Svelato il manifesto della 19/ma edizione del Florence Korea Film Fest

Svelato il manifesto della 19/ma edizione del Florence Korea Film Fest

Nuovo manifesto della 19° edizione del Florence Korea Film Fest: una donna negli iconici abiti tradizioni che cerca spazio tra le resistenze della quotidianità

Una donna negli iconici abiti tradizionali che cerca il suo spazio tra le fatiche e le resistenze del mondo contemporaneo, stracciando un velo di plastica, è la protagonista del manifesto della 19° edizione del Florence Korea Film Fest, una delle prime manifestazioni cinematografiche a svolgersi dal vivo a Firenze, dal 21 al 28 maggio, al cinema La Compagnia di Firenze alternando momenti online sulla piattaforma Più Compagnia e Mymovies.it.

Spiega il direttore artistico Riccardo Gelli a proposito del manifesto dell’edizione 2021 “Oltre al messaggio ecologico, quest’anno, più che in altre edizioni abbiamo lasciato spazio all’elemento femminile”.

A ribadire il ruolo centrale della donna l’omaggio di quest’anno dedicato alla star del cinema sudcoreano, l’attrice Moon So-ri: il festival le dedicherà la prima retrospettiva in Italia. L’attrice coreana, con oltre 30 ruoli all’attivo, sarà omaggiata da una selezione di 7 titoli dedicata al suo percorso artistico.

Molto forte la presenza femminile dietro la macchina da presa. Tra i titoli che la rassegna presenta quest’anno troviamo:  “New Year Blues”, sesto lavoro della regista Hong Jin-young, film corale sull’amore e i sentimenti. “Intruder”, thriller d’esordio di Sohn Won-pyung. “A Bedsore”, primo lungometraggio della regista Shim Hye-jung, che cattura le più piccole frustrazioni di tre generazioni di una famiglia. “More than Family”, una commedia on the road di Choi Ha-na e “Take Me Home” della regista Han Jay, che affronta il concetto di famiglia omosessuale. I titoli di tutto il cartellone saranno presto annunciati.

L'articolo Svelato il manifesto della 19/ma edizione del Florence Korea Film Fest proviene da www.controradio.it.

Alla Compagnia i 10 doc selezionati per i David di Donatello

Alla Compagnia i 10 doc selezionati per i David di Donatello

Alla Compagnia si proiettano i 10 i film selezionati per concorrere come “Miglior documentario”, alla cinquina finale dei David di Donatello 2021.

L’11 maggio si terrà la 66° edizione dei David di Donatello, durante la quale cinque doc si contenderanno il premio come Miglior Documentario. Dopo aver presentato in collaborazione con l’Accademia del Cinema Italiano, su Più Compagnia, 10 conversazioni esclusive con i registi/produttori dei film entrati nella pre-selezione, adesso al cinema La Compagnia tornano i doc anche sul grande schermo!

Vi segnaliamo:

WELCOME PALERMO: (Un doc dedicato al rapporto storico tra la città siciliana di Palermo e il cinema italiano). Venerdì 30 aprile ore 15.00

PUNTA SACRA: Il documentario racconta la vita della comunità dell’Idroscalo di Ostia, oggi composto da 500 famiglie. Venerdì 30 aprile ore 17.00 // Domenica 2 maggio ore 17.00

FAITH: (Sulle colline marchigiane vive una comunità di ventidue persone chiamate “Guerrieri della Luce”. La regista ha vissuto con loro per quattro mesi e ne documenta l’attività quotidiana). Sabato 1 maggio, ore 15.00 // Lunedì 3 maggio, ore 17.00 // Martedì 4 maggio, ore 19.00 La visione del film sarà anticipata da un estratto della conversazione esclusiva con i registi, disponibile in versione integrale e gratuita su Più Compagnia.

MI CHIAMO FRANCESCO TOTTI. Sabato 1 maggio, ore 19.30 // Lunedì 3 maggio, ore 19.00 // Martedì 4 maggio, ore 15.00

THE ROSSELLINIS (I discendenti del grande Roberto Rossellini lo raccontano e si raccontano con ironia e divertimento in un’impossibile terapia familiare davanti alla macchina da presa.) Giovedì 6 maggio, ore 15.00 // Venerdì 7 maggio, ore 17.00 // Sabato 8 maggio, ore 19.00 // Domenica 9 maggio, ore 15.00

CONTINUA A LEGGERE

 

L'articolo Alla Compagnia i 10 doc selezionati per i David di Donatello proviene da www.controradio.it.

River to River Florence Indian Film Festival festeggia 20 anni in sala

River to River Florence Indian Film Festival festeggia 20 anni in sala

“Best of River to River 2020”.  Due giorni di proiezioni e incontri con ospiti internazionali. Il  14 e 15 maggio al cinema La Compagnia per celebrare insieme al pubblico il meglio della 20/ma edizione del festival.

Il 14 e 15 maggio al cinema La Compagnia di Firenze (via Cavour 50/r) si terrà il “Best of River to River 2020”, due giorni di proiezioni e incontri con ospiti internazionali per celebrare insieme al pubblico il meglio della 20/ma edizione, tenutasi online lo scorso dicembre, con l’aggiunta di alcuni nuovi eventi.

Il festival offrirà agli spettatori non solo alcuni dei film principali dell’edizione 2020, ma anche degli appuntamenti pensati appositamente per la due giorni in sala. Tra gli eventi da non perdere, l’omaggio per l’anniversario dai 100 anni del grande maestro del cinema indiano Satyajit Ray, con la proiezione di due suoi film, “Charulata” e “Nayak”.

Ray, regista bengalese nato a Calcutta il 2 maggio 1921, scomparso nel 1992, è una delle figure più autorevoli della cinematografia mondiale, probabilmente il nome internazionalmente più noto del cinema indiano. Erede di una grande tradizione intellettuale, è la figura di spicco del rinascimento bengalese, un movimento che ha profondamente cambiato la storia dell’India moderna attraverso l’incontro e la fusione del pensiero occidentale con quello orientale.

E ancora  i documentari: “Indian Himalaya” di Matteo Aghemo, il viaggio attraverso le zone più sconosciute e remote del subcontinente. Con l’obiettivo di catturare scene di vita quotidiana che vadano oltre gli stereotipi. E “Buddha of the Chadar” di Sean Whitaker, un padre e un figlio intraprendono un pellegrinaggio lungo un antico sentiero sull’Himalaya. Nel programma, anche il cortometraggio di animazione “Photograph” di Ashutosh Pathak.

INFO Biglietti Tutti i film sono programmati al cinema “La Compagnia” in via Cavour 50/r, Firenze. Abbonamento: 15,00 euro Biglietto per singola fascia oraria (mattina, pomeriggio, sera): 6,00 euro Realtà virtuale: 3,00 euro.

I biglietti saranno in vendita da sabato 1° maggio al seguente link: https://cinemalacompagnia.ticka.it/

 

 

 

 

L'articolo River to River Florence Indian Film Festival festeggia 20 anni in sala proviene da www.controradio.it.

Firenze Rocks rimandato al 2022

Firenze Rocks rimandato al 2022

Live Nation Italia annuncia che Firenze Rocks tornerà nell’estate 2022 e si terrà dal 16 al 19 giugno nella sua solita casa della Visarno Arena. Confermati Weezer e Green Day

Firenze Rocks, il festival che dal 2017 ha riportato Firenze al centro del panorama musicale internazionale, tornerà nell’estate 2022 e si terrà dal 16 al 19 giugno nella sua solita casa della Visarno Arena.

Scrivono da Live Nation: “Mai avremmo pensato di dover rimandare il nostro appuntamento non una, ma due volte. La sicurezza di tutti rimane però l’assoluta priorità, e desideriamo garantirvi la migliore esperienza di festival possibile, quando la situazione ci permetterà di riunirci ancora”.

Siamo molto felici di annunciare che i Green Day sono confermati come headliner della giornata di apertura del 16 Giugno 2022. I biglietti precedentemente acquistati (sia per la data originale dell’11 giugno 2020 che per il primo posticipo del 17giugno 2021) rimangono validi per la nuova data. Confermata nella stessa giornata la presenza dei Weezer.

Presto, scrivono dal festival, informazioni sulla data dei Red Hot Chili Peppers, oltre ai nuovi annunci che andranno a completare la lineup del festival 2022. E sulla data di Vasco Rossi che è stata riprogrammata nel 2022 fuori dal festival (ma sempre nella location della Visarno Arena) con i biglietti precedentemente acquistati che esteranno validi.

I possessori dell’abbonamento a 3 o 4 giorni, sia dell’edizione 2020 che 2021, potranno chiedere il rimborso entro il 27 maggio 2021. Le richieste di rimborso dovranno essere inoltrate al sistema di biglietteria presso il quale si è effettuato l’acquisto (Ticketone, Ticketmaster o Vivaticket), seguendo le modalità riportate sui rispettivi siti internet.

Per ulteriori informazioni riguardo I biglietti precedentemente acquistati, vai su  www.firenzerocks.it/info-utili

Le biglietterie ufficiali di Firenze Rocks sono Ticketmaster Italia, Ticketone e Vivaticket.

L'articolo Firenze Rocks rimandato al 2022 proviene da www.controradio.it.

Il Maggio riapre al pubblico, in 450 in sala tra applausi ed emozioni

Il Maggio riapre al pubblico, in 450 in sala tra applausi ed emozioni

Maggio musicale fiorentino: è stata grande emozione alternata da lunghi applausi a segnare  il ritorno in sala degli spettatori che ieri sera hanno assistito al concerto sinfonico inaugurale dell’83/o festival, grazie al passaggio della Toscana in zona gialla.

 

Sul palco, prima dell’inizio del concerto, il sovrintendente Alexander Pereira si è detto molto
“grato per la possibilità che il governo ci ha dato”. “Il fatto che voi siate con noi stasera, dopo mesi in cui siamo stati da soli – ha aggiunto – è incredibile. Grazie di essere con noi,
non ci lasciate mai più per favore”.

A dirigere il coro e  l’orchestra del Maggio, Daniele Gatti che stasera è tornato sul palco del teatro di Firenze dopo il concerto sinfonico di Pasqua dello scorso 3 aprile, andato però in scena a porte chiuse e visibile soltanto in streaming.

L’inaugurazione del festival è stata affidata a un concerto sinfonico corale interamente dedicato al compositore Igor Stravinskij nel 50/o anno della scomparsa. Prima dell’inizio, nel foyer, il sovrintendente Pereira si è detto “sopraffatto dall’emozione” per la presenza degli spettatori.

Molti gli storici abbonati che non hanno rinunciato al ritorno in teatro, chiuso al pubblico dopo l’ultimo concerto del 15 ottobre 2020. Tra questi, ne dà notizia l’ANSA,  anche una
abbonata di 99 anni accompagnata dalla figlia. “Mi mancava tanto il teatro, ho 99 anni, li devo vedere ora gli spettacoli”, ha detto. “E’ molto bello esserci – dice un altro spettatore – ma avrei aspettato un altro po’ per essere sicuri. Non potevo mancare perché è dal 1943 che vengo al Maggio”.

La possibilità  di riaprire i teatri in zona gialla ha coinciso perfettamente  con il cartellone del Maggio che ha aperto, tra i primi, le porte al pubblico insieme a La Fenice di Venezia e
all’Accademia nazionale Santa Cecilia a Roma. Oggi, 27 aprile, il teatro fiorentino sarà il primo in Italia a portare in scena un’opera lirica con l’Adriana Lecouvreur. Nuova produzione pensata proprio come debutto della lirica in questo 83/o festival che ha preso la numerazione dell’edizione 2020 saltata per il Covid.

Poco più di 450 gli spettatori ieri sera (limite Covid è 500) di cui 320 abbonati: la sala ha capienza di 1.900. “Con questo limite l’incasso è molto basso – ha detto Pereira – ma aspettiamo un momento. Credo che i teatri daranno prova di essere luoghi molto sicuri e questo convincerà tutti e allora potremo anche avere più spettatori”.

A salire sul palco prima dell’inizio del concerto anche la vicesindaca di Firenze, Alessia Bettini, che ha ringraziato Pereira per aver permesso questa ripartenza in sicurezza. “E’ emozionante – ha detto Bettini – vedere questo teatro che si riempie di persone, di vita e che si anima. Non è soltanto la ripartenza del mondo della cultura, è la ripartenza di Firenze e speriamo che sia di buon auspicio”.

L'articolo Il Maggio riapre al pubblico, in 450 in sala tra applausi ed emozioni proviene da www.controradio.it.