Costa Diadema, sbarcati gli ultimi due positivi

Costa Diadema, sbarcati gli ultimi due positivi

Piombino, emergenza è finita sulla Costa Diadema, la grande nave da crociera sarà molto presto in “libera pratica sanitaria” termine tecnico che significa pronta per ripartire.

A sancire la svolta dopo due mesi di incessante lavoro a partire dal 30 marzo – giorno in cui la gigantesca Costa Diadema ha attraccato nel nuovo porto di Piombino, lo sbarco, avvenuto oggi, degli ultimi due marinai positivi al Covid-19.

I due, positivi ma asintomatici, sono stati trasferiti in un albergo sanitario fiorentino in attesa della definitiva negativizzazione. Sulla banchina, intanto, sono terminati stamani i lavori per smontare la tensostruttura, il Posto medico avanzato di secondo livello, il cui allestimento era stato stato disposto per volontà della Regione Toscana dal Coordinamento regionale maxiemergenze e gestito in coordinamento con associazioni di volontariato (Misericordie, Pubbliche assistenze e Croce Rossa), settori regionali competenti, Autorità portuale, Protezione civile, Capitaneria di porto, forze dell’ordine. E che ha lavorato in collaborazione stretta con lo staff medico della Costa Crociere e con Usmaf di Livorno, l’ufficio di sanità marittima e di frontiera.

È stato proprio il posto medico avanzato a rappresentare il cuore di un’operazione che si è rivelata non soltanto efficace, ma anche unica nel campo della gestione della sanità crocieristica, tanto da essere presa da modello da altre situazioni analoghe a livello nazionale.

“Il lavoro di squadra e la capacità di coordinamento di tutti i protagonisti – ha detto il presidente della Regione Enrico Rossi – hanno consentito di gestire in sicurezza una situazione di emergenza davvero complessa. A tutti, da parte della Regione, va il più sentito ringraziamento per il lavoro svolto che ha consegnato alla Toscana un altro importante risultato”.

Oggi dei 1240 marinai presenti a bordo al suo arrivo, sono rimasti sulla nave in circa 450, tutti negativi. La sicurezza sanitaria dei marittimi a bordo continua ad essere garantita dalla Regione Toscana, attraverso accordi specifici con il 118 locale.

Fin dall’arrivo della Costa Didadema a Piombino il personale di bordo è stato sottoposto a tamponi eseguiti dal laboratorio della Aoup pisana, test sierologici, con l’immediato isolamento dei positivi che sono stati ricontrollati più volte e, secondo i casi, indirizzati negli ospedali più vicini dove erano disponibili posti Covid.

“Uno dei punti di forza di questa esperienza – spiega l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi – è stato il fatto che questo posto medico è stato gestito all’interno della rete ospedaliera della nostra regione, evitando così il rischio di dirottare malati su situazioni già sature a causa dell’emergenza, ma indirizzandoli subito nella struttura più adeguata ad assisterli”.

L'articolo Costa Diadema, sbarcati gli ultimi due positivi proviene da www.controradio.it.

Sindaco Piombino, consente sbarco pazienti Coronavirus

Sindaco Piombino, consente sbarco pazienti Coronavirus

Piombino, “È un gesto di responsabilità cui non ho voluto sottrarmi”, “su richiesta esplicita del Ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, come sindaco di Piombino ho acconsentito affinché la nave da crociera Costa Diadema, battente bandiera italiana e con a bordo un equipaggio di 1.250 persone, attracchi nelle prossime ore al porto della nostra città e permetta le operazioni di sbarco dei pazienti affetti da Coronavirus”.

Lo ha detto Francesco Ferrari, sindaco di Piombino (Livorno), riguardo la comunicazione del ministro De Micheli sul prossimo attracco della nave Costa Diadema nel porto della città.

“Sono convinto che si tratti un gesto di responsabilità importante cui non ho voluto sottrarmi – afferma -: l’emergenza che stiamo vivendo dev’essere un’occasione, seppur tragica, per farci capire quanto siamo dipendenti l’uno dall’altro e che dobbiamo essere generosi nei confronti di chi è in difficoltà. Piombino ha deciso così di fare la propria parte e dare il suo fattivo contributo alla battaglia che tutti gli italiani stanno affrontando”.

“Ho avuto rassicurazione da parte del Ministro che i malati saranno immediatamente trasferiti negli ospedali nazionali con mezzi idonei e dedicati – ha postato il sindaco sulla sua pagina Facebook – I restanti membri dell’equipaggio, parte dei quali di nazionalità italiana, rimarranno in quarantena obbligatoria a bordo, quotidianamente monitorati da personale medico sanitario. Ho avuto rassicurazioni dal Ministro che nessun passeggerò entrerà a contatto con la nostra comunità. Sarà mia cura, nelle prossime ore, comunicare i tempi e le modalità dell’operazione”.

L'articolo Sindaco Piombino, consente sbarco pazienti Coronavirus proviene da www.controradio.it.