Test sierologici: Rossi, “entro domani consegnati 240.000 kit”

Test sierologici: Rossi, “entro domani consegnati 240.000 kit”

Al via i test sierologici in Toscana. Sono 240.000 i nuovi kit che Estar, la centrale acquisti della Regione, ha ordinato. Si sommano a 140.000 destinati ad operatori sanitari, volontariato, forze dell’ordine ed ospiti delle Rsa.

“Entro domani mattina, martedì – tranquillizza il presidente Rossi in un comunicato stampa – i 240.000 nuovi kit saranno consegnati a tutti e 40 i laboratori che effettueranno gli esami alle categorie individuate dall’ordinanza che ho firmato ieri (domenica, ndr)”.
Sono kit sufficienti per almeno 20 giorni, si legge nella stessa nota, in base al numero di esami che ogni laboratorio potrà organizzare in una giornata. La campagna sarà dunque distribuita nell’arco di almeno tre settimane. Se poi di kit ne servissero di più, fanno sapere da Estar, ne saranno acquistati altri, magari allargando ulteriormente la platea.

La scelta di sottoporsi all’esame è volontaria e sono stati stabiliti con l’ordinanza di ieri un perimetro e priorità precise, individuando una lista di lavoratori più esposti al contatto con altre persone. Il costo del test sarà a carico del Servizio sanitario regionale (Ssr).
I contratti con i 40 laboratori individuati e distribuiti in tutta la regione saranno formalizzati da oggi. “Estar ha comunque già comunicato alle strutture – precisa Rossi – che,
pur in assenza della formalizzazione, potranno fin da oggi raccogliere le prenotazioni e da domani iniziare ad erogare i servizi”.

I lavoratori (o le aziende, qualora se ne vorranno fare carico), possono contattare la struttura più vicina al loro luogo di lavoro o residenza per prenotare il test. In caso
di esito positivo o dubbio, sarà obbligatorio a quel punto sottoporsi a tampone: nell’attesa a quel punto ognuno dovrà adottare adeguate misure di cautela e isolamento, informando
anche il proprio medico. I primi 140 mila test erano stati riservati dalla Regione ad tutti gli operatori sanitari – pubblici privati e servizi in appalto – ospiti delle Rsa e residenze per disabili, personale del volontariato impegnato nell’emergenza sanitaria e di protezione sociale, lavoratori delle farmacie, personale degli istituti penitenziari, forze dell’ordine, vigili del fuoco e chiunque fosse impegnato nell’assistenza alla popolazione anziana e fragile. L’elenco si è ampliato con l’ordinanza n. 30 del 19 aprile. Una platea potenziale di 240 mila lavoratori.

Si sono aggiunti gli agenti della Polizia municipale e della Polizia provinciale, chi lavora negli esercizi commerciali e grandi strutture di vendita alimentare e chi è addetto al trasporto delle merci, i lavoratori di aziende pubbliche o private di smaltimento e raccolta dei rifiuti la cui attività implica il contatto con rifiuti potenzialmente infetti e tutta una serie di altri lavoratori che hanno contatti con il pubblico: dipendenti pubblici, dipendenti degli uffici postali, dipendenti dei servizi bancari, finanziari e assicurativi, lavoratori dei servizi a domicilio, lavoratori della editoria e della emittenza radiotelevisiva, edicolanti e librai, operatori del trasporto pubblico locale, tassisti, operatori della logistica, personale dei porti e degli aeroporti. Sono compresi anche operatori delle imprese o agenzie di onoranze funebri, il personale dei porti e degli aeroporti e i lavoratori infine del distretto cartario, che potrà essere un caso pilota di valutazione per i successivi distretti industriali toscani.

L'articolo Test sierologici: Rossi, “entro domani consegnati 240.000 kit” proviene da www.controradio.it.

Test sierologici: definito accordo, 61 laboratori partecipano a screening

Test sierologici: definito accordo, 61 laboratori partecipano a screening

Saranno forniti ai privati dalla Regione 250mila kit e verranno realizzati almeno 10mila tamponi al giorno

“E’ stato definito l’accordo quadro con le rappresentanze dei laboratori privati per l’effettuazione dei test sierologici. Sono 61 i laboratori privati che hanno risposto all’avviso di manifestazione di interesse di Estar dando la propria disponibilità ad effettuare test per conto della Regione ad integrazione del lavoro già fatto dal SSR inserendosi così nella programmazione regionale”. Lo annuncia il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi.

“Un primo blocco di test sierologici – spiega – è in corso di effettuazione da parte del SSR. Si tratta di 140.000 test riservati prioritariamente ai lavoratori della sanità pubblica e privata, agli ospiti delle Rsa e agli operatori delle stesse. L’intervento si esaurirà entro la fine della prossima settimana e consentirà una prima valutazione epidemiologica del passaggio del virus tra le categorie di cittadini più esposte a rischio, come lo è la popolazione più anziana. A questi si sono aggiunte le forze dell’ordine, i volontari e le badanti”.

“Un secondo blocco di cittadini e lavoratori che verrà sottoposto a test sierologico – prosegue Rossi – riguarda i lavoratori impiegati nei servizi essenziali rimasti aperti fin dal Dpcm dell’11 marzo. Sarà data priorità ai lavoratori maggiormente esposti al contatto con altre persone, come i lavoratori della piccola e grande distribuzione alimentare, delle aziende che si occupano della raccolta dei rifiuti, dei dipendenti pubblici che hanno contatto con l’utenza, degli operatori degli uffici postali, bancari, operatori di servizi a domicilio, riders, personale che si occupa di consegne a domicilio, giornalisti, edicolanti, operatori del trasporto pubblico, delle pompe funebri, i tassisti, chi lavora nella logistica in genere, il personale dei consolati e quello portuale. A questi si aggiunge la polizia comunale e provinciale, già compresa dall’ordinanza ma non ancora coinvolta, e il distretto della carta della Lucchesia che ha sempre continuato a lavorare e che potrà fornirci per dimensioni e caratteristiche di insediamento territoriale e produttivo alcune utili indicazioni in merito all’impatto del virus all’interno di un’area industriale ben definita, anche allo scopo di compiere analoghe valutazioni in vista della riapertura di altri distretti. Naturalmente altre categorie dei servizi essenziali potranno essere aggiunte, ma sempre facendo riferimento al Dpcm dell’11 marzo”.

“L’accordo con i laboratori privati, che verrà definito giuridicamente nella giornata di domani, prevede – dice ancora Rossi – che lo screening alle categorie previste in questo secondo blocco sia da loro svolto su indicazione della Regione. La Regione fornirà ai privati che ritengono di aderire a questa iniziativa almeno 250.000 test sierologici a fronte della loro disponibilità ad effettuare almeno 10.000 test al giorno. Oltre a questa attività su commissione del SSR i laboratori privati potranno effettuare altri esami sierologici in forma privata a quei soggetti appartenenti alle categorie di filiera essenziale individuate dal DPCM dell’11 marzo, ad un costo complessivo di circa 25€”.

“Come si è dimostrato nel caso delle Rsa, questa indagine  permetterà di identificare eventuali casi positivi su cui intervenire con tempestività e con provvedimenti di prevenzione, contenimento e osservanza sanitaria.
Nel corso della definizione del contratto, alle rappresentanze dei laboratori è stato chiesto di organizzare il servizio rivolto alle categorie sopra identificate in modo da coprire tutta la regione. E’ importante sottolineare che tutti i dati dello studio epidemiologico verranno raccolti dalla Regione stessa e caricati su una applicazione per studiare la diffusione del virus suddiviso per categorie di lavoratori. Se sommiamo i test in corso per conto del SSR e quelli che stiamo per affidare ai privati siamo di fronte alla più grande iniziativa di screening di massa che sia mai stata affrontata in Italia che ci consentirà di raggiungere ben 400.000 lavoratori tra quelli maggiormente esposti al contagio al fine di tutelare al meglio la loro salute e quella collettiva”.

“E’ bene ribadire – sottolinea Rossi – che non esistono al momento strumenti assoluti che possono risolvere la diagnostica di un caso nuovo e complesso come quello della diffusione del coronavirus. La nostra politica è quella di sviluppare l’uso dei cosiddetti tamponi. E in Toscana, ne abbiamo fatti oltre 80mila. Siamo dell’idea che una maggiore conoscenza del virus, della sua contagiosità e delle sue caratteristiche può derivare proprio dalla complementarietà tra i tamponi e i test sierologici. Questa complementarietà ci permetterà di tracciare una mappa conoscitiva della diffusione del virus sui casi individuali e di comunità, a partire dalle tipologie di lavoratori testati, al fine di da adottare le migliori strategie di contenimento, di prevenzione e di cura per combattere l’epidemia. Da questa indagine – conclude il presidente – emergeranno utili valutazioni per procedere, d’intesa con il governo nazionale, all’organizzazione della fase 2, che dovrà mettere al primo posto la salute dei lavatori e dei cittadini. Nella giornata di domani verranno definite le questioni organizzative per coinvolgere maggiormente le aziende interessate a partecipare all’indagine”.

L'articolo Test sierologici: definito accordo, 61 laboratori partecipano a screening proviene da www.controradio.it.

Coronavirus Toscana: 173 nuovi casi e 4476 tamponi, 16 decessi

Coronavirus Toscana: 173 nuovi casi e 4476 tamponi, 16 decessi

Sono 173 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Toscana a ventiquattro ore dal precedente bollettino, analizzati nei laboratori toscani; e 16 i nuovi decessi.

In calo il numero di decessi: 16, rispetto ai 23 di ieri. Continua il trend negativo dei ricoveri ordinari (-28 rispetto a ieri); e anche di quelli in terapia intensiva (-4).

Ad oggi sono dunque 6.552 i contagiati dall’inizio dell’emergenza. 149 sono finora le guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”, risultati negativi al test ripetuto per due volte a distanza di 24 ore), 292 le guarigioni cliniche (senza più sintomi ma non ancora negativizzati) e 408 i decessi. I casi attualmente positivi in cura rimangono dunque 5.703. Ad oggi, le guarigioni (virali e cliniche), 441, superano il numero di decessi: 408. Spetterà in ogni caso all’Istituto superiore di sanità attribuire le morti al Coronavirus: nella quasi totalità dei casi, si tratta infatti di persone che avevano patologie concomitanti.

In Toscana nelle ultime 24 ore sono stati registrati 16 decessi, che vanno ad aggiungersi ai 392 registrati fino a ieri, per un totale di 408 decessi dall’inizio dell’epidemia. Indichiamo qui la suddivisione dei decessi in base alla provincia di domicilio, informazioni sui singoli decessi possono essere chieste agli uffici stampa delle aziende sanitarie. 8 decessi in provincia di Firenze; 1 Prato; 1 Pistoia; 2 Pisa; 1 Lucca; 2 Massa Cararra; 1 Arezzo.

Per quanto riguarda i ricoveri, ad oggi sono 1.038 (ordinari), e 256 in terapia intensiva.

Di 6.552 casi fino ad oggi risultati positivi al test, questa è la suddivisione per provincia di segnalazione, che non sempre corrisponde necessariamente a quella di residenza: 1.961 Firenze, 457 Pistoia, 355 Prato (totale Asl centro: 2.773), 979 Lucca, 790 Massa-Carrara, 606 Pisa, 353 Livorno (totale Asl nord ovest: 2.728), 292 Grosseto, 360 Siena, 399 Arezzo (totale sud est: 1.051).

Dal 1° febbraio ad oggi nei laboratori toscani sono stati effettuati in tutto 65.461 tamponi, su 57.515 persone (in alcuni casi sono stati effettuati più test per lo stesso paziente). Solo nelle ultime 24 ore, sono stati fatti 4.476 tamponi. Questo aumento si deve al fatto che il numero di laboratori impegnati nel processare i tamponi è ancora salito. Attualmente i laboratori sono 13: ai tre laboratori di microbiologia e virologia delle tre aziende ospedaliero universitarie di Careggi, Pisa e Siena, in funzione dall’inizio di febbraio, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti infatti altri 10: Ispro (Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica), i laboratori di Arezzo e Grosseto (Asl sud est), Livorno, Lucca e 2 a Massa (Asl nord ovest), Prato (Asl centro), Meyer, più un laboratorio privato.

Dal monitoraggio giornaliero sono invece 16.240 le persone in isolamento domiciliare in tutta la Toscana: 7.884 nella Asl centro, 7.050 nella Asl nord ovest, 1.306 nella Asl sud est.

Si stanno esaurendo i reagenti a disposizione, necessari per processare i test (consegna settimanale di 10 mila normalmente).  Per accelerare i tempi della consegna, un mezzo di Estar andrà stasera a ritirare una quantità doppia di reagenti, 20.000 pezzi, che consentirà di riprendere regolarmente con i test. Con questa ripresa regolare dei test, nei prossimi giorni si potrà quindi verificare un nuovo aumento di casi positivi.

L'articolo Coronavirus Toscana: 173 nuovi casi e 4476 tamponi, 16 decessi proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: Toscana, primi 90.000 test sierologici alle Asl

Coronavirus: Toscana, primi 90.000 test sierologici alle Asl

Da domani 8 aprile, i primi 91.889 del totale dei test sierologici (140.000) acquistati da Estar, l’Ente di supporto tecnico amministrativo che fa gli acquisti per tutta la Regione Toscana, saranno distribuiti alle Aziende sanitarie, così come previsto dall’ordinanza del presidente Rossi dello scorso 3 aprile. Si tratta, annuncia la Regione Toscana, di Test rapido immunocromatografico per la rilevazione qualitativa di anticorpi IgG e IgM del virus SARS-CoV-2 in campioni umani di sangue intero (anche da pungidito), siero o plasma.

Le consegne successive, spiega una nota, saranno effettuate a tutti i soggetti indicati dalla stessa ordinanza che prevede di eseguire i test sierologici rapidi, in ragione del maggior rischio espositivo e della esigenza di tutela della salute pubblica, nonché dell’attuale disponibilità dei test, dando priorità a: operatori sanitari e soggetti operanti a vario titolo nelle Aziende ed Enti del Ssr, operatori nelle strutture sanitarie private e di altri Enti nel territorio regionale; operatori e ospiti delle strutture socio-sanitarie e di accoglienza, con particolare riferimento alle Rsa e Rsd; personale del volontariato impegnato nella emergenza sanitaria e di protezione sociale in genere; farmacie; personale addetto agli Istituti penitenziaria, con particolare attenzione al personale sanitario; forze dell’ordine e vigili del fuoco; chiunque, in forma singola o associata, svolga un’attività lavorativa di assistenza o sostegno alla popolazione anziana e/o fragile.

L'articolo Coronavirus: Toscana, primi 90.000 test sierologici alle Asl proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: Pisa, atterrati cargo con 11 mln di mascherine

Coronavirus: Pisa, atterrati cargo con 11 mln di mascherine

Sono atterrati all’aeroporto “Galilei” di Pisa un Boeing 757 e un Boeing 777 provenienti dalla Cina con a bordo 11 milioni di mascherine, 400 mila kit per i test, 230 maschere per i respiratori, mille mascherine da isolamento, 100 monitor e 80 mila tute sanitarie.

I dispositivi sanitari, acquistati in gran parte da Regione Toscana e Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze, per un valore complessivo di oltre 20 milioni di euro, saranno soprattutto destinati a Estar, che li distribuirà negli ospedali toscani per fronteggiare
l’emergenza Covid-19.
Il materiale, si legge in una nota di Toscana Aeroporti, “sarà trasportato da Pisa a Firenze per l’espletamento delle pratiche doganali e reso immediatamente disponibile a Estar per provvedere alla distribuzione nelle strutture del territorio: i dispositivi di oggi si aggiungono ai 42 ventilatori arrivati domenica 29 scorsa a Firenze, acquistati da Fondazione Cr Firenze, Toscana Aeroporti e dall’associazione Amici del Pronto Soccorso con Amici di Firenze”.

L'articolo Coronavirus: Pisa, atterrati cargo con 11 mln di mascherine proviene da www.controradio.it.