Estate Fiorentina, al via il bando per gli spazi estivi

Estate Fiorentina, al via il bando per gli spazi estivi

Firenze, al via il bando per gli spazi estivi per l’Estate Fiorentina, da segnalare che oltre alle assegnazioni triennali già assegnate negli anni scorsi, quest’anno ce ne saranno di nuove.

Il bando per l’Estate Fiorentina, spiega infatti Palazzo Vecchio, seleziona i soggetti interessati alla concessione degli spazi: oltre alle concessioni triennali dello scorso anno che rimangono in vigore (Ponte San Niccolò-Lungarno Pecori Giraldi; Lungarno del Tempio riva sinistra sbocco Affrico; Lungarno del Tempio riva destra sbocco Affrico; Parco dell’Anconella; Giardino dell’Orticoltura; Giardino delle Rose; Anfiteatro delle Cascine-Prato delle Cornacchie; Piazza San Marco) ora saranno in lizza nuove assegnazioni 2022-2024 per Area Parterre; Giardino Niccolò Galli (Viale M. Fanti); Fortezza da Basso-Vasca dei Cigni; Piazza dei Tre Re; Piazza Tasso; Giardino di Via Salvi Cristiani; Piazza delle Murate.

Le domande dovranno pervenire, in un plico sigillato, alla Direzione Cultura e Sport entro e non oltre le ore 13.00 dell’11 maggio 2022. Le nuove aree oggetto del bando saranno assegnate con possibilità di rinnovo per tre anni a seguito di valutazione dei risultati conseguiti e della persistenza dell’interesse pubblico.

“Questi spazi estivi – sottolinea il sindaco e assessore alla cultura Dario Nardella – sono diffusi in tutta la città, mescolano aree di pregio a luoghi popolari e consentono di distribuire organicamente le proposte culturali estive senza concentrazioni in zone centrali”.

I concorrenti interessati a partecipare al bando dovranno presentare una proposta artistico culturale e ricreativa per un solo spazio estivo, da svolgersi nel periodo primaverile-estivo del triennio 2022-2023-2024. Dovrà essere previsto un direttore artistico che curi la programmazione; dovranno essere previste costanti attività di informazione e sensibilizzazione nei confronti dei fruitori degli spazi estivi per il mantenimento di comportamenti rispettosi della quiete pubblica, dell’ambiente e del decoro urbano; le attività culturali dovranno avere accesso libero e gratuito.

Solo per eventi di particolare prestigio artistico culturale, quale contributo alla copertura dei costi complessivi degli stessi, potrà essere prevista la bigliettazione, previo assenso da parte dell’Amministrazione comunale, nel numero massimo di cinque eventi per periodo di gestione.

Ogni attività dovrà essere svolta nel rispetto della vocazione culturale e ambientale del luogo. Inoltre, tutte le attività dovranno svolgersi nel rispetto dei limiti di legge in materia di inquinamento acustico previsti dal Piano Comunale Classificazione Acustica, salvo l’acquisizione delle necessarie autorizzazioni e deroghe eventualmente rilasciate dalla Direzione Ambiente.

A ciascun assegnatario saranno assegnati limiti orari e altre modalità di esercizio delle attività, anche tenendo conto di eventuali indicazioni della Cabina di monitoraggio sulla movida.

L'articolo Estate Fiorentina, al via il bando per gli spazi estivi da www.controradio.it.

Estate Fiorentina 2022, “Finanziamento più alto da quando esiste”

Estate Fiorentina 2022, “Finanziamento più alto da quando esiste”

Firenze, il sindaco di Firenze, Dario Nardella è intervenuto a sorpresa ad un webinar di approfondimento rivolto alle associazioni culturali, dove venivano illustrate le principali novità dell’avviso pubblico per partecipare all’Estate fiorentina, svelando alcune novità della versione di quest’anno della lunga manifestazione di cultura e spettacolo estiva del capoluogo toscano.

“Abbiamo una disponibilità economica complessiva, se sommiamo le risorse provenienti dai fondi europei, con le risorse proprie del Comune di Firenze, abbiamo un budget a disposizione decisamente rilevante – ha detto il sindaco di Firenze – credo che sia forse il finanziamento più alto che sia mai raggiunto per l’estate Fiorentina, da quando esiste la rassegna dell’estate Fiorentina”.

In podcast  un estratto dell’intervento del sindaco di Firenze Dario Nardella.

“Avremo quindi questi due binari, quello degli eventi a ingresso gratuito, e quelli degli eventi a pagamento. Abbiamo trovato questa formula proprio per venire incontro da un lato alle richieste e alle proposte e progetti degli operatori culturali, dall’altro per rispettare gli indicatori stabiliti dall’Unione Europea e poter utilizzare queste risorse, questi soldi”.

“Questi fondi hanno bisogno di un meccanismo di rendicontazione particolare che è diverso da quello che si fa per il Comune di Firenze, e quindi sarà necessario avere una speciale attenzione anche agli aspetti procedurali amministrativi”.

“Il programma artistico in realtà era stato già impostato dall’assessore Sacchi prima di lasciare Firenze, ed è confermato. Ci sono anche alcune novità significative: c’è tutto questo cluster dedicato agli scrittori, c’è questo Cluster dedicato alle piazze dei libri, ci sono appunto le ricorrenze e anche in riferimento a Bandabardò, ci sono insomma molti, molti aspetti che coniugano diciamo la cultura Pop con la cultura intesa a 360 gradi, nella tradizione dei nostri territori, con uno sguardo a livello nazionale. Io sono convinto che possa emergere un programma molto interessante, ci sono tra i criteri di valutazione anche alcune novità, per esempio una attenzione particolare ai giovani, ci sono dei riferimenti ai quartieri, quindi portare sempre di più l’Estate Fiorentina nel territorio metropolitano, nel territorio metropolitano ovviamente del Comune di Firenze, perché la cultura sia una grande leva di aggregazione di socialità”.

“Probabilmente dopo questi due anni torniamo a una Estate Fiorentina vera, piena, che non sia quella che purtroppo abbiamo conosciuto in questi ultimi due anni con molte limitazioni e restrizioni”.

Ricordiamo che ‘Genius Loci‘, la rassegna organizzata da Controradio, dall’associazione Controradio Club e dall’Opera di Santa Croce, sarà parte anche quest’anno dell’Estate Fiorentina.

L'articolo Estate Fiorentina 2022, “Finanziamento più alto da quando esiste” da www.controradio.it.

Presentata l’Estate Fiorentina 2022: concerto dedicato a Erriquez e rassegna anni’80

Presentata l’Estate Fiorentina 2022: concerto dedicato a Erriquez e rassegna anni’80

Ecco l’Estate Fiorentina 2022, con un budget record che arriva fino quasi a 1,5 milioni di euro. L’omaggio a Enrico Greppi in arte Erriquez, il Genius Loci di Controradio, un focus su libri e letteratura, il ritorno dei 15 grandi festival e una rassegna sugli Anni Ottanta.

Saranno questi i tratti salienti dell’Estate Fiorentina 2022, dal 1 giugno al 30 settembre. La delibera  è appena stata approvata dalla giunta comunale e il bando per accedere ai contributi sarà online alla metà di febbraio, sulla rete civica del Comune. L’edizione 2022 sarà dedicata a Enrico Greppi, in arte Erriquez, cantautore e musicista fiorentino cofondatore del gruppo musicale Bandabardò, prematuramente scomparso il 14 febbraio 2021.

Riprendendo proprio una strofa dell’artista, l’Estate sarà intitolata “Tre passi avanti…” e a lui sarà dedicato il concerto inaugurale della rassegna, con il coinvolgimento dei componenti della Bandabardò e di artisti nazionali e/o internazionali che intendono rendergli omaggio.

Il bando prevede tre sezioni: 1) Eventi culturali e artistici diffusi con ingresso gratuito; 2) Eventi culturali e artistici diffusi con ingresso a pagamento; 3) e tre grandi eventi tematici con ingresso gratuito.

Oltre al già citato concerto inaugurale per Erriquez, ritornerà il Genius Loci di Controradio. Poi una rassegna dedicata agli anni Ottanta, con una serie di eventi culturali e artistici in grado di ricreare atmosfere e suggestioni della musica new wave, e di ricordare la creatività di quel decennio che coinvolse varie espressioni artistiche (teatro, moda, fotografia, arte).

Il progetto “Letteratura 1922-2022” pensato in occasione della ricorrenza del centenario dalla nascita di sei dei più grandi scrittori e intellettuali del Novecento italiano, nati nell’anno 1922: Luigi Meneghello, Beppe Fenoglio, Pier Paolo Pasolini, Raffaele La Capria, Giorgio Manganelli e Luciano Bianciardi. Per loro saranno organizzati una serie di eventi come incontri letterari, lectio magistralis, letture, spettacoli, concerti musicali e eventi artistici collaterali al fine di trasmettere, con linguaggi contemporanei, questa eredità letteraria alle nuove generazioni.

Per quanto riguarda il bando questo privilegerà, oltre alla qualità della proposta artistica, anche il decentramento nei quartieri, la capacità di coinvolgere giovani, anziani e disabili, di promuovere temi come l’ambiente e i luoghi meno turistici, gli eventi programmati nel mese di agosto. In aggiunta ci sarà una rassegna dedicata alla promozione della lettura organizzata dalla Direzione cultura e chiamata ‘Le piazze dei libri’ che coinvolgerà le librerie fiorentine in incontri e dibattiti in vari luoghi della città.

Torneranno poi i consueti 15 grandi Festival, già selezionati e che si svolgeranno fino al 2023. Florence Jazz Festival; Secret Florence, Apriti cinema; Genius loci di Controradio; Firenze dall’alto; Musart; Florence Dance Festival; Concerti sui sagrati; La città dei lettori; Festival au desert; Lattexplus; Copula mundi; Florence Folk Festival; Brass week festival; Cirk Fantastik.

genius loci 2021
Genius Loci 2021

“Abbiamo deciso – ha dichiarato il sindaco Dario Nardella – di aumentare ulteriormente l’investimento complessivo sull’Estate malgrado le difficoltà degli ultimi anni dovute alla pandemia. Siamo profondamente convinti che gli spettacoli, la musica, il cinema, il teatro e la danza siano cardini imprescindibili, motore dell’accrescimento culturale e morale delle persone. Il risultato è che mai ci sono state così tante risorse, un record. Uno sforzo straordinario per rispondere alla difficile situazione che ha vissuto e sta vivendo la cultura per le limitazioni del Covid”.

“Siamo molto orgogliosi – ha aggiunto – che una manifestazione come questa si sia così consolidata negli anni e che sia riuscita a farsi conoscere ed apprezzare anche fuori dai confini fiorentini”.

 

L'articolo Presentata l’Estate Fiorentina 2022: concerto dedicato a Erriquez e rassegna anni’80 da www.controradio.it.

🎧 L’Estate Fiorentina ’21 finita, Estate fiorentina ’22 dedicata ad Erriquez

🎧 L’Estate Fiorentina ’21 finita, Estate fiorentina ’22 dedicata ad Erriquez

Con una conferenza stampa dell’assessore alla cultura Tommaso Sacchi, si chiude, con un milione di presenze, l’Estate Fiorentina 2021, ma già si pensa al prossimo anno: il titolo del 2022 sarà “tre passi avanti”, per evidenziare una ripartenza di slancio dopo il Covid, ma anche come omaggio ad una canzone della Bandabardò e ad Erriquez, a cui sarà dedicata la prossima Estate ma anche un evento specifico.

Tra le altre novità annunciate dall’assessore alla cultura Tommaso Sacchi per l’Estate Fiorentina ’22, una premialità per le associazioni che organizzeranno eventi ad agosto, dicembre e un grande spettacolo sugli anni Ottanta, l’avviso pubblico per i contributi in uscita già a dicembre.

In podcast l’intervista all’assessore Sacchi, a cura di Gimmy Tranquillo.

Sulle novità 2022, Sacchi ha annunciato dunque un concerto dedicato a Erriquez della Bandabardò, recentemente scomparso, e ‘Firenze back to ‘80’, una retrospettiva multidisciplinare e diffusa dedicata a quel decennio. Ci sarà anche un progetto letterario su alcuni scrittori nati nel 1922 di cui ricorre il centenario della nascita, tra cui Pasolini, Bianciardi e Fenoglio.

Nel bando, che uscirà in anticipo rispetto al passato ovvero a dicembre, saranno premiati progetti che si svolgeranno in periferia, quelli che sfrutteranno anche le tecnologie in digitale e quelli che prevederanno eventi in agosto, mese tradizionalmente più ‘vuoto’. Novità anche in piazza del Carmine: dopo il fortunato esordio del ‘salotto letterario’, il prossimo anno l’evento diverrà più strutturato con nuove presentazioni di libri e piccola caffetteria. A Santo Spirito torneranno invece i concerti sul sagrato.

“Abbiamo scelto – ha dichiarato l’assessore Sacchi – di mantenere l’investimento di un milione di euro sull’Estate malgrado i danni della pandemia perché siamo profondamente convinti che la cultura, gli spettacoli, il cinema, il teatro e la danza siano cardini imprescindibili della ripartenza. Quindi la manifestazione è costata un euro a partecipante ma ha prodotto 2,4 euro come ritorno dato che il valore dei progetti è di due milioni e 400 mila euro. Siamo molto orgogliosi che una manifestazione come questa sia così cresciuta negli anni e che sia riuscita a farsi conoscere ed apprezzare anche fuori dai confini fiorentini”.

L’Estate 2021 ha visto oltre 1 milione di presenze, 1200 eventi, 142 soggetti coinvolti, 15 tra festival e grandi rassegne (che hanno visto partecipare oltre 600mila persone), 16 spazi estivi sparsi per la città, il tutto spalmato in quattro mesi di intensissima programmazione. Organizzata da MUS.E con una grafica studiata appositamente dagli studenti di IED Firenze, l’Estate Fiorentina 2021 ha visto premiati i progetti che hanno privilegiato la capacità di rivitalizzare le aree periferiche della città, di animare gli spazi culturali cittadini o le biblioteche anche decentrate e le attività legate alle celebrazioni dantesche 2021, in occasione del settimo centenario dalla morte del Sommo Poeta portando appuntamenti in tutti e cinque i quartieri della città. Coinvolte tutte le biblioteche comunali e poi il Parco delle Cascine con la Manifattura Tabacchi, la neonata Ultravox Arena, il P.A.R.C, PIA Palazzina Indiano Arte e il Teatro del Maggio senza dimenticare il Forte Belvedere, con le mostre e gli eventi.

E poi i 16 spazi dell’estate, grandi catalizzatori di attenzione, dove sono stati realizzati più di 1000 eventi in quattro mesi e hanno visto circuitare circa 6mila persone al giorno: dal Circolo Aurora a Molo Firenze, alla Limonaia di Villa Strozzi all’Off bar nel giardino della Fortezza da Basso, da La Toraia al Giardino delle Rose, dall’Anconella Garden al Giardino Artecultura, da River Urban Beach a Light Giardino di Marte, da Le Murate a La Montagnola a Coverciano, dalle Serre Torrigiani in piazzetta al Fiorino sull’Arno fino a San Marco Music Garden e al Villaggio Ultravox.

Grande successo per i 15 grandi festival dell’estate (La città dei lettori, Festival Toscana Classica, Musart, Future Perfect, Apriti cinema, Cirk Fantastik, Genius, Lattexplus, Italian Brass Week, Secret Florence, Florence Folks Festival, Firenze dall’alto, Festival au desert, Copula mundi e Florence Jazz Festival) che saranno riconfermati.

L'articolo 🎧 L’Estate Fiorentina ’21 finita, Estate fiorentina ’22 dedicata ad Erriquez da www.controradio.it.

Morto Sylvano Bussotti a pochi giorni dal 90esimo compleanno

Morto Sylvano Bussotti a pochi giorni dal 90esimo compleanno

E’ morto a pochi giorni dal suo 90/o compleanno il compositore Sylvano Bussotti. A darne notizia il coniuge Rocco Quaglia, la nipote Michela e le rispettive famiglie.

Bussotti, nato a Firenze, da circa un paio di mesi era in cura in una residenza per anziani d Milano. E proprio Firenze si stava preparando a festeggiare i 90 anni del compositore e artista nato nel capoluogo toscano il primo ottobre 1931, con cinque giorni dedicati alla sua vasta produzione artistica, pensati per omaggiare la figura dell’artista, ma anche dell’uomo.

L’evento dal titolo ’90Bussotti. Ascolti e visioni su Sylvano Bussotti‘, in programma dal 20 al 25 settembre 2021, nell’ambito dell’Estate Fiorentina, spiegano gli organizzatori, si terrà ugualmente, per celebrarne la memoria.

Dal sito ufficiale www.sylvanobussotti.it

Nato a Firenze il 1 ottobre 1931. Inizia lo studio del violino con Margherita Castellani ancora prima di compiere i cinque anni di età. Al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze studierà l’armonia e il contrappunto con Roberto Lupi e il pianoforte con Luigi Dallapiccola: studi che interromperà a causa della guerra, senza conseguire alcun titolo di studio.
Determinanti, per la sua educazione, il  fratello Renzo e lo zio materno Tono Zancanaro, pittori entrambi e, più tardi, l’incontro con il poeta Aldo Braibanti. Dal 1949 al 1956 approfondisce, da autodidatta, lo studio della composizione. A Parigi, nel periodo che va dal 1956 al 1958, frequenta i corsi privati di Max Deutsch, incontra Pierre Boulez Heinz-Klaus Metzger, che lo condurrà a Darmstadt, dove conosce  John Cage.
Inizia in Germania, nel 1958, l’attività pubblica, con l’esecuzione delle sue musiche da parte del pianista David Tudor, seguita dalla presentazione a Parigi di brani eseguiti da Cathy Berberian sotto la direzione di Pierre Boulez.
L’Universal Edition e, successivamente, gli editori Moeck Bruzzichelli pubblicano in quegli anni alcune sue partiture. Sarà infine con Casa Ricordi, che nel 1956,  Bussotti stringe un importante  rapporto editoriale.
Soggiorna in U.S.A. nel 1964-65, invitato dalla Fondazione Rockfeller Buffalo New York, dopo il conferimento di tre premi da parte della SIMC negli anni 1961, 1963 e 1965. Nel 1967 riceve il premio “all’Amelia” della Biennale Di Venezia; nel 1974  il premio “Toscani d’Oggi” e nel 1979 il premio Psacaropulo a Torino. A Berlino, nel 1972, risiede per un anno, ospite delle DAAD per la Fondazione Ford.   E’ stato direttore artistico del Teatro La Fenice di Venezia e del Festival Pucciniano di Torre del Lago. Ha insegnato storia del teatro musicale all’Accademia di Belle Arti a l’Aquila. Nel 1980 è stato docente di composizione e analisi alla Scuola di Musica di Fiesole, direttore della sezione Musica alla Biennale di Venezia dal 1987 al 1991.
Fin da ragazzo lavora alla composizione musicale cosi come al disegno e alla pittura; sue mostre d’arte si allestiscono in vari paesi del mondo. Dall’attività concertistica si sviluppa l’esperienza teatrale che lo porta ad occuparsi di  cinema e di televisione . Dal 1965 l’aspetto fondamentale della sua attività è costituito da spettacoli di teatro musicale, sintesi della propria esperienza creativa realizzati nell’ambito del BUSSOTTIOPERABALLET, nome abbreviato in B.O.B. da lui fondato a Genazzano nel 1984 e che allestisce concerti, spettacoli, mostre d’arte e manifestazioni di ampio respiro internazionale.
Sylvano Bussotti è Accademico dell’Accademia Filarmonica Romana, Accademico di S. Cecilia, Cavaliere dell’ordine di Marck Twain, Cavaliere di Micky Mause, Cittadino Onorario della Città di Palermo Commandeur de l’Ordre des Artes e des Lettres dello Stato Francese.

 

L'articolo Morto Sylvano Bussotti a pochi giorni dal 90esimo compleanno da www.controradio.it.