Coronavirus: Pasqua in streaming e con preghiere domestiche 

Coronavirus: Pasqua in streaming e con preghiere domestiche 

Celebrazioni pasquali all’insegna delle dirette tv o streaming e delle preghiere domestiche: è quanto prevedono le diocesi toscane per la settimana della Pasqua 2020 segnata dall’emergenza Coronavirus.

Tutte le celebrazioni quest’anno si svolgeranno ‘senza concorso di popolo’, ovvero saranno fatte a porte chiuse, ma potranno essere seguite in diretta sui canali delle tv locali, su siti o sulle pagine social delle diocesi.
Annullati i riti che caratterizzano la Settimana Santa, come la processione con le Palme, la visita delle Sette Chiese, la Via Crucis e i battesimi nella Veglia Pasquale. Anche la tradizionale benedizione delle uova pasquali potrà essere fatta attraverso i vari mezzi di comunicazione: la Diocesi di Pistoia, per esempio, fa sapere che il vescovo Fausto Tardelli al termine della veglia pasquale del Sabato Santo e della messa del giorno di Pasqua benedirà le uova pasquali.
Saranno trasmesse in diretta streaming anche le celebrazioni presiedute dal cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, nella cattedrale di Santa Maria del Fiore nel Giovedì Santo (ore 17), nel Venerdì Santo (ore 15) e la Messa di Pasqua, trasmessa anche in tv.
Nella Domenica di Pasqua, Betori percorrerà la navata del Duomo è uscirà sul sagrato per illuminare la città con il fuoco del cero pasquale, che quest’anno non servirà per far partire la colombina per il tradizionale Scoppio del carro, annullato per il Coronavirus.
A Prato, il vescovo Giovanni Nerbini ha annunciato la Via Crucis intorno all’ospedale Santo Stefano come gesto di vicinanza nei confronti dei malati e del personale sanitario (venerdì ore 17). La celebrazione sarà comunque chiusa alla presenza dei fedeli, ma sarà trasmessa in diretta televisiva.
La Diocesi di Livorno propone sul sito materiale per la ‘Chiesa domestica’ con le preghiere da fare in famiglia.

L'articolo Coronavirus: Pasqua in streaming e con preghiere domestiche  proviene da www.controradio.it.