Giani: aggiusteremo riforma sanitaria

Giani: aggiusteremo riforma sanitaria

 “Condivido la necessità di aggiustare qualche tratto dell’impalcatura della riforma sanitaria che approvammo nel 2015”. Lo ha affermato Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana e candidato a presidente della Regione per il centrosinistra, a margine dell’inaugurazione di una mostra dedicata ad Antonio Possenti.

Per Giani servono “nient’altro che integrazioni e messe a punto, non la rivoluzione di quell’impostazione, tutt’altro.
Però sulla necessità di riportare il nostro sistema sanitario più vicino al territorio, laddove magari abbiamo fatto delle corse troppo avanti in nome dell’efficienza e abbiamo perso un po’ la percezione delle esigenze che venivano dei cittadini e degli operatori sul territorio, sono anch’io d’accordo. Che questo si riesca a realizzare costituendo 5 Asl invece di 3, o dando un maggior potere alle aree distretto, o evidenziando la figura del responsabile dell’ospedale, e parlo non delle tre aziende universitarie ma parlo degli ospedali presenti sul territorio, questo lo vedremo”.

Sui punti programmatici “troveremo chiaramente un’intesa, perché sono tutti fattibili”. Lo ha detto Eugenio Giani, candidato a presidente della Regione Toscana per il centrosinistra, a proposito della possibilità di un accordo di coalizione con i partiti che non hanno firmato il documento che lo indica come candidato.
“Quello che è importante – ha spiegato Giani, a margine dell’inaugurazione di una mostra dedicata ad Antonio Possenti – è il valore politico che la sinistra può avere nel consentire di vedere una coalizione” che vada dalle forze centriste fino “alle forze della sinistra più ‘intensa’ da un punto di vista delle proposte politiche di carattere culturale e programmatico”.
Dunque “io raccolgo – ha concluso Giani – il documento che Articolo Uno ha fatto e ha pubblicato proprio ieri, nel dire che faremo di tutto per mettere insieme una coalizione che dia alla Toscana la luce di una vasta alleanza che si propone come alternativa al centrodestra”.

L'articolo Giani: aggiusteremo riforma sanitaria proviene da www.controradio.it.

Giani: per regionali auspico coalizione larga con intera sinistra

Giani: per regionali auspico coalizione larga con intera sinistra

“Con la sinistra c’è un rapporto molto costruttivo”, ha detto Giani, spiegando di voler dare “un grande valore politico al rapporto con la sinistra: al di là dei temi programmatici è importante che a queste elezioni ci si presenti con una coalizione progressista e di centrosinistra”.

“Confido che la coalizione possa essere una larga coalizione che da partiti più moderati e vicini al centro comprenda tutta la sinistra”. A dirlo Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana e candidato governatore del centrosinistra, parlando a Siena in un evento del Pd locale. “Con la sinistra c’è un rapporto molto costruttivo”, ha aggiunto Giani, spiegando di voler dare “un grande valore politico al rapporto con la sinistra: al di là dei temi programmatici è importante che a queste elezioni ci si presenti con una coalizione progressista e di centrosinistra”.

Ieri Giani ha anche incassato l’endrosement del presidente uscente della Regione, Enrico Rossi.  “Ho qui davanti, come io mi auguro, il futuro nuovo presidente della Toscana” ha detto Rossi riferendosi a Giani, con cui era ieri Pomarance (Pisa) in un incontro sul tema della geotermia.

“Sono molto contento e soddisfatto”, “è il modo per iniziare forti e uniti questa campagna elettorale” ha ribattuto  Giani.

Che è anche intervenuto sul quadro politico generale. “Ho la sensazione che nella partita per il governo della Toscana i 5Stelle non ci siano. I sondaggi non li danno nemmeno al 10 per cento” ha detto Giani “I 5 stelle li vedo molto in difficoltà, hanno perso un po’ quella dimensione valoriale che aveva affascinato la gente”, ha concluso il candidato del PD.

 

L'articolo Giani: per regionali auspico coalizione larga con intera sinistra proviene da www.controradio.it.

Regionali Toscana: iniziato confronto ‘interlocutorio’ con sinistra, i commenti

Regionali Toscana: iniziato confronto ‘interlocutorio’ con sinistra, i commenti

“Un primo incontro interlocutorio” ma comunque “positivo” con le sigle della sinistra con cui “a questo punto si viene a creare un rapporto in modo diretto che conseguentemente troverà un punto di verifica importante in quello che da parte di quest’area sarà un’assemblea che mi hanno preannunciato terranno il 18 gennaio”. Lo ha detto Eugenio Giani, presidente del Consiglio toscano e candidato governatore per il centrosinistra alle regionali, parlando con i giornalisti al termine di un incontro con Sinistra italiana, Articolo 1 e 2020 a Sinistra.

Le tre forze, secondo quanto riporta l’ANSA, “decideranno se e come sostenere Giani” in occasione dell’assemblea del 18 gennaio. Giani ha ricordato che “questa area di sinistra non aveva sottoscritto il documento finale” per la coalizione di centrosinistra, e che oggi “è stata la prima volta che il sottoscritto, come candidato presidente della coalizione, ha avuto uno scambio di idee, una possibilità di approfondimento dei vari temi. Quindi sotto questo aspetto, pur ritenendo quella di oggi una occasione interlocutoria, do una valutazione a mio giudizio positiva”.
Giani ha spiegato che durante l’incontro “siamo entrati anche a fondo su alcuni temi ma non possiamo parlare né di offerte né di risposte. Era un trovare una lunghezza d’onda per affrontare i problemi, per poter mettere insieme una coalizione più larga possibile, ben radicata anche a sinistra oltre che sul versante più moderato e riformista per affrontare una competizione elettorale col centrodestra a maggio”.
Simone Bartoli, coordinatore regionale di Articolo 1, intervistato da Raffaele Palumbo dice: “Ieri c’è stato questo primo incontro interlocutorio, siamo partiti col piede giusto anche se di strada ne dobbiamo fare molta. A Giani abbiamo ribadito che non c’è piaciuto il percorso del Pd che ha portato alla sua candidatura e che è una scelta che guarda alla partaemoderata più che alla sinistra.  Avevamo chiesto di fare primarie, inspiegabilmente negate e siamo dunque arrivati a questo punto cercando di capire direttamente col candidato quali sono i margini per rientrare nella coalizione a partire dalle questioni programmatiche”.

 

L'articolo Regionali Toscana: iniziato confronto ‘interlocutorio’ con sinistra, i commenti proviene da www.controradio.it.

Giani: da parte mia massima apertura alla sinistra

Giani: da parte mia  massima apertura alla sinistra

Giani si è detto “positivamente colpito dai risultati dei sondaggi, anche più sondaggi, che mi danno in vantaggio sull’ipotetico candidato del centrodestra; ancora sono ipotesi, non è ben determinato quale sarà”.

“Voglio approfondire quelle ragioni di unione che hanno visto le 15 forze politiche presenti a sostenermi” ma c’è “massima apertura all’incontro anche con gli altri, anche con quelle forze come Articolo 1 e 2020 a Sinistra che avevano partecipato all’elaborazione del programma e poi non lo avevano sottoscritto: io auspico che lo sottoscrivano nei giorni successivi”. Lo ha affermato Eugenio Giani, indicato come candidato presidente del centrosinistra per la Regione Toscana, a margine di una conferenza stampa.
“Comunque sia – ha aggiunto – in questo momento devo andare avanti con le 15 forze che lo hanno sottoscritto, e devo dire che in questi giorni sto trovando tanto entusiasmo in tutto il, magmatico, ma in questo caso compatto, mondo del centrosinistra, con un’impostazione che si apre alla transizione ecologica che il nostro modello di sviluppo vedrà nei prossimi anni”. Giani si è detto “positivamente colpito dai risultati dei sondaggi, anche più sondaggi, che mi danno in vantaggio sull’ipotetico candidato del centrodestra; ancora sono ipotesi, non è ben determinato quale sarà”.
Giani ha poi annunciato che da oggi darà avvio a “un lavoro di elaborazione programmatica a partire dal programma che ha visto la sottoscrizione dei 15 leader dei partiti del centrosinistra che vi hanno aderito”. “Da qui al 6 di gennaio voglio incontrarli tutti, raccogliere il loro contributo e approfondire maggiormente i temi programmatici che caratterizzano la coalizione, in modo da essere pronto quando riprenderà l’attività dal 7 gennaio”, ha spiegato, annunciando che le consultazioni partono oggi “con l’incontro con la Sinistra civica di Giacomo Trentanovi e degli altri sindaci, nel tardo pomeriggio vedrò +Europa, e quindi parto da queste due forze politiche. Il 27 abbiamo fissato con i Verdi; le altre forze politiche mi hanno fatto la richiesta ma non abbiamo ancora fissato una data, ma ripeto, tutti e 15 li incontrerò in questi 15 giorni”.
Stamattina, ha detto Giani, “ci siamo sentiti con Graziano Cioni che mi ha molto incoraggiato nel mio tentativo: mi fa piacere perché Graziano Cioni alle elezioni di maggio con Nardella aveva dato vita a una lista da sinistra rispetto alla coalizione di centro-sinistra. Mi ha detto che invece questa volta vuol convergere su un centro-sinistra che abbia la mia guida, e conseguentemente sono molto contento di questo”.

L'articolo Giani: da parte mia massima apertura alla sinistra proviene da www.controradio.it.

Regionali: Toscana; Giani, forze sinistra stiano con noi 

Regionali: Toscana; Giani, forze sinistra stiano con noi 

“In Toscana se si vuole buongoverno, capacità operativa ed efficienza, questa è la coalizione, e io cercherò sempre più di allargarla in questo caso con un appello che faccio alle forze di sinistra, affinché possano essere insieme a noi per costruire la Toscana del futuro”. Lo ha detto Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana, il cui nome è stato indicato ieri da 15 partiti e movimenti, senza ‘2020 a Sinistra’, ‘Sinistra Italiana’ e ‘Articolo 1’, come candidato presidente della Regione per il centrosinistra.

“E’ molto importante che a fronte di questa coalizione che si è costituita ci sia non la porta aperta verso ‘2020 a Sinistra’, ma la volontà di continuare un confronto per poter arrivare a dirimere quegli aspetti che hanno impedito ieri la firma” del documento del centrosinistra, ha spiegato Giani a margine dell’inaugurazione del nuovo tratto dell’asse stradale Mezzana-Perfetti Ricasoli. “E’ stato molto bello il clima – ha aggiunto – ieri sera sono andato poi alla fine in via Forlanini, ho potuto confrontarmi. E’ vero, ‘2020 a Sinistra’ non ha sottoscritto il documento, però, immediatamente dopo la riunione, ho avuto modo anche con loro di confrontarmi”.
“Faccio un grande in bocca al lupo a Eugenio Giani affinché la sua candidatura venga a questo punto formalizzata e condivisa ufficialmente al più presto”. Lo ha affermato Dario Nardella, sindaco di Firenze, parlando degli esiti del tavolo del centrosinistra di ieri per le elezioni regionali del 2020 in Toscana, che ha visto la sottoscrizione di un documento unitario senza le firme di ‘2020 a Sinistra’, ‘Sinistra Italiana’ e ‘Articolo 1’. “Anche io purtroppo – ha ricordato Nardella, a margine dell’inaugurazione del nuovo tratto dell’asse stradale Mezzana-Perfetti Ricasoli – quando ho costruito la coalizione ho dovuto rinunciare ad un pezzo della sinistra, che tuttavia a conti fatti non è stato avvantaggiato dal risultato delle urne. Io resto dell’idea che chi lavora per l’unità, per costruire alleanze, viene sempre premiato dall’elettorato: chi ne resta fuori, non lo dico io ma lo dicono tutti i risultati elettorali che abbiamo visto in Toscana nelle amministrazioni, chi resta fuori purtroppo non viene premiato dall’elettorato”.
 “Voglio fare un appello, perché non ci si può permettere di regalare la Toscana alla destra, e credo che la presenza di una gamba anche a sinistra del Pd sia fondamentale”. Lo ha detto Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, commentando l’esito della riunione di coalizione del centrosinistra di ieri, con tre liste di sinistra che non hanno sottoscritto il documento finale. “Fondamentale – ha aggiunto Rossi, a margine dell’inaugurazione del nuovo tratto dell’asse stradale Mezzana-Perfetti Ricasoli che scavalca l’autostrada A1 nella Piana fiorentina – è l’unità anche con Italia Viva e il rapporto con altre liste di altra natura politica, liste civiche di sinistra e centrosinistra. Mi fermo qui, a un appello a ragionare su ciò che può accadere in questa regione”. Secondo il governatore “non sono periodi facili per la sinistra”, ma “ci sono le basi in questa regione per vincere ancora, ci sono… mi fermo qui. Se la giunta attuale si ricandidasse, i dati dicono che ci sono le basi. Non possiamo farlo e allora costruiamo un’alleanza ampia, e a partire da quello che abbiamo fatto puntiamo a riconquistare a sinistra e al centrosinistra la Regione Toscana”.

L'articolo Regionali: Toscana; Giani, forze sinistra stiano con noi  proviene da www.controradio.it.