Radici: al Conventino la presentazione del nuovo libro di Domenico Guarino

Radici: al Conventino la presentazione del nuovo libro di Domenico Guarino

Cosa ci porta ad amare e chi? E perché odiamo? Cosa ci allontana dai luoghi, cosa ci trattiene, e dove tendiamo? “Radici” è un viaggio attraverso una vita e le sue contraddizioni. Prima presentazione Venerdì 9 Luglio, ore 18,30, al Caffè letterario il Conventino Via Giano della Bella, 20 50124 Firenze, Toscana

8 racconti e 11 ‘cantate’.  La vita parla. Racconta di quello che siamo, e siamo stati. Dei nostri desideri, delle nostre ansie, di quello che abbiamo cercato, di cosa saremo dopo la morte, quando tutto sembrerà perso. Stabilire un contatto con se stessi alla ricerca delle proprie radici, di quello che i millenni, scavando nell’eternità, hanno condotto intatto per ciascuno di noi, nelle nostre esistenze quotidiane.  Cosa ci porta ad amare e chi? E perché odiamo? Cosa ci allontana dai luoghi, cosa ci trattiene, e dove tendiamo? “Radici” è un viaggio attraverso una vita e le sue contraddizioni. Una, singolare, non replicabile. Che però dice. Mettendosi alla ricerca del cammino, e volgendo lo sguardo lungo la prospettiva dell’oblio per riscattarne il senso. Sedendosi sul bordo del precipizio per ascoltare le voci che risuonano dalle profondità e dai recessi dei vissuti propri ed altrui.

Prima presentazione di RADICI  Venerdì 9 Luglio, ore 18,30, al Caffè letterario il Conventino Via Giano della Bella, 20 50124 Firenze, Toscana Introduce AGNESE PINI, direttrice de La Nazione

 

Domenico Guarino (Battipaglia, SA, 1968) è un giornalista professionista. Già consigliere regionale dell’Ordine dei Giornalisti, lavora a Controradio/Popolare Network e collavora con i quotidiani del gruppo Monrif.  Si è occupato di strategie della comunicazione per vari soggetti pubblici e privati, collaborando con la presidenza del Senato. Nel 2008 si è aggiudicato il premio Passetti come “Cronista dell’Anno, ricevendo la targa della Corte Costituzionale per l’impegno sui temi delle minoranze etniche e delle lotta contro le discriminazioni . Ha vinto il premio Viesseux (2007, con il racconto Una casa grande come un sogno) il premio Terzani (2008, con il racconto Il mio nome è mai più) e il premio Mediterranea (2011, con il racconto ‘il bianco e il nero’). Ha pubblicato “Di Domenica si può anche Morire” (Poliastampa, 2008), “Ordine Nuovo” (Cult, 2009), “Sono un Italiano Nero” (Cult, 2009), “Puttanopoli”, (Cult,2010), “Ribelli “(Infinito, 2011), “Io, Raimondo Ricci” (Sagep, 2013), “Gli occhi dentro” (le Piagge, 2014), “Eravamo Tanto Amati” (Effigi, 2017), la fabbrica che non volle chiudere (Clichy, 2019

 

L'articolo Radici: al Conventino la presentazione del nuovo libro di Domenico Guarino da www.controradio.it.

Primo Maggio su Controradio: speciale in diretta “Che fine ha fatto il lavoro?”

Primo Maggio su Controradio: speciale in diretta “Che fine ha fatto il lavoro?”

Primo Maggio 2021. Se la tua azienda delocalizza, sei un lavoratore in mobilità; se lavori 60 ore a settimana correndo come un razzo, sei un rider; se sei costretto a fare dieci lavori insieme, allora sei flessibile; se lavori a casa tra figli e Dad, sei in smart working. E se dietro c’è la fregatura, c’è modo di dirlo in inglese! Che fine ha fatto il lavoro e come la gestione del Covid l’ha cambiato, interrotto, distorto?

Sabato, dalle 10:30 alle 12:30 sulle FM di Controradio e sui social:  SPECIALE PRIMO MAGGIO.

Con Domenico Guarino e Raffaele Palumbo: interviste, approfondimenti, dirette, testimonianze e un focus sulla vicenda della Bekaert.

Sabato Primo maggio, alle 10:30 ti aspettiamo su Controradio.

Alcune delle iniziative in programma in Toscana:

“L’Italia si cura con il lavoro”: è lo slogan che quest’anno è stato scelto da Cgil, Cisl e Uil per celebrare il Primo Maggio, la Festa dei lavoratori e delle lavoratrici. Il Covid ancora non è stato sconfitto e le conseguenti restrizioni non permettono di celebrare il Primo Maggio nelle modalità tradizionali ma, in questo contesto, Cgil, Cisl, Uil Toscana hanno comunque deciso di tenere viva questa festa, nel rispetto delle normative anti Covid, con la presenza dei tre segretari generali – accompagnati da presìdi unitari – in tre luoghi simbolo del lavoro nella regione. Dalida Angelini, segretaria generale di Cgil Toscana, sarà alle ore 10 davanti all’ospedale San Luca di Lucca (entrata principale in via Lippi Francesconi 556). Riccardo Cerza, segretario generale di Cisl Toscana, sarà alle ore 10 davanti alle acciaierie di Piombino (ingresso della fabbrica Jsw in Largo Caduti sul lavoro, presso il presidio permanente dei lavoratori alla portineria). Annalisa Nocentini, segretaria generale di Uil Toscana, sarà alle 10 davanti al magazzino Amazon Logistics in via Baldanzese a Calenzano, per ribadire il no ad ogni tipo di vecchio e nuovo sfruttamento sul lavoro.

Si Cobas organizza a Prato: “1° maggio alla Texprint”, al presidio dei lavoratori che da tre mesi va avanti davanti ai cancelli della fabbrica. Inizio la mattina alle 11. “Un Primo Maggio – viene spiegato –  in sostegno a chi ha perso il lavoro per aver rivendicato il diritto alla giornata di otto ore”.

Come sindacati di ba­se Cub, Usb, Usi e Cobas, insieme alle organizzazioni politi­che e ai partiti del­la sinistra fiorenti­na il Pr­imo Maggio a Firenze verrà celebrato  in Piazza della San­tissima Annunziata. “Abbiamo scelto Piazza della Santissima Annuziata perché molto ampia e capace di garantire tra i part­ecipanti un distanzi­amento corretto e ne­cessario a tutelare tutte/i dal Covid”, dicono gli organizzatori.

La piazza sarà addob­bata con bandiere e striscioni; si alter­neranno una serie di interventi di realtà lavorative e sulla crisi economica soc­iale, inoltre ci sar­anno dentro la piazza alcuni spettacoli e stacchi musicali autogestiti. Tutto ne­lla sicurezza e nel rispetto delle norme anti-Covid previste.

BICICLETTATA POPOLARE DEL PRIMO MAGGIO
20 km in bicicletta per ribadire che Ambiente, Salute e Lavoro sono Beni Comuni e non merce da scambiare in cambio di profitto!

L'articolo Primo Maggio su Controradio: speciale in diretta “Che fine ha fatto il lavoro?” proviene da www.controradio.it.

IL CAFFE’ SCORRETTO del 10 settembre. UN BOND NON FA PRIMAVERA

IL CAFFE’ SCORRETTO del 10 settembre. UN BOND NON FA PRIMAVERA

L’editoriale di oggi Domenico Guarino. La rubrica va in onda tutte le mattine alle 8.10 nella trasmissione 30 Minuti su Controradio. 

La proposta della Fisac Cgil di rilasciare bond regionali a tassi molto vantaggiosi al fine di mobilitare le risorse accumulate dai toscani durante la crisi covid è interessante.Si finanzierebbero così le infrastrutture e si creerebbero posti di lavoro. Insomma, un toccasana in tempi di magra, e in attesa che arrivino i soldi dall’Europa. Tutto bene, dunque.

Ma, come sempre, c’è un ma. Anzi 3.

La prima questione riguarda il fatto che è che questi soldi (3 miliardi di euro pare) sono stati accumulati solo da chi ha potuto permettersi di risparmiare, cioé coloro che sono stati meno colpiti dalla crisi. E allora, prima delle infrastrutture, prima di tutto il resto, forse bisognerebbe mettere mani a delle forme di perequazione nel senso della giustizia sociale: dare cioè a chi ha sostenuto il peso del lock down essendone spesso schiacciato. Chi è in cassa integrazione, i precari, tutti coloro che il lavoro o lo hanno perso o hanno paura di perderlo quando finirà il blocco ai licenziamenti.

E poi bisognerebbe anche intenderci su quali infrastrutture dobbiamo potenziare. Se c’è una cosa che il covid direttamente o indirettamente ci ha insegnato è che va riequilibrato il rapporto con la natura, con l’ambiente e i territori. E allora forse una nuova colata di asfalto e cemento è proprio quello di cui non abbiamo bisogno.

Ma soprattutto il tema vero è che per rimettere in moto quei risparmi è indispensabile ristabilire un clima di fiducia e di tranquillità. Cosa che, dobbiamo dirlo con onesta’, questo Governo finora non è stato in grado di fare. Anzi, con l’aiuto di certa stampa, ha spesso flirtato con gli scenari più foschi, imbrigliando il Paese in clima di generale tensione, con regole spesso kafkiane, e provvedimenti discutibili.

Insomma, se il ministro Speranza, in vista dell’inizio dell’anno scolastico, non trova di meglio che dire che “dobbiamo ritrovare lo spirito del lock down” c’è poco da stare allegri. E allora non meravigliamoci se gli italiani, i toscani, i soldi se li tengono sotto il materasso. 

L'articolo IL CAFFE’ SCORRETTO del 10 settembre. UN BOND NON FA PRIMAVERA proviene da www.controradio.it.

Caffè scorretto 7 settembre – Il voto utile

Caffè scorretto 7 settembre – Il voto utile

L’editoriale di oggi Domenico Guarino. La rubrica va in onda tutte le mattine alle 8.10 nella trasmissione 30 Minuti su Controradio.

Puntuale come le rondini a primavera, o se volete come la pioggia a Pasquetta, con l’approssimarsi delle urne, torna l’inutile dibattito sul voto utile. C’è chi lo chiede, chi lo nega, chi lo vorrebbe ma sta zitto.
Tutto tristemente già visto.
Il voto infatti è sempre stato utile ed è sempre stato rivendicato come tale. Basti pensare ai manifesti della DC degli anni 40 e 50 che chiamavano al voto contro il pericolo comunista e le sue mostruosità.
O, di contro, le più recenti crociate della sinistra per non disperdere i voti prima contro Berlusconi poi contro Salvini. E anche chi oggi si lamenta per il pericolo di essere stritolato dal voto utile in realtà partecipa alla messa in scena, ben sapendo che da sempre le considerazioni relative al meno peggio fanno parte delle valutazioni elettorali., anche per quanto li riguarda.
In realtà l’unico voto davvero utile oggi, sarebbe quello per un candidato che ci sappia dire cosa vuol fare per tirar fuori la Toscana dalle secche di una crisi straordinaria come quella generata dal covid che ci parla di almeno 100mila posti di lavoro in meno nei prossimi mesi in ragione di un calo del PIL stimato intorno all’11%.
Che società, che economia, che cultura, che urbanistica, che ambiente propongono i candidati alle prossime regionali per l’era del covid in cui siamo ancora immersi? Che soluzione immaginano, ad esempio, per quei 300 negozi e ristoranti di Lucca che non riapriranno per effetto del lock down?
Questo voto utile purtroppo non potremmo darlo tuttavia . Perché al momento, quello cui stiamo assistendo, nonostante tutto, non è altro che la solita campagna elettorale,con gli stessi programmi di prima, e con l’unica differenza dell’uso delle mascherine. Il resto è rimasto drammaticamente uguale.
Iin un mondo, e in una regione, drammaticamente cambiati

L'articolo Caffè scorretto 7 settembre – Il voto utile proviene da www.controradio.it.

Crisi, Giani: Toscana entrerà in capitale aziende in difficoltà

Crisi, Giani: Toscana entrerà in capitale aziende in difficoltà

“Lo strumento già esiste, la SICI, ma è stato utilizzato pochissimo, non penso a Piombino, ma potrebbe essere adeguato in situazioni particolarmente delicate” ha dichiarato il candidato del csx, Eugenio Giani intervenendo ai nostri microfoni. RIASCOLTA IL FACCIA A FACCIA con Domenico Guarino e Raffaele Palumbo

Dalla crisi socioeconomica post covid, alla sanità, alla scuola, ai progetti di autonomia regionale (chiederemo energia e cultura), all’ambiente (la legge Marson non si tocca): riascolta l’intervista

L'articolo Crisi, Giani: Toscana entrerà in capitale aziende in difficoltà proviene da www.controradio.it.