“Like I Used To”, la fantastica collaborazione di Sharon Van Etten e Angel Olsen

“Like I Used To”, la fantastica collaborazione di Sharon Van Etten e Angel Olsen

Da questa settimana sulle frequenze di Controradio il singolo “Like I Used To” la  fantastica collaborazione tra Sharon Van Etten e Angel Olsen

Sharon Van Etten e Angel Olsen sono due delle più note ed influenti artiste dei giorni nostri, giovani ma con una lunga carriera alle spalle. Il brano è stato scritto insieme dalle due artiste americane e si tratta di un’esperienza dai toni epici, un vero e proprio anthem folk-rock con forti influenze country e una produzione eccelsa.

Il brano dal piglio folk rock è stato prodotto da John Congleton, collaboratore di lunga data di entrambe le artiste e già dietro al banco mixer dei bellissimi ‘Remind Me Tomorrow’ di Sharon Van Etten e ‘All Mirrors’ di Angel Olsen.

GUARDA IL VIDEO UFFICIALE:

Scrive la celebre webzine musicale Pitchfork  “Their first collaborative single, “Like I Used To,” lives up to its potential, plays to their strengths, and still manages to pack a surprise. The verse melody sits squarely in Olsen’s comfort zone—a little bit classic country, a little bit girl-group balladry. And the chorus, which arrives on an ascending wave of glockenspiel, like a golden staircase appearing through the fog, is pure Van Etten: a long string of ribbon she unfurls in the wind, equally ragged and triumphant”

Da NME le parole di Sharon “Even though we weren’t super close, I always felt supported by Angel and considered her a peer in this weird world of touring,” Van Etten said in a statement about ‘Like I Used To’. “We highway high-fived many times along the way “I finally got the courage in June of 2020 to reach out to see if she would want to sing together. I got greedy and quickly sent her a track I had been working on.”

L'articolo “Like I Used To”, la fantastica collaborazione di Sharon Van Etten e Angel Olsen da www.controradio.it.

La Classifica Musicale di Controradio, sabato 22 maggio 2021

La Classifica Musicale di Controradio, sabato 22 maggio 2021

Sabato dalle 20:00 la Classifica Musicale di Controradio. Il nostro ‘best of’ settimanale in replica la domenica alle 11.30 e il lunedì sera alle 21.30. Tra le novità di questa settimana St Vincent, Paul Weller, Stranglers, Sleater-Kinney…

 

Classifica 22 Maggio 2021:

  1. Walk with Me / The Black Keys (Album della settimana. Appena pubblicato per Nonesuch Records, “Delta Kream” è il decimo album in studio per il duo di Akron The Black Keys. L’album celebra le origini della band attraverso undici brani votati al Mississippi Hill Country Blues, con canzoni di R. L. Burnside, Junior Kimbrough e altri artisti che hanno contribuito alla formazione musicale dei Black Keys.)
  2. Glad Times / Paul Weller
  3. Down / St. Vincent
  4. Worry With You / Sleater-Kinney
  5. Quello che non so di te / Motta
  6. And If You Should See Dave… / The Stranglers
  7. Living With You / Teenage Fanclub
  8. The Darkness That You Fear (Edit) / The Chemical Brothers
  9. My lucky card / Billy F Gibbons
  10. Sabrina / Bobo Rondelli
  11. Hard Times / The Cold Stares
  12. Witchoo (feat. Aaron Frazer) / Durand Jones & The Indications
  13. Out of Love / Steve Cropper
  14. One Inna Million (feat. Lava La Rue) / Tony Allen
  15. The end of the game / Weezer

L'articolo La Classifica Musicale di Controradio, sabato 22 maggio 2021 da www.controradio.it.

Sentiero Film Factory

Sentiero Film Factory

Realizzato a Firenze nel Quartiere di San Frediano questa prima edizione di Sentiero Film Factory proporrà una residenza artistica cinematografica, un concorso di cortometraggi Internazionale, un concorso dedicato alle scuole di cinema…

Sentiero Film Factory è il primo festival fiorentino a unire in un unico evento festivaliero, di tre giorn, un programma di incontri industry, un pitch per sceneggiature e una residenza artistica.

Dedicato principalmente al cortometraggio, con l’obiettivo di valorizzare i giovani talenti e le produzioni indipendenti, mira a integrare nel circuito fiorentino e toscano un servizio di promozione e valorizzazione del territorio tramite il talento di giovani autori e l’ospitalità di realtà cinematografiche internazionali.

Organizzato dalla nuova realtà Sentiero Film, in collaborazione con Black Oaks Pictures, Materiali Sonori Cinema e con i patrocini di Mujeres nel Cinema, Women in Film Television & Media Italia, Toscana Film Commission e Cinema la Compagnia.

Realizzato a Firenze nel Quartiere di San Frediano questa prima edizione ospiterà Sentiero Film REC, una residenza artistica cinematografica in collaborazione con l’Associazione Immerge, Sentiero Film Fest, un concorso di cortometraggi Internazionale, Sentiero Film School, un concorso dedicato alle scuole di cinema e Sentiero Film Pitch, un concorso per sceneggiature di cortometraggi.

Sentiero Film Factory si svolgerà il 10-11-12 Settembre 2021, mentre l’artista selezionato per la residenza sarà ospitato dal 26 Agosto al 9 Settembre. Il resto del programma include quattro incontri Industry con istituzioni, scuole e aziende dell’industria cinematografica italiana. I Percorsi Turistici, legati al film “Le Ragazze di San Frediano” di Vasco Pratolini, aperitivi aperti al pubblico, concerti e dj-set.

L’ingresso al Festival sarà gratuito e aperto a tutti, alcuni eventi potrebbero essere su prenotazione o solo per addetti ai lavori.

CALL FOR APPLICATIONS:
Per inviare uno script o un cortometraggio cliccate il seguente LINK: https://filmfreeway.com/SentieroFilmFactory
Per candidarsi alle Residenze Artistiche scaricate modulo al seguente LINK: https://www.sentierofilm.com/

L'articolo Sentiero Film Factory da www.controradio.it.

Un ricordo di Battiato del musicologo Fabrizio Basciano

Un ricordo di Battiato del musicologo Fabrizio Basciano

Abbiamo chiesto un ricordo del maestro Franco Battiato al critico e musicologo Fabrizio Basciano, autore tra le altre opere di “Battiato ’70. Tra popular music e avanguardie colte”. Dove si ricostruisce la figura di sperimentatore e ricercatore sonoro del grande musicista siciliano

Fabrizio Basciano, musicologo, giornalista (anche per il Fatto Quotidiano) ha conosciuto e lavorato col compositore siciliano. Nel 2015 ha scritto per Crac edizioni “Battiato ’70. Tra popular music e avanguardie colte”. Giustina Terenzi lo ha intervistato nel giorno della scomparsa del grande Cantautore.

“Un viaggio tra le avanguardie colte e la popular music attraverso una serie di autori e band che, nella sperimentazione, hanno trovato il proprio “centro di gravità permanente”: in primis, Battiato. Tra gli studi di Stockhausen e l’alea di Cage, tra il minimalismo americano e il collage sonoro, tra le avanguardie popular e le volate elettroniche sui primi sintetizzatori analogici da palco, il Battiato degli anni ’70 rappresenta un modello di sperimentatore e ricercatore sonoro che in Italia non aveva precedenti e forse non ebbe neanche successori. Un caso a parte insomma, il caso di un musicista mosso da un’inquietudine foriera di sempre nuovi esiti discografici, ognuno molto distante, e stilisticamente e concettualmente, dagli altri. II tentativo di trattare, analiticamente e dunque musicologicamente parlando, fenomeni e autori troppo spesso ritenuti, dal mondo accademico, non particolarmente meritevoli di uno studio approfondito a causa di una certa discontinuità col mondo delle accademie e dei conservatori. Tutto questo e molto altro ancora è “Battiato ’70”.

Fabrizio Basciano Bio (Musicologo, musicante, docente)

Ha all’attivo diverse pubblicazioni discografiche, tra cui: “Le 7 perle di Belzebù” (2013), opera elettroacustica liberamente tratta dal libro “I Racconti di Belzebù a suo nipote” di G.I.Gurdjieff ed edita dall’etichetta Nostress Netlabel, “8 pezzi brevi” (2013) e “Klar” (2014): alcuni brani di quest’ultimo album ricevono l’aiuto tecnico e la supervisione di Franco Battiato. Collabora col Teatro dell’Opera di Firenze e il Festival della Valle d’Itria pubblicando per loro saggi musicologici su autori e opere vari.  Autore dei libri “Le vie mistiche, Gurdjieff, Rumi e altre connessioni possibili” (Edizioni Irfan), “Battiato ’70, tra popular music e avanguardie colte” Edizioni Crac) e “La Bottega dei Falsautori, il grande bluff della musica pop” (Edizioni Arcana), quest’ultimo con l’introduzione di Marco Travaglio.

L'articolo Un ricordo di Battiato del musicologo Fabrizio Basciano proviene da www.controradio.it.

La Classifica Musicale di Controradio del 15 maggio

La Classifica Musicale di Controradio del 15 maggio

Torna sabato 15 maggio alle 20:00 la Classifica Musicale di Controradio. Il nostro ‘best of’ settimanale in onda anche in replica la domenica alle 11.30 e il lunedì sera alle 21.30. Conduce Giustina Terenzi

Scopri le novità discografiche della settimana con la Classifica di Controradio.

  1. Living With You / Teenage Fanclub (Album della settimana. A distanza di quattro anni dall’ultimo album in studio intitolato Here, tornano in pista gli scozzesi Teenage Fanclub. Endless Arcade è il dodicesimo album, il primo senza il bassista e cantante co-fondatore Gerard Love)

  2. Qualcosa di normale / Motta

  3. The Darkness That You Fear  / The Chemical Brothers

  4. Not for me / Rachele Bastreghi

  5. Crime To Be Poor / The Reverend Peyton’s Big Damn Band

  6. Mick Jones Nicked My Pudding / Dropkick Murphys

  7. Out of Love / Steve Cropper

  8. The Melting of the Sun / St. Vincent

  9. The Killing Of Georgie (PART III) / The Mighty Mighty Bosstones

  10. The end of the game / Weezer

  11. Boilermaker / Royal Blood

  12. Crawling Kingsnake  / The Black Keys

  13. Ci abbracciamo / Vasco Brondi

  14. Hard Times / The Cold Stares

  15. 15 This Is Not Utopia / The Offspring

QUI puoi riascoltare tutti le puntate a cura della redazione musicale, con la conduzione di Giustina Terenzi.

L'articolo La Classifica Musicale di Controradio del 15 maggio proviene da www.controradio.it.