Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Abbiamo fatto il punto con l’assessora al lavoro della Regione Toscana, e coordinatrice nazionale degli assessorati al lavoro regionali, Cristina Grieco

“Che del  reddito di cittadinanza sia stata fatta una narrazione un po’ troppo semplicistica come Regioni lo abbiamo sempre detto, così come abbiamo sempre sostenuto che  la legge entrata in vigore ad aprile avrebbe comportato 6/7 mesi per avviare la macchina e così e stato. Ora stiamo cominciando la fase di attivazione di proposta di politica attiva  per l’occupazione,  offerte di lavoro o formazione. Posto che comunque la questione del sostegno economico non è secondaria” dice l’assessora Grieco.

“Avevamo  sempre detto Pariamo con l’erogazione del contributo perché ci sono famiglie in condizioni di difficoltà e un sollievo va dato il prima possibile ma la seconda fase aveva bisogno di tempo” sottolinea Grieco.

Riguardo alla fase 2, in Toscana va meglio rispetto alla media nazionale dove solo il 10% ha sottoscritto il patto.

 

ASCOLTA L’INTERVISTA CON CRISTINA GRIECO 

L'articolo Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro” proviene da www.controradio.it.

Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro”

Abbiamo fatto il punto con l’assessora al lavoro della Regione Toscana, e coordinatrice nazionale degli assessorati al lavoro regionali, Cristina Grieco

“Che del  reddito di cittadinanza sia stata fatta una narrazione un po’ troppo semplicistica come Regioni lo abbiamo sempre detto, così come abbiamo sempre sostenuto che  la legge entrata in vigore ad aprile avrebbe comportato 6/7 mesi per avviare la macchina e così e stato. Ora stiamo cominciando la fase di attivazione di proposta di politica attiva  per l’occupazione,  offerte di lavoro o formazione. Posto che comunque la questione del sostegno economico non è secondaria” dice l’assessora Grieco.

“Avevamo  sempre detto Pariamo con l’erogazione del contributo perché ci sono famiglie in condizioni di difficoltà e un sollievo va dato il prima possibile ma la seconda fase aveva bisogno di tempo” sottolinea Grieco.

Riguardo alla fase 2, in Toscana va meglio rispetto alla media nazionale dove solo il 10% ha sottoscritto il patto.

 

ASCOLTA L’INTERVISTA CON CRISTINA GRIECO 

L'articolo Reddito di Cittadinanza, in Toscana il 50% ha sottoscritto il ‘patto per il lavoro” proviene da www.controradio.it.

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Lo sciopero sarà dalle 21 di giovedì 24 ottobre alle 21 di venerdì 25 ottobre. TRenitalia: “Regolari Frecce e, nelle fasce pendolari, anche i treni regionali”.

Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia, in occasione dello sciopero del personale del Gruppo FS Italiane proclamato da alcuni sindacati autonomi – dalle ore 21.00 di giovedì 24 ottobre alle ore 21.00 di venerdì 25 ottobre – in adesione a uno sciopero generale.

Saranno inoltre garantiti i collegamenti regionali nelle fasce pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00). Anche nel resto della giornata, Trenitalia si impegna ad assicurare la quasi totalità dei collegamenti, con possibili leggere modifiche al programma dei treni.

Sarà assicurato il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino. Garantiti tutti i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull’orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web trenitalia.com.

Informazioni su collegamenti e servizi anche attraverso l’app Trenitalia, la sezione Infomobilità del sito web trenitalia.com, l’account twitter @fsnews_it, il numero verde gratuito 800 89 20 21, oltre che nelle biglietterie e negli uffici assistenza delle stazioni ferroviarie, le self service e le agenzie di viaggio convenzionate.

L'articolo Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie proviene da www.controradio.it.

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie

Lo sciopero sarà dalle 21 di giovedì 24 ottobre alle 21 di venerdì 25 ottobre. TRenitalia: “Regolari Frecce e, nelle fasce pendolari, anche i treni regionali”.

Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia, in occasione dello sciopero del personale del Gruppo FS Italiane proclamato da alcuni sindacati autonomi – dalle ore 21.00 di giovedì 24 ottobre alle ore 21.00 di venerdì 25 ottobre – in adesione a uno sciopero generale.

Saranno inoltre garantiti i collegamenti regionali nelle fasce pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00). Anche nel resto della giornata, Trenitalia si impegna ad assicurare la quasi totalità dei collegamenti, con possibili leggere modifiche al programma dei treni.

Sarà assicurato il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino. Garantiti tutti i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull’orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web trenitalia.com.

Informazioni su collegamenti e servizi anche attraverso l’app Trenitalia, la sezione Infomobilità del sito web trenitalia.com, l’account twitter @fsnews_it, il numero verde gratuito 800 89 20 21, oltre che nelle biglietterie e negli uffici assistenza delle stazioni ferroviarie, le self service e le agenzie di viaggio convenzionate.

L'articolo Domani e dopodomani Sciopero Ferrovie proviene da www.controradio.it.

Bekaert di Figline Incisa, unanimità su mozione Marchetti (FI)

Bekaert di Figline Incisa, unanimità su mozione Marchetti (FI)

Via libera all’atto di indirizzo del Capogruppo regionale di Forza Italia, Maurizio Marchetti: “La Regione acceleri per mettere in sicurezza i 224 lavoratori”.

La Regione dovrà rendere più incisivo il proprio impegno sulla vertenza Bekaert di Figline Incisa e “sollecitare il Governo ad attivarsi nella ricerca di un piano di industrializzazione o di altre misure che scongiurino i licenziamenti dei 224 lavoratori attualmente in cassa integrazione straordinaria”: questo il frutto dell’approvazione unanime, da parte del Consiglio regionale della Toscana, della mozione presentata dal Capogruppo di Forza Italia nell’Assemblea toscana Maurizio Marchetti che da sempre segue l’evolversi della vertenza avviatasi nel giugno 2018 con l’annuncio, da parte della multinazionale belga, di voler chiudere lo stabilimento di componentistica per auto di Figline Incisa.

L’11 ottobre scorso, l’azienda aveva fatto sapere di voler avviare le procedure di licenziamento per i lavoratori attualmente nell’ultimo scorcio di cassa integrazione; per questo Marchetti, già autore di varie interrogazioni alla giunta toscana sullo stato dell’arte dei tavoli ministeriali e della ricerca di acquirenti, ha scelto di accelerare l’impegno regionale attraverso una mozione. Il voto di pochi minuti fa gli ha dato ragione: “Secondo il verbale del tavolo al Ministero per lo sviluppo economico della scorsa estate – ricorda Marchetti – manifestazioni di interesse erano emerse. Vanno esplorate. Ogni strada possibile va battuta per centrare il risultato di non mandare a casa ulteriori 224 lavoratori. Dietro questo numero ci sono le persone con le loro famiglie, nuclei che fanno parte di un tessuto sociale e di una comunità per la quale una simile mazzata sarebbe difficilmente sostenibile. Bisogna tentare il tutto per tutto”.

Sfida accolta da parte del Consiglio regionale che, attraverso il via libera unanime alla mozione Marchetti, adesso impegna la giunta toscana “ad intervenire attraverso ogni strumento e canale nelle sue disponibilità e prerogative per richiamare la multinazionale belga ad esperire tutti i possibili tentativi di giungere all’ottenimento di proposte concrete da parte dei potenziali investitori che avevano manifestato interesse” e “a sollecitare il Governo ad attivarsi nella ricerca di un piano di industrializzazione o di altre misure che scongiurino i licenziamenti dei 224 lavoratori attualmente in cassa integrazione straordinaria”.

L'articolo Bekaert di Figline Incisa, unanimità su mozione Marchetti (FI) proviene da www.controradio.it.