Confesercenti: Toscana,a rischio 3400 pubblici esercizi e 1000 negozi

In Toscana sono a rischio chiusura 3.407 pubblici esercizi e 1.004 negozi moda. E’ quanto emerge dal dossier ‘Le imprese nella pandemia: marzo 2020-marzo 2021’, predisposto da Confesercenti.

In Italia un anno di pandemia Covid  è costato una riduzione di 183 miliardi di euro del Pil e di 137 mld di consumo, di cui 36 da addebitare all’assenza di turisti.
Secondo Confesercenti “se non arriveranno sostegni adeguati nel 2021 rischiano di cessare l’attività 450mila imprese, per una perdita di circa 2 mln di posti di lavoro”.

“La perdita di consumi e prodotto interno lordo – ha spiegato il presidente di Confesercenti Toscana Nico Gronchi – è stata causata, in primo luogo, dalle restrizioni alle attività e al
movimento delle persone attuate per contenere la diffusione del virus, dal lockdown alla classificazione per zone e fasce di rischio per regione”. In media i pubblici esercizi sono rimasti chiusi completamente per 119 giorni e in Toscana si è toccato il
record di 143 giorni.

il presidente di Confesercenti  ha sottolineato che “è urgente intervenire con gli indennizzi per le imprese attraverso il Dl Sostegni che il Governo si appresta a varare. Con questi numeri le ipotesi circolate in queste ore rappresenterebbero un’ulteriore beffa per molte imprese. Sebbene sia positivo il superamento del codice Ateco come criterio di selezione delle imprese, troviamo inaccettabile il colpo di spugna sulle perdite subite dalle imprese nel 2020 e mai ristorate. Chiediamo che si corregga la linea: ci sono migliaia di imprese in attesa”.

L'articolo Confesercenti: Toscana,a rischio 3400 pubblici esercizi e 1000 negozi proviene da www.controradio.it.

Property Managers, affitti brevi: “Sconcertati proposta Nardella”

Property Managers, affitti brevi: “Sconcertati proposta Nardella”

Firenze, “Nella profonda crisi in cui ci troviamo il sindaco di Firenze, Dario Nardella, vorrebbe stroncare ulteriormente il turismo residenziale. Siamo perplessi e sconcertati perché Firenze è colma oggi di case vacanze vuote. E un terzo degli alloggi extra alberghieri sta ormai abbandonando l’attività. Noi imprenditori siamo i primi a chiedere una regolamentazione: nessuna associazione di categoria vuole il turismo mordi e fuggi”, lo ha detto Stefano Bettanin, presidente Property Managers Italia commentando l’intervista rilasciata al sindaco di Firenze al Messaggero nei giorni scorsi.

“Condividiamo, quindi, – continua il presidente di Property Managers – l’impegno annunciato del neoministro Massimo Garavaglia, ma il sindaco Nardella dimostra di non avere ancora chiare le dinamiche del mercato. Locazioni brevi e soggiorni mordi e fuggi sono due fenomeni totalmente distinti. Questo problema è connesso soprattutto ai piccoli alberghi, che proliferano nei centri storici e hanno soggiorni medi più brevi degli alloggi residenziali. Contro di loro, semmai, dovrebbe muoversi la battaglia del sindaco, più che agli Airbnb”.

“L’overtourism è determinato inoltre da altri fattori, prosegue Bettanin, come dal livello d’infrastrutture del nostro Paese. I collegamenti interni sono ridotti all’osso: gli spostamenti ferroviari, fatta eccezione per l’alta velocità, sono invivibili per un cittadino straniero abituato a standard molto più elevati. Per avere quel turismo di qualità, che pure noi auspichiamo da tempo, occorrono ben altre infrastrutture. Su questo prima di tutto dovrebbe lavorare il Governo”.

“In questi mesi di lockdown – conclude il presidente dell’associazione Property Managers – in cui si sta progettando la ripartenza e pensando al modello di accoglienza del futuro, come è possibile non si sia trovato il tempo per avviare un confronto serio e costruttivo con le associazioni? Il mercato è cambiato. E almeno nei prossimi anni non potremo rivedere gli afflussi del passato. Eppure, sul tavolo tornano le solite, anacronistiche, soluzioni. Il settore dei viaggi in questo momento è fragile, ha bisogno di ossigeno per rilanciarsi. Dobbiamo pensare a strategie per attrarre visitatori italiani e stranieri, non scoraggiarli”.

L'articolo Property Managers, affitti brevi: “Sconcertati proposta Nardella” proviene da www.controradio.it.

La legge toscana per le startup, un anno dopo

La legge toscana per le startup, un anno dopo

La legge toscana per incentivare lo sviluppo delle startup innovative compie un anno. Secondo l’assessore all’economia si è dimostrata un successo.

La legge toscana per aiutare lo sviluppo delle startup è stata pubblicata il 3 marzo 2020, con l’approvazione del Consiglio regionale. L’assessore all’economia Leonardo Marras l’ha definita “una tra le più innovative in Italia, e a distanza di dodici mesi esatti il bilancio è decisamente positivo”.

Tutti i progetti presentati dopo il bando di agosto hanno ricevuto i finanziamenti. Sono stati quindi approvati investimenti totali per una cifra pari a 1 milione e 750mila euro. I contributi ammontano fino a 50mila euro in prestiti a fondo perduto e arrivano a coprire fino all’80% dei costi ammissibili.

La legge toscana per il supporto alle startup nasce per ovviare al problema di difficoltà a commercializzare e sviluppare i risultati delle eccellenze universitarie toscane nell’ambito della ricerca. La legge regionale prevede la possibilità di partecipazione al capitale di rischio, anche se al momento questa misura non è stata ancora attivata. Oltre ai sostegni diretti ci sono sconti, l’idea di creare i benefici provenienti da un hub tecnologico, aiuti nell’accesso al credito.

Le idee che hanno ottenuto i finanziamenti sono le più varie: riguardano l’industria, ma anche l’agricoltura o il tempo libero. Ci sono le serre eco-friendly che crescono assieme alla pianta e minimizzano così i consumi di energia sviluppate da Germina a Pisa, le piattaforme robotiche flessibili nella gestione della Yk-Robotics, AppToMe, software intuitivo per prenotarsi per turni di volontariato, sensori e dispositivi per analisi in tempo reale dei lubrificanti industriali che consentiranno di ottimizzare la manutenzione dei macchinari creati dalla Sanchip Innovation, algoritmi di intelligenza artificiale come quelli proposti dalla pistoiese Prospecto per filtrare le informazioni sul web a caccia di bandi, appalti, concorsi e occasioni di lavoro, ma anche sistemi digitali per la riproduzione ad alta qualità, a casa e su dispositivi mobili, della propria musica come Volumio.

Tra le prime ventidue start up già attive e finanziabili del bando della Regione, sei hanno sede all’interno della città metropolitana di Firenze e altrettante in provincia di Pisa, tre nel lucchese, due nell’aretino, ancora due in provincia di Livorno e quindi, una per territorio, a Pistoia, Siena e Massa Carrara. Il bando con la graduatoria dei progetti finanziati è visibile a questo indirizzo.

L'articolo La legge toscana per le startup, un anno dopo proviene da www.controradio.it.

Mps: passa risoluzione per tutela marchio, posti di lavoro e governance

Mps: passa risoluzione per tutela marchio, posti di lavoro e governance

Mps: una risoluzione unitaria per “dare al presidente Giani la forza di portare una posizione largamente condivisa dal Consiglio regionale”, come ha dichiarato il presidente Antonio Mazzeo, e’ stata approvata a larga maggioranza, con i voti di Pd, Italia viva, M5s, Lega e Forza Italia e l’astensione di Fratelli d’Italia.

Il testo ha sostituito le quattro proposte di risoluzione inizialmente presentate, tutte ritirate (anche quella di FdI). Approvato all’unanimita’, invece, un ordine del giorno di Fratelli d’Italia che chiama il presidente della Regione a riferire quanto prima all’Assemblea toscana i suoi intendimenti riguardo al ruolo di Fidi Toscana. La risoluzione unitaria e’ stata sottoscritta dai capigruppo Vincenzo Ceccarelli (Pd), Stefano Scaramelli (Iv), Irene Galletti (Movimento 5 stelle), Elisa Montemagni (Lega) e Marco Stella (Forza Italia).

Il Consiglio regionale, con questo atto, impegna la Giunta regionale “a proseguire il confronto istituzionale aperto con il Governo nazionale a difesa del risparmio e del credito in Toscana, nella ricerca delle migliori soluzioni tecniche possibili per garantire un futuro solido al Monte dei Paschi di Siena“. La banca e’ considerata “presidio economico e occupazionale strategico per il territorio senese e toscano, all’interno di un progetto dal respiro nazionale ed europeo”.

“Il progetto di incorporazione per fusione con altri istituti bancari trova in Consiglio Regionale una ferma contrarieta’ e da’ invece luce a un progetto di sviluppo e futuro della banca per tutto il territorio nazionale, in particolare del Centro e Sud d’Italia”. Lo ha scritto sul suo profilo Facebook il presidente della regione Toscana, Eugenio Giani.

“Il Consiglio Regionale della Toscana ha approvato oggi con una larga convergenza un documento a sostegno dell’autonomia e del rilancio del Monte dei Paschi di Siena – ha aggiunto Giani-. Apprezzo con viva soddisfazione l’aver trovato supporto al mio lavoro di questi mesi per difendere l’identita’ della banca e disegnarne un futuro fatto di mantenimento dell’occupazione e sostegno all’accesso al credito delle imprese in un momento di grave crisi economica”.

“Ci proporremo al Governo con l’indicazione che possa consentire di trovare il pareggio di bilancio, come da piano industriale, a partire dal 2023-ha concluso Nardella-con successivo sviluppo attraverso un aumento di capitale sostenuto dallo Stato e la valorizzazione sulla presenza del territorio della banca fondata nel 1472”.

L'articolo Mps: passa risoluzione per tutela marchio, posti di lavoro e governance proviene da www.controradio.it.

Stop Tampon Tax: Unicoop Firenze lancia campagna, adesione donne in Giunta regionale

Stop Tampon Tax: Unicoop Firenze lancia campagna, adesione donne in Giunta regionale

Stop Tampon Tax!: Prende il via anche in Toscana la campagna targata Coop ‘Close the Gap – riduciamo le differenze’, con l’adesione alla petizione “Il ciclo non è un lusso” promossa dall’associazione Onde Rosa per tagliare l’Iva del 22% sugli assorbenti femminili.

Nella settimana della Festa della Donna, dal 6 al 13 marzo,  tutti gli assorbenti a scaffale saranno venduti nei 105 punti vendita Unicoop Firenze come se l’Iva fosse ridotta al 4%.
La campagna ha trovato il sostegno della vicepresidente della Regione Toscana Stefania Saccardi e delle assessore all’istruzione e parità di genere Alessandra Nardini, all’ambiente Monia Monni e al sociale Serena Spinelli, che questo pomeriggio hanno partecipato all’evento inaugurale nel punto vendita Coop.Fi di Novoli.

In un anno sono circa 3,9 miliardi gli assorbenti venduti di cui 270 milioni in tutte le Coop d’Italia: in termini di fatturato ciò si traduce in 400 milioni di euro (72 mln di Iva).
“Integrazione ed uguaglianza sono valori imprescindibili per Unicoop Firenze – affermano dalla cooperativa – sono parte della nostra ragion d’essere ed il tema della disparità di genere da noi è sempre stato affrontato con azioni concrete”.

“Ho aderito subito all’iniziativa – ha detto la vicepresidente della Regione Toscana, Stefania Saccardi – e ben volentieri son qua per sostenerla. Questa è una battaglia politica e culturale. Ci sono Paesi come la Scozia o l’Irlanda in cui i prodotti necessari all’igiene femminile sono distribuiti addirittura gratuitamente nei bagni di scuole, università e posti di lavoro. In altri, come Francia, Spagna, Regno Unito, Olanda e Belgio, la tassazione si aggira sul 5%. In Italia non accade niente di tutto questo”.

Ha aggiunto Nardini, “sosteniamo questa iniziativa, che è a mio avviso una battaglia di civiltà e per l’uguaglianza, perché non trovo accettabile che sugli assorbenti femminili ci
sia l’Iva al 22% come sui beni di lusso, come se non fossero beni di prima necessità. Ringrazio Coop per aver lanciato questa campagna, che appoggio convintamente: si tratta di abbattere le disuguaglianze in un momento, come questo della pandemia, che ha
messo ancora di più in difficoltà le donne, su cui ricade il peso della crisi sanitaria ed economica”.
La tassazione al 22% sugli assorbenti femminili “aumenta le differenze di genere – ha sottolineato Spinelli – ma non solo. Incide anche sui bilanci familiari e ci fa capire quanto sia necessario un cambiamento. E’ giunto il momento che le donne abbiano un ruolo centrale, l’Iva al 22% sugli assorbenti è una piccola cosa, ma è indicativa di come la società non abbia ancora compreso elementi basilari che circondano e riguardano le
donne”.
Monni ha ricordato che “fra gli obiettivi dell’Agenda 2030 la parità di genere ha un ruolo centrale, perché senza parità di diritti non ci può esserci né sviluppo, né sostenibilità, né tanto meno equità. Per questo c’è necessità a tutti i livelli di misure di sostegno forti perché le donne possano conciliare lavoro e famiglia”.

L'articolo Stop Tampon Tax: Unicoop Firenze lancia campagna, adesione donne in Giunta regionale proviene da www.controradio.it.