Il Coronavirus con gli occhi dei bambini, inviare racconti e disegni per la pubblicazione ‘il cielo in una casa’

Il Coronavirus con gli occhi dei bambini, inviare racconti e disegni per la pubblicazione ‘il cielo in una casa’

La Garante Infanzia e Adolescenza della Toscana, Camilla Bianchi lancia la raccolta di scritti, disegni, immagini. Fino al 26 aprile alla casella di posta ilcieloinunacasa@crtoscana.it, bambine e bambini, ragazze e ragazzi possono inviare il loro personale materiale. “Ogni contributo avrà uno spazio dedicato. Il loro sentire e tradurre questo difficile momento servirà a ricucire il domani”

Una speciale pubblicazione per raccogliere la testimonianza di come bambine e bambini, ragazze e ragazzi vivono e interpretano questa difficile situazione di paura del contagio e della malattia, di privazione della libertà personale e di forte limitazione del confronto sociale. Dopo il docufilm, nell’ambito del progetto ‘Il Coronavirus con gli occhi dei bambini’, lanciato appena qualche giorno fa dalla Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Toscana, Camilla Bianchi presenta la pubblicazione ‘Il cielo in una casa’, una raccolta di scritti, disegni e immagini del “sentire e del tradurre” la vita al tempo del Covid-19.

“La testimonianza di bambine e bambini, ragazze e ragazzi servirà a ricucire il domani. Ognuna delle loro voci non può essere perduta ma raccolta in uno spazio dedicato a memoria di questo difficile momento. Ascoltare il loro sentire sarà occasione di crescita e di educazione per tutti e per la vita che verrà” spiega Bianchi.

Sul sito ufficiale della Garante<http://www.consiglio.regione.toscana.it/garante-infanzia/default.aspx>, benché ancora in costruzione, e sulle pagine del Consiglio regionale della Toscana<http://www.consiglio.regione.toscana.it/default>, sono pubblicati regolamento e liberatoria che i genitori dovranno compilare per la partecipazione dei propri figli. Ogni materiale dovrà essere inviato alla casella di posta appositamente dedicata ilcieloinunacasa@crtoscana.it entro il 26 aprile prossimo.

Il cielo in una casa segue e integra, nell’ambito del progetto già in evoluzione ‘ll Coronavirus con gli occhi dei bambini<http://www.consiglio.regione.toscana.it/ufficio-stampa/comunicati/comunicati_view?idc=&id=28585>’, il docufilm di videointerviste fatte direttamente dalla Garante che grazie alla collaborazione di un professionista dell’immagine e della regia daranno luogo ad un vero e proprio reportage.

Entrambe le inziative hanno il fine comune di non disperdere la memoria di bambine e bambini, ragazze e ragazzi, ma anzi di raccoglierla e di imparare a tradurla in un futuro che possa essere migliore. “Questa esperienza involge drammaticamente tutti noi. Comprendere quanto profondamente possa aver toccato i nostri figli e lasciare traccia del loro sentire servirà a tutti noi per ricomporre insieme, con occhi nuovi, il domani che verrà”.

L'articolo Il Coronavirus con gli occhi dei bambini, inviare racconti e disegni per la pubblicazione ‘il cielo in una casa’ proviene da www.controradio.it.