Metalmeccanici Fiom: scioperi e proteste nelle fabbriche

Metalmeccanici Fiom: scioperi e proteste nelle fabbriche

Mobilitazioni avvenute a seguito dell’interruzione delle trattative per il rinnovo del contratto. 

“Alla notizia dell’interruzione della trattativa per il contratto nazionale dei metalmeccanici in molte fabbriche della provincia di Firenze lavoratrici e lavoratori hanno deciso di effettuare scioperi e assemblee”: lo annuncia la Fiom-Cgil Toscana, dando conto di iniziative in aziende del territorio come Alstom, Leonardo, Thales, Lottomatica, Laika, Elen e Esaote.

“Federmeccanica deve assumersi la responsabilità di aver interrotto il negoziato”, accusa Massimo Braccini, segretario generale della Fiom regionale, secondo cui i rappresentanti delle imprese “di fatto non vogliono riconoscere aumenti salariali ai lavoratori”. Per Daniele Calosi, segretario generale della Fiom di Firenze, “oggi i lavoratori metalmeccanici della provincia di Firenze hanno dimostrato che non vanno sfidati. Non riconoscere il rinnovo del contratto alle persone che per vivere devono lavorare è negare loro la dignità”. 

Domani la mobilitazione continuerà nel resto della Toscana, dove 127mila metalmeccanici sarebbero interessati dal rinnovo.

L'articolo Metalmeccanici Fiom: scioperi e proteste nelle fabbriche proviene da www.controradio.it.

Bekaert, sindacati: “c’è luce in fondo a tunnel”

Bekaert, sindacati: “c’è luce in fondo a tunnel”

Ascolta l’intervista a DANIELE  CALOSI (Segretario Fiom Cgil Firenze): “Bene gli impegni del Governo sui piani industriali di reindustrializzazione presentati e sulla copertura degli ammortizzatori sociali”. ASCOLTA

ASCOLTA L’INTERVISTA

Si è tenuto ieri  in videoconferenza l’incontro con il Ministero dello Sviluppo Economico sulla vertenza Bekaert di Figline Valdarno. Erano presenti, oltre alle organizzazioni sindacali, la Direzione aziendale, l’advisor, le istituzioni locali, Invitalia, il Ministero dello Sviluppo Economico con le sottosegretarie On. Alessia Morani e Dott.ssa Alessandra Todde ed il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con la sottosegretaria Dott.ssa Francesca Puglisi.

Ha così commentato, a margine dell’incontro, il segretario generale della Fiom Cgil Firenze Daniele Calosi: “Finalmente sembra aprirsi uno spiraglio sulla possibile reindustrializzazione dello stabilimento ex Bekaert di Figline Valdarno. Ad oggi sono ancora presenti sul tavolo tre piani industriali: Trafilerie Meridionali, tornato alla ribalta dopo qualche tempo, un grande soggetto industriale internazionale nel settore dell’acciaio, di cui non si conosce il nome, e il piano industriale di Steelcoop Valdarno, che sarà valutato, come dichiarato dal Governo, al pari degli altri. L’appuntamento di oggi è stato importante anche per la presenza del Ministero del Lavoro e di Invitalia, l’agenzia del Governo per gli investimenti. Noi abbiamo chiesto che chiunque beneficerà di finanziamenti pubblici tesi alla reindustrializzazione dovrà garantire anche una risposta occupazionale piena per tutti i 178 lavoratori della Bekaert. A questa nostra richiesta abbiamo ricevute risposte positive da Invitalia, dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero del Lavoro, che ha garantito la copertura attuale e futura degli ammortizzatori sociali fino al raggiungimento della piena riuscita della reindustrializzazione. Abbiamo anche chiesto alle altre organizzazioni sindacali di incontrarsi, assieme alle istituzioni locali, entro la prima settimana di settembre, al fine di verificare l’andamento del cronoprogramma che il Governo ha dato oggi, per la prima volta dall’inizio della vertenza. Dopo 773 giorni di lotta determinata dei lavoratori della Bekaert, per la prima volta possiamo vedere una flebile luce in fondo al tunnel. Compito di tutti, adesso, a partire dalla politica, è quello di supportare con determinazione la fase di possibile rilancio dello stabilimento per dare ai lavoratori, alle loro famiglie e alla comunità quelle risposte che questa lotta ha dimostrato di meritare”.

“La Fim esprime soddisfazione per l’andamento della riunione di oggi su Bekaert, nonostante ci siano ancora numerose preoccupazioni.”
E’ il commento del segretario regionale Fim-Cisl Toscana, Alessandro Beccastrini e dei delegati Fim della Rsu aziendale, al termine della videoconferenza sulla Bekaert di Figline Valdarno, a cui hanno preso parte i rappresentanti di ministero dello Sviluppo economico, ministero del Lavoro, Regione Toscana, Metrocittà, comune di Figline Valdarno e organizzazioni sindacali.
“Alcuni soggetti industriali – dice la Fim – si sono ritirati dopo il duro periodo Covid , ma il grande lavoro del Mise e del ministero del Lavoro porta ad una scaletta dei tempi ancora positiva nelle sue possibilità di reindustrializzazione del sito di Figline.”
“Sul tavolo alcuni piani industriali che entro settembre verranno valutati dal Mise e da Invitalia, che rimane soggetto pubblico interessato ad accompagnare un percorso di start up.”
“Sarà riconvocato un incontro entro settembre, ma il lavoro svolto dai sottosegretari Alessia Morani e Alessandra Todde, insieme a quello del ministero del Lavoro ci fa sperare che questa dura vertenza possa trovare una soluzione positiva. Importante sarà valutare le potenzialità future dello start up e non solo e non tanto il primo impatto. Su tutta la vertenza poi anche la Regione Toscana ha dato disponibilità ad aiutare e valutare i piani industriali e questo ci fa enormemente piacere.”

L'articolo Bekaert, sindacati: “c’è luce in fondo a tunnel” proviene da www.controradio.it.

Calosi: “La mia candidatura? Commosso per appello, ma non voglio essere motivo di divisioni”

Calosi: “La mia candidatura? Commosso per appello, ma non voglio essere motivo di divisioni”

Intervista con DANIELE CALOSI segretario della Fiom di Firenze dopo l’appello di 400 cittadini e personalità che gli chiedono di candidarsi per la sinistra a presidente della Regione

ASCOLTA L’INTERVISTA

L'articolo Calosi: “La mia candidatura? Commosso per appello, ma non voglio essere motivo di divisioni” proviene da www.controradio.it.

Due anni fa chiudeva la Bekaert. “Un vertenza storica, che ha lasciato il segno”

Due anni fa chiudeva la Bekaert. “Un vertenza storica, che ha lasciato il segno”

Intervista con DANIELE CALOSI, segretario della Fiom di Firenze. Dopo due anni, la lotta dei lavoratori ha permesso loro di essere ancora formalmente dipendenti dalla multinazionale belga che voleva licenziarli in tronco.

ASCOLTA L’INTERVISTA

L'articolo Due anni fa chiudeva la Bekaert. “Un vertenza storica, che ha lasciato il segno” proviene da www.controradio.it.

Bekaert, Fiom e Cgil Firenze al Ministero: “Chiediamo trasparenza e rapidità”. Le manifestazioni d’interesse sul tavolo

Bekaert, Fiom e Cgil Firenze al Ministero: “Chiediamo trasparenza e rapidità”. Le manifestazioni d’interesse sul tavolo

Calosi e Masini, “Occorrono trasparenza, rapidità e l’assunzione di un ruolo centrale, ad oggi non esercitato, da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, cui chiediamo di convocare ad un tavolo tutti i soggetti interessati alla reindustrializzazione”.

Si è svolto oggi in videoconferenza l’incontro per la vertenza Bekaert, convocato dal Ministero dello Sviluppo Economico. Sernet, l’advisor incaricato da Bekaert di lavorare per la reindustrializzazione del sito e la salvaguardia occupazionale, ha informato istituzioni e sindacati che ad oggi sono ancora in cassa integrazione 180 lavoratori, di cui 141 operai, 20 operai specializzati e 19 impiegati e quadri.

Tra le manifestazioni di interesse è ancora presente quella di Trafilerie Meridionali, con un piano industriale da rivedere dopo la crisi dovuta al Covid-19.
Vi è inoltre la manifestazione da parte di un grande soggetto industriale italiano, attivo nella produzione di acciaio di cui non sono note le ragioni sociali per vincolo di riservatezza, ed una seconda partnership tra soggetti italiani operanti nella produzione di acciaio e nella trafilatura che stanno elaborando una proposta. Un ulteriore soggetto industriale indiano, non noto, operante nel settore, aveva manifestato un interesse attualmente ritenuto da Sernet congelato ma non ritirato, e resta il progetto della Steelcoop Valdarno di rilevare lo stabilimento per la produzione di hose wire e servizi di manutenzione, affiancata da un partner industriale.

Per Fiom e Cgil di Firenze, Daniele Calosi ed Enzo Masini, durante l’incontro, hanno dichiarato: “Occorrono trasparenza, rapidità e l’assunzione di un ruolo centrale, ad oggi non esercitato, da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, cui chiediamo di convocare ad un tavolo tutti i soggetti interessati alla reindustrializzazione.
Ad oggi restano solo pochi mesi alla scadenza dell’ammortizzatore, pertanto occorre prevedere momenti di aggiornamento più frequenti (il precedente incontro risale al 16 dicembre 2019) più approfonditi e improntati alla concretezza.
Chiediamo inoltre al Ministero, in collaborazione con le istituzioni locali, di verificare l’attenzione riposta alla salvaguardia occupazionale dai parte di tutti i soggetti interessati, senza nessuna esclusione a priori, piuttosto cercando sinergie che garantiscano il riassorbimento dell’occupazione. Come Cgil non accetteremo soluzioni parziali.”

L'articolo Bekaert, Fiom e Cgil Firenze al Ministero: “Chiediamo trasparenza e rapidità”. Le manifestazioni d’interesse sul tavolo proviene da www.controradio.it.