Celebrazioni dantesche, un mosaico di eventi in Toscana

Celebrazioni dantesche, un mosaico di eventi in Toscana

Celebrazioni dantesche, la Toscana con Dante che diventa compagno di viaggio, ispiratore di emozioni, di pensieri, di idee, di gioia. Dal Falterona al mare, dalle Apuane alla Maremma, nell’anno dedicato alla celebrazione dei 700 anni dalla morte del Sommo Poeta la Regione ha fatto sì che i versi della Divina Commedia raggiungessero e unissero tutti.

Lo ha fatto grazie a molti e grandi progetti che ha finanziato e sostenuto e che ci restituiscono una fotografia della “Toscana delle celebrazioni dantesche” costellata di iniziative rivolte ad un pubblico di tutte le età che coinvolgono la cittadinanza e i visitatori in molti modi.

Due i filoni di intervento: i progetti di interesse regionale (vd materiali allegati) che la Regione finanzia con 117.500 euro. E il bando “Celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri” rivolto ai Comuni della Toscana finanziato con 280.000 euro al quale sono pervenute oltre 190 domande (si prevedeva un contributo regionale pari al 100% del costo complessivo del progetto, non superiore a euro 1.500).

“Sono centonovanta i Comuni toscani su 273 che hanno presentato un progetto sulla Divina Commedia – ha detto il presidente Eugenio Giani –  Quindi due terzi dei Comuni sono pronti con la loro iniziativa dedicata a Dante, uno straordinario risultato che testimonia il grande valore identitario rappresentato da Dante. La Regione finanzia ciascun progetto con un contributo minimo ma dal significato simbolico. A questi si aggiungono le iniziative dei Comuni, quelle che richiedono un intervento più forte,  ma nel  complesso avremo un calendario di progetti che come effetto ha quello di far sì che non passi un giorno che in Toscana non ci sia una iniziativa dedicato a Dante. Concludo dicendo che dopo il magnifico monologo di Simone Ctisticchi sul Purgatorio al quale ho assistito sabato scorso a san Miniato, in anteprima annuncio che farò di tutto per portare Cristicchi a Firenze in Piazza Santa Croce a Firenze a settembre”.

“Bellissimo cartellone quello realizzato su Dante o Tosco, un progetto corale – ha dichiarato la consigliera Cristina Giachi, presidente della Commissione cultura (Audio)- , che fa sì che questo non sia solo un momento paludato di festeggiamento o celebrativo di stampo solo culturale, ma è la cultura che diventa identità viva per il popolo dei toscani e delle toscane. Siamo pertanto soddisfatti. Sarà un anno eccezionale, e nelle difficoltà che dobbiamo affrontare non era affatto scontato né riuscire a comporre questa offerta né ricevere questo tipo di contributi per cui siamo grati a tutti coloro che hanno reso straordinario questo programma”.

“Le celebrazioni dantesche – ha quindi detto Francesco Palumbo, direttore di Fondazione Sistema Toscana – hanno scatenato una partecipazione corale dei territori che si sono adoperati per organizzare eventi, mostre, concerti in onore del poeta più conosciuto e rappresentativo della cultura italiana nel mondo. Noi come FST stiamo raccogliendo in tempo reale le proposte che ci arrivano sia da enti pubblici sia da privati e ne diamo voce attraverso il sito regionale del turismo Visittuscany.com ma soprattuto grazie al sito creato ad hoc – Danteotosco700.it – che sta registrando performance di assoluto rilievo. Siamo convinti che il ricco cartellone di eventi danteschi così rilanciato possa senz’altro fare da volano per la promozione della Toscana della cultura e del turismo”.

“La Toscana – ha aggiunto Francesco Tapinassi, direttore di Toscana Promozione Turistica – , attraverso la proposta dei territori, si promuove a livello nazionale ed internazionale con un’offerta dedicata alle celebrazioni dantesche che pone al centro il patrimonio culturale, storico e paesaggistico, ha sottolineato Francesco Tapinassi direttore di Toscana Promozione Turistica. Iniziative, eventi che spingono la destinazione turistica, insieme al sito Le Vie di Dante, che ha visto un forte incremento delle visualizzazioni, intercettando una domanda sempre più orientata al valore e alla dimensione esperienziale e questo grazie alla straordinaria accoglienza dei luoghi con la loro proposta in sinergia con la Regione”.

I progetti presentati dai Comuni della Toscana

In programmazione dalla primavera a fine 2021, le iniziative presentate dai Comuni restituiscono un’immagine articolata, varia della Toscana che celebra Dante.

Tra i tanti, l’iniziativa di Casciana Terme “Luoghi della memoria e lettura dantesca nel 700° anniversario della morte di Dante” che propone un’attività laboratoriale per formare “attori amatoriali” locali che leggeranno i testi di Dante, esattamente del canto V Purgatorio Buonconte da Montefeltro. Sarà allestito inoltre un vero e proprio spettacolo teatrale, installazioni all’interno della torre medievale con diffusione in streaming degli eventi, attività educative con le scuole e l’Associazione Eta’ Libera del territorio.

Oppure le attività che coinvolgono i bambini organizzate dal Comune di Fiesole che ha presentato il progetto “E a quel colle sotto ‘l qual tu nascesti parve l’amaro”. Fiesole narrata da Dante”: tra settembre ed ottobre si susseguiranno incontri di lettura e commento della Divina Commedia, che saranno a cura del docente di filologia dantesca Domenico De Martino. I Musei di Fiesole svolgeranno per 4 domeniche di ottobre laboratori dedicati a bambini dai 7 ai 10 anni e ragazzi dagli 11 ai 14 anni, nei quali i più giovani potranno avvicinarsi all’epoca di Dante attraverso vari punti di vista: il bestiario medievale, l’arte, la vita quotidiana, la Fiesole di quel tempo. SI terrà anche uno slam dantesco in biblioteca, al quale potranno partecipare utenti e cittadini di tutte le età, leggendo e commentando i brani della Commedia più cari, che tutti i presenti potranno votare, come si fa negli slam poetici. Fiesole aderisce al progetto nazionale La Divina Commedia in cento borghi, performance itinerante che si sviluppa in 100 giorni in 100 borghi d’Italia.

Un porgetto dedicato a poesia e riflessione arriva dal Comune di Castell’Azzara(GR) che oltre a riproporre la poesia di Dante, vuole anche far pensare i giovani sulla storia della quale siamo eredi e che ha contribuito alla nostra attualità, e intende realizzarlo avvalendosi dei lavori e dei talenti di artisti locali, con il coinvolgimento di tutta la comunità. Le occasioni d’incontro saranno molte: mostre, ottava rima, letture pubbliche in miniera, concerti, passeggiate. Gli eventi proposti fanno parte di un progetto più ampio, “La Maremma per Dante”, che coinvolge diversi Comuni e Associazioni della provincia di Grosseto. Da segnalare “Dante in passeggiata e passeggiate sul profilo di Dante”, dalla costa del monte Penna al monte Civitella e al monte Nebbiaio, in bici, mountain bike, a piedi, a cavallo.

I numerosi comuni della Lunigiana, territorio dantesco per eccellenza, organizzano tra i tanti eventi, letture itineranti dei Canti della Divina Commedia, spettacoli teatrali, trekking con animazione legata ai personaggi danteschi, mostre di scultura, ecc. Il comune di Montignoso, per esempio, con l’iniziativa “ Amor che nella mente mi ragiona”, progetto in parte dedicato ai giovani artisti di nazionalità diverse che frequentano l’accademia di belle arti di Carrara, ha l’intento di stimolare la loro creatività proponendo di interpretare il tema dantesco “Amor che nella mente mi ragiona” attraverso la creazione di una scultura in marmo. Al Cinquale ci sarà anche la III edizione del Simposio di Scultura dal 5 al 18 luglio 2021.

Attraverso il progetto “Dante a Mulazzo”, Mulazzo trasformerà il borgo antico, dove Dante visse ospite dei Malaspina, in un set di un inedito viaggio che ogni visitatore potrà compiere ripercorrendo le peripezie dantesche. Saranno riprodotte ambientazioni dalla Selva oscura ai piedi del paese, all’attraversamento dell’Acheronte con il passaggio sul torrente Frantoio quindi, attraversando l’Inferno e il Purgatorio nelle vie del paese, arrivare nel punto più alto del borgo, la torre di Dante, che permette la visione dei cieli del Paradiso.

Seguiranno fino a fine agosto tante iniziative come l’inaugurazione del “Sentiero di Dante” , lo spettacolo ludico-culturale dedicato all’astronomia nella Divina Commedia a cura del dantista Riccardo Starnotti e la festa del libro di Montereggio, naturalmente dedicata a Dante che coinvolgerà giornalisti e scrittori noti.

Danteotosco700.it  

Danteotosco700.it è l’ambiente digitale ideato e realizzato da Fondazione Sistema Toscana, su mandato del Comitato regionale, in cui confluiscono gli eventi e le principali iniziative che caratterizzano le azioni messe in campo dal sistema territoriale per celebrare i 700 anni dalla morte di Dante. Il sito ha l’obiettivo di animare e dare visibilità alla grande capacità di proposta di soggetti pubblici e privati di tutta la Toscana sul tema dantesco e può contare sul lavoro capillare di una redazione diffusa (comuni e ambiti territoriali), l’integrazione con gli ecosistemi digitali della promozione turistica della Regione Toscana (Visit Tuscany) e dello storytelling istituzionale (intoscana.it).

Danteotosco700.it raccoglie gli eventi promossi da enti culturali, associazioni e comuni toscani, le offerte degli operatori commerciali, news, articoli, approfondimenti e video su tutte le iniziative che riguardano le celebrazioni. Sono, infatti, ben 148 gli eventi di cui quasi la totalità è stata inserita da comuni (40), territori (40), enti culturali (40) e proloco (9) e 117 le news e gli articoli presenti sul sito, tra la versione italiana e quella inglese. A questi si aggiungono i numerosi contenuti, come idee e proposte di viaggio, itinerari, offerte che arrivano tramite make, la piattaforma collaborativa di Visittuscany.

Dal giorno della messa online – il 25 marzo scorso in occasione del Dantedì – il sito è stato visitato da oltre 33 mila utenti per 50 mila sessioni generate e quasi 62 mila visualizzazioni di pagina.

La maggior parte delle visite proviene dall’Italia anche se c’è una piccola percentuale di Dante’s lovers anche dagli Stati Uniti, Regno Unito, Austria e Cina. Una buona fetta (il 45,3%) viene indirizzato dai motori di ricerca, mentre il traffico che arriva dai social lo fa principalmente tramite Facebook (95%). Tra le pagine più visitate, oltre all’home page (55 mila visualizzazioni di pagina) troviamo: la sezione Eventi, quella sul progetto Dante O Tosco e l’articolo su Vinicio Capossela con la sua “Bestiale Commedia”. Altra curiosità è rappresentata dalla durata media di ogni visita pari a 1 minuto e 48 secondi.

L'articolo Celebrazioni dantesche, un mosaico di eventi in Toscana da www.controradio.it.

Rock Contest: un premio intitolato a Erriquez della Bandabardò

Rock Contest: un premio intitolato a Erriquez della Bandabardò

Primo firmatario Iacopo Melio. Il Rock Contest avrà un premio intitolato ad Erriquez, scomparso lo scorso 14 febbraio

Enrico Greppi, in arte Erriquez, cantante e chitarrista della Bandabardo’ è scomparso lo scorso 14 febbraio. La sua ultima apparizione pubblica come ospite speciale proprio al Rock Contest di Controradio che lo aveva visto giovanissimo esordiente nel 1988.

Il Consiglio regionale approva una mozione del Partito democratico, primo firmatario Iacopo Melio (con Giachi, Ceccarelli, Pescini, Puppa, Mercanti, Paris, Vannucci) in merito all’istituzione di un premio specifico dedicato a Enrico Greppi, in arte Erriquez, all’interno del concorso nazionale per gruppi emergenti di Controradio “Rock Contest”.

La mozione, accolti emendamenti proposti da Fratelli d’Italia, è stata votata per punti, come da richiesta di Forza Italia e Lega. L’Aula si è espressa con voto unanime sul primo punto, che impegna la Giunta regionale a proseguire nel sostegno al ‘Rock contest’, mediante specifiche campagne di informazione, “quale manifestazione di rilievo nazionale finalizzata a promuovere e supportare le attività dei giovani musicisti”. Voto a maggioranza sul secondo punto (contrari Lega e Forza Italia, mentre Fratelli d’Italia non partecipa al voto), con il quale si impegna la Giunta regionale a adoperarsi affinché, già a partire dalla prossima edizione del concorso nazionale del ‘Rock contest’, sia prevista “l’istituzione di un premio specifico intitolato a Enrico Greppi, in arte Erriquez, da assegnare alla banda o al solista la cui opera si è maggiormente distinta per la positività e l’impegno sociale trasmesso”.

“Ho avuto modo di conoscere Enrico Greppi, credo sia un valore enorme per la nostra Toscana, che dobbiamo trasmettere ai giovani”, dichiara Iacopo Melio. “Era la persona più buona del mondo, descriveva un mondo fatto di pace e tolleranza dove i cattivi non possono avere spazio. La cultura e l’arte possono essere una valvola importante di sfogo di creatività e di sostegno. Quando ho pensato a questa mozione, ingenuamente ho pensato che naturalmente ci fosse unanimità. Sulla tolleranza e la fratellanza non ci possiamo dividere e ricordo che in quest’Aula era stato proposto di far studiare a scuola i libri di Oriana Fallaci”.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia Francesco Torselli riconosce il valore del ‘Rock contest’, “una fetta importante della storia musicale toscana e di tutto il nostro paese”. Gli emendamenti ricordano che la Regione è da tempo impegnata nella promozione della musica e limita l’aiuto della Regione al Rock contest alle campagne di informazione e sensibilizzazione.

La presidente della commissione Cultura, Cristina Giachi (Pd) ricorda l’esperienza di educazione musicale e “la prematura scomparsa di Erriquez” e il valore del ruolo che ha avuto “nell’ispirare tanti giovani nel dedicarsi professionalmente e con attenzione alla musica

L'articolo Rock Contest: un premio intitolato a Erriquez della Bandabardò da www.controradio.it.

Jazz4Spring, una primavera in musica con Network Sonoro

Jazz4Spring, una primavera in musica con Network Sonoro

Firenze, nonostante le limitazioni della Pandemia, Network Sonoro continua la sua attività, proponendo quest’anno Jazz4spring: 14 appuntamenti musicali sulle pagine Facebook e Youtube di Music Pool, Musicus Concentus e dei suoi partners.

Network Sonoro non si è quindi fermato, e nei mesi scorsi ha investito per allestire due sedi in grado di effettuare la ripresa audio/video dei concerti di Jazz4Spring da rilanciare sul web: la Sala Vanni a Firenze e l’Ex Wide a Pisa.

Network Sonoro è la più importante rete toscana dedicata alle nuove musiche, che diffonde su tutto il territorio della regione, nelle grandi città come nei piccoli centri. Fondata nel 2005 e curata da Music Pool e Musicus Concentus, è sostenuta da Ministero della Cultura, Regione Toscana, Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze e Fondazione CR Firenze.

Ricchissimo l’elenco dei protagonisti che si esibiscono per questo inizio di attività 2021: dalle voci nere della afrodiscendenza italiana (Dre Love, David Blank e Tommy Kuti) per il progetto “E il Clamore È Divenuto Voce” per la sesta edizione del Black History Month Florence a Petra Magoni, Ferruccio Spinetti, Gianluca Petrella, Stefano Tamborrino, Raffaello Pareti, Alessandro Lanzoni, Walter Paoli, Simone Graziano, Sara Battaglini, Mirko Rubegni, il ricordo di Chick Corea con Francesco Maccianti e tantissimi altri, per concludere giovedì 25 marzo con “Dante e le stelle”, un progetto originale per Dantedì con Accademia Mutamenti, Arca Azzurra Produzioni, Compagnia Lombardi Tiezzi, I Sacchi di Sabbia.

Molto ampia anche la partecipazione del Network, con eventi registrati e propiziati da Valdarno Jazz, Empoli Jazz, Jazz Cocktail Poggibonsi, Grey Cat Festival a Follonica, Giotto Jazz Festival a Vicchio e Pisa Jazz.

Non mancheranno infine le usuali incursioni nel mondo della scrittura riferita alla musica, con una nuova edizione di Scrittori in Jazz curata da Alessandra Cafiero ed una delle preziose lezioni di Francesco Martinelli dedicate alla storia del jazz, che si terranno alla Biblioteca Delle Oblate di Firenze.

Jazz4Spring prevede la realizzazione di un prodotto originale che unisce la musica dal vivo ad interviste e curiosità raccontate dagli artisti e dai protagonisti e andrà online in due fasce orarie, alle ore 19,00 ed alle ore 21,00 sulle pagine Facebook e Youtube di Music Pool, Musicus Concentus e dei partners di Jazz4Spring. Il concerto integrale sarà disponibile su Jazzintoscana.it, accessibile gratuitamente per il primo mese e poi con un abbonamento annuale di € 11,99.

“Network sonoro propone Jazz4apring: 14 appuntamenti musicali su piattaforma che segnano una scintilla luminosa in un tempo per molti versi oscuro. La Regione Toscana sostiene da 10 anni il Network Sonoro e continuerà a farlo per il carattere diffuso e per la qualità dell’offerta. Godiamo del segno di speranza che questa iniziativa ci offre, e riflettiamo sulla produzione culturale in questo tempo di pandemia e anche in previsione della ripresa. Si tratta di un settore di industria creativa che significa lavoro ed economia oltre a passione e ricchezza e che ha bisogno di risorse, ma anche di innovazione normativa – dichiara la Presidente della Commissione Cultura della Regione Toscana Cristina Giachi -. Aggiungo che è in in uscita il bando relativo ai ristori per i lavoratori dello spettacolo del Consiglio Regionale, che porterà un minimo sollievo, mi auguro, a tanti lavoratori autonomi del mondo dello spettacolo dal vivo. La cifra totale è di un milione di euro”.

“Network Sonoro è una delle reti musicali più straordinarie e più importanti, e che ha affrontato la pandemia con una grande intelligenza. Come assessore alla cultura riconosco a Jazz4Spring il merito di aver fatto vivere e vibrare i luoghi della cultura in Toscana che la pandemia ci ha tolto, anche attraverso le risorse digitali che sicuramente non sono una modalità sostitutiva al concerto e allo spettacolo dal vivo, ma una possibilità per tenere accesa la luce della vita culturale della nostra comunità” – afferma Tommaso Sacchi Assessore alla Cultura del Comune di Firenze.

Network Sonoro rivolge un ringraziamento particolare a Francesco Mariotti ed Associazione Ex Wide, Nicholas Roselli, Stefano Becheri e Tiziano Righini per le riprese e la post-produzione, Alessandra Cafiero e Maria Grazia Campus per le interviste e tutti i soggetti partner per il lavoro di coordinamento e gestione.

L'articolo Jazz4Spring, una primavera in musica con Network Sonoro proviene da www.controradio.it.

Firenze intitola nuova strada a Nilde Iotti

Firenze intitola nuova strada a Nilde Iotti

A 26 anni fu una delle deputate all’Assemblea costituente e la prima donna presidente della Camera dei deputati. Via Nilde Iotti sarà aperta al transito tra due settimane, tra viale Nenni e Torregalli.

Cerimonia di intitolazione questa mattina a Firenze di una strada a Leonilde ‘Nilde’ Iotti, che fu una delle 21 deputate all’Assemblea costituente e prima donna ad essere presidente della Camera dei deputati, dal 1979 al 1992.

Si tratta del primo lotto di una nuova strada tra viale Nenni e Torregalli, alla periferia tra Firenze e Scandicci e collega lo stradone dell’ospedale San Giovanni di Dio e l’ex Caserma dei Lupi di Toscana. La strada sarà aperta al transito tra due settimane ma è già utilizzabile per i residenti. Il secondo lotto realizzerà un collegamento diretto da viale Nenni verso l’ospedale e il vicino centro riabilitazione Don Gnocchi.

Hanno partecipato la vicesindaca Cristina Giachi, l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, il sindaco di Scandicci Sandro Fallani e la presidente della Fondazione Iotti, Livia Turco. “Dare un nome ad una strada significa dire chi siamo, in cosa ci riconosciamo – ha sottolineato Giachi -. Con intitolazioni come questa contribuiamo a costruire la memoria collettiva, tramandiamo ciò che ci piace della nostra storia. E noi vogliamo che i cittadini conoscano la storia di Nilde Iotti, una delle ‘madri costituenti’ della Repubblica. Per questo l’amministrazione ha varato un progetto per ricordarle adeguatamente, punteggiando con i loro nomi i luoghi della città”.

L'articolo Firenze intitola nuova strada a Nilde Iotti proviene da www.controradio.it.

CPOSP identifica le aree cittadine in cui è obbligatoria la mascherina all’aperto, secondo ultima ordinanza

CPOSP identifica le aree cittadine in cui è obbligatoria la mascherina all’aperto, secondo ultima ordinanza

?Firenze, le aree del centro di Sant’Ambrogio, Santo Spirito, via de’ Neri, la direttrice Pellicceria/Strozzi, piazza della Repubblica e piazza Ferrucci, sono le zone della città che il Comitato Provinciale dell’Ordine e la Sicurezza Pubblica (CPOSP), ha identificato come quelle in cui applicare le nuove disposizioni anti-Covid-19 contenute nell’ordinanza del Ministro della Salute del 16 agosto.

Il CPOSP si è riunito il 17 agosto, per decidere come applicare le nuove disposizioni anti-Covid-19 contenute nell’ordinanza del Ministro della Salute del 16 agosto, vigente fino al 7 settembre, ed ha disposto l’intensificazione dei controlli in forma dinamica delle forze dell’ordine e della polizia municipale per garantire il rispetto delle misure dirette a prevenire la diffusione del virus ed in particolare dell’obbligo, introdotto dalla suddetta ordinanza, di usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, dalle ore 18 alle ore 6, negli spazi aperti al pubblico nonché nelle aree pubbliche le cui caratteristiche rendano più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea o occasionale.

Il CPOSP ha deliberato di porre la massima attenzione nelle suddette zone cittadine, in cui vengano eventualmente riscontrate violazioni alle disposizioni vigenti. Il Comitato si riserva, all’esito dei controlli effettuati, di riesaminare la situazione e valutare l’opportunità di adottare ulteriori iniziative. E’ stata sollecitata attenzione anche a tutti i Comuni dell’Area Metropolitana di Firenze

“Capisco il senso di questa norma – ha detto la vicesindaca di Firenze Cristina Giachi ai microfoni di Controradio – capisco anche che possa creare preoccupazioni in tanti gestori, però io mi appello al loro senso di responsabilità che ha sempre aiutato in questo tempo a gestire l’emergenza, e quindi facciamo un ultimo sforzo e cerchiamo di non compromettere la timida ripresa economica che c’è stata, ed il ritorno alla vita normale che tutti vorremmo rtrovare a settembre”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato la vicesindaca di Firenze, Cristina Giachi:

L'articolo CPOSP identifica le aree cittadine in cui è obbligatoria la mascherina all’aperto, secondo ultima ordinanza proviene da www.controradio.it.