Formazione a Livorno, l’assessore Grieco il 25 ottobre al Cisternino di Città

FIRENZE - Una giornata di approfondimento con le imprese, le organizzazioni datoriali e sindacali, le agenzie formative e le scuole, durante la quale, venerdì 25 ottobre a Livorno, saranno presentate, da parte della Regione Toscana, le iniziative sui temi della formazione continua, dell'apprendistato, dell'alternanza scuola-lavoro e dei tirocini.
"Non sarà solo l'occasione per far conoscere le opportunità utili alla realizzazione di attività formative sul territorio ma anche il momento per gettare le basi di un patto per la formazione nella realtà livornese, nel solco delle politiche in essere della Regione e in linea con i propositi della nuova giunta comunale di Livorno", afferma l'assessore a Formazione, lavoro ed istruzione della Regione Toscana, Cristina Grieco, a cui saranno affidate le conclusioni del convegno organizzato dal Comune di Livorno.

L'appuntamento è per dopodomani, venerdì 25, dalle 9.30 alle 13.30 al Cisternino di Città di Livorno (ex Casa della Cultura, largo del Cisternino 13) dove, assieme all'assessore regionale Grieco, ci saranno la vicesindaco di Livorno, Monica Mannucci, l'assessore a Lavoro e formazione del Comune di Livorno, Gianfranco Simoncini, dirigenti e funzionari della Regione Toscana.
Tra gli obiettivi del seminario, che si preannuncia molto partecipato, vi sarà anche lo studio delle professionalità che il mercato del lavoro richiede, in particolare quello della zona di Livorno, partendo dal presupposto che Enti locali e Regione possono dialogare per trovare le migliori soluzioni nell'ambito della formazione e dell'avviamento al lavoro, che è di competenza regionale.

 

Professioni intellettuali, un seminario per fare il punto sulla presenza del settore in Toscana

FIRENZE - Reti fra professonisti, equo compenso, semplificazione amministrativa e qualità dei servizi: questi alcuni dei temi al centro del seminario che la Regione organizza insieme alla Commissione regionale dei soggetti professionali il prossimo venerdì 29 novembre presso l'auditorium di Sant'Apollonia a Firenze (via San Gallo 25). L'evento, per cui sono oggi aperte le iscrizioni on line  trae spunto dalla presentazione dei nuovi dati della ricerca affidata all'Istituto regionale per la programmazione economica in Toscana (Irpet), nell'ambito dell'Osservatorio sulle professioni, che è stata aggiornata per gli anni 2018-2019.

Una base di lavoro particolarmente interessante per fare luce sui cambiamenti in atto in un settore che ha un peso importante nella nostra regione e che, dalla prima indagine svolta nel 2015, appare in costante crescita. La ricerca si è svolta attraverso un questionario online, rivolto direttamente ai professionisti, grazie alla collaborazione con i diversi ordini e associazioni professionali.

Crediti formativi professionali
La partecipazione dei professionisti all'iniziativa dà luogo al riconoscimento di Crediti formativi professionali per tutti quegli Ordini / Collegi / Associazioni professionali che accreditano il seminario. Al momento, l'evento è accreditato da Agronomi e forestali, Geologi, Geometri, Periti agrari, Coordinamento libere associazioni professionali, Confederazione associazioni professionali
Federazione intercollegiale regionale toscana dei periti industriali e dei periti industriali laureati.

Il seminario avrà inizio alle 9. Le conclusioni saranno tenute, intorno alle 13, dal presidente della Regione Enrico Rossi. Dopo la registrazione dei partecipanti, sono previsti i saluti di apertura di Gianfranco Simoncini, consigliere del presidente per il lavoro del presidente della Regione. 
Seguiranno la presentazione della ricerca da parte del direttore Irpet Stefano Casini Benvenuti e due tavole rotonde, rispettivamente su "Sistema delle reti tra professionisti" (ore 10.40, coordina Franco Pagani vice presidente Commissioni professioni non organizzate in ordini e collegi) e su "Semplificazione fra Pa e professionisti, qualità delle prestazioni, equo compenso" (ore 11.40, coordina Sandra Vannoni vice presidente Commissione professioni ordinistiche). Fra i partecipanti l'assessore alla presidenza Vittorio Bugli. 

Vai al programma e al form per le iscrizioni on line

Assessore Grieco: “La sicurezza sul lavoro sia la vera priorità”

FIRENZE - "La tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro deve essere urgentemente rimessa al centro dell'azione politica di governo, perché il numero di morti e di infortunati che si registra ogni anno è indegno di un paese civile". Inizia così l'intervento di Cristina Grieco, assessore a istruzione e lavoro della Regione Toscana, pubblicato oggi, mercoledì 23 ottobre, dal quotidiano La Nazione.

Una vera emergenza per combattere la quale, secondo Grieco, è necessario educare alla "cultura della sicurezza" e iniziare a farlo già con i bambini più piccoli nei percorsi scolastici.

 

Reddito di cittadinanza fase 2, l’assessora Grieco incontra il ministro del Lavoro

FIRENZE - Una corretta ed uniforme attuazione degli strumenti e delle politiche attive connesse al reddito di cittadinanza, in primis per l'erogazione della misura nazionale dell'assegno di ricollocazione, e l'attivazione dei meccanismi di condizionalità, quelli che devono scattare al momento della proposizione di offerte congrue di lavoro. Queste, in sintesi, le richieste illustrate a nome delle Regioni dall'assessore a Lavoro, formazione ed istruzione della Regione Toscana e coordinatrice della commissione Lavoro ed istruzione della Conferenza delle Regioni, Cristina Grieco, nel corso di un confronto con la ministra al Lavoro, Nunzia Catalfo, nella sede del dicastero a Roma sulla Fase 2 dell'attuazione del provvedimento sul reddito di cittadinanza

"E' urgente definire un'agenda di lavoro condivisa, che costituisca la cornice degli interventi da realizzare per lo sviluppo dell'occupazione", ha affermato Grieco. "Abbiamo trovato d'accordo il ministro che ha riconosciuto il protagonismo e il carattere propositivo dell'azione delle Regioni". Nunzia Catalfo, anche su nostra sollecitazione, "ha poi proposto l'attivazione a breve della prevista ‘cabina di regia' per affrontare con i Comuni alcune questioni relative alle politiche sociali, alle ore di lavoro utili per alla collettività, ai rapporti con gli enti proprietari delle sedi dei centri per l'impego e alla relazione fra Cpi e uffici dei Comuni.

"Una cosa è certa", ha proseguito Grieco, "dobbiamo dare gli strumenti ai centri per l'impiego fondati su regole e procedure condivise e su una uniformità di comportamento. Serve un atto interpretativo del ministero del Lavoro, con particolare riferimento alle conseguenze della mancata presentazione dei beneficiari del Reddito di cittadinanza alle convocazioni da parte dei Centri, in assenza di un giustificato motivo".

"C'è bisogno di un'attuazione uniforme sui territori delle disposizioni in materia di sanzioni, individuando", ha sottolineato la Grieco, "una data unica nazionale per l'avvio dell'attuazione dei meccanismi di condizionalità. Lo strumento dell'Assegno di ricollocazione deve poi diventare operativo. Occorrono inoltre regole condivise per rendere applicabili le norme sull'offerta congrua di lavoro, per evitare distorsioni o effetti discriminatori"

"Obiettivi che vanno perseguiti anche attraverso una campagna di comunicazione nazionale rivolta ai beneficiari del reddito di cittadinanza, per renderli consapevoli degli obblighi di attivazione connessi alla fruizione del beneficio", ha concluso l'assessore della Toscana in veste di coordinatrice. "Infine le Regioni hanno chiesto una sede unitaria di confronto tecnico e operativo con il ministero del Lavoro, in cui quest'ultimo, in raccordo con le sue agenzie, dialoghi in modo più produttivo con le Regioni e avvii un'interlocuzione con il livello tecnico per l'attuazione del previsto potenziamento dei Centri per l'Impiego".