tempo libero.

“Storie di stoffa è un progetto che nasce in un momento storico molto importante, dove siamo stati obbligati a fermarci per riflettere. A marzo 2020 una pandemia mondiale ci ha costretti a rifugiarci nelle nostre case ed ha completamente rivoluzionato il modo di vivere di tutti. Abbiamo cercato di sfruttare questa rivoluzione per far nascere qualcosa di positivo che ci aiutasse ad andare avanti con la fantasia e i colori che servono per vivere ogni giorno con entusiasmo. Trovare delle soluzioni è la cosa più intelligente che gli individui possano fare! Ci abbiamo creduto proprio come fanno i bambini con le favole, perché
anche gli adulti hanno bisogno di tornare a crederci e, perché no, anche di tornare ad essere un po’ bambini”, si legge in uno stralcio della loro presentazione.
Il progetto è stato illustrato il 16 giugno scorso attraverso anche un laboratorio animato per bambini e bambine negli spazi del Giardino dell’Ardiglione in Oltrarno.

 

L'articolo 🎧 Storie di stoffa: tre mamme ripartono con tessuti, colori e fantasia da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana, 60 nuovi casi, 6 decessi

Coronavirus in Toscana, 60 nuovi casi, 6 decessi

Firenze, in Toscana sono 243.680 i casi di positività al Coronavirus, 60 in più rispetto a ieri (tutti confermati con tampone molecolare). I nuovi casi sono lo 0,02% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 233.201 (95,7% dei casi totali).

Oggi sono stati eseguiti 7.536 tamponi molecolari e 6.558 tamponi antigenici rapidi, di questi lo 0,4% è risultato positivo al coronavirus. Sono invece 5.435 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui l’1,1% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 3.641, -5,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 200 (23 in meno rispetto a ieri), di cui 42 in terapia intensiva (8 in meno). Oggi si registrano 6 nuovi decessi: 4 uomini e 2 donne con un’età media di 75,3 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia di coronavirus in regione.

L’età media dei 60 nuovi positivi odierni è di 36 anni circa (20% ha meno di 20 anni, 40% tra 20 e 39 anni, 35% tra 40 e 59 anni, 5% tra 60 e 79 anni, 0% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (tutti confermati con tampone molecolare). Sono 67.261 i casi complessivi ad oggi a Firenze (21 in più rispetto a ieri), 22.547 a Prato (10 in più), 22.971 a Pistoia (8 in più), 13.301 a Massa, 24.623 a Lucca (1 in più), 29.192 a Pisa (8 in più), 17.471 a Livorno (4 in più), 22.834 ad Arezzo (5 in più), 13.822 a Siena (1 in più), 9.103 a Grosseto (2 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 41 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 11 nella Nord Ovest, 8 nella Sud est.

La Toscana si trova al 12° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 6.643 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.169 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 8.806 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 7.899, Pisa con 7.010, la più bassa Grosseto con 4.165.
Complessivamente, 3.441 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (197 in meno rispetto a ieri, meno 5,4%).
Sono 11.307 (4 in meno rispetto a ieri, meno 0,04%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 5.776, Nord Ovest 4.296, Sud Est 1.235).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 200 (23 in meno rispetto a ieri, meno 10,3%), 42 in terapia intensiva (8 in meno rispetto a ieri, meno 16%).
Le persone complessivamente guarite sono 233.201 (274 in più rispetto a ieri, più 0,1%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 233.201 (274 in più rispetto a ieri, più 0,1%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Relativamente alla provincia di residenza, le 6 persone decedute sono: 3 a Firenze, 1 a Prato, 1 a Lucca, 1 a Arezzo.

Sono 6.838 i deceduti dall’inizio dell’epidemia di coronavirus cosi ripartiti: 2.204 a Firenze, 596 a Prato, 627 a Pistoia, 524 a Massa Carrara, 665 a Lucca, 701 a Pisa, 416 a Livorno, 503 ad Arezzo, 329 a Siena, 182 a Grosseto, 91 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 186,4 x100.000 residenti contro il 214,6 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (276,0 x100.000), Prato (232,8 x100.000) e Firenze (223,5 x100.000), il più basso a Grosseto (83,3 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

L'articolo Coronavirus in Toscana, 60 nuovi casi, 6 decessi da www.controradio.it.

Powered By Tempera & WordPress.