Argentario: ancora dispersa donna coinvolta in scontro barche

Argentario: ancora dispersa donna coinvolta in scontro barche

Lo rende noto la Guardia costiera. Le ricerche, gestite dall’Ufficio circondariale marittimo di Porto Santo Stefano (Argentario)  sotto il coordinamento della Centrale operativa della Direzione marittima di Livorno, vedono impegnati diversi mezzi navali della guardia costiera

Lo scontro è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, tra un motoscafo e una barca a vela nelle acque antistanti Porto Ercole (Grosseto), all’Argentario. Da una prima ricostruzione dei fatti è emerso che a bordo del motoscafo, condotto da un uomo, erano presenti quattro cittadini di nazionalità danese mentre sulla barca a vela erano invece presenti sei persone di nazionalità italiana.

Sono proseguite intanto  tutta la notte, e continuano ancora oggi,  le ricerche della donna dispersa in mare a seguito della collisione. Lo rende noto la Guardia costiera. Le ricerche, gestite dall’Ufficio circondariale marittimo di Porto Santo Stefano sotto il coordinamento della Centrale operativa della Direzione marittima di Livorno, vedono impegnati all’Argentario i diversi mezzi navali della guardia costiera, con la partecipazione di mezzi aereonavali della guardia di finanza e mezzi e uomini dei vigili del fuoco e dei carabinieri. Sulle dinamiche del sinistro, spiega una nota, sono in corso le indagini dei militari dell’Ufficio circondariale marittimo di Porto Santo Stefano.

Nello scontro è rimasto vittima un uomo. Tre persone tutte originarie di Roma, due donne (di 61 e 59 anni) ed un uomo di 60 anni sono strati trasportati all’ospedale di Orbetello in codice giallo, quest’ultimo è in trasferimento all’ospedale di Grosseto. Un uomo anch’esso di Roma, di 60 anni, è stato trasportato in elisoccorso a Grosseto in codice giallo. Gli interventi sono stati coordinati dalla Capitaneria di porto. L’Asl ha mobilitato i sanitari con Croce Rossa di Orbetello, Croce Rossa Capalbio, Misericordia di Albinia e la Croce Rossa di Magliano. Impegnati uomini e mezzi dei vigili del fuoco, della Capitaneria di Porto Santo Stefano e, per i rilievi e le indagini, i carabinieri.

L'articolo Argentario: ancora dispersa donna coinvolta in scontro barche da www.controradio.it.

Scontro tra due barche di 20 metri, un morto ed un disperso

Scontro tra due barche di 20 metri, un morto ed un disperso

Porto Ercole in provincia di Grosseto, uno scontro tra barche nel mare dell’Argentario dove due imbarcazioni di grandi dimensioni, una a motore e una barca a vela, entrambe sui venti metri, sono entrate violentemente in collisione sabato pomeriggio causando un morto, un disperso e quattro feriti, uno dei quali in gravi condizioni.

Le segnalazioni dello scontro tra le due imbarcazioni sono partite poco prima delle 17:30. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente, che secondo i soccorritori è stato molto violento; in base alle prime ipotesi sembrerebbe che lo yacht a motore, sul quale viaggiavano due persone, sia finito addosso alla barca a vela con a bordo quattro persone, spaccandola praticamente in due.

Sono in corso le ricerche della persona dispersa, una donna, mentre le condizioni dei due relitti, anche se non sono affondati, hanno reso particolarmente difficile il recupero della persona deceduta, un uomo, il cui corpo era rimasto incastrato.

I sommozzatori dei vigli del fuoco hanno da poco recuperato la salma dell’uomo che è stata poi portata al vicino ospedale San Giovanni di Dio di Orbetello. Tra le quattro persone salvate, che sono rimaste traumatizzate, ci sarebbe un ferito grave, già trasportato con l’elicottero Pegaso all’ospedale Le Scotte di Siena.

Tutte le persone coinvolte nell’incidente avrebbero tra i 50 e 60 anni ma non si conosce ancora la loro identità. Dalle prime informazioni sembrerebbe che gli occupanti della barca a vela siano italiani e turisti stranieri quelli del motoscafo.

Lo scontro è avvenuto nel tratto di mare tra Porto Ercole, nella zona di Torre Ciana, e l’Isola del Giglio. Sul posto sono intervenuti la guardia costiera, con alcune motovedette che hanno prestato subito soccorso ai feriti, i vigili del fuoco presenti anche con sommozzatori, soccorritori acquatici e un elicottero, insieme ai carabinieri, anch’essi intervenuti con un elicottero.

Sulla scena dell’incidente i soccorritori hanno trovato il motoscafo piegato da un lato. Molte anche le barche di curiosi che si sono accostate per seguire l’andamento delle operazioni di soccorso.

Di seguito il comunicato della Guardia costiera che ricostruisce i fatti: “Proseguono ininterrottamente le ricerche della persona dispersa, sotto il coordinamento della Capitaneria di porto-Guardia Costiera anche con l’ausilio di elicottero in configurazione Sar (search and rescue) della Guardia Costiera decollato da Sarzana (SP) attrezzato per la ricerca ed il soccorso anche notturno, e sono in corso aggiornamenti per ricostruire la dinamica dell’accaduto”.

“Nel tardo pomeriggio di oggi, intorno alle ore 17:25, perveniva alla sala operativa della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Porto Santo Stefano, una richiesta di soccorso a seguito di una collisione tra due unità nel tratto di mare compreso tra l’isola del Giglio e il promontorio dell’Argentario. Veniva disposto l’invio in zona di tre unità navali della Guardia Costiera provenienti rispettivamente da Porto Santo Stefano, Porto Ercole e dall’isola del Giglio e veniva anche richiesto l’intervento di una squadra sub e di un elicottero dei Vigili del Fuoco”.

“I soccorritori giunti sul posto constatavano – prosegue il comunicato – che i mezzi interessati erano un’unità a vela di 14 metri di lunghezza ed un potente motoscafo e che le persone coinvolte erano in tutto sei. Quattro di esse venivano tratte in salvo dai mezzi della Guardia Costiera e trasportate a Porto Ercole. Veniva constatato il decesso un uomo, probabilmente di età compresa tra 50 e 60 anni, mentre un’altra persona risulta attualmente dispersa. Le due unità coinvolte, seppur danneggiate, restavano in galleggiamento nella zona dell’accaduto”.

Il comunicato aggiunge poi che “l’autorità giudiziaria di Grosseto disponeva il sequestro delle imbarcazioni ed affidava le indagini ai militari della Guardia Costiera di Porto Santo Stefano”.

L'articolo Scontro tra due barche di 20 metri, un morto ed un disperso da www.controradio.it.

Ricerche in mare per ragazzo disperso, tuffatosi da pontile Forte dei Marmi

Ricerche in mare per ragazzo disperso, tuffatosi da pontile Forte dei Marmi

Forte dei Marmi, in provincia di Lucca, ricerche in mare sono in corso nelle acque antistanti Forte dei Marmi, dopo che si sono perse le tracce di un ragazzo tuffatosi dal pontile della cittadina versiliese.

Ad effettuare le ricerche sul posto, stanno operando la motovedetta CP 813 della Capitaneria di porto di Viareggio, moto d’acqua e sommozzatori dei vigili del fuoco, assistenti bagnanti degli stabilimenti limitrofi, a terra impegnati pattuglie dei carabinieri e della guardia costiera di Forte dei Marmi.

L’allarme è scattato intorno alle 12:40. Le ricerche sono tuttora in corso, anche con l’impiego di un elicottero dei vigili del fuoco.

Il giovane disperso, secondo quanto spiegato, è di nazionalità indiana ed è nato nel 2002. Per le ricerche è stato fatto alzare in volo anche l’elicottero della guardia costiera.

L'articolo Ricerche in mare per ragazzo disperso, tuffatosi da pontile Forte dei Marmi proviene da www.controradio.it.