Letta: si vince allargando la coalizione, destra battibile

Letta: si vince allargando la coalizione, destra battibile

Letta: “Si vince se si allarga la coalizione, anche oltre il Pd”. A dirlo e’ il segretario del Pd a proposito del voto alle suppletive e nei Comuni.

“Mi vengono in mente – aggiunge – le polemiche a questo punto pretestuose sul tema del simbolo. Noi abbiamo dimostrato che la destra e’ battibile. Quando mi e’ stato chiesto di tornare sei mesi fa, la vittoria della destra sembrava ineluttabile. Oggi il centrodestra e’ battibile. Questo centrodestra non c’e’ piu’. Perche’ senza Berlusconi non c’e’ piu’ il federatore”.

“Abbiamo dimostrato che la destra e’ battibile. Un centrodestra che ha sbagliato la campagna elettorale e che non c’e’ piu’, perche’ senza Berlusconi non e’ in grado di essere una cosa sola e di essere vincente”. Cosi’ Letta,  commentando il dato delle amministrative.

Nelle suppletive di Siena vince un pisano “e mi verrebbe da dire che Letta ha messo d’accordo quello che per cinque secoli non è riuscito a fare nessuno” in Toscana. Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, scende nella città del Palio, raggiunge il quartier generale dei dem e saluta con una battuta il ritorno alla Camera del segretario del Pd, Enrico Letta. “C’è un clima nuovo” e “il risultato eccellente” di Letta “sta proprio in una ritrovata armonia, non solo nel Pd e nel centrosinistra, ma anche tra i territori. Quindi il significato di questo voto parlamentare di Siena e Arezzo riguarda la politica italiana, il Pd e tutta la Toscana”, aggiunge. Per Nardella, infatti, l’ex premier “vince anche nelle città governate dal centrodestra: a Siena città, dove c’è il sindaco De Mossi, e a Cortona. Questi sono dati a mio avviso interessanti. Poi bisogna stare con i piedi per terra”, perché “gli elettori sanno cosa stanno votando. Una cosa è parlare di suppletive parlamentari, altro di amministrative. Non ci sono automatismi, ci sono però segnali politici molti chiari e bisogna essere capaci, bravi a raccogliere e poi a sviluppare”.

L'articolo Letta: si vince allargando la coalizione, destra battibile da www.controradio.it.

Comunali in Toscana, -6% di affluenza, a Grosseto – 8%

Comunali in Toscana, -6% di affluenza, a Grosseto – 8%

Comunali in Toscana. Affluenza al 59% in Toscana al primo turno delle elezioni comunali, nelle trentuno città che rinnovano le amministrazioni.

Il dato è in netta flessione rispetto a cinque anni fa, quando la partecipazione al voto raggiunse il 65,01%. Nel dettaglio, fra i comuni chiamati al voto, il dato più basso si registra in provincia di Prato con alle urne il Comune di Carmignano, dove la partecipazione si attesta al 52,57%, e il più alto ad Arezzo col 65,37%, realtà nella quale peraltro è attesissima la sfida nella città di Montevarchi.

Quanto all’unico capoluogo alle urne, a Grosseto i votanti si fermano al 59,29% degli aventi diritto contro il 67,48% del 2016.

E’ stata del 35,93% l’affluenza alle elezioni suppletive del collegio Toscana 12. Lo rende noto il ministero dell’Interno.

Mentre sono state scrutinate 191 sezioni 292 del Collegio Toscana 12 per le elezioni suppletive alla Camera, il segretario del Pd Enrico Letta ‘allunga’ rispetto agli altri candidati attestandosi al 49,34%, pari a 19.784 voti. Il candidato del centrodestra Tommaso Marrocchesi Marzi è al 39,36% pari a 15.785 voti. Segue il segretario del Pc
Marco Rizzo al 4,44% con 1.779 voti.

Una foto di Enrico Letta al comitato elettorale a Siena, in piedi, sorridente mentre segue lo spoglio da un pc, con alcuni esponenti dem. L’ha ritrwittata lo stesso segretario dem. La foto è stata postata dalla consigliera regionale della Toscana, Lucia De Robertis, che commenta: In serena attesa.

L'articolo Comunali in Toscana, -6% di affluenza, a Grosseto – 8% da www.controradio.it.

11 settembre, 20 anni dopo, i commenti degli amministratori locali

11 settembre, 20 anni dopo, i commenti degli amministratori locali

“L’America entrò in guerra l’11 settembre 2001, unita nella difesa dei suoi valori e del suo stile di vita – così inizia l’articolo principale di CNN dedicato all’11 settembre – Vent’anni dopo, è in guerra con sé stessa, la sua democrazia minacciata dall’interno in un modo che Osama bin Laden non è mai riuscito a fare. Col senno di poi, tuttavia, gli attacchi hanno preannunciato l’alba di un’era di traumi politici e turbolenze che ha spento un breve periodo in cui gli Stati Uniti si erano crogiolati in un bagliore di pace dopo la Guerra Fredda, presentandosi come una superpotenza solitaria”.

Di seguito le dichiarazioni di alcuni amministratori toscani sui fatti dell’11 settembre 2001.

“Venti anni fa il mondo si è fermato, ognuno di noi ricorda l’11 settembre: un attacco al cuore della società occidentale. Una storia di tutti che non possiamo dimenticare”. Lo ha scritto, su Facebook, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani.

“11 settembre 2001, vent’anni che valgono un secolo”. Lo ha scritto, su Facebook, il sindaco di Firenze Dario Nardella per ricordare gli attentati all’America. “Ricordo benissimo quell’11 settembre 2001 come se fosse oggi – ha detto in un video mandato in onda da SkyTg24 -. Avevo 25 anni, mi ritrovai nella sede del partito nel quale militavo con un gruppo di amici a guardare il televisore, attoniti. In quello stesso momento mi arrivò una telefonata dalla sua fidanzata perché suo fratello era in luna di miele a New York. Dopo qualche ora, riuscii a sentirlo e mi raccontò in diretta quelle terribili ore che aveva vissuto”.

“Oggi è una giornata triste. Ricordiamo tutti le vittime dell’11 settembre e la scia di vittime che per 20 anni si sono susseguite. Purtroppo, è una vicenda che non si è conclusa, il terrorismo è ancora lì, e credo che questa fuga disordinata dell’occidente dall’Afghanistan fa riflettere che va ripensato il nostro rapporto con questi temi e questi problemi. Da questi ultimi 30 giorni viene fuori la necessità di un’Europa più unita e più forte dal punto della politica estera e anche della difesa”. Così il segretario del Pd Enrico Letta, a margine di un incontro a Montepulciano (Siena) nell’ambito di ‘Luci sul lavoro’.

“L’attentato alle Torri Gemelle resta una ferita indelebile. Ricordo quando, qualche anno dopo, andai negli Stati Uniti e vidi i disegni dei bambini sull’11 settembre. Capii quanto il paese avesse ancora quella ferita dentro, come ce l’ha, ancora oggi, tutto il mondo. Non dimenticare questa data ci serve nella lotta per la democrazia, per la libertà e nella lotta al terrorismo. L’11 settembre deve rimanere un simbolo per quello che rappresenta”. Lo scrive su Fb la sottosegretaria ai rapporti con il Parlamento, Caterina Bini.

L'articolo 11 settembre, 20 anni dopo, i commenti degli amministratori locali da www.controradio.it.

Siena: Letta, per vaccini a sanitari si segua esempio Toscana

Siena: Letta, per vaccini a sanitari si segua esempio Toscana

Siena, vaccini: Letta,  “Sul tema del personale sanitario e la loro messa in sicurezza vaccinale si segua il modello Toscana”.

Così il segretario del Pd Enrico Letta a Siena in riferimento al ‘pugno duro’ annunciato nei giorni scorsi dalla Regione contro i sanitari che non si sono ancora vaccinati.

“Lo dico qui in Toscana, estendiamo ciò che ha fatto la Regione” ha detto Letta in occasione dell’inaugurazione di una sede a Siena per la campagna elettorale che lo vede candidato per le suppletive nel collegio Toscana 12.

“Siamo in una fase delicatissima della vita del Paese perche’ la ripartenza e’ davanti a noi. Vedo palpabile la fiducia delle persone e la ricerca di nuovi investimenti, dobbiamo far si’ che questa fiducia sia ben riposta. Lunedi’ riparte la scuola, un momento storico dopo tanta sofferenza e abbiamo davanti un anno in cui la scuola dovra’ essere in presenza perche’ non si puo’ tornare alla Dad. Il tema dell’estensione del green pass e’ legato alla possibilita’ che il nostro Paese riparta in sicurezza. E’ una condizione fondamentale per uscire dalla pandemia e fare oggi quello che e’ necessario, non possiamo permetterci per giochi politici di fermare il paese”. Cosi’ Enrico Letta, Segretario del Partito Democratico a Radio anch’io su Radio Rai 1.

“Salvini? Io non sono duro per partito preso o pregiudizio, lo sarei con chiunque tenesse quella posizione, lo sono anche con Fratelli d’Italia, strizzare l’occhio alla minoranza no vax del Paese. Il Paese- ha aggiunto – in grande maggioranza ha fiducia nelle vaccinazioni e nell’uso del green pass per ripartire e non può farsi fermare da una minoranza che non rispetta e non vuole regole”.

L'articolo Siena: Letta, per vaccini a sanitari si segua esempio Toscana da www.controradio.it.

Letta, presenta simbolo senza logo Pd, per “privilegiare allargamento”

Letta, presenta simbolo senza logo Pd, per “privilegiare allargamento”

Firenze, il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta ha presentato domenica mattina alla Corte d’Appello del capoluogo toscano, i documenti ed il simbolo della sua coalizione per ufficializzare la sua candidatura alle elezioni suppletive di Siena, per prendere il seggio lasciato vacante dall’ex ministro Pier Carlo Padoan.

“Ecco il simbolo per le suppletive nelle province di Siena e Arezzo – ha postato su tutti i suoi account social Enrico Letta – Scelto per privilegiare #allargamento e spirito di #coalizione. E Salvini che annuncia una nuova calata, con visite in ogni comune del collegio? Bene. Come già l’anno scorso alle regionali in Emilia e Toscana”.

Il simbolo che Letta ha presentato è costituito da un tondo in rosso scuro su cui campeggia la scritta “con enrico LETTA”, in lettere bianche, ma la cosa che tutti subito notano è l’assenza del simbolo del Pd di cui Letta è il segretario.

Nel breve messaggio che accompagna il simbolo nei post sui social, la frase “Scelto per privilegiare #allargamento e spirito di #coalizione”, dovrebbe spiegare il perché il segretario del Pd abbia scelto di non usare il simbolo del suo partito: Letta è infatti supportato in queste elezioni da una coalizione formata da Mdp-Articolo al Movimento 5 Stelle e Italia Viva.

Ma questa motivazione, ed il fatto che in fondo si tratti di un collegio uninominale, non sta risparmiando la scelta di Letta, dall’ironia dei suoi avversari politici ma anche degli utenti dei social.

“Il centrodestra ha scelto per Siena un candidato di Siena, un imprenditore del vino, orgoglioso della sua squadra e della sua città. La sinistra invece candida il segretario del partito che ha distrutto storia e patrimonio del MPS e, per la vergogna, si presenta senza il simbolo del PD”, ironizza il segretario della Lega Matteo Salvini.

“Il segretario del Pd si vergogna così tanto del suo partito che è disposto persino a nascondere il suo simbolo? Lo capiamo perfettamente. Come dargli torto”. Scrive su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

I renziani ricordano invece le polemiche che scoppiarono quando Renzi, allora segretario del Pd, non usò il logo del partito alla Leopolda.

L'articolo Letta, presenta simbolo senza logo Pd, per “privilegiare allargamento” da www.controradio.it.