Strage di piazza Dalmazia, il corteo antirazzista e antifascista oggi a Firenze

Strage di piazza Dalmazia, il corteo antirazzista e antifascista oggi a Firenze

“Venerdì 13 dicembre ricorre l’ottavo anniversario della strage di Piazza Dalmazia, dove una mano razzista e fascista uccise Samb Modou e Diop Mor e ferì Moustafà Dieng, colpevoli solo di essere senegalesi. Da allora gli atti razzisti e fascisti nella nostra città e in tutta la provincia si sono moltiplicati. Gli ultimi in ordine di tempo: l’atto vandalico che ha danneggiato la targa su Ponte Vespucci che ricordava l’omicidio di Idy Diene (anche lui colpevole di essere senegalese) e l’ennesima lettera minatoria inviata alla sindaca di Empoli Brenda Barnini.”

La CGIL di Firenze aderisce al progetto: “La Camera del Lavoro di Firenze da sempre è impegnata contro ogni forma di intolleranza, di razzismo e fascismo e agisce quotidianamente per difendere i valori democratici e costituzionali, in nome della libertà e della dignità del lavoro. Per questo venerdì 13 dicembre alle ore 11 saremo al fianco della Comunità Senegalese che in piazza Dalmazia ricorderà gli omicidi del 2011. Inviamo tutti a partecipare e a diffonderne la notizia. E per questo consideriamo importanti e utili tutte le altre iniziative che in quella giornata, e non solo, verranno organizzate per ribadire lo spirito antirazzista di Firenze.”

Il comunicato della CGIL riporta anche un messaggio scritto a nome della comunità senegalese, da parte del presidente dell’Associazione dei Senegalesi Mamadou Sall: “L’Associazione dei Senegalesi di Firenze e Circondario informa la comunità senegalese e tutta la cittadinanza che venerdì 13 dicembre, alle ore 11.00 in Piazza Dalmazia a Firenze, verranno commemorati i tragici avvenimenti del 2011, che portarono all’uccisione di Mor e Samb. Saranno presenti le autorità locali. Vi aspettiamo numerosi.”

L'articolo Strage di piazza Dalmazia, il corteo antirazzista e antifascista oggi a Firenze proviene da www.controradio.it.

Firenze: in 300 al presidio antirazzista di Ponte Vespucci

Firenze: in 300 al presidio antirazzista di Ponte Vespucci

Un applauso ha accompagnato la fine della pulizia della targa affissa sul Ponte Vespucci, in ricordo di Idy Diene, il venditore ucciso a Firenze dall’ex tipografo Roberto Pirrone il 5 marzo 2018 e che era stata vandalizzata lo scorso 10 novembre. ASCOLTA LE INTERVISTE

Sopra la vernice nera che copre la targa, dopo l’atto vandalico, era stato riscritto, utilizzando della vernice bianca, il messaggio originario: ‘Idy Diene assassinato da mano razzista’.

A ripulirla sono stati due senegalesi nel corso del presidio antirazzista organizzato dall’Associazione dei senegalesi di Firenze proprio sul Ponte Vespucci dove l’uomo fu ucciso e al quale hanno partecipato oltre 150 persone. “Oggi per noi è un’altra giornata triste – ha detto Mamadou Sall, responsabile della comunità senegalese a Firenze – però vedendo tutti questi cittadini qui presenti ci dice che nessuno vuole dimenticare quello che è successo. Qualcuno ha voluto che noi dimenticassimo o la cancellassimo la storia di questo ponte, ma la storia di questo ponte non si può cancellare. La cosa più importante per noi e che ci da speranza è vedere tutti i gruppi qui insieme contro il razzismo e contro ogni forma di discriminazione, questo per noi è già molto importante. E proprio da questa giornata partiremo per il 13 dicembre per parlare con tutti questi gruppi che lottano contro il razzismo e per vedere come possiamo unire le nostre forze per combattere soprattutto la destra di Salvini e di Meloni che seminano l’odio razziale in questo Paese”.

Intanto negli ultimi giorni un ragazzo nigeriano è stato aggredito alle Cure, c’è paura? “Si, e quello che abbiamo visto anche a Siena non ci da tranquillità. Dobbiamo dire la verità, la situazione è molto preoccupante e la nostra speranza è vedere le autorità locali, regionali e nazionali unire le forze che lottano contro il razzismo lavorando insieme per trovare una soluzione perchè in questo momento stiamo vivendo il neorazzismo che è una forza difficile da combattere e che per combatterla abbiamo bisogno delle forze di tutti quanti”.

L'articolo Firenze: in 300 al presidio antirazzista di Ponte Vespucci proviene da www.controradio.it.