Taglio IMU per riportare residenza in centro: fa discutere la proposta di Nardella

Taglio IMU per riportare residenza in centro: fa discutere la proposta di Nardella

“Proposta concreta per riportare i fiorentini in centro” dice Alessandro Sorani, presidente di Confartigianato Firenze.  Per la parlamentare Pd Rosa Maria Di Giorgi “Da sempre ritengo che la leva fiscale, come l’IMU,  sia uno degli elementi da mettere in campo per sottrarre terreno ai facili guadagni della speculazione immobiliare”.

Fa discutere l’idea lanciata dal sindaco Dario Nardella in un’intervista oggi su Repubblica a proposito del progetto di abbattere l’IMU per chi affitta per periodi lunghi.  “Una proposta concreta per riportare i fiorentini in centro e ripopolarlo”, così Confartigianato Firenze, per voce del suo presidente Alessandro Sorani, commenta positivamente la scelta del sindaco

“Il cuore della città negli ultimi anni, è sotto gli occhi di tutti, si è spopolato per fare spazio agli affitti brevi. Incentivare con questa formula gli affitti lunghi vuol dire riportare le persone ad utilizzare tutti quei servizi legati all’economia dell’artigianato locale che ha vissuto una fortissima crisi, molto più che nelle aree periferiche. Allo stesso tempo – continua Sorani – sarà anche un modo per incentivare una presenza turisti che hanno una modalità diversa di fruire della nostra città, finalmente lontana dal mordi e fuggi”

“Trovo molto appropriata  l’idea del sindaco Nardella di lavorare sui cespiti fiscali per riequilibrare il mercato immobiliare a Firenze, favorendo la residenza a scapito della deregulation turistica che ha permesso il proliferare di appartamenti destinati agli affitti brevi” fa eco la parlamentare DEM Rosa Maria Di Giorgi.
“Questo non deve avere niente a che fare, voglio affermarlo con precisione, con l’iniziativa, che va invece sostenuta, di quei piccoli proprietari che hanno uno o due appartamenti e che hanno deciso di metterli a reddito. Lavorerò, a questo proposito, perché il Ministro Garavaglia proceda con la legge nazionale già impostata nel precedente governo, che già indicava precisi limiti, fino a tre appartamenti, perché questa non venisse si considerata attività di impresa” aggiunge la deputata
Per Di Giorgi ” ben venga dunque l’idea del Sindaco di abbattere l’IMU sulle seconde case per chi decide di affittare per periodi lunghi. Da sempre ritengo che la leva fiscale sia uno degli elementi da mettere in campo per sottrarre terreno ai facili guadagni della speculazioni immobiliare”.
“Gli sconvolgimenti generati dalla pandemia ci offrono l’occasione storica di favorire il ritorno della residenza in centro, salvaguardando l’identità della nostra città.  In più, considerato che difficilmente nei prossimi mesi il volano turistico riprenderà vigore,  il Comune si potrebbe proporre come intermediario per favorire, anche attraverso investimenti ad hoc, il passaggio di appartamenti dal mercato degli affitti brevi  a quello delle locazioni residenziali.  Come parlamentare del Pd sono a disposizione per lavorare in questo senso, attivando tutti i canali e le sensibilità possibili da convogliare su questo obiettivo irrinunciabile” conclude.

L'articolo Taglio IMU per riportare residenza in centro: fa discutere la proposta di Nardella proviene da www.controradio.it.

Nardella propone il taglio dell’IMU sugli affitti lunghi

Nardella propone il taglio dell’IMU sugli affitti lunghi

Il Sindaco Dario Nardella sostiene il taglio dell’IMU per chi affitta le seconde case per periodi più lunghi, in modo da diminuire il numero di appartamenti destinati agli affitti brevi.

Un taglio dell’IMU, l’imposta municipale unica, a chi affitta le seconde case per lunghi periodi così da sottrarre appartamenti al mercato degli affitti turistici brevi, viceversa, se ci sarà una legge dello Stato, aliquote più alte a chi lascia gli appartamenti sfitti. Questa la proposta del Sindaco Dario Nardella, oltre allo stanziamento di 20 milioni per comprare fondi non affittati nel centro da destinare ai giovani imprenditori, condivisa durante un’intervista all’edizione fiorentina de La Repubblica.

Il Sindaco ha annunciato che da settembre inizierà un censimento del centro storico per stabilire la proporzione effettiva tra le case realmente abitate e quelle prive di inquilini stabili. Nardella ha spiegato che intende tassare chi non sfrutta al massimo gli spazi abitativi del centro e offrire un taglio dell’IMU per chi ci abita davvero.

Il sindaco ha aggiunto che l’amministrazione comunale sta valutando di proporre un bando con un fondo per comprare volumi commerciali. Il fondo sarebbe composta da 10 milioni di euro del Comune e 10 della Città metropolitana, con l’aggiunta di una collaborazione proposta alla Fondazione Cr Firenze. L’ambizione è di mettere a disposizione dei piccoli imprenditori e degli artigiani i locali sfitti, magari degradati o in aree depresse.

Sul fronte dell’abitare Nardella annuncia che stanno lavorando per costruire il fondo di garanzia. Sarà pronto entro l’estate e servirà ad assistere l’inquilino nel caso in cui abbia difficoltà a pagare ma anche aiutare i proprietari per parte delle spese di manutenzione.

L'articolo Nardella propone il taglio dell’IMU sugli affitti lunghi proviene da www.controradio.it.