La città dei lettori non si ferma, nuovo ciclo di incontri letterari

La città dei lettori non si ferma, nuovo ciclo di incontri letterari

La città dei lettori: al via il nuovo ciclo di incontri letterari all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Tre gli appuntamenti in programma per ottobre, tra gli ospiti l’attrice Laura Torrisi (16/10), la scrittrice e speaker radiofonica Sara Gazzini (16/10), l’autore Alan Pauls (19/10) e il cantautore Piero Pelù (23/10).

L’attrice Laura Torrisi e l’autrice e speaker radiofonica Sara Gazzini con il libro scritto a quattro mani “P.S. Scrivimi Sempre”, il romanziere argentino Alan Pauls col suo ultimo lavoro “La metà fantasma” e il cantautore Piero Pelù nell’inedita veste di narratore con “Spacca l’infinito”: sono questi gli ospiti del nuovo ciclo di incontri letterari con gli autori firmato “La città dei lettori” presso la sede dell’Accademia di Belle Arti di Firenze (via Ricasoli 66). Tre gli appuntamenti in programma per il mese di ottobre per l’iniziativa organizzata da Associazione Wimbledon APS, in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Firenze (ingresso libero fino a esaurimento posti).

Il primo, sabato 16 alle ore 17.00, sarà in compagnia di Laura Torrisi, nota per le collaborazioni con Francesco Nuti e Leonardo Pieraccioni, e della voce di Radio2 Sara Gazzini, che racconteranno al pubblico “P.S. Scrivimi sempre” (Mondadori), storia di un’amicizia per corrispondenza in tempi di lockdown, in dialogo con la giornalista Eva Edili e l’editor Luca Briasco, con letture a cura dell’attore Fabrizio Pinzauti. Il libro nasce proprio durante la pandemia: Laura e Sara, le autrici, non possono incontrarsi come fanno ormai da anni. Per non perdere di vista il loro rapporto, per continuare a sentirsi vicine, iniziano un lungo scambio di e-mail. Lettera dopo lettera le protagoniste imparano a voler bene alle loro cicatrici, a perdonarsi, a non aver paura di essere felici per davvero. L’incontro è inserito nell’ambito del percorso del Florence Book Party a cura di Sara Menichetti, progetto de La città dei lettori con la collaborazione di Libreria Feltrinelli di Firenze.

Si continua martedì 19 ottobre alle 18.00: Alan Pauls, uno dei più autorevoli autori argentini contemporanei, giornalista e critico, che parlerà del suo ultimo lavoro “La metà fantasma” (SUR) insieme alla scrittrice Lilith Moscon. Il libro racconta la vicenda di Savoy, cinquant’anni e una vita monotona, e Carla è giovane e senza pensieri. Quando i due si incontrano gli effetti sono inarrestabili, ma dopo una settimana di intimità lei riparte, lasciando dietro di sé un enigmatico dono. Con una scrittura magnetica e avvolgente, che accoglie ogni incertezza, ripensamento ed esitazione di un protagonista alle prese con un amore a distanza, Pauls regala un romanzo ironico e dal finale inatteso. Fra viaggi intorno al mondo, corse, nuotate e deliri su Skype, “La metà fantasma” narra una storia a cui non smettiamo di credere: quella secondo cui, da qualche parte, esiste qualcosa – qualcuno – fatto a misura dei nostri desideri.

Sabato 23 ottobre, ore 16.00, sarà la volta di Piero Pelù che presenterà il suo nuovo libro “Spacca l’infinito” (Giunti Editore). In queste pagine il rocker, l’attivista, il cantante di “El Diablo”, scende dal palco, spegne i riflettori e invita a viaggiare insieme, col coraggio di aprire la porta della memoria e avventurarsi fin dove tutto ha avuto inizio. Accanto a lui appare un ragazzino intraprendente, originale, pieno di domande. Nel dialogo tra l’uomo e il bambino viene attraversata la storia italiana – dalle trincee della Prima guerra mondiale agli anni del Fascismo, da quelli della Guerra fredda fino al disorientamento dei nostri giorni – e quella di un ragazzo pieno di sogni, che in uno scantinato sul Lungarno ha cominciato a credere in se stesso e da allora è andato lontano.

Gli eventi sono stati pensati e organizzati per consentirne la fruizione in piena sicurezza sanitaria. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito (fino a esaurimento posti e senza prenotazione) e sarà garantito il rispetto delle misure anti Covid. In caso di massima capienza l’ingresso verrà chiuso per mantenere la sicurezza degli ambienti d’incontro.

Info: www.lacittadeilettori.it

L'articolo La città dei lettori non si ferma, nuovo ciclo di incontri letterari da www.controradio.it.

Leggere per non dimenticare con Mancuso, Culicchia, Cottarelli e Carofiglio

Leggere per non dimenticare con Mancuso, Culicchia, Cottarelli e Carofiglio

La rassegna è stata presentata in Palazzo Vecchio alla presenza dell’assessore alla cultura Tommaso Sacchi e della curatrice Anna Benedetti.

“Mai come quest’anno – ha sottolineato l’assessore Sacchi – abbiamo bisogno di non dimenticarci di leggere: i libri ci hanno tenuto vivi durante il lockdown, sono stati un modo per sentirci meno soli in una situazione molto difficile. Adesso che è il momento della ripartenza il ritorno di una rassegna consolidata come questa ci farà sentire vicini agli autori e al piacere di leggere”.

Il tema degli incontri è il “valore dei libri”: è attraverso i libri infatti che cerchiamo di recuperare una ricchezza della cultura che serva a provocare un cambiamento di rotta, a rimettere in gioco energie, a rileggere la realtà, a rileggersi. Ogni pagina ci sollecita a pensare e ci apre nuovi orizzonti, valorizzando la ricerca culturale come fattore di trasformazione e miglioramento della nostra vita. La cultura è la condizione necessaria per autodeterminare la propria vita e per liberarla a maggior ragione dopo questo periodo di clausura.

La partecipazione è gratuita su prenotazione. Per informazioni e prenotazioni contattare la biblioteca al numero 0552616523 oppure scrivere a bibliotecadelleoblate@comune.fi.it  Per entrare in biblioteca e partecipare agli incontri è necessario presentare il Green Pass e un documento di identità. Sarà possibile anche seguire gli incontri in streaming.

Info: www.leggerepernondimenticare.it

L'articolo Leggere per non dimenticare con Mancuso, Culicchia, Cottarelli e Carofiglio da www.controradio.it.

Libri: dal 30 settembre al 2 ottobre il Pisa Book Festival

Libri: dal 30 settembre al 2 ottobre il Pisa Book Festival

3 giorni giorni dedicati all’editoria indipendente. A Pisa la 19esima edizione del  book Festival sarà per la prima volta ‘evento diffuso’ nel centro della città

Per la prima volta il Pisa Book Festival, il salone degli editori indipendenti, diventa un evento diffuso nel centro storico della città. Quartier generale della fiera sarà il  complesso degli Arsenali Repubblicani, sul Lungarno Simonelli, dove il pubblico potrà visitare gli stand degli editori indipendenti e acquistare i libri in esposizione. Gli incontri con gli autori e i diversi eventi saranno invece ospitati in due dei luoghi della cultura più amati e affascinanti: il Museo delle Navi Antiche di Pisa, sul Lungarno Simonelli, e il Museo di Palazzo Blu, sul Lungarno Gambacorti.

l’edizione 19 della kermesse sarà un  vero e proprio Grand Tour fra i libri sui romantici Lungarni di Pisa. Quattro giorni più di 50 eventi, 70 case editrici e oltre 100 relatori e ospiti. Sono attesi, tra gli altri, Iljia Pfeijffer, Caterina Soffici, Teresa Ciabatti, Costantino D’Orazio, Alberto Casadei, Milena Agus, Yara Monteiro, Luciano Marrocu, Adriano Prosperi, Lina Bolzoni, Ilide Carmignani, Bruno Mazzoni, Federico Palmaroli (Le più belle frasi di Osho), Luciano Marrocu, Marco Vichi, Nadeesha Uyangoda, Antonino De Francesco, Dario Levantino, Marina Lalovic.

Fiera ed eventi sono a ingresso gratuito, ma è richiesta l’esibizione del Certificato Verde Covid-19. Per partecipare agli incontri è possibile prenotarsi: per questo è già attivo, sulla home page del Pisa Book Festival (www.pisabookfestival.com), nella sezione programma, il servizio di prenotazione. Gli orari di apertura della fiera: giovedì dalle 15 alle 20, da venerdì a domenica dalle 10 alle 20.

Partner e sponsor del Pisa Book Festival sono la Fondazione Pisa, il Comune di Pisa, la Camera di Commercio di Pisa, Acque Spa. Media partner della manifestazione è la Rai con Rai Cultura e Radio3.

 In programma: alcune ‘mini tappe’ per un Grand Tour tra i libri

Aprirà l’edizione numero 19 del Pisa Book Festival un grande ospite internazionale Per la prima volta a Pisa, sabato 30 settembre, alle 18 al Museo delle Navi Antiche, Ilja Leonard Pfeijffer, poeta e scrittore olandese fra le voci più originali della letteratura contemporanea, rifletterà con il pubblico su “Cosa vuol dire sentirsi europei”, un evento realizzato in collaborazione con l’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia.

Altrettanto atteso è il ritorno a Pisa della toscanissima Teresa Ciabatti che venerdì 1°ottobre alle 18 presenta l’ultimo suo libro di successo “Sembrava Bellezza” (Mondadori). Donne scrittrici e donne scienziate avranno grande spazio al PBF: sabato 2 ottobre alle 17 parla Yara Monteiro, l’autrice portoghese di origine africana con il suo luminoso romanzo “Questa tipa spacca”; nella stessa giornata, Federica Aceto, la traduttrice italiana di Ali Smith, presenta “Estate” (SUR) il quarto volume della tetralogia sulle stagioni. Domenica 3 ottobre altri imperdibili appuntamenti al femminile: alle 12, con “L’unica persona nera nella stanza” (66thand2nd), Nadeesha Uyangoda ci farà riflettere sulla dinamica razziale nel nostro paese e alle 15 al Museo delle Navi,  Caterina Soffici racconterà il dramma di una donna costretta a rompere con il passato per salvare sua figlia, mentre la giornalista serba Marina Lalovic presenterà il suo primo libro “La cicala di Belgrado” (BEE); alle 18 l’evento speciale “Le donne e i paesaggi dell’astronomia”, curato da EGO – l’Osservatorio Gravitazionale Europeo con le astrofisiche Patrizia Caraveo, Athnea Coustenis e Ornella Piccinni.

Anche quest’anno il Pisa Book Festival celebra gli anniversari artistici-letterari: venerdì 1°ottobre alle 11.30 “L’importanza di essere Tuono Pettinato. Omaggio ad Andrea Paggiaro”, Adriano Ercolani e Matteo Pellitti ricorderanno il grande fumettista pisano scomparso da pochi mesi. Sul fronte degli anniversari, sono cinque i momenti da ricordare: si parte venerdì 30 settembre alle 16 nel Museo delle Navi con i 90 anni della Amerigo Vespucci: il suo Capitano di Vascello, Gianfranco Bacchi, presenta “Il punto più alto. Sulla rotta di un sogno al comando dell’Amerigo Vespucci” (Edizioni Cinque Terre). Sabato 2 alle 18 a Palazzo Blu si celebra “Il naufrago e il dominatore. Il genio politico di Napoleone Bonaparte” con gli storici Antonino De Francesco e Gianluca Fruci. A un anno dalla sua morte, il Pisa Book ricorda Luis Sepulveda assieme alla sua traduttrice Ilide Carmignani, mentre venerdì 1 alle 18, a 150 anni dalla nascita di Grazia Deledda, Milena Agus in conversazione con Luciano Marrocu, storico e autore di una sua biografia celebrano insieme la grande figura della scrittrice sarda.

Giornata dantesca domenica 3 ottobre a Palazzo Blu dove alle 11 Alberto Casadei, tra i più grandi dantisti italiani, e Paolo Gervasi, ricercatore e editor, andranno alla ricerca della “Voce di Dante. Performance dantesche tra teatro, tv e nuovi media”, mentre alle 18 Lina Bolzoni, professoressa emerita di Letteratura italiana della Scuola Normale, Massimo Bray, direttore generale dell’Enciclopedia Italiana Treccani, e lo storico dell’arte Giorgio Bacci presenteranno il volume “La commedia di Dante nello specchio delle immagini”.

L’arte ancora al centro della manifestazione con due grandi ospiti: lo storico dell’arte e museologo Maurizio Vanni, che sabato 2 alle 12 terrà la masterclass su “La nuova governance museale: dalla progettualità etico-sostenibile alla Museum social responsibility”, e Costantino D’Orazio, con le sue “Vite d’artiste eccellenti. Un nuovo modo di raccontare la storia dell’arte”, atteso a Palazzo Blu alle 15.

Fedele alla sua missione di educare alla cultura della sostenibilità ambientale, anche quest’anno il Pisa Book ospiterà autori e incontri su temi legati a scienza e ambiente. Tra gli eventi di rilievo si segnalano sabato 2 alle 11 le “10 idee per salvare il pianeta” (Città Nuova) con il giornalista ambientalista Matteo Nardi, mentre alle 16.30 l’economista Stefano Bartolini presenta il volume ”Ecologia della felicità”.

Al Pisa Book si ride con le vignette più famose e amate dal pubblico dei social. Federico Palmaroli, in arte ‘Le più belle frasi di Osho’, è il fenomeno della satira dei nostri tempi, e domenica 3 alle 11, al Museo delle Navi, presenta il suo “Vedi de fa poco ‘o spiritoso”.

Debutta infine la prima edizione del Pisa Book Translation Award, il Premio che il PBF in collaborazione con il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa dedica alla traduzione letteraria. Sabato 2 alle 18, la giuria popolare decreterà il vincitore, mentre un Premio alla Carriera sarà assegnato a Bruno Mazzoni, tra i massimi esperti in Italia di lingua e letteratura romena, di cui è stato professore ordinario all’Università di Pisa.

L'articolo Libri: dal 30 settembre al 2 ottobre il Pisa Book Festival da www.controradio.it.

“Un Prato di libri”: dal 24 settembre al 3 ottobre, la decima edizione

“Un Prato di libri”: dal 24 settembre al 3 ottobre, la decima edizione

Due weekend a misura di bambino. Sei appuntamenti per lo storico festival dedicato alla lettura per gli under 18, giunto alla decima edizione (molti su prenotazione): l’evento clou è lo spettacolo di Elisabetta Garilli al Teatro Politeama di Prato

Dieci giorni  dedicata alla lettura per gli under 18: Questo è ‘un prato di libri’, che arriva alla decima edizione. Un concentrato di mostre fotografiche, esposizione di elaborati, letture animate, uno spettacolo teatrale, incontri d’autore e persino la presentazione di una guida per i più piccini.

Dal 24 settembre al 3 ottobre, la decima edizione di “un Prato di libri” si trasformerà in una maratona itinerante tra il chiostro di San Domenico, palazzo Banci Buonamici, il Museo del Tessuto e il Teatro Politeama Pratese. Sei appuntamenti per grandi e piccini ai quali si accede con green pass obbligatorio secondo le disposizioni normative anti-Covid (esenti i minori di 12 anni).

In questa edizione in particolare, un occhio di riguardo sarà destinato al  mondo della scuola, colonna portante della manifestazione fin dai sui esordi nel 2012. È infatti agli insegnanti che guarda il primo appuntamento al chiostro di San Domenico, venerdì 24 settembre alle 17. A pochi giorni dal suono della prima campanella, i docenti potranno scoprire i protagonisti e le sorprese di questa decima edizione ritirando un kit contenente quattro doni speciali per le biblioteche scolastiche di Prato e provincia: i libri si intitolano “Vogliamo la luna” di Daniela Palumbo, “Pieno vuoto” di Cristina Bellemo, “Dove crescono gli alberi” di Yoon Kang-mi” e la nuovissima “Guida per picci-o-ni viaggiatori” a cura dell’associazione ArteMia. Per il ritiro del kit si raccomanda la prenotazione tramite Whatsapp al 335 5283717. Scuole di nuovo protagoniste dell’edizione 2021 del concorso sul “diario creativo”, al quale avevano risposto 25 scuole sviluppando il tema “Storie che cambiano la storia: da ostacoli a opportunità”: 12 dell’infanzia, 9 della primaria e 4 delle medie.

La mostra dei “diari creativi”, a ingresso libero, si terrà nella sala ovale di palazzo Banci Buonamici (via Ricasoli 17) da sabato 25 settembre a domenica 3 ottobre (dalle 16 alle 19 nei giorni feriali, sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19). Negli stessi spazi e nello stesso periodo andranno in scena anche i 130 occhiali magici frutto della creatività dei bambini e rivisitati con la fantasia della fotografa Angela Bartoletti: tutti i lavori inviati a “un Prato di libri” nell’aprile scorso saranno in mostra nella sala ovale di palazzo Banci Buonamici. Parole e immagini sono gli ingredienti della lettura animata al Museo del Tessuto ispirata a “Tarabaralla, il tesoro del bruco baronessa”, un libro di Elisabetta Garilli incentrato sui valori dell’amicizia e della solidarietà.

L’appuntamento è per sabato 25 settembre, alle 16. In questa occasione, lo sponsor Bper Banca donerà a ogni bambino le copie dell’albo illustrato mentre i partecipanti potranno visitare la mostra dedicata ai costumi di Turandot. Prenotazione obbligatoria scrivendo a unpratodilibri@gmail.com. Tutti a teatro domenica 26 settembre con lo spettacolo “Caterina cammina cammina…” (alle 18) che vedrà nuovamente protagonista Elisabetta Garilli con musiche eseguite dal Garilli Sound Project: in questa occasione sarà consegnato un riconoscimento a chi ha partecipato al concorso dei diari creativi” con un premio alle tre scuole vincitrici (tutte le sezioni scuola dell’infanzia Sandro Pertini di Poggio a Caiano, le quarte della primaria Armellini di Vernio, la prima E della secondaria di primo grado Curzio Malaparte). Per partecipare allo spettacolo occorre ritirare i biglietti al Politeama. Si replica con “un Prato di libri” nel primo weekend di ottobre: nella sala ovale di palazzo Banci Buonamici, sabato 2 ottobre (alle 16) sarà presentata la “Guida per picci-O-ni viaggiatori” alla scoperta di arte e storia in quel di Prato con gli occhi dei bambini a cura di ArteMia. Gran finale domenica 3 ottobre sempre nella sala ovale della Provincia con il ritorno del raccontastorie Sergio Guastini e il suo “Cambiamondo… per vivere meglio”: doppio turno alle 10 per bambini dai 5 agli 8 anni e alle 17 per i più grandicelli dai 9 ai 12 anni. Anche per gli ultimi due appuntamenti l’ingresso è libero su prenotazione unpratodilibri@gmail.com.

Il festival “un Prato di libri” è promosso dall’associazione Il Geranio e ha il sostegno della Regione Toscana, del Comune di Prato e di tutte le amministrazioni comunali della provincia (Montemurlo, Vaiano, Vernio, Cantagallo, Carmignano e Poggio a Caiano), di Publiacqua e Fondazione Cassa Risparmio di Prato, BPER Banca, Carthusia Edizioni e Lito Terrazzi.

L'articolo “Un Prato di libri”: dal 24 settembre al 3 ottobre, la decima edizione da www.controradio.it.

Firenze RiVista alle Murate con il ‘Passaggio’

Firenze RiVista alle Murate con il ‘Passaggio’

Firenze RiVista, dal 17 al 19 settembre torna l’unico festival nazionale che unisce riviste e case editrici indipendenti. Una tre giorni di scambi, incontri e discussioni sul tema del ‘passaggio’ nel complesso delle Murate, ad ingresso libero e per la prima volta con gli stand all’aperto. AUDIO Andrea Caciagli, direttore artistico Firenze RiVista, Valentina Gensini direttrice artistica MAD Murate Art

Dopo l’annullamento dell’edizione 2020, Firenze RiVista, festival delle riviste e dell’editoria indipendente, torna a riempire il centro fiorentino con una tre giorni di scambi, incontri e discussioni. Il tema di quest’anno è “Passaggio”: la trasformazione della vita sociale e culturale dopo la pandemia, la necessità di cambiare le nostre abitudini per la nostra sopravvivenza e quella del pianeta, le migrazioni, la trasmissione dei saperi nell’epoca dell’accelerazione tecnologica, il cambiamento climatico e l’eredità dell’uomo sulla Terra. Dal 17 al 19 settembre, come sempre negli spazi del Complesso Monumentale delle Murate, a ingresso libero, Firenze RiVista riempirà le due piazze, piazza delle Murate e piazza della Madonna della Neve, con stand di riviste e case editrici: una vera e propria ‘piccola fiera delle pubblicazioni indipendenti’, che da sei anni porta avanti l’obiettivo di far conoscere al pubblico il lavoro culturale che tende a rimanere sommerso, affogato dalla grande distribuzione di massa. Chi si muoverà – nel rispetto delle norme covid – tra gli stand allestiti a Firenze RiVista potrà così imparare a conoscere meglio la già nota minimum fax, storica casa editrice indipendente romana, ma anche apprezzare il lavoro della neonata Moscabianca, o ancora scoprire la fantascienza di Zona 42, per citare due delle case editrici che hanno scelto quest’anno di partecipare al festival per la prima volta. E le riviste? Sono moltissime quest’anno le partecipanti, tra prime volte e attesi rinnovi: dal fiorentinissimo “In fuga dalla bocciofila”, sito di narrazioni e cinema, alla rivista milanese “Tropismi”, passando dalle pregiate pubblicazioni di “Ctrl” e della sua Trilogia normalissima. Firenze RiVista rinnoverà anche quest’anno la collaborazione con il Premio Italo Calvino, il Festival del Giornalismo Culturale, l’Accademia della Crusca, l’Università degli Studi di Firenze, che porteranno ospiti e discussioni.

“Firenze – dichiara l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi – ha visto crescere moltissimo in questi anni rassegne ed eventi legati alla lettura e questo Festival sarà sicuramente un pezzo della candidatura della città a Capitale del libro 2023”.

“L’editoria è un sistema complesso – affermano gli organizzatori Silvia Costantino e Andrea Caciagli – in cui interagiscono tra loro moltissime figure, professionisti o semplici amanti della scrittura. Ci piace mostrare come funziona questo enorme e bellissimo cantiere dal vivo, proponendo ogni anno un programma variegato e mettendo a contatto tra loro chi con le parole ci vive: i lettori, gli editori, i creatori di riviste”. “Un festival in cui abbiamo sempre creduto e che ribadisce la centralità di Firenze per l’editoria delle riviste – aggiunge Valentina Gensini, direttrice artistica Mad Murate Art District – . Viviamo un delicato momento di passaggio legato alla pandemia e un’edizione di questo genere promuoverà riflessioni interessanti su questo tema”.

L'articolo Firenze RiVista alle Murate con il ‘Passaggio’ da www.controradio.it.