Lenny Kravitz e Drake, le due star ospiti al gala invernale di beneficenza

Lenny Kravitz e Drake, le due star ospiti al gala invernale di beneficenza

Firenze, al via i preparativi per la seconda edizione invernale del gala di beneficenza organizzato da LuisaViaRoma con Unicef.

Protagonisti di questa seconda edizione invernale del gala di beneficenza che si terrà a Saint Barth la sera di giovedì 29 dicembre, sono due star della musica internazionale: Lenny Kravitz e Drake.

“Da cinque anni collaboriamo e lavoriamo come una famiglia, uniti dallo stesso desiderio e obiettivo. – racconta Luisa Panconesi, presidente del comitato evento St. Barth Gala per Unicef 2022 -. Teniamo duro e rimaniamo più uniti che mai mentre lavoriamo per un futuro migliore per i bambini”.

Ricordiamo che l’edizione estiva della manifestazione di gala si è svolta lo scorso luglio, a Capri, con un super ospite: la superstar mondiale, attrice pluripremiata, cantante e performer Jennifer Lopez.

Svolgimento della serata

Anche per questo evento, come da consuetudine, ci sarà un cocktail di benvenuto, una cena di gala e un’asta dal vivo.

Protagonisti dell’asta, condotta da Simon de Pury, saranno oggetti esclusivi come opere d’arte ed esperienze uniche.

A seguire poi le due performance degli artisti ospiti. La prima esibizione che si potrà vedere è quella del produttore, cantautore e polistrumentista, Lenny Kravitz, che ha vinto ben quattro Grammy Awards consecutivi. Dopo entrerà invece in scena l’artista pluripremiato Drake.

L'articolo Lenny Kravitz e Drake, le due star ospiti al gala invernale di beneficenza da www.controradio.it.

Da New York al Tenax, Danny Krivit, Joe Claussell e François K in consolle per la Halloween

Da New York al Tenax, Danny Krivit, Joe Claussell e François K in consolle per la Halloween

Il 31 ottobre, al Tenax di Firenze saranno presenti in consolle Danny Krivit, Joe Claussell e François K.

Tre star mondiali direttamente da New York saranno al Tenax, per festeggiare la Halloween Night, con una serata BODY & Soul.

Magnifici alfieri della scena newyorkese, Joe Claussell, François K. e Danny Krivit ricreeranno al Tenax una soulful house speziata di atmosfere jazzy, groove, funk e molto altro.

Joe, François e Danny mixeranno in contemporanea i propri stili, creando così l’inconfondibile sound di BODY & Soul. Un inno al divertimento e al rispetto, la forza unificante della musica che potrete vivere in prima persona la notte del 31 ottobre al Tenax

Nato alla fine degli anni ’90 al Club Vinyl di Manhattan, BODY & Soul è diventato un brand del nightclubbing, e ha girato il pianeta in lungo e in largo per arrivare anche a Firenze, nella nota discoteca Tenax.

“Crediamo che la dance sia un linguaggio universale – spiegano i Dj – ci piace suonare stili musicali diversi, nuovi o vecchi, senza pregiudizi”. Per tutti e tre si tratta di un ritorno a Firenze, dove hanno dato un contributo determinante al successo di un’altra serata entrata nella storia, il Nobody’s Perfect Tenax.

Joe Claussell, François K. e Danny Krivit

In pista dai ’70, Danny Krivit è il “King of the Re-edit”, ben nota infatti è la sua passione per dischi rari, soprattutto in ambito funk, soul e jazz. L’artista ha prodotto oltre 400 dischi e il suo evento “718 Sessions” conta vent’anni di storia e infiniti riconoscimenti.

Joaquin ‘Joe’ Claussell è una delle figure che possiamo considerare più rispettate della dance newyorkese e non solo, grazie anche al lavoro svolto a capo dell’etichetta “Spiritual Life Music”. Il suo stile è inconfondibile: ritmi latini, africani, brasiliani e di altri mondi con elementi di jazz, rock, disco e strumentazione dal vivo.

Altro senatore della dance della città che non dorme mai è François K. L’artista non solo ha mixato una quantità impressionante di dischi, partendo dall’elettronica/New Wave europea degli anni ’80, ma ha anche fondato l’etichetta discografica “Wave Music”.

L'articolo Da New York al Tenax, Danny Krivit, Joe Claussell e François K in consolle per la Halloween da www.controradio.it.

La serie tv ‘The Rings of Power’, ispirata a ‘Il signore degli anelli’, vista da più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno

La serie tv ‘The Rings of Power’, ispirata a ‘Il signore degli anelli’, vista da più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno

Culver City, California, Amazon ha annunciato che la serie televisiva “The Lord of the Rings: The Rings of Power” ha attirato più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno, battendo tutti i record precedenti, segnando la più grande premiere nella storia di Prime Video.

La serie è stata lanciata esclusivamente su Prime Video in più di 240 paesi e territori in tutto il mondo. Jennifer Salke, responsabile degli Amazon Studios, ha dichiarato: “È in qualche modo appropriato che le storie di Tolkien, tra le più popolari di tutti i tempi e quella che molti considerano la vera origine del genere fantasy, ci abbiano portato a questo momento di orgoglio. Sono così grato alla Tolkien Estate, e ai nostri showrunner J.D. Payne e Patrick McKay, al produttore esecutivo Lindsey Weber, al cast e alla troupe, per i loro instancabili sforzi di collaborazione e la loro sconfinata energia creativa. E le decine di milioni di fan che guardano, chiaramente appassionati della Terra di Mezzo quanto noi, sono la vera misura del nostro successo”.

La serie porta sugli schermi per la prima volta in assoluto le leggende eroiche della leggendaria ‘Seconda Era’ della storia della Terra di Mezzo. Questo dramma epico è infatti ambientato migliaia di anni prima degli eventi di Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli di Tolkien, e riporterà gli spettatori ad un’era in cui furono forgiati grandi poteri, regni salirono alla gloria e caddero in rovina.

Iniziata in un periodo di relativa pace, la serie segue un cast corale di personaggi, sia familiari che nuovi, mentre affrontano il tanto temuto riemergere del male nella Terra di Mezzo. Dalle profondità più oscure delle Montagne Nebbiose, alle maestose foreste della capitale degli elfi Lindon, al regno insulare mozzafiato di Númenor, fino ai confini più remoti della mappa.

La serie è guidata dagli showrunner e dai produttori esecutivi JD Payne e Patrick McKay. A loro si uniscono i produttori esecutivi Lindsey Weber, Callum Greene, J.A. Bayona, Belén Atienza, Justin Doble, Jason Cahill, Gennifer Hutchison, Bruce Richmond e Sharon Tal Yguado, e i produttori Ron Ames e Christopher Newman. Wayne Che Yip è co-produttore esecutivo e dirige insieme a J.A. Bayona e Charlotte Brändström.

La serie è quindi un prequel del ‘Il Signore degli Anelli’ di Tolkien, un’opera letteraria di fama mondiale, vincitore dell’International Fantasy Award e del Prometheus Hall of Fame Award. I libri de ‘Il Signore degli Anelli’ sono stati tradotti in oltre 38 lingue ed hanno venduto più di 150 milioni di copie.

L'articolo La serie tv ‘The Rings of Power’, ispirata a ‘Il signore degli anelli’, vista da più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno da www.controradio.it.

La serie tv ‘The Rings of Power’, ispirata a ‘Il signore degli anelli’, vista da più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno

La serie tv ‘The Rings of Power’, ispirata a ‘Il signore degli anelli’, vista da più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno

Culver City, California, Amazon ha annunciato che la serie televisiva “The Lord of the Rings: The Rings of Power” ha attirato più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno, battendo tutti i record precedenti, segnando la più grande premiere nella storia di Prime Video.

La serie è stata lanciata esclusivamente su Prime Video in più di 240 paesi e territori in tutto il mondo. Jennifer Salke, responsabile degli Amazon Studios, ha dichiarato: “È in qualche modo appropriato che le storie di Tolkien, tra le più popolari di tutti i tempi e quella che molti considerano la vera origine del genere fantasy, ci abbiano portato a questo momento di orgoglio. Sono così grato alla Tolkien Estate, e ai nostri showrunner J.D. Payne e Patrick McKay, al produttore esecutivo Lindsey Weber, al cast e alla troupe, per i loro instancabili sforzi di collaborazione e la loro sconfinata energia creativa. E le decine di milioni di fan che guardano, chiaramente appassionati della Terra di Mezzo quanto noi, sono la vera misura del nostro successo”.

La serie porta sugli schermi per la prima volta in assoluto le leggende eroiche della leggendaria ‘Seconda Era’ della storia della Terra di Mezzo. Questo dramma epico è infatti ambientato migliaia di anni prima degli eventi di Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli di Tolkien, e riporterà gli spettatori ad un’era in cui furono forgiati grandi poteri, regni salirono alla gloria e caddero in rovina.

Iniziata in un periodo di relativa pace, la serie segue un cast corale di personaggi, sia familiari che nuovi, mentre affrontano il tanto temuto riemergere del male nella Terra di Mezzo. Dalle profondità più oscure delle Montagne Nebbiose, alle maestose foreste della capitale degli elfi Lindon, al regno insulare mozzafiato di Númenor, fino ai confini più remoti della mappa.

La serie è guidata dagli showrunner e dai produttori esecutivi JD Payne e Patrick McKay. A loro si uniscono i produttori esecutivi Lindsey Weber, Callum Greene, J.A. Bayona, Belén Atienza, Justin Doble, Jason Cahill, Gennifer Hutchison, Bruce Richmond e Sharon Tal Yguado, e i produttori Ron Ames e Christopher Newman. Wayne Che Yip è co-produttore esecutivo e dirige insieme a J.A. Bayona e Charlotte Brändström.

La serie è quindi un prequel del ‘Il Signore degli Anelli’ di Tolkien, un’opera letteraria di fama mondiale, vincitore dell’International Fantasy Award e del Prometheus Hall of Fame Award. I libri de ‘Il Signore degli Anelli’ sono stati tradotti in oltre 38 lingue ed hanno venduto più di 150 milioni di copie.

L'articolo La serie tv ‘The Rings of Power’, ispirata a ‘Il signore degli anelli’, vista da più di 25 milioni di spettatori globali nel suo primo giorno da www.controradio.it.

TikTok delle Gallerie degli Uffizi, oltre un milione di like

TikTok delle Gallerie degli Uffizi, oltre un milione di like

Firenze, superato un milione di like per le Gallerie degli Uffizi su TikTok. Il museo fiorentino ha oltrepassato il traguardo con il video dedicato alla visita di Dua Lipa (in appena tre giorni, oltre 268mila visualizzazioni) ed è stata pubblicata una clip speciale per festeggiare l’evento.

Su TikTok, con oltre 116,7mila follower, si spiega dalle Gallerie, gli Uffizi “sono di gran lunga il più seguito museo italiano (secondo, a grande distanza, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli con 19,2mila seguaci); a livello planetario, le Gallerie si posizionano sul terzo gradino del podio, dietro al Prado di Madrid (395,5k follower, 3,2 milioni di like), alla National Gallery di Londra (203,9k follower, 1,1 milione di like), ma davanti al Rijksmuseum di Amsterdam (111,2k follower, 564,4k like) e al Metropolitan Museum di New York (50,8k follower, 238,5k like)”.

“I numeri dei giovani che vediamo sui social si traducono in visite reali al museo: in questo sta il vero successo degli Uffizi su TikTok. I ragazzi e le ragazze scoprono le nostre opere sui social e poi vengono a conoscerle dal vero in galleria. Questo è confermato dall’aumento della loro presenza in Galleria e da una partecipazione sempre più forte alle nostre iniziative didattiche”, commenta il direttore Eike Schmidt.

L'articolo TikTok delle Gallerie degli Uffizi, oltre un milione di like da www.controradio.it.