Presentata lista unitaria “Sinistra Civica Ecologista”

Presentata lista unitaria “Sinistra Civica Ecologista”

?Firenze, presentata la lista unitaria “Sinistra Civica Ecologista”, formata dalle esperienze di Articolo UNO, Comunità Civica Toscana e 2020aSinistra.

La lista Sinistra Civica Ecologista, che si presenterà in tutti i collegi della Toscana per le elezioni regionali 2020, si propone di portare nel futuro Consiglio regionale e al suo governo le istanze del vasto mondo della sinistra, dei territori rappresentati dalle diverse liste civiche di impronta progressista, dell’ecologismo diffuso.

Realtà presenti sul territorio, che si sono riunite sotto un unico simbolo con un progetto comune, articolato su sei grandi temi.

“La sanità, con un impegno forte a rivedere la recente riforma, rimettendo al centro il territorio e l’integrazione sociosanitaria – si legge in un comunicato di Sinistra, Civica Ecologista – La casa e il diritto all’abitare, con un piano di edilizia residenziale, la destinazione ad uso abitativo di edifici pubblici recuperati e interventi contro lo svuotamento dei centri storici. La riconversione green dell’economia, con la riqualificazione energetica e ambientale delle imprese, ma anche con lo sviluppo del trasporto pubblico e di mezzi e infrastrutture a basso impatto ambientale. La ripubblicizzazione dell’acqua e una legge sui beni comuni. E naturalmente il lavoro, di qualità e nel rispetto dei diritti, qualsiasi tipo di lavoro, incluse le forme sempre più diffuse di lavoro povero e senza tutele. Infine, l’istruzione, con provvedimenti per arginare l’abbandono scolastico e servizi per la fascia 0-3 anni”.

“Su questi temi le forze rappresentate nella lista avevano firmato un accordo con il Candidato Presidente Eugenio Giani, ed è su questi temi e sulle battaglie ad essi collegati che candidati si impegneranno in tutta la Toscana, andando a chiedere il voto dei cittadini e facendosene promotori nell’ambito della coalizione. Sono temi individuati ben prima dell’emergenza Covid e che appaiono oggi ancora più attuali, anzi ineludibili. Perché anche per governare una regione occorre una visione, l’attenzione alla dimensione locale unita alla capacità di guardare agli scenari più ampi con cui è impossibile non confrontarsi.

Sinistra Civica Ecologista vuole dunque essere questo: un’esperienza che tiene insieme il legame profondo con i territori e i cittadini, la capacità di ascoltarne le istanze e le richieste, con una visione ideale, dove non mancherà mai il confronto con i grandi temi e gli orizzonti nazionali e internazionali con cui dovrà necessariamente fare i conti ogni scelta programmatoria regionale. Questo vuol dire essere di sinistra, civici ed ecologisti!”.

“Perchè il Covid ci ha dimostrato che il mondo è uno solo, che i grandi problemi toccano tutti e insieme si risolvono. Sinistra Civica Ecologista è questo: non la sommatoria di partiti, ma un Progetto, capace di infondere un nuovo slancio, con tutto il coraggio che ci vorrà anche in Toscana per affrontare gli scenari del dopo Covid, governare la Toscana e costruire il futuro della regione nei prossimi 10 anni”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Giacomo Trentanovi, Presidente Comunità Civica Toscana, Daniela Lastri di 2020aSinistra e Simone Bartoli, segretario di Articolo UNO Toscana:

L'articolo Presentata lista unitaria “Sinistra Civica Ecologista” proviene da www.controradio.it.

Giani: da parte mia massima apertura alla sinistra

Giani: da parte mia  massima apertura alla sinistra

Giani si è detto “positivamente colpito dai risultati dei sondaggi, anche più sondaggi, che mi danno in vantaggio sull’ipotetico candidato del centrodestra; ancora sono ipotesi, non è ben determinato quale sarà”.

“Voglio approfondire quelle ragioni di unione che hanno visto le 15 forze politiche presenti a sostenermi” ma c’è “massima apertura all’incontro anche con gli altri, anche con quelle forze come Articolo 1 e 2020 a Sinistra che avevano partecipato all’elaborazione del programma e poi non lo avevano sottoscritto: io auspico che lo sottoscrivano nei giorni successivi”. Lo ha affermato Eugenio Giani, indicato come candidato presidente del centrosinistra per la Regione Toscana, a margine di una conferenza stampa.
“Comunque sia – ha aggiunto – in questo momento devo andare avanti con le 15 forze che lo hanno sottoscritto, e devo dire che in questi giorni sto trovando tanto entusiasmo in tutto il, magmatico, ma in questo caso compatto, mondo del centrosinistra, con un’impostazione che si apre alla transizione ecologica che il nostro modello di sviluppo vedrà nei prossimi anni”. Giani si è detto “positivamente colpito dai risultati dei sondaggi, anche più sondaggi, che mi danno in vantaggio sull’ipotetico candidato del centrodestra; ancora sono ipotesi, non è ben determinato quale sarà”.
Giani ha poi annunciato che da oggi darà avvio a “un lavoro di elaborazione programmatica a partire dal programma che ha visto la sottoscrizione dei 15 leader dei partiti del centrosinistra che vi hanno aderito”. “Da qui al 6 di gennaio voglio incontrarli tutti, raccogliere il loro contributo e approfondire maggiormente i temi programmatici che caratterizzano la coalizione, in modo da essere pronto quando riprenderà l’attività dal 7 gennaio”, ha spiegato, annunciando che le consultazioni partono oggi “con l’incontro con la Sinistra civica di Giacomo Trentanovi e degli altri sindaci, nel tardo pomeriggio vedrò +Europa, e quindi parto da queste due forze politiche. Il 27 abbiamo fissato con i Verdi; le altre forze politiche mi hanno fatto la richiesta ma non abbiamo ancora fissato una data, ma ripeto, tutti e 15 li incontrerò in questi 15 giorni”.
Stamattina, ha detto Giani, “ci siamo sentiti con Graziano Cioni che mi ha molto incoraggiato nel mio tentativo: mi fa piacere perché Graziano Cioni alle elezioni di maggio con Nardella aveva dato vita a una lista da sinistra rispetto alla coalizione di centro-sinistra. Mi ha detto che invece questa volta vuol convergere su un centro-sinistra che abbia la mia guida, e conseguentemente sono molto contento di questo”.

L'articolo Giani: da parte mia massima apertura alla sinistra proviene da www.controradio.it.