Le donne sono state colpite più duramente dalla pandemia

Le donne sono state colpite più duramente dalla pandemia

Le donne sono state colpite più duramente dalla pandemia e dallo stravolgimento degli equilibri familiari, secondo un sondaggio Eurodap.

Le donne sono state colpite maggiormente dalle restrizioni dovute alla pandemia. Un sondaggio promosso da EURODAP, Associazione Europea per il Disturbo da Attacchi di Panico, ha dimostrato che le donne sono state colpite in proporzione più duramente degli uomini dallo smart-working, la didattica a distanza e la generale riorganizzazione della routine.

Per il 73% delle donne la pandemia ha complicato la vita, aumentando gli impegni e lo stress. La principale causa di stress è stato l’aumento del carico di lavoro. Lo smart-working, da un lato utile e funzionale, ha quasi annullato l’interazione con i colleghi, ha obbligato a una continua reperibilità lavorativa abbinata alle distrazioni provocate dagli obblighi familiari. Tutto questo ha elevato il livelli di stress sopra la soglia abituale.

Il cambiamento dello stile di vita ha colpito anche le casalinghe. Il 63%, inoltre, lamenta l’impossibilità di trovare del tempo per sé stessa e, per il 45%, risulta impossibile riuscire a far fronte a tutti gli impegni giornalieri.

Eleonora Iacobelli, psicoterapeuta e presidente di EURODAP, ha spiegato che “la pandemia ha creato inevitabilmente squilibri, disagi e pressioni che hanno modificato il nostro modo di vivere e, in questo scenario, il ruolo che si è trovata a rivestire la donna non è da sottovalutare. La necessità di gestire le nuove dinamiche relazionali e familiari che si sono presentate, dal lavoro alla cura dei figli e della casa, ha portato le donne ad accumulare stati di stress e ansia e ad adattarsi a una nuova quotidianità, dove mitigare sentimenti come tristezza, depressione e paura rischia di passare pericolosamente in secondo piano”.

Iacobelli ha poi aggiunto che “lo smart-working e, in alcuni casi, la perdita del lavoro” – dalle statistiche Istat, nell’ultimo anno 99mila donne hanno perso il lavoro – “hanno contribuito ad aumentare il tempo che le donne passano in casa”. Dunque, “se già in passato gestire tutti i differenti aspetti della vita costituiva una delle problematiche principali della donna, – conclude l’esperta – ora è diventato ancor più complicato”.

L'articolo Le donne sono state colpite più duramente dalla pandemia proviene da www.controradio.it.

Turismo: si chiude un anno nero, flussi come nel 1969

Turismo: si chiude un anno nero, flussi come nel 1969

Ricerca Centro Studi Turistici di Firenze per Assoturismo Confesercenti, -55% presenze di presenze turistiche

Per il turismo si chiude un anno da dimenticare: negli ultimi 12 mesi l’emergenza pandemica ha fatto svanire oltre 240 milioni di presenze turistiche (-55%), riportando il nostro mercato turistico ai livelli del 1969, oltre 50 anni fa.

Un grave colpo non solo per le attività ricettive e dei servizi del turismo, ma anche di negozi e pubblici esercizi, che quest’anno hanno visto svanire 50 miliardi di euro di consumi che avrebbe generato il turismo. Sono queste le stime elaborate dal Centro Studi Turistici di Firenze per Assoturismo Confesercenti.

Capodanno – Il solo lockdown stabilito per la fine dell’anno costerà al sistema turismo almeno 3,5 milioni di turisti italiani e stranieri, che avrebbero trascorso soggiorni nelle diverse località italiane per un totale stimato di 10,4 milioni di presenze e una spesa in beni e servizi di 1,2 miliardi di euro. Per posizione da calendario, infatti, il Capodanno 2021 avrebbe favorito gli spostamenti per motivi turistici, in quanto avrebbe distribuito i flussi in un arco temporale di almeno 5 giorni (da mercoledì 30/12 a domenica 3/1). Il bilancio del 2020 – La degna conclusione di un anno terribile per il comparto. Negli ultimi dodici mesi sono andati perduti ben 83,6 milioni di pernottamenti di turisti italiani e 157,1 milioni di turisti stranieri, mentre gli arrivi hanno subito un calo del -61,8%, attestandosi a quota 50,2 milioni. Come è stato più volte sottolineato nel corso dell’anno, la contrazione maggiore è stata registrata per gli stranieri, che hanno trascorso nel nostro paese circa 63,5 milioni di notti, il 71,2% in meno rispetto al 2019. Valori meno negativi per i pernottamenti dei connazionali, che dovrebbero attestarsi a 132,5 milioni (-38,7%).

L’impatto sui consumi – Il crollo delle presenze turistiche ha determinato un impatto diretto in termini di spesa riversata nel sistema economico nazionale, per effetto di una minor domanda di beni e servizi nei diversi settori di attività. Considerando oltre al movimento dei turisti in strutture ricettive ufficialo aggiungiamo anche il flusso di vacanzieri nelle seconde case, ospiti presso amici/parenti o in altre strutture ‘non ufficiali’, la stima dei consumi turistici perduti raggiunge i 50,1 miliardi di euro, di cui oltre 32,9 miliardi (65,7%) in consumi turistici degli stranieri e oltre 17,1 miliardi (34,3%) di spesa dei connazionali.

“E’ una crisi senza precedenti per il settore, con presenze turistiche più che dimezzate e prospettive ancora azzerate: difficile, infatti, che i flussi di viaggiatori riprendano prima della seconda metà del prossimo anno”, afferma Vittorio Messina, presidente nazionale di Assoturismo Confesercenti.

“In questa situazione, serve un piano per ripartire: i sostegni a fondo perduto devono proseguire, ma sono necessari investimenti consistenti mirati al rilancio delle imprese del turismo. Un comparto che è tra i più colpiti in assoluto dall’emergenza pandemica, ma che è vitale per la ripresa della nostra economia, di cui normalmente contribuisce a generare, direttamente ed indirettamente, il 13% del Pil”

L'articolo Turismo: si chiude un anno nero, flussi come nel 1969 proviene da www.controradio.it.

Toscana deserta nella prima domenica in zona rossa. Fuori solo per necessità

Pochissime infrazioni, massimo rispetto delle regole nel primo giorno del lockdown. A Firenze qualche persona in più nei giardini pubblici ma a distanza, la Versilia si è svuotata dopo gli assembramenti del precedente week end

The post Toscana deserta nella prima domenica in zona rossa. Fuori solo per necessità appeared first on intoscana.