Concorso cardiochirurgia a Firenze: chiesto il rinvio a giudizio per nove persone

Concorso cardiochirurgia a Firenze: chiesto il rinvio a giudizio per nove persone

La procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio per nove persone, tra cui il rettore dell’Università Luigi Dei, nell’ambito dell’inchiesta su presunte irregolarità nella procedura di selezione per la chiamata di un professore associato di cardiochirurgia del dipartimento di medicina sperimentale dell’Università di Firenze.

Secondo quanto riportato oggi da ‘Il fatto quotidiano’, il procuratore aggiunto Luca Tescaroli e la pm Angela Pietroiusti hanno chiesto il processo, oltre che per il rettore, per l’allora direttrice generale dell’Azienda ospedaliera universitaria di Careggi Monica Calamai e per sette docenti universitari tra cui il professor Pierluigi Stefano al quale è stata assegnata la cattedra.

In base alle indagini, Calamai e Dei, ai quali viene contestata l’accusa di abuso d’ufficio, avrebbero fatto pressioni perchè il posto di professore associato fosse assegnato a Stefano, già direttore della Sod complessa di cardiochirurgia dell’Aou di Careggi, al fine di riunire nella sua persona la cardiochirurgia universitaria e quella ospedaliera.

Chiusa inoltre dalla procura, sempre come riportato da Il Fatto, l’inchiesta sugli altri presunti concorsi truccati alla facoltà di medicina di Firenze, che vede indagate 13 persone. Le indagini sono relative a una presunta turbativa dei procedimenti di programmazione dei concorsi per professore ordinario, che sarebbe avvenuta privilegiando alcuni settori rispetto ad altri che invece avrebbero dovuto avere la priorità, individuando i vincitori ancora prima del concorso.

L'articolo Concorso cardiochirurgia a Firenze: chiesto il rinvio a giudizio per nove persone proviene da www.controradio.it.

La ricerca si presenta online con la BRIGHT-NIGHT 2020

La ricerca si presenta online con la BRIGHT-NIGHT 2020

La manifestazionea Notte Europea delle Ricercatrici e dei Ricercatori  nata nel 2005 per iniziativa della Commissione Ue, vuol avvicinare i cittadini alla scienza. L’edizione dell’anno della pandemia vedrà un avvicendarsi di eventi e conferenze tutti on line sul sito: www.bright-night.it

Numerosi anche in Toscana gli eventi promossi per l’edizione 2020 della BRIGHT-NIGHT. Un programma completamente digitale, che avrà il suo cuore venerdì 27 e sabato 28 novembre, ma già nei giorni precedenti proporrà al pubblico alcuni contenuti.

Giovedì 26, “Mini talks per Maxi scienziati”, iniziativa per gli under 12 in collaborazione con Festival delle Scoperte e biblioteca delle Oblate. Venerdì, invece, verrà presentata “La ricerca per tutti”, cinque mini conferenze in diretta online (dalle 15) tenute dai ricercatori fiorentini e dedicate a “Un mondo migliore per tutti”, “Per una comunità sostenibile”, “Ricerca in salute!”, “Futuri-amo” e “Sosteniamo il pianeta”. Alle 16 , a cura del Polo Universitario Penitenziario Toscano, si parlerà di didattica a distanza e didattica in presenza.

Sabato 28 la manifestazione continuerà con le premiazioni del concorso “La ricerca in tre minuti”, bandito dall’ateneo fiorentino e dedicato a innovatività e impatto sociale dei progetti degli assegnisti e dottorandi Unifi, che vede in giuria gli studenti delle scuole medie superiori.

In occasione di BRIGHT-NIGHT sarà possibile anche guardare video su temi che vanno dalla paleontologia all’antropologia, a cura del sistema museale di ateneo e assistere a esperimenti, dimostrazioni e laboratori ideati dai ricercatori fiorentini e da Open Lab, la struttura per la diffusione della cultura scientifica Unifi.

L’assessora regionale a Università e Ricerca Alessandra Nardini ha commentato: “Riconosciamo e comprendiamo l’importanza del lavoro e dell’impegno di ricercatrici e ricercatori. A me piace pensare che questa consapevolezza resti e che, passato questo momento difficile, ci si ricordi sempre del ruolo e del contributo prezioso della ricerca per la crescita e l’innovazione” – ha poi aggiunto – ” Nella regione c’è una presenza accademica di prim’ordine, di cui dobbiamo andare orgogliosi, con scuole di eccellenza conosciute a livelle mondiale”. Ha concluso dicendo: “Credo che la Toscana possa essere per l’Europa quella che è la Silicon Valley per gli Usa”.

Anche Luigi Dei, rettore dell’Università di Firenze, ha rilasciato dichiarazioni in merito all’evento: “Si svolge in un momento veramente complesso, drammatico. Per questo deve trasmettere la forza della ricerca”. Ha poi sottolineato la necessità di “Guardare avanti, a dopo il Covid, a quel pianeta che sicuramente dovrà cambiare tante cose. E queste cose cambieranno solo e soltanto se si potrà avere una ricerca avanzata, capace di produrre innovazione utile a risolvere i grandi problemi transnazionali”.

Carlo Lascialfari

L'articolo La ricerca si presenta online con la BRIGHT-NIGHT 2020 proviene da www.controradio.it.

“La Notte delle ricercatrici e dei ricercatori in Toscana”, giovedì la presentazione

“La Notte delle ricercatrici e dei ricercatori in Toscana”, giovedì la presentazione

Si terrà giovedì 19 novembre alle ore 12.00 la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2020 de “La notte delle ricercatrici e dei ricercatori in Toscana”, l’appuntamento che ogni anno il mondo accademico e della scienza dedica alla ricerca.

Festeggiata di solito l’ultimo venerdì di settembre, l’edizione di quest’anno per le esigenze legate alla situazione sanitaria si svolgerà venerdì 27 novembre e si estenderà anche a sabato 28.

I progetti che interesseranno la Toscana saranno presentati nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati dall’assessora regionale Alessandra Nardini e dal rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei, che dell’edizione 2020 è il coordinatore.

Con loro saranno collegati in videoconferenza Paolo Mancarella, rettore dell’Università di Pisa, Tarcisio Lancioni, delegato alla Comunicazione dell’Università di Siena, Alessandra Giannotti, delegata alla terza missione dell’Università per Stranieri di Siena, Mariagrazia Alabrese, delegata della rettrice della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, Mario Piazza, vicedirettore della Scuola Normale Superiore di Pisa, Pietro Pietrini, direttore della Scuola Imt Alti Studi Lucca, Vincenzo Longo, responsabile dell’unità operativa dell’Ibba-Cnr di Pisa, Carlo Meletti, direttore della sezione di Pisa dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e Stavros Katsanevas, direttore dell’European Gravitational Observatory, Ego.

Sarà possibile seguire la conferenza stampa collegandosi all’indirizzo della piattaforma Zoom.

L'articolo “La Notte delle ricercatrici e dei ricercatori in Toscana”, giovedì la presentazione proviene da www.controradio.it.

Dante: un’intera settimana di incontri online dedicati al poeta

Dante: un’intera settimana di incontri online dedicati al poeta

Ha inizio lunedì 9 novembre, alle ore 15, la settimana di incontri online, dal titolo “Dante. Storie Immagini Paesaggi”, organizzata dal Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (Sagas) dell’Università di Firenze nell’imminenza del settimo centenario della morte dell’Alighieri.

Ad aprire l’iniziativa di divulgazione – che durerà fino al 13 novembre – saranno il rettore Luigi Dei e il direttore del Sagas Andrea Zorzi.

La settimana dantesca vedrà i docenti del Dipartimento alternarsi a personalità del mondo della cultura e dell’arte, come il presidente della Crusca Claudio Marazzini, il regista Federico Tiezzi e Cristiano Chiarot, già sovrintendente del Teatro del Maggio Musicale fiorentino.

Tanti i temi trattati e gli ambiti disciplinari coinvolti nell’iniziativa. Saranno illustrate le testimonianze dantesche leggibili nei siti archeologici e i paesaggi toscani della Divina Commedia, le principali opere liriche ispirate dal viaggio dantesco, senza dimenticare un omaggio alla lingua dantesca, al rapporto  fra Dante e l’Accademia della Crusca, fino all’influenza del poeta sul mondo del teatro, del cinema, della danza, della fotografia e del fumetto.

Tutta la manifestazione sarà liberamente accessibile online.

L'articolo Dante: un’intera settimana di incontri online dedicati al poeta proviene da www.controradio.it.

Prefetta Firenze: Covid innalza rischio infiltrazioni criminali

Prefetta Firenze: Covid innalza rischio infiltrazioni criminali

“Tutti i territori sono a rischio infiltrazioni. Nessun territorio ha per definizione un rischio maggiore rispetto ad altri. E’ evidente che l’emergenza Covid innalza il livello di rischio perche’ rende appetibile anche alcune situazioni”. Lo ha detto la prefetta di Firenze, Laura Lega, parlando con i giornalisti a margine della firma di due protocolli per evitare il rischio di infiltrazioni criminali sul territorio del capoluogo di regione toscano.

“Lo abbiamo detto per le imprese, lo abbiamo detto per il rischio usura, ed e’ chiaro che dove ci sono flussi di denaro come nelle stazioni appaltanti, ci possono essere situazioni ovviamente piu’ appetibili, e da qui la necessita’ di mettere gli occhi con grande attenzione” ha aggiunto il prefetto Laura Lega, che poi parlando dei due protocolli firmati oggi con il rettore dell’Universita’ di Firenze, Luigi Dei e con il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, ha sottolineato come “abbiamo messo in campo un’operazione chiamando anche le Gallerie degli Uffizi e l’Universita’ di Firenze per la messa in sicurezza del territorio. Ci preme in sostanza garantire dal rischio di infiltrazioni criminali questo territorio, quindi la’ dove ci sono stazioni appaltanti che operano appalti e procedure di gare anche significative, abbiamo ritenuto nel corso di questi mesi avviare una stretta in modo che si possa garantire questo territorio dal rischio che ci siano infiltrazioni”.

L'articolo Prefetta Firenze: Covid innalza rischio infiltrazioni criminali proviene da www.controradio.it.