Firenze, sindacati: “Troppe aggressioni su autisti, disservizi azienda esasperano utenza”

Firenze, sindacati: “Troppe aggressioni su autisti, disservizi azienda esasperano utenza”

“L’utenza è esasperata dai disservizi e spesso scarica il suo nervosismo sul primo autista che si trova davanti”lo denunciano i sindacati  in una lettera inviata al sindaco di Firenze Dario Nardella, al prefetto Valerio Valenti, all’assessore regionale alla mobilità Stefano Baccelli e all’azienda

“Ormai da tempo la disastrosa irregolarità del servizio crea malumore tra l’utenza e fa sì che gli autisti, che di fatto sono il ‘front office’ dell’Azienda, siano oggetto di pesanti aggressioni verbali che ultimamente sono sfociate anche in tentate violenze fisiche.Negli ultimi due giorni si sono verificati ben tre episodi, uno dei quali da parte di un uomo armato anche di forbici” comincia così  la lettera che i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Faisa Cisal (segreterie fiorentine, Rsa e Rls) hanno inviato ieri al sindaco di Firenze Dario Nardella, al prefetto Valerio Valenti, all’assessore regionale alla mobilità Stefano Baccelli e all’azienda Autolinee Toscane.

“Sugli autisti pesanti aggressioni verbali da parte degli utenti, che ultimamente sono sfociate in tentate violenze fisiche (una di un uomo armato di forbici), è inammissibile. Le condizioni di lavoro sono inaccettabili, il servizio è indecente. La mole di corse mancate crea situazioni di pericolo che non possono assolutamente più essere accettate. L’utenza è esasperata dai disservizi e spesso scarica il suo nervosismo sul primo autista che si trova davanti. Siano adottate rapidamente misure che vadano a regolarizzare il servizio e di conseguenza agiscano sulla sicurezza dei conducenti”  dicono i sindacati

 

Che aggiungono. “non è più ammissibile che un lavoratore, nello svolgere con responsabilità la sua mansione, paghi per un servizio pubblico assolutamente INDECENTE; le condizioni di lavoro sono diventate oramai inaccettabili, soprattutto nel fine settimana quando il servizio è già estremamente ridotto.Non è possibile che l’Azienda programmi un servizio che, già sulla carta, è infattibile per mancanza di personale; deve essere costruito un servizio ad hoc in modo da poterlo garantire!”

“Chiediamo che l’azienda adotti rapidamente misure che vadano ad incidere pesantemente sulla regolarizzazione del servizio e di conseguenza, migliorando tale fattore, agiscano anche sulle TUTELE e sulla SICUREZZA dei conducenti, in modo che tali episodi non si ripetano e l’integrità psicofisica delle persone che stanno con responsabilità svolgendo le proprie mansioni non venga minata” concludono i sindacati.

L'articolo Firenze, sindacati: “Troppe aggressioni su autisti, disservizi azienda esasperano utenza” da www.controradio.it.

Firenze, sindacati: “Troppe aggressioni su autisti, disservizi azienda esasperano utenza”

Firenze, sindacati: “Troppe aggressioni su autisti, disservizi azienda esasperano utenza”

“L’utenza è esasperata dai disservizi e spesso scarica il suo nervosismo sul primo autista che si trova davanti”lo denunciano i sindacati  in una lettera inviata al sindaco di Firenze Dario Nardella, al prefetto Valerio Valenti, all’assessore regionale alla mobilità Stefano Baccelli e all’azienda

“Ormai da tempo la disastrosa irregolarità del servizio crea malumore tra l’utenza e fa sì che gli autisti, che di fatto sono il ‘front office’ dell’Azienda, siano oggetto di pesanti aggressioni verbali che ultimamente sono sfociate anche in tentate violenze fisiche.Negli ultimi due giorni si sono verificati ben tre episodi, uno dei quali da parte di un uomo armato anche di forbici” comincia così  la lettera che i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Faisa Cisal (segreterie fiorentine, Rsa e Rls) hanno inviato ieri al sindaco di Firenze Dario Nardella, al prefetto Valerio Valenti, all’assessore regionale alla mobilità Stefano Baccelli e all’azienda Autolinee Toscane.

“Sugli autisti pesanti aggressioni verbali da parte degli utenti, che ultimamente sono sfociate in tentate violenze fisiche (una di un uomo armato di forbici), è inammissibile. Le condizioni di lavoro sono inaccettabili, il servizio è indecente. La mole di corse mancate crea situazioni di pericolo che non possono assolutamente più essere accettate. L’utenza è esasperata dai disservizi e spesso scarica il suo nervosismo sul primo autista che si trova davanti. Siano adottate rapidamente misure che vadano a regolarizzare il servizio e di conseguenza agiscano sulla sicurezza dei conducenti”  dicono i sindacati

 

Che aggiungono. “non è più ammissibile che un lavoratore, nello svolgere con responsabilità la sua mansione, paghi per un servizio pubblico assolutamente INDECENTE; le condizioni di lavoro sono diventate oramai inaccettabili, soprattutto nel fine settimana quando il servizio è già estremamente ridotto.Non è possibile che l’Azienda programmi un servizio che, già sulla carta, è infattibile per mancanza di personale; deve essere costruito un servizio ad hoc in modo da poterlo garantire!”

“Chiediamo che l’azienda adotti rapidamente misure che vadano ad incidere pesantemente sulla regolarizzazione del servizio e di conseguenza, migliorando tale fattore, agiscano anche sulle TUTELE e sulla SICUREZZA dei conducenti, in modo che tali episodi non si ripetano e l’integrità psicofisica delle persone che stanno con responsabilità svolgendo le proprie mansioni non venga minata” concludono i sindacati.

L'articolo Firenze, sindacati: “Troppe aggressioni su autisti, disservizi azienda esasperano utenza” da www.controradio.it.

🎧 Filt Cgil-Fit Cisl-Uiltrasporti, presidio per rinnovo contratto logistica

🎧 Filt Cgil-Fit Cisl-Uiltrasporti, presidio per rinnovo contratto logistica

Firenze, presidio davanti alla prefettura, dei lavoratori Filt Cgil-Fit Cisl-Uiltrasporti, per il rinnovo del contratto integrativo regionale dei lavoratori della logistica, fermo dal 1992. Il contratto regionale interessa circa 100 mila addetti in Toscana.

Filt Cgil-Fit Cisl-Uiltrasporti Toscana nel mese di giugno 2019 hanno inviato alle controparti, dopo un’ampia campagna di assemblee con i delegati e le delegate, la piattaforma regionale della logistica per il rinnovo del Contratto integrativo della Toscana, che risale al lontano 1992.

In podcast l’intervista a Monica Rialti della Filt Cgil, Gabriele Brogi della Fit Cisl e Marco Sarlo della Uiltrasporti, a cura di Gimmy Tranquillo.

“Era questa un’occasione – si legge nel comunicato congiunto firmato Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Toscana – per tutti i soggetti che operano nella filiera del settore, dall’ E-Commerce con l’innovazione digitale e i nuovi lavori, al mondo dei grandi players internazionali della logistica aerea, alle cooperative ed alle aziende di autotrasporto industriali, per qualificare le scelte produttive nella nostra Regione, con la valorizzazione del lavoro e delle professionalità del settore delle merci”.

“Le controparti regionali che operano nel settore-industria non hanno mai risposto su questi temi, pur applicando la normativa e il salario di riferimento in molte aziende su nostro territorio. Per una vera trattativa che inizi da subito e per il recupero del potere di acquisto dei lavoratori e delle lavoratrici, in Toscana si è svolto stamani un presidio regionale in via Cavour davanti alla Prefettura di Firenze, con tutti i delegati e le delegate della logistica della Toscana. Il contratto regionale interessa una platea di circa 100mila addetti in Toscana e significa circa 800 euro l’anno a lavoratore”.

L'articolo 🎧 Filt Cgil-Fit Cisl-Uiltrasporti, presidio per rinnovo contratto logistica da www.controradio.it.

Empoli, nuova aggressione a capotreno. Sindacati: “colpisce silenzio istituzioni”

Empoli, nuova aggressione a  capotreno. Sindacati: “colpisce silenzio istituzioni”

A rivelare il nuovo caso di aggressione avvenuto mentre i treno  i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Ugl Ferrovieri, Slm Fast e Orsa Ferrovie, che   hanno proclamato per domani uno sciopero di quattro ore, dalle 11 alle 15, del personale ‘front-line’ di Trenitalia ed Rfi del territorio toscano

Come già denunciato negli ultimi mesi le aggressioni al personale del Gruppo Fs addetto al ‘front line’ ha raggiunto un livello inaspettato, diventando un fenomeno quasi quotidiano da dover affrontare a tutti i livelli. Colpisce e preoccupa il più assoluto silenzio da parte delle istituzioni, alle quali abbiamo scritto e chiesto ripetutamente incontri mirati ad approfondire insieme a noi i tanti fattori dai quali scaturiscono tali aggressioni nel tentativo di trovare le migliori azioni mitigative possibili” è questa la denuncia dei sindacati di categoria dopo l’ennesima  aggressione a un controllore avvenuta  nei giorni scorsi su un treno regionale in sosta alla stazione ferroviaria di Empoli (Firenze).

Il ferroviere, secondo quanto ricostruito dai sindacati, è stato malmenato venendo poi portato al pronto soccorso. L’agressore è stato poi denunciato dalla polfer.

Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Ugl Ferrovieri, Slm Fast e Orsa Ferrovie alla luce di quanto accaduto, hanno proclamato per domani uno sciopero di quattro ore, dalle 11 alle 15, del personale ‘front-line’ di Trenitalia ed Rfi del territorio toscano, compresi equipaggi, addetti alla vendita e all’assistenza, alla protezione aziendale e alla Sala Blu.

” È inaccettabile -denunciano i sindacati-  che nel 2021 ci siano persone che arrivano a rischiare la vita svolgendo le proprie mansioni a causa di continue aggressioni messe in atto da personaggi che, purtroppo, troppo spesso la passano liscia”.

L'articolo Empoli, nuova aggressione a capotreno. Sindacati: “colpisce silenzio istituzioni” da www.controradio.it.

Nuovo sciopero a Firenze e Pisa contro vendita Toscana Aeroporti Handling

Nuovo sciopero a Firenze e Pisa contro vendita Toscana Aeroporti Handling

Nuovo sciopero annunciato per il prossimo 26 luglio dei lavoratori degli aeroporti di Firenze e Pisa contro la decisione della società di gestione Toscana aeroporti di cedere la Ta handling.

Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl hanno inoltro promosso per lunedì un presidio allo scalo pisano Galilei dalle 10.30-12.30.

“La decisione della vendita della società Toscana Aeroporti Handling da parte di Toscana Aeroporti – si legge in una nota dei sindacati regionali – ha aperto un conflitto che vedrà una terza azione di sciopero, dopo tanti presidi e dopo che i sindacati hanno portato all’attenzione di tutte le istituzioni la propria posizione di contrarietà, al completamento di questa operazione.

Un futuro già incerto a causa della pandemia è diventato ancora più incerto, per tutti i lavoratori che operano nel settore, ponendo forti dubbi sul loro futuro e sulle loro condizioni di lavoro e sui loro salari.

Abbiamo sempre ribadito che la pandemia doveva essere superata con senso di responsabilità e attenzione, ma abbiamo anche sempre ribadito che la ripresa doveva essere una occasione da cogliere per costruire, tutti insieme, la migliore ripartenza possibile e fare in modo che gli aeroporti toscani si confermassero luoghi di buon lavoro e di crescita per le maestranze impegnate. La scelta di Toscana Aeroporti invece è stata quella di escludere dal processo futuro 🎧 Aeroporti Pisa e Firenze: vendita Handling confermata entro luglio e nuovo sciopero Usb e mettendo di fatto in discussione in maniera ancora più pesante i lavoratori in appalto”.

L'articolo Nuovo sciopero a Firenze e Pisa contro vendita Toscana Aeroporti Handling da www.controradio.it.