Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 9 novembre 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 9 novembre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’

CONTRORADIO INFONEWS – Prorogata l’attività del Mandela forum di Firenze dal 15 novembre al primo dicembre: Lo ha ribadito il  presidente della Toscana, Eugenio Giani, sull’attività del più grande hub in regione per i vaccini contro il Covid. Intanto a Toscana ha superato i 6milioni di vaccini somministrati. Di questi circa 215mila sono terze dosi. Lo fa sapere la Regione.

CONTRORADIO INFONEWS – Indagini della polizia ad Arezzo su violente aggressioni fra gruppi di minori – tre gli episodi sotto attenzione – che hanno caratterizzato il sabato sera nelle zone centrali della città. Secondo quanto emerge si tratterebbe di una baby gang che, nella zona del Parco del Prato, avrebbe avvicinato coetanei per rapinarli anche con l’uso della violenza.Denunce sono state raccolte dalla polizia che sta lavorando per individuare con precisione gli autori e ricostruire la dinamica.

CONTRORADIO INFONEWS – Avrebbe cercato di investire l’ex marito con la sua auto a Piombino (Livorno). Così una donna, 32 anni, è agli arresti domiciliari in esecuzione di un’ordinanza del gip di Livorno. E’ accusata di maltrattamenti contro familiari, atti persecutori, rapina e lesioni personali, sia nei confronti dell’ex coniuge sia della figlia.

CONTRORADIO INFONEWS – “Chiedo alla ministra Cartabia di venire a visitare il carcere di Sollicciano, sarebbe un grande gesto di attenzione”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, intervenuto in Consiglio comunale durante il dibattito sullo stato delle carceri.
Nardella ha ricordato che “ogni detenuto costa alla comunità 154 euro al giorno, di cui solo sei per il mantenimento del detenuto, solo 35 centesimi per la sua rieducazione, quella di
cui parla la Costituzione italiana. “Quella struttura non è pensata per aiutare il detenuto, non è pensata per la rieducazione della pena”. Ha ribadito il Sindaco.

La segretaria del Pd toscano Simona Bonafè, il presidente della Regione Eugenio Giani e il sindaco di Firenze Dario Nardella sono tra i primi firmatari della candidatura di Monica Marini, sindaca di Pontassieve (Firenze) a segretaria  metropolitana del Pd di Firenze. Sostegno a Marini è arrivato anche da Emiliano Fossi, sindaco di Campi Bisenzio che aveva dato la sua disponibilità a candidarsi.

E’ scomparso Paolo Bassi all’età di 91 anni. Era l’ultimo partigiano vivente di Scandicci: imbracciò le armi che aveva 14 anni; andò a combattere su Monte Morello. Il suo nome di battaglia era ‘Grillo’. Faceva parte della Lanciotto IV compagnia. Proseguì la campagna di Liberazione nel gruppo di combattimento Cremona.

Oggi pomeriggio al Piazzale della Sinagoga  di Firenze ore 18:15 Comunità di Sant’Egidio, Comunità Ebraica e Comunità Islamica ricordano la deportazione degli ebrei fiorentini. Presente il  Gonfalone del Comune di Firenze.

TEKOŞER – IL PARTIGIANO ORSO, proiezione questa sera al cinema La Compagnia di Firenze. Ispirato al libro “Siria, scritti dal nord est”, il documentario di Dario Salvetti, segue la vicenda di Lorenzo Orsetti (Orso), ragazzo di Rifredi partito alla fine del 2017 per sostenere la rivoluzione dei popoli del Rojava e combattere l’Isis.
Alla proiezione saranno presenti il regista Dario Salvetti, Annalisa e Alessandro Orsetti, Federico Micali, Don Andrea Bigalli e Padre Bernardo Gianni.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 9 novembre 2021 da www.controradio.it.

Lorenzo Orsetti, 24 giugno primo anniversario dalla sepoltura

Lorenzo Orsetti, 24 giugno primo anniversario dalla sepoltura

Firenze, è stato presentato l’appuntamento di mercoledì 24 giugno, a San Miniato al Monte, per ricordare Lorenzo Orsetti, in occasione del primo anno dalla sua sepoltura.

“Sappiamo che il Consiglio comunale è largamente dalla parte della resistenza kurda, come più volte evidenziato dalle votazioni in aula e come sarà testimoniato con la presenza del Presidente del Consiglio all’appuntamento di dopodomani – hanno detto i consiglieri comunali di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – La Città di Firenze non dimentica il suo partigiano di Rifredi” Lorenzo Orsetti.

“Crediamo però che serva un maggiore impegno da parte del Sindaco e della Giunta, che ancora devono individuare il luogo toponomastico richiesto ormai da mesi e che a livello internazionale, durante le diverse occasioni di incontro con altre città, possono ricordare quanto ancora abbia bisogno di supporto la resistenza kurda”.

L’appuntamento è quindi per mercoledì 24 giugno ore 10.00 – san miniato al Cimitero delle Porte Sante presso la Basilica di Saan Miniato al Monte, dove si terrà la Commemorazione con parole e musica, con Alessandro Orsetti e Annalisa Vuturo, padre Bernardo Gianni, Severino Saccardi, gli interventi musicali di Alda Dalle Lucche della Scuola di Musica di Fiesole e di Dimitri Grechi Espinoza, Welat CetinKaya della Comunità Kurda,  Luca Milani, presidente del Consiglio Comunale di Firenze, l’attore Maurizio Lombardi e Giulia Chiarini.

L'articolo Lorenzo Orsetti, 24 giugno primo anniversario dalla sepoltura proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: rimandati eventi per anniversario morte Orsetti

Coronavirus: rimandati eventi per anniversario morte Orsetti

Sono state spostate nella settimana tra il 25 aprile e il 1 maggio le iniziative in programma il 18 marzo, in occasione del primo anniversario dalla morte di Lorenzo Orsetti, il fiorentino ucciso in Siria mentre combatteva con le forze curde.

In particolare, spiega una nota, l’omaggio alla tomba di Orsetti al cimitero della Porte sante (San Miniato al Monte, Firenze) è spostato al domenica 26 aprile, mentre il concerto in programma all’auditorium Flog di Firenze si terrà martedì 28 aprile.

La famiglia Orsetti ringrazia “chi in questo anno ha parlato di Lorenzo, della sua scelta di vita, delle idee che l’hanno determinata, del suo martirio. Ringraziamo tutti coloro che hanno dato il loro contributo all’organizzazione delle iniziative che dovevano svolgersi e che stiamo programmando in altre date”. Massimo Torelli, del comitato organizzatore degli eventi dice di aver “sperato fino all’ultimo di poter mantenere almeno parte degli appuntamenti, ma le nuove disposizioni nazionali non lasciano spazio a interpretazioni. Le iniziative con il bellissimo programma non sono annullate, ma spostate nella settimana tra il 25 aprile e il 1 maggio”. “Il 18 di marzo – commenta poi Dmitrij Palagi, Consigliere comunale di Sinistra Progetto Comune – sarebbe stata una giornata importante, ma lo sarà comunque, anche senza la partecipazione fisica di quel pezzo di territorio e di Italia che comunque renderà il proprio riconoscimento a un partigiano di Rifredi del XXI secolo”.

L'articolo Coronavirus: rimandati eventi per anniversario morte Orsetti proviene da www.controradio.it.

Padre Orsetti: domani in piazza anche per combattenti anti-ISIS perseguitati da giustizia

Padre Orsetti: domani in piazza anche per combattenti anti-ISIS perseguitati da giustizia

Alessandro Orsetti ne ha parlato alla presentazione della manifestazione di domani a Firenze per ricordare piazza Fontana, ma anche l’omicidio razzista di venditori senegalesi in piazza Dalmazia da parte di Gianluca Casseri, che poi si suicidò.

“Domani manifesteremo anche per tre ragazzi che sono andati in Rojava per combattere” e che “adesso rischiano la sorveglianza speciale. Si chiamano Jacopo, Paolo e Eddi: il 9 dicembre c’è stata un’udienza a Torino, il 16 ce ne sarà un’altra”, “questi ragazzi rischiano la sorveglianza speciale nella totale assenza di interesse e interventi da parte dell’opinione pubblica”. Lo ha detto Alessandro Orsetti, padre del 33enne fiorentino Lorenzo Orsetti, ucciso negli scontri in Siria contro l’Isis.
Alessandro Orsetti ne ha parlato alla presentazione della manifestazione di domani a Firenze per ricordare piazza Fontana, ma anche l’omicidio razzista di venditori senegalesi in piazza Dalmazia da parte di Gianluca Casseri, che poi si suicidò.
Sui tre italiani foreign fighters filo-curdi sotto processo a Torino il padre di Orsetti ha aggiunto: “Inizialmente erano sei” accusati “ma tre sono stati assolti. Si ritiene che possano essere pericolosi per la società, ma in pratica si punisce l’intenzione perché non sono condannati per qualcosa di preciso. Invito tutti a manifestare perché questi ragazzi siano assolti”.

L'articolo Padre Orsetti: domani in piazza anche per combattenti anti-ISIS perseguitati da giustizia proviene da www.controradio.it.

Siria: iniziativa a Firenze per popolo curdo, ‘Europa faccia di più’

Siria: iniziativa a Firenze per popolo curdo, ‘Europa faccia di più’

Nuova iniziativa a Firenze per sostenere il popolo curdo, sempre più in sofferenza dopo l’attacco della Turchia. Alle Murate si è svolto un dibattito nel quale è stata ribadita l’esigenza di un maggiore impegno dell’Europa per i curdi.

Nell’iniziativa a favore del popolo curdo svolta alle Murate, erano presenti anche Alessandro e Annalisa Orsetti, i genitori di Lorenzo, il 33enne fiorentino ucciso negli scontri in Siria con l’Isis mentre militava come volontario a fianco delle milizie curde.

“A Firenze – ha detto Alessandro Orsetti – ci sono sempre molte persone a seguire queste iniziative: significa che si è preso a cuore la situazione del popolo curdo”. Anche le istituzioni stanno facendo la loro parte, come il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi: “Ci ha dato la sua disponibilità”, ha ribadito Orsetti spiegando che l’obiettivo è fissare “un incontro, anche con i curdi, per la prossima settimana”. Orsetti si è detto soddisfatto perché “in tutta Italia, da Roma a Milano” ci sono eventi a favore di curdi: “Credo che la loro storia – ha concluso – abbia toccato e colpito molte persone”.

Tra i presenti padre Bernardo Francesco Gianni, abate di San Miniato al Monte: “La mia presenza è per sottolineare – ha affermato – il legame con Lorenzo Orsetti, che è sepolto a San Miniato”. Secondo il vicesindaco di Firenze Cristina Giachi è necessario promuovere “azioni di sensibilizzazione con la cittadinanza” ma anche “fare pressing sul Governo perché” si riesca ad attuare una “politica di disarmo nei confronti della Turchia”. Giachi ha sottolineato che “l’Europa potrebbe fare molto di più per cambiare i destini di questo popolo”.

All’iniziativa è intervenuto anche l’artista curdo-fiorentino Fuad Aziz: “Tutto questo sta accadendo sotto il silenzio dell’Europa – ha detto -. Non basta condannare, bisogna agire e fare azioni concrete”.

L'articolo Siria: iniziativa a Firenze per popolo curdo, ‘Europa faccia di più’ proviene da www.controradio.it.