Martina Rossi: Albertoni e Vanneschi chiedono affidamento servizi sociali

Martina Rossi: Albertoni e Vanneschi  chiedono affidamento  servizi sociali

I due trentenni condannati anche in Cassazione a 3 anni per la tentata violenza sessuale a Martina Rossi, la studentessa 20enne morta precipitando dalla terrazza di una camera d’albergo chiederanno l’affidamento ai servizi sociali. Il legale: “come per Berlusconi”

“Stamani è stato loro notificato il decreto che prevede la sospensione della pena in attesa che venga stabilita la modalità di espiazione della condanna. “Ora abbiamo 30 giorni per la richiesta dell’affidamento ai servizi sociali”, ha spiegato un difensore di Vanneschi, avvocato Stefano Buricchi.

Chiederanno dunque  l’affidamento ai servizi sociali Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, i due trentenni condannati anche in Cassazione a 3 anni per la tentata violenza sessuale a Martina Rossi, la studentessa 20enne morta precipitando dalla terrazza di una camera d’albergo, a Palma di Maiorca, mentre voleva sfuggire ai due.

“Il decreto è arrivato con estrema puntualità – commenta Stefano Buricchi, difensore di Luca Vanneschi – dal momento che la Cassazione lo manda alla procura generale competente per poi girarlo a quella di Arezzo e a sua volta al domicilio dell’assistito, in questo caso presso gli studi legali. Ora abbiamo 30 giorni per la richiesta dell’affidamento ai servizi sociali, un provvedimento, per fare un esempio eclatante, del tutto simile a quello scelto anni fa da Silvio Berlusconi”.

Sulla possibilità di scontare un anno di carcere propedeutico ai servizi sociali, cosi come ipotizzato, l’avvocato Buricchi è categorico: “E’ escluso categoricamente come riportato sul decreto che sospende la pena. L’affidamento in prova ai servizi sociali è la misura che farà poi espiare loro la condanna”.

“Luca Vanneschi è molto provato dopo dieci anni di quella che ha definito ‘gogna mediatica’. Ora Luca, che ieri è rimasto con i suoi cari, spera di trovare in Europa quella giustizia che non ha trovato in Italia” questo quanto ha  detto l’avvocato Stefano Buricchi, legale di uno dei due aretini condannati a 3 anni per tentata violenza sessuale a Martina Rossi.  Vanneschi, uno dei due imputati, non fa dichiarazioni ma affida al difensore il suo pensiero. “Ho ricevuto mandato dal mio assistito Luca Vanneschi di fare ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo – ha ribadito l’avvocato – e cosi faremo verificando se ci sono anche i termini per la revisione del processo visto che abbiamo ben 24 testi della difesa che non sono stati ascoltati, compresa la cameriera spagnola che raccontò di aver assistito alla caduta”.

L'articolo Martina Rossi: Albertoni e Vanneschi chiedono affidamento servizi sociali da www.controradio.it.

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 8 ottobre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

CONTRORADIO INFONEWS – Confermate dalla Cassazione le due condanne a 3 anni per Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, i due aretini condannati per tentata violenza sessuale di gruppo in relazione alla morte di Martina Rossi, la studentessa ventenne genovese deceduta il 3 agosto 2011 precipitando dalla terrazza del sesto piano dell’hotel ‘Santa Ana’ a Palma di Maiorca mentre, secondo l’accusa, cercava di fuggire da un tentativo di stupro. E la decisione dei giudici della Quarta sezione penale della Corte di Cassazione che hanno dichiarato inammissibili i ricorsi dei due imputati. La sentenza è arrivata dopo quasi due ore di camera di consiglio.
E’ risultata positiva all’alcotest la donna che era alla guida dell’auto, che giovedì sera aveva investito e causato la morte di un uomo di 31 anni mentre stava attraversando a piedi la via Aurelia a Viareggio (Lucca). Adesso la donna si trova agli arresti domiciliari.

CONTRORADIO INFONEWS – Sulla vertenza Gkn “oggi è stato compiuto un primo grande passo e a breve convocherò un nuovo incontro”. Ad annunciarlo al termine del tavolo al Mise è stata la viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde sottolineando che “il lavoro al fianco di Regione e insieme ai sindacati premia. La procedura di licenziamento non è dunque all’ordine del giorno, stiamo avviando un percorso”. Conclude la viceministra.

CONTRORADIO INFONEWS – La Guardia di Finanza si è recata negli uffici di Gest per acquisire atti relativi alla gestione della tramvia di Firenze. É stata fornita tutta la documentazione richiesta e data la massima collaborazione all’indagine, fa sapere la società che gestisce l’impianto. Per quanto riguarda le accuse ipotizzate, “Gest, in quanto società di gestione della tramvia, non vende biglietti e non incassa direttamente i loro introiti” commenta l’amministratore delegato Jean Luc Laugaa
CONTRORADIO INFONEWS – Nell’ambito di Internet Festival, ‘Cybersecurity Day’ (ore 9.15, Camera commercio). Al Real Collegio di Lucca ore 10:00 Si chiude LuBeC, Lucca Beni Culturali. Tra gli appuntamenti,
convegno sul tema ‘Visione e competenze per il Piano Nazionale per la Digitalizzazione del patrimonio culturale’.
Al Teatro Verdi di Firenze ore 21:00 Inaugurazione della stagione dell’ORT, con una prima assoluta “Voci dal Purgatorio”, di Richard Danielpour, dirige John
Axelrod.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 8 ottobre 2021 da www.controradio.it.

Morte Martina Rossi: Cassazione conferma condanne, fu tentato stupro

Morte Martina Rossi: Cassazione conferma condanne, fu tentato stupro

Morte Martina Rossi: cnfermate dalla Cassazione le due condanne a 3 anni per Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, i due giovani aretini condannati per tentata violenza sessuale di gruppo in relazione alla morte di Martina Rossi, la studentessa ventenne genovese deceduta il 3 agosto 2011 precipitando dalla terrazza del sesto piano dell’hotel ‘Santa Ana’ a Palma di Maiorca.

La decisione dei giudici della Quarta sezione penale della Corte di Cassazione che hanno dichiarato inammissibili i ricorsi dei due imputati. La sentenza è arrivata dopo quasi due ore di camera di consiglio.

I supremi giudici hanno confermato la sentenza del processo di appello bis di Firenze dello scorso 28 aprile come chiesto dal sostituto procuratore generale Elisabetta Ceniccola nel corso della sua requisitoria oggi in udienza. In primo grado davanti al Tribunale di Arezzo il 14 dicembre 2018 Vanneschi e l’amico Albertoni vennero condannati a 6 anni di reclusione per tentato stupro e morte in conseguenza di altro reato. Il 9 giugno 2020 la Corte d’appello di Firenze li aveva poi assolti “perché il fatto non sussiste”.

La Cassazione però il 21 gennaio scorso ha annullato la sentenza di assoluzione disponendo un nuovo processo per i due imputati. L’appello bis a Firenze lo scorso 28 aprile si è concluso con la condanna a 3 anni di Vanneschi e Albertoni per tentata violenza sessuale di gruppo, essendosi prescritto l’altro reato. Per i giudici della Corte d’appello di Firenze, come si legge nelle motivazioni del processo bis, appare “provato al di là di ogni ragionevole dubbio che Martina Rossi, la mattina del 3 agosto 2011, precipitò dal terrazzo della camera 609 dell’albergo dove alloggiava, nel tentativo di sottrarsi a una aggressione sessuale perpetrata a suo danno dagli imputati”.

“Non ci deve essere più nessuno che possa permettere di far del male a una donna e passarla liscia. Ora posso dire a Martina che il suo papà è triste perché lei non c’è più, ma anche soddisfatto perché il nostro paese è riuscito a fare a giustizia”. Lo ha detto Bruno Rossi, papà di Martina Rossi, dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato le due condanne a 3 anni per Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, per tentata violenza sessuale di gruppo, in relazione alla morte della studentessa ventenne genovese deceduta il 3 agosto 2011 precipitando dalla terrazza del del sesto piano dell’hotel ‘Santa Ana’ a Palma di Maiorca.

“Finalmente la verità, anche se quello che ha sofferto Martina non lo cancella nessuno. Non hanno avuto neanche pietà”. Così Franca Murialdo, mamma di Martina Rossi, dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato le due condanne a 3 anni per Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni. “Quando ho letto la sentenza di appello bis ho pensato che faceva onore alla verità. Ecco – ha aggiunto- è vero, lo conferma la Cassazione”.

“Non esiste un’altra verità se non quella per cui Martina Rossi è morta per sfuggire a un tentativo di stupro ed era talmente disperata al punto da scavalcare un balcone al sesto piano”. Lo afferma Luca Fanfani, avvocato dei genitori di Martina Rossi dopo che la Cassazione ha reso definitive le condanne a tre anni per Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni. “Ora la Spagna chieda scusa per come ha archiviato l’indagine e per il fatto che quella stanza d’albergo venne affittata solo qualche ora dopo” ha aggiunto.

I difensori di Vanneschi hanno annunciato che ricorreranno alla Corte Europea per chiedere la revisione del processo.

L'articolo Morte Martina Rossi: Cassazione conferma condanne, fu tentato stupro da www.controradio.it.

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 7 ottobre 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 7 ottobre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

CONTRORADIO INFONEWS: Una rappresentanza di lavoratori dello stabilimento di Campi Bisenzio (Firenze) della Gkn saranno in presidio oggi sotto al ministero dello Sviluppo economico, dove alle ore 15 si terrà il tavolo convocato per discutere della vertenza. I lavoratori della Gkn, sulla pagina Facebook del Collettivo di fabbrica, fanno sapere che saranno a Roma, a partire dalle 11 circa al Pantheon, e dalle ore 15 sotto la sede del Mise. Sono oltre 150 in pullman dallo stabilimento di Campi Bisenzio (Firenze) alla volta di Roma.
CONTRORADIO INFONEWS: Pier Luigi Boschi, ex vice presidente di Banca Etruria, padre della ex ministra del governo Renzi Maria Elena, attuale capogruppo di Italia Viva alla Camera, ha chiesto di essere interrogato durante una delle udienze del processo sulle cosiddette consulenze d’oro dell’istituto di credito aretino fallito dopo la messa in risoluzione con il decreto salva banche del 22 novembre 2015. Il processo sulle consulenze d’oro è l’ultimo filone di indagine sul crac di Banca Etruria che è arrivato a processo.
CONTRORADIO INFONEWS: Oggi mobilitazione contro la violenza sulle donne in occasione del processo per la morte di Martina Rossi, precipitata dal balcone di un hotel di Palma de Maiorca. “Verità e giustizia per Martina Rossi”. Così in un post facebook le attiviste di “Non una di meno” annunciano il presidio alle 10 sotto la Corte di Cassazione a Roma e davanti al palazzo di giustizia di firenze a Novoli.
“Vogliamo realizzare il primo tram in Italia a batteria“, senza i pali “se non per piccoli tratti così da alimentare le batterie. È questo il nostro obiettivo”. Il sindaco di Firenze scende a Napoli e fa visita allo stabilimento della Hitachi per vedere il nuovo convoglio scelto per le nuove linee del sistema tramviario: la corsa per Bagno a Ripoli e quella dello stadio e di Coverciano, le tratte che copriranno il versante orientale cittadino.

CONTRORADIO INFONEWS: Lo sciopero di stasera del Maggio Musicale Fiorentino è stato revocato e il terzo concerto  dedicato a Beethoven e diretto da Zubin Mehta, si farà. Minacciato fino al tardo pomeriggio di ieri dalla protesta degli orchestrali della Fials, il concerto si salva. Stasera l’orchestra salirà sul palcoscenico  dopo una lunga riunione tra gli iscritti Fials. Alla fine, lo sciopero è stato cancellato e trasformato nella dichiarazione dello stato di agitazione su disorganizzazione del lavoro e la scarsa trasparenza e tenuta economica.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 7 ottobre 2021 da www.controradio.it.

Cassazione rinvia udienza su morte Martina Rossi al 7 ottobre

Cassazione rinvia udienza su morte Martina Rossi  al 7 ottobre

I genitori di Martina: ‘aspettiamo giustizia, ‘Dopo 10 anni devono dirci che cosa è successo’

La Corte di Cassazione, riunita oggi, ha rinviato  prossimo 7 ottobre l’udienza per la morte della studentessa ligure Martina Rossi per la quale sono stati condannati a 3 anni di reclusione per omicidio colposo due giovani toscani, Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni. La  sezione feriale della Cassazione ha dunque accolto l’istanza della difesa. L’udienza di ottobre si terrà davanti alla Quarta sezione penale. Il reato in base a quanto si è appreso non maturerà prima del 16 ottobre

“”Mi sento come una mamma alla quale hanno causato la morte della figlia. Mi sento così tutti i giorni da dieci anni. E anche impotente. Mi aspetto giustizia. Certo che la giustizia non potrà che darci questi tre anni”. Lo ha detto ai cronisti davanti alle telecamere prima di entrare in Cassazione, per l’udienza che è stata appena aggiornata al 7 ottobre, Franca Murialdo, la mamma di Martina Rossi, la studentessa di Genova morta dieci anni fa in Spagna cadendo dal balcone di un hotel. Secondo l’accusa è precipitata per sfuggire all’aggressione di due ragazzi toscani – Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, condannati per omicidio colposo a tre anni – per i quali oggi la Cassazione ha deciso il rinvio dell’udienza accogliendo la richiesta della difesa e accertando che la prescrizione non è decorsa.

“Di tutto quello che è successo dopo dieci anni, sono rimasti questi tre anni. Io credo che la colpa non è quella, ma almeno abbiano da trasportare la responsabilità di quello che hanno fatto. Se avranno dei figli, se avranno delle mogli, devono capire che cosa significa per un papà e una mamma stare 10 anni a tribolare. E’ una vita – ha detto Bruno Rossi, il padre di Martina entrando in Cassazione – e poi non solo solo 10 anni. Di fronte alla morte e all’omicidio non c’è prescrizione, nè tecnicismi. Non sono partite di pallone questi processi, bisogna arrivare a capire di più e alla mamma e al papà occorre dire che cosa è successo, perchè Martina non c’è più, e loro ci sono e trionfano, trionfano”.

L'articolo Cassazione rinvia udienza su morte Martina Rossi al 7 ottobre da www.controradio.it.