Ifremer: non c’è Coronavirus nelle acque del mare

Ifremer: non c’è Coronavirus nelle acque del mare

“Nessuna traccia di SARS-CoV-2 rilevata nei primi campioni di acqua di mare e molluschi analizzati”, si legge nel titolo di un articolo pubblicato dall’istituto di ricerca francese integrato nelle scienze marine, Ifremer.

A metà aprile, Ifremer iniziò un’operazione per raccogliere campioni di acque reflue, acqua di mare e molluschi, al fine di verificare se fossero presenti tracce del virus SARS-CoV-2, responsabile della pandemia di Covid-19.

Insieme al suo team, il virologo e responsabile del laboratorio di salute ambientale e microbiologia (LSEM) di Ifremer a Nantes, Soizick Le Guyader, ha fatto affidamento sulla rete dell’istituto di laboratori Ambiente – Risorse (LER) per prelevare campioni e inviarli perle analisi a Nantes.

Il team ha inoltre perfezionato il protocollo di ricerca per SARS-CoV-2, al fine di garantire l’affidabilità delle analisi. Questo protocollo PCR è simile a quello utilizzato per lo screening umano e consente di rilevare il genoma virale nei campioni.

Per quanto riguarda le Acque reflue, Ifremer ha concentrato la sua ricerca su 3 impianti di trattamento delle acque di 2 aree geografiche, e nelle acque reflue provenienti da regioni gravemente colpite dall’epidemia di Covid-19, come le regioni di Parigi e Grand Est, è stata riscontrata la presenza del genoma SARS-CoV-2, con quantità correlate al numero di persone ricoverate in ospedale.

Per quanto riguarda le Acque marine, sono stati analizzati 21 campioni di molluschi da 3 coste francesi, i siti di campionamento sono stati selezionati in base alla loro esposizione a fonti di contaminazione fecale umana: 3 siti lungo la costa della Normandia, 8 lungo la costa bretone, 8 lungo la costa atlantica e 3 lungo la costa mediterranea. Sono stati prelevati 2 campioni di cozze e 19 campioni di ostriche tra il 22 aprile e il 27 aprile 2020.

Al fine di verificare l’efficacia del metodo analitico utilizzato (ISO / CEN), è stato effettuato in laboratorio un “campione di controllo” aggiungendo un coronavirus suino ai tessuti di un’ostrica non contaminata. Come gli altri, questo “campione di controllo” ha attraversato tutte le fasi del protocollo e ha confermato che è possibile rilevare il coronavirus utilizzando questa tecnica.

Tra i 21 campioni di molluschi analizzati da Ifremer: 6 hanno mostrato tracce di norovirus che indicano contaminazione da rifiuti umani. Nessun campione di molluschi ha mostrato tracce di SARS-CoV-2.

Inoltre sono stati prelevati 4 campioni da un litro di acqua di mare provenienti dalle 3 coste analizzate, potenzialmente esposte ai rifiuti umani, in aree identificate grazie alla rete di osservatori per la ricerca integrata in microbiologia ambientale. Nessuno dei campioni di acqua di mare ha mostrato tracce di SARS-CoV-2.

“Sebbene ciò non fornisca certezza per tutti i molluschi e le acque marine della terraferma, l’assenza di tracce di SARS-CoV-2 rivelate dal nostro studio è una buona notizia”, ​​conclude il virologo Soizick Le Guyader – Abbiamo però deciso di continuare il nostro campionamento e le analisi sugli stessi siti ogni due settimane per altri mesi, al fine di monitorare i possibili effetti di un potenziale aumento della circolazione del virus tra la popolazione, man mano che le misure di blocco vengano gradualmente revocate”.

Gimmy Tranquillo

L'articolo Ifremer: non c’è Coronavirus nelle acque del mare proviene da www.controradio.it.