Fiorentina – Parma 3-3, viola salvati da autogol

Fiorentina – Parma 3-3, viola salvati da autogol

Firenze, è successo tutto alla fine, la Fiorentina si è fatta rimontare dal Parma per due volte e poi addirittura superare al 90′ e quando per i viola stava balenandosi il terzo ko consecutivo è arrivato al quarto minuto di recupero l’autogol di Iacoponi.

Così la sfida salvezza tar Fiorentina e Parma, di scena al Franchi, è terminata 3-3, un punto a testa che in classifica non cambia nulla per gli emiliani che restano penultimi e pochissimo per la squadra di Prandelli che raggiunge Spezia e Benevento.

Brutta partita fra formazioni piene di limiti, problemi e infortuni (oggi ko anche Amrabat e Bani), specchio fedele di una stagione complicatissima per entrambe, il successo manca alla Fiorentina da 45 giorni e al Parma da novembre. Due tiri, due gol: la Fiorentina ha saputo capitalizzare nel migliore dei modi le (pochissime) occasioni costruite nel primo tempo, sfruttando sempre le palle inattive.

A sbloccare una gara dall’andamento lento è stato Martinez Quarta con un colpo di testa da un calcio d’angolo di Pulgar. Il Parma trova il pareggio grazie alla sua reazione: un fallo ingenuo di mano di Pulgar su un tentativo di dribbling di Gervinho è stato punito con il rigore, Kucka dal dischetto non ha sbagliato.

Tutto da rifare per la Fiorentina: assenti per squalifica Ribéry (che ha fatto un tifo sfegatato dagli sky box) e per infortunio Castrovilli, Igor, Kouamè e Kokorin, Prandelli ha inserito Malcuit a destra e Eysseric e Borja Valero a sostegno di Vlahovic.

Nel Parma è tornato Gervinho in attacco con Karamoh al suo fianco e Kucka alle loro spalle, cambi anche in difesa con il rilancio di Laurini e Pezzella. Squadra tutt’altro che arrendevole quella emiliana che subito dopo il momentaneo pareggio ha sfiorato il vantaggio con Gervinho: provvidenziale la respinta di piede di Dragowski. Ma poco prima dell’intervallo è stata la Fiorentina a passare di nuovo: punizione di Pulgar, sponda del capitano viola Pezzella, uscita sbagliata di Pepe e Milenkovic ne ha approfittato segnando in acrobazia.

Nella ripresa il Parma ha tentato qualche affondo ma senza troppa convinzione, D’Aversa dopo Mihaila per Hernani ha cambiato tutto l’attacco (fuori Gervinho e Karamoh dentro Brunetta e Man) e ha raccolto i frutti: al 27′ arriva il pari con l’ex Kurtic, poi ha sfiorato il sorpasso al 42′. A quel punto i viola si sono svegliati, è entrato anche Callejon per Borja Valero e con Martinez Quarta, il migliore dei viola, ha colpito la traversa ma è stato il Parma in contropiede a passare di nuovo, stavolta con Mihaila innescato dal neoentrato inglese.

L’illusione della vittoria per i ducali è durata però una manciata di minuti: mentre il ds viola Pradè era teso temendo l’ennesimo tracollo e D’Aversa veniva espulso per proteste tutta la Fiorentina si è rovesciata in avanti e su un cross in scivolata di Pezzella Iacoponi è stato sfortunato e ha deviato nella propria porta.

L'articolo Fiorentina – Parma 3-3, viola salvati da autogol proviene da www.controradio.it.

Prandelli: “Chi me l’ha fatto fare di tornare alla Fiorentina? Il cuore e l’istinto”

Prandelli: “Chi me l’ha fatto fare di tornare alla Fiorentina? Il cuore e l’istinto”

🔈Firenze, Cesare Prandelli ha tenuto una conferenza stampa per il suo ritorno alla Fiorentina al posto dell’esonerato Beppe Iachini, dieci anni dopo la sua prima esperienza in viola.

Ufficio stampa

“Chi me l’ha fatto fare di tornare alla Fiorentina? Il cuore e l’istinto – ha detto Prandelli – Trovando per le strade della città tanti tifosi mi chiedevano di tornare ma io non sarei mai andato via. La storia, ormai, la conoscono tutti. Sono tornato per riprendere anche un certo tipo di discorso. Qui c’è una sfida importante, anche se si rischia di rovinare degli equilibri. Di sicuro non sarà mai solo in questo percorso”.

“In Rocco Commisso e Joe Barone – ha aggiunto – ho trovato due persone di una sensibilità straordinaria. Prima di iniziare questa avventura mi hanno detto che avrebbero parlato con Beppe” Iachini “e questo l’ho trovato di una sensibilità unica. Sono convinto che possiamo fare e creare qualcosa di veramente importante”.

“Mai – ha detto ancora Prandelli – avrei pensato di essere un possibile papabile alla panchina viola, di nomi ne erano stati fatti tanti. Una settimana fa – ha svelato poi – mi ha chiamato il presidente del Genoa Preziosi e mi ha detto ‘se ero pronto a tornare in campo perché io ho parlato benissimo di te’. Quando gli ho chiesto qual era il club mi ha risposto la Fiorentina e quindi ringrazio Preziosi”.

Le dichiarazioni di Cesare Prandelli:

 

 

L'articolo Prandelli: “Chi me l’ha fatto fare di tornare alla Fiorentina? Il cuore e l’istinto” proviene da www.controradio.it.

La Fiorentina esonera Iachini, torna Prandelli

La Fiorentina esonera Iachini, torna Prandelli

La Fiorentina ha esonerato Giuseppe Iachini dalla guida della squadra gigliata e al suo posto c’è il ritorno, dopo dieci anni, sulla panchina viola di Cesare Prandelli.

Quello dell’ormai ex tecnico viola è il primo esonero in Serie A dal via della stagione. Prandelli verrà presentato oggi  alle ore 13.00 in diretta streaming sui canali della Fiorentina. E nel pomeriggio il nuovo tecnico viola dirigerà il suo primo allenamento al Centro Sportivo Davide Astori.
“Purtroppo, dopo un’attenta e scrupolosa analisi dell’inizio di questa nuova stagione e dei risultati fino a oggi ottenuti – sottolinea il comunicato del club viola – la società ritiene che la soluzione migliore sia quella di revocare l’incarico all’attuale allenatore”. “Il presidente Commisso e tutta la dirigenza viola – prosegue la nota – desiderano esprimere la propria gratitudine a Beppe Iachini e a tutto il suo staff per l’impegno e la professionalità dimostrati sin dal loro arrivo e gli augurano i migliori successi professionali per il prosieguo della carriera”. Dopo sette giornata di campionato, la Fiorentina è 12/a con otto punti, frutto di due vittorie, due pareggi e tre sconfitte. Dagli Stati Uniti Commisso ha commentato così la rivoluzione sulla panchina viola: “prima di tutto voglio ringraziare personalmente Iachini, allenatore capace e determinato, che, nel momento più difficile della scorsa stagione, ha trascinato e guidato la squadra, col suo lavoro, la sua dedizione e il suo carattere. Purtroppo, gli attuali risultati impongono un cambio di guida tecnica, ma la mia stima e la gratitudine verso l’uomo e il professionista rimangono del tutto immutati. Voglio inoltre dare il mio personale benvenuto a mister Prandelli. Ho condiviso la scelta della dirigenza di puntare su di lui considerandolo il candidato ideale per la sua esperienza e la massima motivazione di tornare a lavorare per i nostri colori. Motivazione e decisione che ci aspettiamo di ritrovare in tutti i giocatori e in tutto l’ambiente che lavora intorno alla squadra. Mi auguro – ha concluso il patron – che il nuovo allenatore riuscirà a valorizzare e utilizzare al meglio la rosa e, attraverso il gioco e ai risultati che otterremo, a regalare nuove soddisfazioni alla città di Firenze e alla grande famiglia viola”. Prandelli, nato ad Orzinuovi il 19 agosto 1957, ha già indissolubilmente legato la sua carriera da allenatore ai colori viola, guidando la Fiorentina dal 2005 al 2010, periodo durante il quale ha ottenuto ben due qualificazioni alla Champions League ed ha raggiunto una semifinale di Coppa Uefa. Prandelli ha successivamente allenato la Nazionale italiana con la quale ha raggiunto, nel 2012, la finale degli Europei.

L'articolo La Fiorentina esonera Iachini, torna Prandelli proviene da www.controradio.it.

Commisso a Bagno a Ripoli. Oggi incontro con Sindaco Casini per il centro sportivo

Commisso a Bagno a Ripoli. Oggi incontro con Sindaco Casini per il centro sportivo

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso  secondo quanto riferisce Fiorentina.it, è  a Bagno a Ripoli dove a breve incontrerà il Sindaco Casini per parlare del centro sportivo.

Il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, rimarra’ a Firenze per almeno trenta giorni e non qualche mese come, invece, lo stesso patron del club gigliato aveva dichiarato due giorni fa al momento del suo ritorno in Italia, a sette mesi di distanza dall’ultima volta.

Nella prima mattinata di ieri Commisso e’ arrivato al centro sportivo viola ‘Davide Astori’ e ha cosi’  rivisto i giocatori e lo staff tecnico gigliato che stavano per iniziare la loro seduta. Il presidente viola ha scambiato qualche battuta con diversi calciatori. Ha seguito tutta la seduta di allenamento e alla fine ha salutato anche tutta la squadra ‘Primavera’ al completo, con il responsabile del settore giovanile Valentino Angeloni, il tecnico Alberto Aquilani e il suo staff.

Dopo il pranzo al Centro sportivo il presidente gigliato e’ tornato nell’hotel che di fatto e’ la sua residenza a Firenze, nella zona dei lungarni, dove da qualche minuto lo hanno raggiunto il dg Barone e il ds Prade’, molto probabilmente per una riunione con tema centrale le prossime mosse di calciomercato.

 

notizia in aggiornamento

L'articolo Commisso a Bagno a Ripoli. Oggi incontro con Sindaco Casini per il centro sportivo proviene da www.controradio.it.