Regionali: Giannarelli “a gennaio voto su piattaforma Rousseau”

Regionali: Giannarelli “a gennaio voto su piattaforma Rousseau”

“Ieri ero a Roma per un vertice, abbiamo definito alcune date e alcune strategie, a metà gennaio sulla piattaforma Rousseau faremo le primarie per la selezione del candidato presidente”.

Lo ha detto Giacomo Giannarelli, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale parlando delle elezioni regionali del 2020. “In molti mi chiedono di candidarmi – ha aggiunto – io ho dato la disponibilità. Gli altri li scopriremo quando saranno attivate le votazioni”.

L'articolo Regionali: Giannarelli “a gennaio voto su piattaforma Rousseau” proviene da www.controradio.it.

M5s: correremo con nostro candidato. No voto disgiunto

M5s:  correremo con nostro candidato. No voto disgiunto

Così il capogruppo M5s in Consiglio regionale, Giacomo Giannarelli, ha commentato l’ipotesi di voto disgiunto alle prossime elezioni regionali emersa sulla stampa locale.

“Noi correremo alle elezioni con un nostro candidato presidente, io ho dato la mia disponibilità al Movimento 5 Stelle e sarò valutato insieme ad altri candidati attraverso la piattaforma Rousseau, ma il M5s sosterrà il proprio candidato presidente”. Così il capogruppo M5s in Consiglio regionale, Giacomo Giannarelli, ha commentato l’ipotesi di voto disgiunto alle prossime elezioni regionali emersa sulla stampa locale.
Per Giannareli, “il voto disgiunto è una possibilità prevista dalla legge elettorale ma noi non faremo mai campagna elettorale dicendo di utilizzarlo, faremo la campagna elettorale chiedendo ai cittadini di votare il M5s e il nostro candidato governatore”. “Poi – ha aggiunto – se altre forze politiche, attraverso il voto disgiunto, vorranno sostenere il nostro candidato e dare anche un voto di preferenza alle loro formazioni noi non lo possiamo vietare. Però noi non facciamo liste fantoccio, corriamo per vincere forti dei nostri temi politici”.

L'articolo M5s: correremo con nostro candidato. No voto disgiunto proviene da www.controradio.it.

Regionali: Giani “bene capogruppo M5s per opzione voto disgiunto”

Regionali: Giani “bene capogruppo M5s per opzione voto disgiunto”

“Ho apprezzato le dichiarazioni o quanto meno le opinioni colte al capogruppo M5s” in Regione Toscana “Giacomo Giannarelli che parla di una volontà di dialogo tra le nostre forze politiche, che si potrebbe sostanziare come una terza via del presentarsi o non presentarsi col M5s, ossia un modo che attraverso un meccanismo di desistenza potrebbe portare a presentare la lista M5s e contemporaneamente un’opzione di voto disgiunto verso quella che è la candidatura della coalizione di centrosinistra segnatamente espressa dal Partito democratico”.

Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani, commentando la possibilità di un’indicazione di voto disgiunto alle Regionali 2020 in Toscana che, secondo quanto scrive il quotidiano Repubblica stamani nella pagine fiorentine, il capogruppo pentastellato Giacomo Giannarelli non esclude. “Un atteggiamento serio quello di Giannarelli – ha aggiunto Giani – che può essere il punto di partenza di un dialogo”.

L'articolo Regionali: Giani “bene capogruppo M5s per opzione voto disgiunto” proviene da www.controradio.it.

Rifiuti: M5S propone mozione di sfiducia per Fratoni su discarica

Rifiuti: M5S propone mozione di sfiducia per Fratoni su discarica

Il M5S ha proposto una mozione di sfiducia per Federica Fratoni, assessora regionale all’ambiente, per la mancata chiusura della discarica di Cava Fornace. La cava si trova tra i Comuni di Montignoso (Massa-Carrara) e Pietrasanta (Lucca). La proposta porta come prima firma quella di Giacomo Giannarelli, capogruppo M5S in Consiglio regionale.

La proposta di mozione di sfiducia, secondo Giannarelli, è giunta perchè “l’assessore Fratoni tradisce l’indicazione politica del Consiglio regionale, che con ben due mozioni aveva chiesto la chiusura della discarica”. “Poiché lo stesso assessore ha dichiarato che non è possibile chiudere Cava Fornace – continua -, è evidente che debba o dimettersi di sua spontanea volontà o essere dimessa dal presidente Rossi”.
Secondo il capogruppo M5S “occorre fare chiarezza sulla posizione del Partito Democratico che in Consiglio, sul tema rifiuti. Vota una cosa e per mano di un proprio esponente di Giunta, invece, ne fa un’altra. Noi del Movimento 5 Stelle non molleremo la questione, Cava Fornace deve essere chiusa”.

L'articolo Rifiuti: M5S propone mozione di sfiducia per Fratoni su discarica proviene da www.controradio.it.

Tav Firenze, Nardella: “Sono soddisfatto, ormai nessun ostacolo”

Tav Firenze, Nardella: “Sono soddisfatto, ormai nessun ostacolo”

“Sono molto soddisfatto, a questo punto non ci sono più ostacoli sul percorso della realizzazione del sottoattraversamento Tav a Firenze”, è il commento di Dario Nardella, sindaco di Firenze dopo le conclusioni dell’analisi costi-benefici del ministero delle Infrastrutture. “Le criticità sull’opera permangono”, ha invece detto il capogruppo M5s in Consiglio regionale Giacomo Giannarelli.

“Mi auguro davvero che entro la fine dell’anno o al massimo all’inizio dell’anno prossimo riprendano i lavori nel cantiere della stazione Foster”, ha detto Nardella, a margine della cerimonia di inaugurazione della statua in onore di Raoul Wallenberg all’aeroporto di Firenze . “Come aveva detto già il ministro Paola De Micheli – ha ricordato -, ci aspettiamo che Rfi sblocchi questa situazione di stallo: mi risulta, avendo parlato più volte con Gentile, l’ad di Rfi, che l’azienda abbia già pronta la soluzione per superare il fallimento del consorzio a cui è stata affidata la realizzazione dell’opera”.
“Ho già chiesto a Rfi di valutare l’ipotesi di una navetta che possa collegare molto velocemente la stazione Foster con la stazione Santa Maria Novella. Si tratta di circa un chilometro di distanza tra le due stazione. Una navetta sul modello di quelle che collegano i gate e gli scali aeroportuali, potrebbe essere la soluzione efficace. Ovviamente aspettiamo da Rfi una risposta, ma avevo registrato una disponibilità di massima”, ha continuato Nardella.
“Attualmente i lavori sono fermi, non per volontà politica, bensì in seguito al fallimento della società appaltatrice. Il fermo cantiere potrebbe anche essere superiore di un anno e a nostro avviso si dovrebbe utilizzare questo tempo per trovare soluzioni meno impattanti, per esempio analizzando soluzioni con passaggi in superficie, grazie all’uso di stazioni collaterali a Santa Maria Novella, a partire da quelle di Statuto e Rifredi”, afferma il capogruppo M5s in Consiglio regionale Giacomo Giannarelli.
“Come Movimento 5 Stelle sosteniamo le grandi opere utili e realizzabili e ci opponiamo solo a quelle che riteniamo poco utili e troppo ambiziose per il nostro territorio, che presentano criticità ambientali. Proprio in questi giorni abbiamo segnalato al Ministero l’esistenza di progetti alternativi che spero possano essere presi in considerazione. Non vorremmo che l’attuale esito positivo dell’analisi costi-benefici derivasse da una valutazione nazionale – conclude – dove un passeggero della Lombardia risparmia 10 minuti per andare a Roma”.

L'articolo Tav Firenze, Nardella: “Sono soddisfatto, ormai nessun ostacolo” proviene da www.controradio.it.