Covid, Acli e Arci: “I circoli sono fondamentali, ma la crisi rischia di spazzarli via”

Covid, Acli e Arci: “I circoli sono fondamentali, ma la crisi rischia di spazzarli via”

L’allarme per le 1.500 sedi regionali sempre più in pericolo e commentano l’indagine sulle case del popolo e circoli fatta nei mesi di pandemia

“La chiusura dei circoli è un problema sociale reale e profondo, avvertito in maniera sensibile dalla stragrande maggioranza dei cittadini”. I presidenti Acli e Arci della Toscana, rispettivamente Giacomo Martelli e Gianluca Mengozzi, rimettono in luce la difficoltà dei circoli ricreativi e case del popolo ricordando il valore sociale delle 1.500 sedi collocate in ogni provincia della regione. A dimostrazione arriva anche la ricerca “Opinione pubblica e volontariato in Toscana” realizzata da Cesvot.

Un’indagine che ha coinvolto centinaia di residenti della Toscana. Per il 57% degli intervistati, rileva lo studio, i circoli e le case del popolo possiedono un “ruolo importante” e per il 22% persino un “ruolo fondamentale, insostituibile”. Appena il 3,2% dà un parere negativo.

“I circoli e le case del popolo hanno un funzione culturale e di svago, ma soprattutto rappresentano un collante del tessuto sociale. Questi dati ancora una volta lo raccontano – proseguono i presidenti – Quando chiude una sede per centinaia di persone significa perdere un riferimento, non avere più il luogo della comunità. Vale nei quartieri delle grandi città così come nei piccoli paesi. Non a caso tante strutture vengono frequentate giorno dell’anno. Un discorso che vale in modo particolare per la popolazione più anziana che come pochi altri ha accusato il dramma di questi mesi”. Sempre secondo la ricerca pubblicata da Cesvot, oltre il 68% delle persone over 64 sta infatti accusando una crescita del senso di solitudine.

“Non possiamo superare questa pandemia solo con le raccolte fondi tra i soci – concludono Martelli e Mengozzi – I sacrifici fatti sono stati enormi. La Regione ha mostrato supporto, adesso speriamo che il nuovo Governo riconosca l’importanza delle nostre case e dedichi le giuste risorse al Terzo settore”.

 

 

L'articolo Covid, Acli e Arci: “I circoli sono fondamentali, ma la crisi rischia di spazzarli via” proviene da www.controradio.it.

Appello Arci e Acli Toscana: “Riapertura circoli in zona gialla”

Appello Arci e Acli Toscana: “Riapertura circoli in zona gialla”

La metà dei circoli Arci e Acli della Toscana rischiano la chiusura. L’appello al Governo: “Basta! Adesso permetteteci di  aprire  in zona gialla” Da marzo l’attività è sospesa e molte realtà associative non riescono più a sopravvivere. I presidenti: “Bar aperti e circoli chiusi: il Governo elimini questa discriminazione e aumenti l’efficacia dei ristori”

Con molta fatica hanno resistito al primo lockdown di marzo, ma il colpo di grazia potrebbe arrivare dal secondo: circa la metà dei 1500 circoli Acli e Arci della Toscana, tra queste moltissime realtà più piccole, potrebbero non riaprire mai più. E’ l’allarme lanciato dai presidente regionali Acli, Giacomo Martelli, e Arci, Gianluca Mengozzi, che lanciano un appello.

“La situazione è gravissima, ora basta.  Il Governo ci consenta di aprire ed elimini le discriminazioni permettendoci di poter svolgere l’attività sociale di somministrazione riservata ai soci almeno in zona gialla, con gli stessi limiti e modalità consentite agli esercizi commerciali”.

Tutte le attività sono chiuse da marzo, con l’eccezione di un paio di mesi in estate. A pagare il prezzo più alto sono i circoli dei lavoratori e le case del popolo, quelle che spesso rappresentato l’unico luogo di aggregazione oltre che presidio sociale.

“Queste realtà  – spiega Martelli –  hanno un valore fondamentale per tante persone, soprattutto anziane, che qui non solo passano il tempo, ma spesso ricevono servizi di prossimità per loro indispensabili, soprattutto se non possono muoversi facilmente. C’è una situazione di solitudine sociale molto grave”.

“Le conseguenze sociali della pandemia saranno molto gravi – aggiunge Mengozzi – Aumenteranno povertà e disuguaglianze per i settori sociali più vulnerabili. L’esistenza dei circoli ricreativi e culturali sarà ancor più necessaria per la salvaguardia dei diritti delle fasce popolari e per la coesione sociale delle nostre comunità. Per questo le Istituzioni, in primis il Governo, devono sentire l’obbligo di assicurare con atti concreti la sopravvivenza di questi insostituibili presidi.”

Con le entrate azzerate, la sostenibilità economica di queste realtà, che vivono di autofinanziamento, viene a mancare. Anche la campagna di tesseramento non è partita.  Poco o nulla al momento è arrivato dai ristori del Governo e aumentano anche le difficoltà per l’accesso al credito agevolato. “In attesa dei ristori promessi dal Governo, al momento le associazioni possono contare solo sugli aiuti previsti dalla Regione Toscana che ha sempre mantenuto alta l’attenzione sui  presidi”.

“Che il Governo – puntualizzano i presidenti – elimini l’ingiusta discriminazione che stiamo subendo. Non si comprende perché ai circoli siano impedite attività permesse ad altre categorie. Non accettiamo l’idea che, a parità di regole di sicurezza, le attività che si svolgono nei circoli vengano considerate più nocive di quelle realizzate nelle strutture commerciali. In assenza di sostegno economico, il Governo ci deve permettere almeno l’azione di autofinanziamento per poter sopravvivere. E’ necessario intervenire urgentemente per non mettere fine alla lunga storia dei nostri circoli. Facciamo appello anche ai parlamentari toscani che non ci hanno fatto mancare in questi mesi segnali di solidarietà perché intervengano presso il Governo”.

L'articolo Appello Arci e Acli Toscana: “Riapertura circoli in zona gialla” proviene da www.controradio.it.

Covid:  aumento giovani Neet in Toscana

Covid:  aumento giovani Neet in Toscana

Lo denuncia uno studio di ACLI: due anni fa erano quasi 80 mila i Neet  (giovani che non lavorano, non studiano e non si dedicano a nessun percorso di formazione) in Toscana. Il Covid ha stravolto gli equilibri, già delicati, del marcato lavorativo

Un legame che torna ad allarmare, ancora di più dopo mesi di epidemia. “In Toscana il tasso di Neet, tra i 15 e i 34 anni, continua a crescere – spiega Giacomo Martelli, presidente
regionale dei circoli Acli -. Siamo tra le prime regioni del Centro-Nord per incremento, attorno al 15%. Due anni fa erano quasi 80 mila i Neet in Toscana. Dopo una buona decrescita del recente passato, i numeri hanno ripreso a salire” dei giovani che non lavorano, non studiano e non si dedicano a nessun percorso di formazione.

Il Covid ha stravolto gli equilibri, già delicati, del marcato lavorativo: “Adesso occorre prendere in mano questo problema il prima possibile – prosegue -: è importante che la
Regione Toscana apra un tavolo e definisca un piano d’interventi. Rischiamo di aprire gli occhi dopo la pandemia e scoprire di avere un buco generazionale nella nostra forza
lavoro”.

L’emergenza dell’ultimo anno ha generato nei giovani una sfiducia ulteriore sul futuro e creato uno stallo: “C’è un preoccupante senso di attesa nei giovani, non vedono prospettive solide lungo la loro strada”.

Anche la cifra del Recovery Fund destinata alle politiche del lavoro giovanile solleva più di una perplessità: “L’Italia investirà solo l’1% dei fondi europei – prosegue Debora Baldi della presidenza regionale Acli con delega ai giovani – mentre vorremmo che fosse utilizzato per questo scopo almeno il 10% cento, ovvero 20 miliardi. Soldi finalizzati a tirocini retribuiti, bonus apprendistato, servizio civile. E al tempo stesso per sviluppare percorsi di formazione qualificanti sui nuovi mestieri, come il digitale”.

Le strade per creare opportunità sono molteplici: “Anche il reinserimento professionale è un tema cruciale. Aumentiamo le borse di studio e apriamo sportelli di orientamento”.

L'articolo Covid:  aumento giovani Neet in Toscana proviene da www.controradio.it.

Covid:  aumento giovani Neet in Toscana

Covid:  aumento giovani Neet in Toscana

Lo denuncia uno studio di ACLI: due anni fa erano quasi 80 mila i Neet  (giovani che non lavorano, non studiano e non si dedicano a nessun percorso di formazione) in Toscana. Il Covid ha stravolto gli equilibri, già delicati, del marcato lavorativo

Un legame che torna ad allarmare, ancora di più dopo mesi di epidemia. “In Toscana il tasso di Neet, tra i 15 e i 34 anni, continua a crescere – spiega Giacomo Martelli, presidente
regionale dei circoli Acli -. Siamo tra le prime regioni del Centro-Nord per incremento, attorno al 15%. Due anni fa erano quasi 80 mila i Neet in Toscana. Dopo una buona decrescita del recente passato, i numeri hanno ripreso a salire” dei giovani che non lavorano, non studiano e non si dedicano a nessun percorso di formazione.

Il Covid ha stravolto gli equilibri, già delicati, del marcato lavorativo: “Adesso occorre prendere in mano questo problema il prima possibile – prosegue -: è importante che la
Regione Toscana apra un tavolo e definisca un piano d’interventi. Rischiamo di aprire gli occhi dopo la pandemia e scoprire di avere un buco generazionale nella nostra forza
lavoro”.

L’emergenza dell’ultimo anno ha generato nei giovani una sfiducia ulteriore sul futuro e creato uno stallo: “C’è un preoccupante senso di attesa nei giovani, non vedono prospettive solide lungo la loro strada”.

Anche la cifra del Recovery Fund destinata alle politiche del lavoro giovanile solleva più di una perplessità: “L’Italia investirà solo l’1% dei fondi europei – prosegue Debora Baldi della presidenza regionale Acli con delega ai giovani – mentre vorremmo che fosse utilizzato per questo scopo almeno il 10% cento, ovvero 20 miliardi. Soldi finalizzati a tirocini retribuiti, bonus apprendistato, servizio civile. E al tempo stesso per sviluppare percorsi di formazione qualificanti sui nuovi mestieri, come il digitale”.

Le strade per creare opportunità sono molteplici: “Anche il reinserimento professionale è un tema cruciale. Aumentiamo le borse di studio e apriamo sportelli di orientamento”.

L'articolo Covid:  aumento giovani Neet in Toscana proviene da www.controradio.it.

Covid, Acli e Arci “Bene impegno Regione, ma futuro 1.500 circoli toscani è ancora a rischio”

Covid, Acli e Arci “Bene impegno Regione, ma futuro 1.500 circoli toscani è ancora a rischio”

“Ci auguriamo incremento nelle risorse nei prossimi provvedimenti del Governo. La tenuta sociale delle nostre comunità passa anche da qui”

“Il fondo di sostegno per gli enti del Terzo settore è un segnale e l’impegno della Regione e delle istituzioni locali è stato fondamentale, anche se è un primo passo: i 1.500 circoli della Toscana sono ancora a rischio. Alla fine della pandemia, se le cose non cambiano, molti chiuderanno”. E’ passata una settimana dalla chiusura dei circoli Arci e Acli della Toscana e qualcosa si è mosso, ma non è sufficiente secondo i presidenti Acli e Arci della Toscana, rispettivamente Giacomo Martelli e Gianluca Mengozzi. “Vogliamo ringraziare, a nome di tutti i soci, volontari e militanti, la Regione Toscana, il presidente Eugenio Giani e la sua Giunta, i consiglieri, i parlamentari toscani, le forze politiche e i molti sindaci che si sono da subito mobilitati a fianco dei nostri circoli. Questa prima forma di sostegno è, infatti, per buona parte, dovuto al loro deciso intervento nel rimarcare l’importanza delle case del popolo e dei circoli nel tessuto sociale della nostra Regione”

Resta però forte la preoccupazione per il futuro. “Il Governo ha travolto, con una previsione ingiusta ed approssimativa, tutte quelle attività solidaristiche e di utilità sociale che le nostre strutture svolgono quotidianamente, danneggiando le comunità, soprattutto le più piccole. I nostri 1.500 presìdi di comunità hanno dimostrato un grande senso di responsabilità, sospendendo subito le attività, manifestando con ordine e senza falsi clamori la verità delle pesanti conseguenze del provvedimento e la frustrazione per il maggior rigore applicato nei loro confronti rispetto alle categorie commerciali. Ancora non capiamo questa differenza di trattamento”.

“Ci auguriamo – concludono i presidente Acli e Arci – che il Governo nei prossimi provvedimenti incrementi le risorse per il Terzo settore: la tenuta sociale delle nostre comunità, messa a dura prova dalle conseguenze economiche e sociali della pandemia, passa anche dal garantire la sopravvivenza di queste insostituibili realtà. A questo proposito chiediamo e auspichiamo anche una collaborazione da parte delle amministrazioni comunali e un loro pronto intervento per aiutarci a rendere più sostenibili i costi di queste strutture.”

L'articolo Covid, Acli e Arci “Bene impegno Regione, ma futuro 1.500 circoli toscani è ancora a rischio” proviene da www.controradio.it.