Pd Siena: Letta si candidi a suppletive

Pd Siena: Letta si candidi a suppletive

Pd: la direzione provinciale del Partito Democratico di Siena ha approvato all’unanimità un documento che chiede ufficialmente ad Enrico Letta – originario di Pisa – la disponibilità a candidarsi nel collegio uninominale Toscana 12.

Una lunga discussione ha preceduto la votazione degli 80 delegati che ieri sera è arrivata ben oltre la mezzanotte, in vista delle elezioni suppletive per il posto lasciato vacante dall’ex ministro Pier Carlo Padoan, dimessosi da deputato il 4 novembre 2020 dopo essere entrato nel consiglio di amministrazione dell’UniCredit.

“Data la situazione politica attuale – ha detto il segretario provinciale Pd Andrea Valenti – riteniamo che la candidatura sul collegio senese del segretario nazionale possa rappresentare una opportunità per la nostra provincia e per il capoluogo”.

“Abbiamo apprezzato le prime iniziative di Letta da segretario, il coinvolgimento della base, le parole chiare su tematiche identitarie, le proposte avanzate e la modalità di guida del Partito – si legge nel documento approvato dai democratici senesi – Abbiamo inoltre apprezzato quanto ha dichiarato lo stesso Letta sostenendo che la decisione rispetto
alla candidatura deve avvenire dal territorio”.

“Riteniamo che la candidatura del segretario nazionale, oltre ad essere un elemento di prestigio – prosegue il documento – possa avere la forza di rappresentare a livello regionale, nazionale ed europeo le innumerevoli istanze e priorità che ha questo territorio”.

“A livello politico nazionale – conclude il documento -, riteniamo che per rendere incisiva l’azione politica del Partito Democratico il segretario debba essere presente attivamente in
Parlamento”. Per lo stesso seggio, il centrodestra ha già ufficializzato la candidatura unitaria dell’imprenditore vinicolo Tommaso Marrocchesi Marzi.

L'articolo Pd Siena: Letta si candidi a suppletive da www.controradio.it.

Firenze: oltre 2mila persone per consultazione circoli Pd

Firenze: oltre 2mila persone per consultazione circoli Pd

Per il Pd fiorentino si è conclusa ieri la prima fase della consultazione collettiva sui 21 argomenti proposti da Letta

Con la partecipazione di oltre 2mila persone, per il Pd fiorentino si è conclusa ieri la prima fase, quella nei circoli, della consultazione collettiva lanciata dal nuovo segretario Dem Enrico Letta. “Il coordinamento metropolitano e cittadino del Pd di Firenze – spiegano in una nota i due segretari Marco Recati e Andrea Ceccarelli – hanno dato prova di grande coinvolgimento e partecipazione: a oggi più di 100 fra video-riunioni e assemblee online di Unioni comunali e circoli Pd, in cui un totale di 2mila persone hanno discusso, integrato, approfondito i 21 argomenti proposti da Letta: dallo Ius Soli al Governo Draghi, dal rapporto coi territori al Next Generation Ue, passando per la transizione digitale, il ruolo dei corpi intermedi, i divari di genere”.

Per Recati e Ceccarelli, è “una dimostrazione della voglia del Partito Democratico di innescare e animare la discussione sul futuro, sul ruolo, sull’identità di un grande e moderno partito di centrosinistra. Una sfida sulla partecipazione, raccolta senza timore da iscritti storici, nuovi tesserati, amministratori locali, volontari delle feste dell’Unità”. “E’ necessario tenere insieme anima e cacciavite – ha ricordato il neosegretario nazionale, in videoassemblea coi segretari di Circolo del Pd di Firenze sabato scorso – per riuscire al meglio in questo esercizio di intelligenza collettiva”. “La città di Firenze, la Piana fiorentina, il Mugello, la Valdisieve, il Valdarno e il Chianti fiorentino – concludono -: questi i territori da cui arriva un buon segno dello spirito collaborativo e propositivo con cui è necessario affrontare questa fase di ricostruzione del Partito democratico, che proseguirà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi con l’elaborazione e il rilancio dei temi affrontati in questa appassionata e partecipata campagna di confronto”.

L'articolo Firenze: oltre 2mila persone per consultazione circoli Pd proviene da www.controradio.it.

Firenze: oltre 2mila persone per consultazione circoli Pd

Firenze: oltre 2mila persone per consultazione circoli Pd

Per il Pd fiorentino si è conclusa ieri la prima fase della consultazione collettiva sui 21 argomenti proposti da Letta

Con la partecipazione di oltre 2mila persone, per il Pd fiorentino si è conclusa ieri la prima fase, quella nei circoli, della consultazione collettiva lanciata dal nuovo segretario Dem Enrico Letta. “Il coordinamento metropolitano e cittadino del Pd di Firenze – spiegano in una nota i due segretari Marco Recati e Andrea Ceccarelli – hanno dato prova di grande coinvolgimento e partecipazione: a oggi più di 100 fra video-riunioni e assemblee online di Unioni comunali e circoli Pd, in cui un totale di 2mila persone hanno discusso, integrato, approfondito i 21 argomenti proposti da Letta: dallo Ius Soli al Governo Draghi, dal rapporto coi territori al Next Generation Ue, passando per la transizione digitale, il ruolo dei corpi intermedi, i divari di genere”.

Per Recati e Ceccarelli, è “una dimostrazione della voglia del Partito Democratico di innescare e animare la discussione sul futuro, sul ruolo, sull’identità di un grande e moderno partito di centrosinistra. Una sfida sulla partecipazione, raccolta senza timore da iscritti storici, nuovi tesserati, amministratori locali, volontari delle feste dell’Unità”. “E’ necessario tenere insieme anima e cacciavite – ha ricordato il neosegretario nazionale, in videoassemblea coi segretari di Circolo del Pd di Firenze sabato scorso – per riuscire al meglio in questo esercizio di intelligenza collettiva”. “La città di Firenze, la Piana fiorentina, il Mugello, la Valdisieve, il Valdarno e il Chianti fiorentino – concludono -: questi i territori da cui arriva un buon segno dello spirito collaborativo e propositivo con cui è necessario affrontare questa fase di ricostruzione del Partito democratico, che proseguirà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi con l’elaborazione e il rilancio dei temi affrontati in questa appassionata e partecipata campagna di confronto”.

L'articolo Firenze: oltre 2mila persone per consultazione circoli Pd proviene da www.controradio.it.

🎧 Peretola: dichiarazioni Letta, Bassilichi, “risposta istituzioni locali coerente con nostri programmi”

🎧 Peretola: dichiarazioni Letta,  Bassilichi, “risposta istituzioni locali coerente con nostri programmi”

Intervista di Raffaele Palumbo a Leonardo Bassilichi, Presidente della Camera di Commercio di Firenze: “Aspettavo le risposte dei miei interlocutori che sono le istituzioni: Regione, Città metropolitana e Comune di Firenze. Avendo visto che la loro posizione era coerente ai nostri programmai comuni non sono entrato a giudicare il tema politico del Partito Democratico. Vado oltre, insisto sulla necessità delle imprese”.

La ricostruzione di Chiara Brilli

Ad una settimana dall’intervista su Il Tirreno del neo segretario dem, siamo ripiombati nei corsi e ricorsi della polemica sul futuro dell’aeroporto di peritola quasi non fossero passati 40 anni ad animare e dividere anche trasversalmente le coalizioni politiche. L’ipotesi di metropolitana leggere che colleghi Pisa e Firenze caldeggiata da Letta ha aperto l’ultima settimana arancione della Toscana a suon di interpretazioni del ‘Letta pensiero’ in base alle posizioni delle varie forze in campo finendo sul terreno del consiglio regionale

”Ci ho parlato” col neo segretario del Pd Enrico Letta e “lui sinceramente crede molto nello sviluppo della Toscana nel suo complesso, quindi degli aeroporti di Firenze e di Pisa”. Così il governatore della Toscana al quale ha fatto seguito il sindaco del capoluogo toscano che  ”Invita tutti a leggere le dichiarazioni del segretario Pd Letta per quello che sono, perché il castello di interpretazioni che è stato costruito non ha alcun fondamento. Confermo quello che ha detto anche il presidente Giani: nessuno mette in discussione lo sviluppo dei due aeroporti, sia lo sviluppo di Pisa, sia di Firenze”. Così il sindaco di Firenze Dario Nardella.

“Per citare Shakespeare – ha aggiunto  – direi ‘molto rumore per nulla’. Il sindaco di Firenze ha annunciato che si vedrà  presto con i sindaci di Pisa e Livorno perché lavorare ad una migliore integrazione infrastrutturale tra la costa e Firenze non significa affatto impedire lo sviluppo dei due aeroporti. Questa contrapposizione non si legge neanche nelle dichiarazioni di Letta.

Di tutt’altra opinione il Comitato No tunnel Tav di Firenze  secondo il quale “Il dibattito apertosi con le dichiarazioni di Enrico Letta “è positivo perché si capisce finalmente che il nuovo aeroporto a Firenze non è necessario, potendo collegare la città con il Galilei con la ferrovia”.

Intanto sarà presto discusso in consiglio comunale a Prato un ordine del giorno, presentato a firma di gruppo Pd, Lista civica, Demos e la Lista Lo Sport per Prato, nel quale si ribadiscono le ragioni del No al progetto alla pista parallela di Peretola.    I consiglieri chiedono un tavolo di discussione con la Regione in modo da potere ragionare sui fondi a suo tempo stanziati per la realizzazione della pista e quelli del Recovery Plan, affinché venga prevista la realizzazione di una metropolitana leggera che colleghi Pisa e Firenze in 25 minuti.

Una mozione in Consiglio regionale a favore dello sviluppo dell’aeroporto di Peretola manda in subbuglio la maggioranza a palazzo del Pegaso. Italia viva e Forza Italia votano insieme un testo che chiede di supportare il progetto di espansione dello scalo, il Pd vota contro e affonda l’atto insieme alla Lega e alle altre forze della minoranza. Le successive reazioni sono da centrosinistra sull’orlo di una crisi di nervi. Con Italia viva che accusa i dem di aver sposato la linea Ceccardi su Peretola, mentre dalla sponda Pd si insinua un quesito malizioso: i renziani stanno facendo le prove generali per una nuova alleanza? Ad aprire le ostilita’ al termine della seduta sono proprio i renziani che con l’europarlamentare Nicola Danti, il deputato Gabriele Toccafondi e i consiglieri regionali Stefano Scaramelli e Maurizio Sguanci,  mandano a dire: “Notiamo con rammarico che in Consiglio regionale, grazie al voto compatto del Pd, sul sistema aeroportuale della Toscana e’ passata la ‘linea Ceccardi’.

Ma fra i dem la prospettiva di finire sotto esame  sulla fedelta’ a Peretola non piace per niente. I consiglieri Cristina Giachi e Andrea Vannucci si dicono cosi’ “esterrefatti” dalla presa di posizione dei renziani. Tranchant e’ il capogruppo del Pd in assemblea toscana, Vincenzo Ceccarelli, che ribatte ai seguaci del senatore di Scandicci: “Indietro di venti anni ci riporta questo modo di fare politica. Capisco Forza Italia, in quanto forza di opposizione, ma Iv deve decidere se vuol privilegiare la soluzione dei problemi o le prove tattiche di nuove alleanze”. Forza Italia, per il momento, non infierisce sulla diatriba Pd-Iv, ma per voce del suo capogruppo Marco Stella prova a mettere in luce le contraddizioni del centrosinistra dopo la sortita del nuovo leader del Nazareno: “L’intervista di Letta può essere paragonata alla famosa telefonata del 1989 dell’allora leader del Pci, Achille Occhetto ai vertici del partito fiorentino, per bloccare lo sviluppo urbanistico dell’area nordovest della città. In ogni caso, a rimetterci è sempre Firenze. In poche righe di intervista, Letta butta a mare 15 anni di impegno di diversi esponenti Pd a favore di Peretola”.

Per il sindaco Dario Nardella e il governatore Eugenio Giani quelle di Enrico Letta non sono parole che mettono in forse (o stoppano) la nuova pista di Peretola. Anzi, ribadiscono la sinergia con Pisa. Eppure il pensiero del neo segretario dei dem ha agitato le acque a Firenze. E anche gli albergatori a farsi sentire: “Sembra quasi uno sfortunato gioco dell’oca, in cui vicini all’arrivo si deve ricominciare da zero. La storia dei progetti di sviluppo dell’aeroporto Vespucci ha dell’incredibile”, afferma polemico il presidente di Federalberghi Firenze, Francesco Bechi.

“Enrico Letta ha detto una cosa importante, nella sua intervista al ‘Tirreno’: basta un collegamento veloce Firenze Pisa per rendere integrati e non concorrenziali i due aeroporti. Quello che la sinistra da decenni, e Sinistra italiana da quando è nata, afferma”. Lo affermano, in una nota congiunta, i referenti di Sinistra Italiana Pisa, Firenze, Lucca e Prato.

“La posizione assunta dal neosegretario Pd Enrico Letta sull’aeroporto di Firenze ci sorprende profondamente, perché è in antitesi rispetto all’esito di una discussione pluridecennale sul futuro del Vespucci di Firenze ed a quello che tutte le parti sociali, rappresentanti delle imprese e dei lavoratori, ritengono necessario per il futuro della città”. A dirlo è il segretario generale della Cisl di Firenze-Prato, Roberto Pistonina.

In una settimana non ci siamo fatti mancare niente e la polemica è dunque  ripartita come se nemmeno il Covid non ci fosse mai stato. in una atemporalità che aumenta la percezione di una politica incapace di compiere scelte perché ripiegata su se stessa.

L'articolo 🎧 Peretola: dichiarazioni Letta, Bassilichi, “risposta istituzioni locali coerente con nostri programmi” proviene da www.controradio.it.

Nardella su Letta (Pd): “Tornato per essere leader autorevole”

Nardella su Letta (Pd): “Tornato per essere leader autorevole”

Il sindaco di Firenze Dario Nardella è positivamente sorpreso dal piglio determinato “e per certi aspetti decisionista” di Enrico Letta.

“Penso che in effetti il Pd avesse bisogno di questo”, dice in un’intervista a Repubblica sottolineando che sul piano politico il neosegretario “ha marcato novità significative. Ha riposizionato il Pd come partito di riferimento del governo Draghi scrollandosi di dosso quel malcelato imbarazzo e senso di colpa rispetto alla fine del governo Conte.

E ha già marcato una distanza netta dalla Lega, ponendosi come il vero sfidante di
Salvini e collocando il Pd alla guida del centrosinistra”. Nardella ha anche apprezzato “la velocità con cui Letta ha creato la nuova segreteria puntando su donne, giovani ecompetenze. Sui capigruppo non sta a me entrare nella discussione, che riguarda i parlamentari. Posso solo dire che con Delrio e Marcucci ho lavorato bene sui problemi della mia città”.

Allo stesso tempo “è diritto del segretario avanzare proposte nuove e apprezzo il fatto che abbia messo al centro un’indicazione femminile. Auspico che questo confronto sia costruttivo anche perché ora dobbiamo tutti pensare all’emergenza economica”.

Nardella non pensa “che Letta abbia vendette da consumare. Credo voglia anzi far vedere che è tornato con l’ambizione di essere un leader autorevole. E un leader non guida il più grande partito della sinistra con lo sguardo rivolto al passato”. Il sindaco di Firenze ha “una fiducia sincera in Letta perché amo il mio partito. Se fallisse lui sarebbe un disastro” e crede che “la sua forza stia nel non farsi condizionare da logiche recriminatorie del passato, scontri personali e tra correnti”.

Ben venga il confronto, “ma si parta dai bisogni del Paese reale. Più che preoccuparci delle correnti, puntiamo a riconquistare il consenso dei lavoratori e dei giovani”.
Nardella infine non è d’accordo sul veto di Renzi a Conte: “Coi veti non si va da nessuna parte. Piuttosto le alleanze vanno costruite su idee e programmi”.

L'articolo Nardella su Letta (Pd): “Tornato per essere leader autorevole” proviene da www.controradio.it.