Consorzio 1 Toscana nord, in Lunigiana allarme irriguo

Consorzio 1 Toscana nord, in Lunigiana allarme irriguo

Il Consorzio 1 Toscana nord ha pubblicato i dati relativi all’emergenza siccità in Lunigiana, in provincia di Massa Carrara e ha segnalato la situazione critica per l’irriguo.

Secondo il Consorzio a preoccupare di più, in queste settimane, sono gli impianti irrigui a scopo agricolo che servono 1900 utenti (per 140 km di rete) che registrano una disponibilità della risorsa “sufficiente” solo per le zone di Fivizzano-Aulla e Bagnone-Villafranca, mentre è “insufficiente” per tutte le altre aree (Groppoli di Mulazzo, Caprio-Ponticello-Filattiera, e Piana di Filattiera).

Il livello idrometrico del torrente Aulella a luglio è sceso a 1,16 metri, quando nello stesso periodo del 2021 era di 1,31 metri. Per quanto riguarda la pioggia, i quattro pluviometri posizionati nelle stazioni di Turano-Fivizzano, Bagnone, Parana e Filattiera hanno registrato rispettivamente -177 mm, -153,2 mm, -286,8 mm e -155,8 mm di pioggia caduti tra maggio e luglio 2022, rispetto al periodo maggio-luglio 2021. Per Ismaele Ridolfi, presidente del Consorzio 1 Toscana Nord, “se nei
prossimi quindici, venti giorni non dovesse piovere la situazione potrebbe aggravarsi ulteriormente. Siamo molto preoccupati perché il livello degli invasi è al minimo e il tempo di ricarica della vasche è molto lento. Se a breve il quadro non dovesse cambiare, saremo costretti a ulteriori razionamenti della risorsa idrica”.

A preoccupare non è solo la mancanza d’acqua. La rete irrigua della Lunigiana è infatti un’infrastruttura obsoleta, caratterizzata da impianti
estremamente vetusti. “La rete che abbiamo ereditato è molto vecchia e necessita di continue riparazioni – aggiunge Ridolfi -: questo dato, unito alla siccità, ci costringe a continue interruzioni del servizio. Per ammodernare gli impianti il Consorzio ha già predisposto progetti esecutivi per oltre 14 milioni di euro, progetti che nei prossimi giorni presenteremo
ufficialmente su tutte le linee di finanziamento disponibili, a cominciare da quelle previste dal Pnrr”.

L'articolo Consorzio 1 Toscana nord, in Lunigiana allarme irriguo da www.controradio.it.

Codice rosso per il caldo domani a Firenze, ma codice giallo per temporali forti domani in Lunigiana e Garfagnana

Codice rosso per il caldo domani a Firenze, ma codice giallo per temporali forti domani in Lunigiana e Garfagnana

Firenze, continua il grande caldo in Toscana, con un codice arancione emanato per lunedì per il capoluogo, codice che diventerà rosso nella giornata di martedì e in quella di mercoledì.

Il codice rosso viene assegnato dal nuovo bollettino elaborato dal dipartimento di epidemiologia Ssr Regione Lazio, nell’ambito del sistema operativo nazionale di previsione e prevenzione degli effetti del caldo sulla salute, coordinato dal ministero della salute. Oggi, lunedì 27 giugno, la temperatura massima percepita sarà di 38 gradi centigradi.

Ma allo stesso tempo, un codice giallo per temporali forti viene emanato per la seconda parte della giornata di domani, martedì 28 giugno, sulle zone settentrionali della Toscana (più probabili sul nord-ovest).

Lo ha emesso la Sala operativa unificata della protezione civile a seguito dell’arrivo di un fronte di aria più fresca in quota che porterà locali condizioni di instabilità anche sul nord della nostra regione.

Ai temporali potranno essere associati forti colpi di vento e grandinate. Altrove (Toscana centrale) colpi di vento e grandinate solo occasionali.

Sempre martedì possibili locali e temporanee raffiche di vento sulla costa centro-meridionale, sull’Arcipelago e in montagna. Attenuazione dei venti in serata.

Ulteriori dettagli e consigli sui comportamenti da adottare, a seconda del rischio, si trovano all’interno della sezione Allerta meteo del sito della Regione Toscana, accessibile dall’indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo

L'articolo Codice rosso per il caldo domani a Firenze, ma codice giallo per temporali forti domani in Lunigiana e Garfagnana da www.controradio.it.

Neve su Alpi Apuane, Lunigiana e Abetone

Neve su Alpi Apuane, Lunigiana e Abetone

Stazzema, in provincia di Lucca, insolita neve di primavera è caduta sulla Pania della Croce, cima simbolo della catena delle Alpi Apuane, che si erge a 1.858 metri sul livello del mare.

Le foto che sono state scattate dalla costa della Versilia mostrano i rilievi montuosi coperti da neve omogenea per chilometri e a quote relativamente basse considerando che siamo nella stagione primaverile.

Il maltempo, con pioggia alternata solo a un tiepido sole ha fato cancellare proprio in Versilia fino al 40% delle prenotazioni fatte per il ponte del 25 Aprile nelle strutture ricettive della Versilia. La speranza degli operatori è di poter recuperare per il 1° maggio. Sul litorale sono arrivati meno della metà dei visitatori rispetto a Pasqua, hanno affermato gli operatori turistici, mentre di solito col 25 aprile la tendenza è in aumento.

È tornata la neve anche in Lunigiana, dove la perturbazione atlantica che ha investito tutta la Toscana questo fine settimana, ha imbiancato le strade e le foreste di diverse località dell’entroterra.

Zum Zeri

Val di LuceImbiancate anche l’Abetone e la Val di Luce, sulla montagna pistoiese.

Ma già da domani il Consorzio LaMMa prevede un rialzo delle temperature con cielo ancora molto nuvoloso in Appennino e Apuane ma con possibilità di piogge soprattutto nel corso della mattinata.

Variabile sul Monte Amiata con schiarite alternate ad annuvolamenti associati a brevi rovesci pomeridiani. Temperature in aumento e venti moderati meridionali con locali rinforzi sui crinali.

L'articolo Neve su Alpi Apuane, Lunigiana e Abetone da www.controradio.it.

Smart working a Pontremoli. I giovani: “Venite a scoprire il borgo, vi ospitiamo noi”

L'iniziativa è dell'associazione "Farfalle in cammino" che promuove il turismo sostenibile nella zona. I giovani del gruppo saranno le speciali guide che faranno conoscere Pontremoli agli smart workers, ospitandoli per un giorno intero. "Dall'outdoor all'enogastronomia, portiamo i lavoratori a scoprire la nostra zona e la nostra comunità"

The post Smart working a Pontremoli. I giovani: “Venite a scoprire il borgo, vi ospitiamo noi” appeared first on intoscana.