Anders vincono il premio Fse-Giovanisì, Rock Contest, Controradio

Anders vincono il premio Fse-Giovanisì, Rock Contest, Controradio

🔈Firenze, il premio Fse-Giovanisì del ‘Rock Contest – Computer age edition’ del 2020 è andato agli Anders, giovane gruppo fiorentino dal rock ruvido e graffiato nato meno di un anno fa.

Il premio è stato consegnato agli Anders durante una cerimonia avvenuta giovedì 14 gennaio, al Teatro della Compagnia di Firenze, alla presenza del presidente della Toscana Eugenio Giani, della cantante toscana Irene Grandi, che partecipò ad un Rock Contest molti anni fa, sia pur senza vincerlo, e dell’attrice fiorentina Gaia Nanni. I tre sono stati protagonisti di un talk show sul palco, moderato dal giornalista di Controradio Raffaele Palumbo, sulla libertà di espressione, la creatività e il protagonismo dei giovani.

“Manifestazione che davvero ci accompagna da più di 30 anni, durante i quali abbiamo visto valorizzare artisti e gruppi, come in questo caso gli Anders, che poi si sono affermati e sono stati simbolo della nostra regione – ha detto Giani parlando del Rock Contest – a me fa particolarmente piacere che sia stata oggi Irene Grandi a fare da testimonial a un impegno che vogliamo campo della creatività musicale per valorizzare i nostri giovani, i nostri talenti, coloro che possono guardare al futuro ma anche al presente perché indubbiamente, lo abbiamo visto, hanno una capacità di caratterizzare anche un identità non solo musicale ma di valori, in riferimento a Hong Kong, al personaggio che ci cala nella protesta generazionale contro chi vuole soffocare la creatività, che guarda lontano e da dei messaggi, che sono poi i messaggi di identità della nostra regione, la libertà, il senso di creatività, la possibilità di fare valorizzare il talento in un rapporto sinergico con le istituzioni e non soffocato, perché i giovani devono fare la gavetta”.

Presidente Giani lei c’era quando è nato il Rock Contest se lo ricorda?

“Me lo ricordo nel 1990, allora giovane consigliere comunale a Firenze, ed il Rock Contest era proprio all’insegna della cultura della creatività giovanile e Controradio era un po’ la voce, l’espressione di quella sensibilità”.

E giovani? Come sono cambiati?

“Ogni generazione, anche sul piano della musica porta una sua identità.  Oggi c’è anche il senso di una concretezza che i giovani chiedono. Allora era una musica che cercava una rottura generazionale forte, perché si interpretava una rivoluzione di costumi.  Adesso i giovani cercano il cambiamento, ma in una società in cui ci si sente integrati. Allora c’era il sogno di una società completamente da cambiare”.

L’intervista di Gimmy Tranquillo al presidente Eugenio Giani:

Irene Grandi, ancora ad un evento del Rock Contest, ma che cosa ti lega a questa manifestazione?

“Il primo amore non si scorda mai, e comunque il Rock Contest è una cosa così bella una manifestazione per le band per i giovani, diciamo ho iniziato io qua e poi fai conto la generazione successiva dei Grandi, mio nipote per esempio è stato anche lui al Rock Contest, tipo 3-4 anni fa, hanno vinto con il loro gruppo di Beyond The Garden, quindi come dire c’è qualcosa no: il filo non si spezza”.

L’intervista di Gimmy Tranquillo a Irene Grandi:

Gaia Nanni con i jeans strappati al ginocchio come i Ramones, te li sei strappati per il Rock Contest?

I jeans erano integri fino a via dei Servi, poi ho detto ragazza però, c’è un Giovanisi, Regione Toscana giovani, io non sono più di primo pelo, ho detto attrezziamoci un po’, bisogna stare al passo con questa gente qui, perché se no ci asfaltano

L’intervista di Gimmy Tranquillo a Gaia Nanni:

Il premio Fse- Giovanisì viene assegnato all’interno del Rock Contest dal 2017 ed è stato istituito per premiare il brano che meglio ha saputo interpretare sensibilità e immaginari del mondo giovanile. Durante l’ultima edizione del concorso, otto serate tutte trasmesse in streaming, è stata promossa anche la campagna “Giovanisì, il talento è un bene comune”: un bene comune da mettere al centro del motore della ripresa e della crescita del Paese.

Gli Anders sono stati premiati per il testo “Joshua- Mi sento più al sicuro qui” dedicato allo studente Joshua Wong, tra i leader della rivoluzione degli ombrelli di Hong Kong nel 2014, ma anche appello ad una generazione affinché ritrovi la parola  e la volontà di incidere nella società.

Il premio richiama non casualmente – oltre a Giovanisì, che dal 2010 è il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani – anche il Fondo Sociale Europeo (Fse).

Attraverso queste risorse europee, nella programmazione 2014-2020, sono stati investiti sui giovani 293 milioni di euro, il 39 per cento dell’intero fondo. Sono stati utilizzati per facilitare il loro ingresso nel mercato del lavoro, per l’orientamento nell’ambito scolastico, formativo ed universitario, per l’alternanza scuola-lavoro, per l’impiego, i tirocini, assegni di ricerca, percorsi di istruzione e formazione e il servizio civile.

L'articolo Anders vincono il premio Fse-Giovanisì, Rock Contest, Controradio proviene da www.controradio.it.

Al Marini di Firenze parte domenica Frammenti Kids

Al Marini di Firenze parte domenica Frammenti Kids

Domenica 19 luglio alle ore 11 avrà inizio al Museo Marino Marini di Firenze ‘Frammenti Kids’, rassegna di performance, readings, musica, favole e magie dedicata interamente ai bambini e alle famiglie.

In questo primo appuntamento Gaia Nanni,attrice fiorentina eclettica e affabulatrice ma soprattutto simpaticissima e Francesco Giorgi, musicista entusiasta,  racconteranno a ritmo di swing la Balena gialla di  Gianni Rodari, di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita.

Fino al 30 settembre al Museo Marino Marini di Firenze è visitabile “Di Squali e di Balene”, l’inedito progetto, ideato in collaborazione con il Museo ‘La Specola’  – che attraverso il concetto di ecologia culturale mette in dialogo passato e presente per richiamare l’attenzione del pubblico sulle questioni ambientali e invitare tutti a una riflessione condivisa sul futuro che si sta costruendo.

Il Museo Marino Marini di Firenze è aperto il mercoledì e il giovedì dalle 18:30 alle 22:30 e la domenica dalle 10 alle 19.

La prenotazione all’appuntamento “Frammenti Kids” è obbligatoria, scrivere a: prenotazioni@museomarinomarini.it

GAIA NANNI

Attrice professionista da oltre quindici anni si occupa di ricerca teatrale. Formatasi al Teatro Puccini di Firenze esordisce in teatro nel 2000, continuando negli anni, insieme alla sua compagnia teatrale, con una particolare predilezione per la prosa contemporanea. Nel 2013 riceve la sua prima candidatura ai Premi UBU come migliore attrice. Ha lavorato con Ferzan Ozpetek, Gianfranco Pedullà, Claudio Morganti, Alessandro Riccio, Maurizio De Giovanni, Antonio Frazzi, Massimo Sgorbani, Leonardo Pieraccioni e molti altri. Nel 2019 ha ricevuto il Premio per il Cinema Renzo Montagnani.

FRANCESCO GIORGI

Eternamente in viaggio, studia musica dove e quando capita tra l’attesa di un aereo o di un treno. Ha sempre con se violino e camicie variopinte e non si lascia mai sfuggire l’occasione di fare qualche concerto! Suona fin dalla più tenera età e ha solcato onde radio e tv sempre a ritmo di swing. Laureato in Etnomusicologia all’Università di Bologna ha dato vita a numerosi progetti legati allo swing e alla popular music tra i quali spicca il Sultanato dello Swing, organismo che raccoglie al suo interno i maggiori artisti e interpreti italiani del genere, promuovendo la cultura e la conoscenza della canzone jazz italiana.

L'articolo Al Marini di Firenze parte domenica Frammenti Kids proviene da www.controradio.it.

La Nottola di Minerva presenta ‘The best of di Felicità Metropolitane’

La Nottola di Minerva presenta ‘The best of di Felicità Metropolitane’

L’associazione culturale La Nottola di Minerva, nell’ambito del progetto Felicità Metropolitane, presenta ‘The best of di Felicità Metropolitane, Pillole di Felicità’. Performance letteraria e musicale che si terrà il giorno 6 dicembre, ore 17.30, presso Palazzo Medici Riccardi- Galleria delle Carrozze, Via Cavour 5 (Firenze) con Fulvio Cauteruccio, Federica Miniati e Gaia Nanni. Musiche Jazz dal vivo a cura Renato Cantini (Tromba), Nicola Genovese (Pianoforte) e Michele Staino (Contrabbasso). Presenta Chiara Brilli di Controradio.

I tre attori si esibiranno in una performance con Reading e musica dal vivo attraverso una selezione dei brani degli Autori che sono stati presentati nel corso della rassegna Felicità Metropolitane.

L'articolo La Nottola di Minerva presenta ‘The best of di Felicità Metropolitane’ proviene da www.controradio.it.

“Donne capovolte”, presentazione a Prato

“Donne capovolte”, presentazione a Prato

Il nuovo progetto editoriale di Chiara Brilli “Donne capovolte” con la partecipazione di 15 autrici arriva anche a Prato. La presentazione sarà giovedì 5 dicembre alle ore 21.00 presso Palazzo Banci Buonamici, Sala del Gonfalone in Via Ricasoli 25 a Prato. Parteciperanno il Sindaco di Prato Matteo Biffoni, la curatrice e le autrici. Coordina la giornalista Cristina Manetti.

Donne Capovolte. Piccole storie di Grandi rivoluzioni quotidiane (Ed. Le Lettere Edizioni)
con la collaborazione artistica di Vivilla Zampini  #ilfashionbelloebuono

“Donne Capovolte” è un cammino intrapreso dal momento in cui, per  volontà propria o di altri, per destino, scelte, imprevisti della vita, è stato compiuto un ribaltamento di prospettiva del mondo e di noi stesse. Una separazione, un cambiamento lavorativo,  una violenza fisica o psicologica, l’atrocità della Storia, una fragilità intima, l’amore tra una madre e una figlia, un capovolgimento migrante di cuore e territorio. “Queste sono alcune delle storie e delle rivoluzioni del nostro essere Donne Capovolte: pronte a tutto, senza perdere se stesse”, spiega la curatrice che ha coinvolto 15 donne con differenti esperienze, professioni, percorsi personali, tutte unite da un filo rosso che si è dipanato attraverso la narrativa intima e condivisa di Donne Capovolte, non solo un progetto editoriale ma anche un contributo concreto  a sostegno di un’idea di economia sostenibile, circolare e sociale, incarnata nel #ilfashionbelloebuono per e con le nuove generazioni creato dalla stilista e psicologa  Vivilla Zampini.

“Un progetto nato mettendo in rete soggetti, organizzazioni e professionalità diverse con lo scopo di supportare i giovani nello sviluppo di progettualità innovative, sostenibili e circolari, per un made in Italy contemporaneo e in continua evoluzione, al quale ciascuno di noi possa contribuire anche grazie al ricavato di questa pubblicazione. Se è vero che siamo tutti interconnessi non si può fare estetica senza occuparsi della sostanza, non si può fare impresa senza pensare al sistema sociale, non si può operare come abbiamo sempre fatto se non includiamo nel design del domani le generazioni di questo domani”, spiega Vivilla Zampini.

Le autrici e Donne Capovolte: Giovanna Daddi, Francesca Fiorentino, Sara Dei, Claudia Bianchi, Cristina Scaletti, Chiara Brilli, Gaia Nanni, Luana Esposito, Es’givien, Danila Pescina, Diana Winter, Alessandra Gasperini, Angela Maria Motta, Silvia Cortelloni, Isabella Mancini, Nosotras Onlus, Susanna Bonfanti

Chiara Brilli è giornalista professionista, scrittrice e musicista. Consigliera della Fnsi. Mamma di due bambine. Tra i libri pubblicati: ‘Ribelli! Gli ultimi partigiani raccontano la Resistenza di ieri e di oggi’ (2011, Infinito Edizioni) e ‘Sono Ancora Viva. Voci di donne che hanno detto basta alla violenza’ (Le Lettere 2014). Ha partecipato al progetto: Mai In Silenzio. La Musica Contro la Violenza di Genere in qualità di formatrice di contenuti rivolti ai giovani artisti.

L'articolo “Donne capovolte”, presentazione a Prato proviene da www.controradio.it.

“Donne capovolte”, presentazione a Prato

“Donne capovolte”, presentazione a Prato

Il nuovo progetto editoriale di Chiara Brilli “Donne capovolte” con la partecipazione di 15 autrici arriva anche a Prato. La presentazione sarà giovedì 5 dicembre alle ore 21.00 presso Palazzo Banci Buonamici, Sala del Gonfalone in Via Ricasoli 25 a Prato. Parteciperanno il Sindaco di Prato Matteo Biffoni, la curatrice e le autrici. Coordina la giornalista Cristina Manetti.

Donne Capovolte. Piccole storie di Grandi rivoluzioni quotidiane (Ed. Le Lettere Edizioni)
con la collaborazione artistica di Vivilla Zampini  #ilfashionbelloebuono

“Donne Capovolte” è un cammino intrapreso dal momento in cui, per  volontà propria o di altri, per destino, scelte, imprevisti della vita, è stato compiuto un ribaltamento di prospettiva del mondo e di noi stesse. Una separazione, un cambiamento lavorativo,  una violenza fisica o psicologica, l’atrocità della Storia, una fragilità intima, l’amore tra una madre e una figlia, un capovolgimento migrante di cuore e territorio. “Queste sono alcune delle storie e delle rivoluzioni del nostro essere Donne Capovolte: pronte a tutto, senza perdere se stesse”, spiega la curatrice che ha coinvolto 15 donne con differenti esperienze, professioni, percorsi personali, tutte unite da un filo rosso che si è dipanato attraverso la narrativa intima e condivisa di Donne Capovolte, non solo un progetto editoriale ma anche un contributo concreto  a sostegno di un’idea di economia sostenibile, circolare e sociale, incarnata nel #ilfashionbelloebuono per e con le nuove generazioni creato dalla stilista e psicologa  Vivilla Zampini.

“Un progetto nato mettendo in rete soggetti, organizzazioni e professionalità diverse con lo scopo di supportare i giovani nello sviluppo di progettualità innovative, sostenibili e circolari, per un made in Italy contemporaneo e in continua evoluzione, al quale ciascuno di noi possa contribuire anche grazie al ricavato di questa pubblicazione. Se è vero che siamo tutti interconnessi non si può fare estetica senza occuparsi della sostanza, non si può fare impresa senza pensare al sistema sociale, non si può operare come abbiamo sempre fatto se non includiamo nel design del domani le generazioni di questo domani”, spiega Vivilla Zampini.

Le autrici e Donne Capovolte: Giovanna Daddi, Francesca Fiorentino, Sara Dei, Claudia Bianchi, Cristina Scaletti, Chiara Brilli, Gaia Nanni, Luana Esposito, Es’givien, Danila Pescina, Diana Winter, Alessandra Gasperini, Angela Maria Motta, Silvia Cortelloni, Isabella Mancini, Nosotras Onlus, Susanna Bonfanti

Chiara Brilli è giornalista professionista, scrittrice e musicista. Consigliera della Fnsi. Mamma di due bambine. Tra i libri pubblicati: ‘Ribelli! Gli ultimi partigiani raccontano la Resistenza di ieri e di oggi’ (2011, Infinito Edizioni) e ‘Sono Ancora Viva. Voci di donne che hanno detto basta alla violenza’ (Le Lettere 2014). Ha partecipato al progetto: Mai In Silenzio. La Musica Contro la Violenza di Genere in qualità di formatrice di contenuti rivolti ai giovani artisti.

L'articolo “Donne capovolte”, presentazione a Prato proviene da www.controradio.it.