Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Abbiamo fatto il punto con l’assessora al lavoro della Regione Toscana, e coordinatrice nazionale degli assessorati al lavoro regionali, Cristina Grieco

“Che del  reddito di cittadinanza sia stata fatta una narrazione un po’ troppo semplicistica come Regioni lo abbiamo sempre detto, così come abbiamo sempre sostenuto che  la legge entrata in vigore ad aprile avrebbe comportato 6/7 mesi per avviare la macchina e così e stato. Ora stiamo cominciando la fase di attivazione di proposta di politica attiva  per l’occupazione,  offerte di lavoro o formazione. Posto che comunque la questione del sostegno economico non è secondaria” dice l’assessora Grieco.

“Avevamo  sempre detto Pariamo con l’erogazione del contributo perché ci sono famiglie in condizioni di difficoltà e un sollievo va dato il prima possibile ma la seconda fase aveva bisogno di tempo” sottolinea Grieco.

Riguardo alla fase 2, in Toscana va meglio rispetto alla media nazionale dove solo il 10% ha sottoscritto il patto.

 

ASCOLTA L’INTERVISTA CON CRISTINA GRIECO 

L'articolo Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro” proviene da www.controradio.it.

Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Abbiamo fatto il punto con l’assessora al lavoro della Regione Toscana, e coordinatrice nazionale degli assessorati al lavoro regionali, Cristina Grieco

“Che del  reddito di cittadinanza sia stata fatta una narrazione un po’ troppo semplicistica come Regioni lo abbiamo sempre detto, così come abbiamo sempre sostenuto che  la legge entrata in vigore ad aprile avrebbe comportato 6/7 mesi per avviare la macchina e così e stato. Ora stiamo cominciando la fase di attivazione di proposta di politica attiva  per l’occupazione,  offerte di lavoro o formazione. Posto che comunque la questione del sostegno economico non è secondaria” dice l’assessora Grieco.

“Avevamo  sempre detto Pariamo con l’erogazione del contributo perché ci sono famiglie in condizioni di difficoltà e un sollievo va dato il prima possibile ma la seconda fase aveva bisogno di tempo” sottolinea Grieco.

Riguardo alla fase 2, in Toscana va meglio rispetto alla media nazionale dove solo il 10% ha sottoscritto il patto.

 

ASCOLTA L’INTERVISTA CON CRISTINA GRIECO 

L'articolo Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro” proviene da www.controradio.it.

Siria: Toscana approva due mozioni in difesa popolo curdo

Siria: Toscana approva due mozioni in difesa popolo curdo

Approvate oggi due mozioni a sostegno del popolo curdo contro l’aggressione turca. Il Consiglio regionale toscano condanna infatti l’intervento militare della Turchia nella Siria nordorientale e l’operazione, definita da molti consiglieri, di “pulizia etnica e invasione territoriale”, ai danni del popolo curdo.

La prima mozione del Consiglio regionale Toscana è sintesi di atti di Pd, Lega e Sì-Toscana a sinistra. Essa impegna la giunta regionale a “commemorare, nelle forme ritenute più opportune, la figura di Hevrin Khalaf”, già ricordata con un minuto di silenzio in apertura di lavori. Nel testo, illustrato dal consigliere Pd Francesco Gazzetti, si chiede alla giunta regionale di “rafforzare il ruolo di coordinamento degli attori del territorio che operano nella cooperazione internazionale. Il fine è di implementare tutte le azioni possibili finalizzate alla difesa del popolo curdo, perseguire la possibilità di mettere in atto forme di aiuto concreto alla popolazione curda, a partire dalla cooperazione sanitaria sul campo, continuare ogni azione volta a sensibilizzare l’opinione pubblica”.
L’atto chiede inoltre di attivarsi nei confronti del Governo per “l’interruzione della fornitura di armi, corrente e futura”. La mozione presentata da Sì-Toscana sinistra, e firmata anche da Gazzetti, impegna la Giunta a promuovere gemellaggi con le città curde di Diyarbakir, Mardin e Van per diffondere e difendere i valori e i principi del multiculturalismo, dell’integrazione tra popoli e religioni diverse. “Quella in atto è una vera e propria sostituzione etnica”, ha detto il consigliere Tommaso Fattori. “Si tratta di un’azione criminale. La Turchia va sanzionata e disarmata, ne va della stabilità dell’Europa tutta”, ha concluso.

L'articolo Siria: Toscana approva due mozioni in difesa popolo curdo proviene da www.controradio.it.

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Lo sciopero sarà dalle 21 di giovedì 24 ottobre alle 21 di venerdì 25 ottobre. TRenitalia: “Regolari Frecce e, nelle fasce pendolari, anche i treni regionali”.

Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia, in occasione dello sciopero del personale del Gruppo FS Italiane proclamato da alcuni sindacati autonomi – dalle ore 21.00 di giovedì 24 ottobre alle ore 21.00 di venerdì 25 ottobre – in adesione a uno sciopero generale.

Saranno inoltre garantiti i collegamenti regionali nelle fasce pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00). Anche nel resto della giornata, Trenitalia si impegna ad assicurare la quasi totalità dei collegamenti, con possibili leggere modifiche al programma dei treni.

Sarà assicurato il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino. Garantiti tutti i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull’orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web trenitalia.com.

Informazioni su collegamenti e servizi anche attraverso l’app Trenitalia, la sezione Infomobilità del sito web trenitalia.com, l’account twitter @fsnews_it, il numero verde gratuito 800 89 20 21, oltre che nelle biglietterie e negli uffici assistenza delle stazioni ferroviarie, le self service e le agenzie di viaggio convenzionate.

L'articolo Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie proviene da www.controradio.it.

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Lo sciopero sarà dalle 21 di giovedì 24 ottobre alle 21 di venerdì 25 ottobre. TRenitalia: “Regolari Frecce e, nelle fasce pendolari, anche i treni regionali”.

Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia, in occasione dello sciopero del personale del Gruppo FS Italiane proclamato da alcuni sindacati autonomi – dalle ore 21.00 di giovedì 24 ottobre alle ore 21.00 di venerdì 25 ottobre – in adesione a uno sciopero generale.

Saranno inoltre garantiti i collegamenti regionali nelle fasce pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00). Anche nel resto della giornata, Trenitalia si impegna ad assicurare la quasi totalità dei collegamenti, con possibili leggere modifiche al programma dei treni.

Sarà assicurato il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino. Garantiti tutti i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull’orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web trenitalia.com.

Informazioni su collegamenti e servizi anche attraverso l’app Trenitalia, la sezione Infomobilità del sito web trenitalia.com, l’account twitter @fsnews_it, il numero verde gratuito 800 89 20 21, oltre che nelle biglietterie e negli uffici assistenza delle stazioni ferroviarie, le self service e le agenzie di viaggio convenzionate.

L'articolo Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie proviene da www.controradio.it.