Toscana, Marchetti richiede dati su infezioni ospedaliere

Toscana, Marchetti richiede dati su infezioni ospedaliere

Il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti ha presentato un’interrogazione a risposta scritta per richeidere dati aggiornati all’ultimo biennio sulle infezioni contratte negli ospedali toscani, in particolare al Noa di Massa.

“Dati aggiornati sulle batteriemie e sulle infezioni correlate all’assistenza soprattutto sul Nuovo ospedale delle Apuane a Massa non compreso dagli ultimi studi disponibili”. E’ quanto chiede, attraverso un’interrogazione a risposta scritta e rivolta alla giunta toscana, il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti.

“Ho letto delle preoccupazioni espresse anche dal tribunale del malato di Massa circa il numero di infezioni ospedaliere, in particolare polmoniti, che risulterebbero contratte in corsia presso il Noa. Sono andato quindi a cercare dati. Il fenomeno, in effetti, è oggetto di monitoraggio costante sia a livello nazionale che europeo. Gli studi si moltiplicano e l’incidenza del fenomeno aumenta, arrivando a definire una soglia allarmante per lo stesso Istituto superiore di sanità”, spiega il capogruppo regionale di Forza Italia.

E la Toscana? “Nella nostra regione – prosegue – lo studio più recente che ho trovato è quello elaborato dall’Agenzia regionale di sanità, Ars, su dati 2015-2016 e pubblicato nel gennaio 2018. Ci sono dati anche suddivisi ospedale per ospedale, ma per Massa, all’epoca, sono ancora riferiti al vecchio ospedale massese, ovvero il SS. Giacomo e Cristoforo. Servono rilevazioni più recenti”. Per averle, Marchetti ha quindi depositato un’interrogazione a risposta scritta a cui l’organo di governo regionale dovrà rispondere in 60 giorni: “Che l’evoluzione delle infezioni correlate all’assistenza, il cui acronimo è Ica, meriti attenzione – osserva Marchetti – lo si vede già dal trend di crescita registrato a livello regionale tra il 2015, con 4.699 pazienti protagonisti di 5.137 episodi, e il 2016, con 5.320 pazienti per 5.750 episodi”.

“Chiediamo di conoscere gli esiti delle rilevazioni dell’ultimo biennio, ospedale per ospedale e con particolare riferimento al Noa di Massa. Questo – conclude Marchetti – sarà utile anche a valutare l’efficacia delle politiche di contrasto e contenimento del fenomeno sin qui messe in campo dalla Regione”.

L'articolo Toscana, Marchetti richiede dati su infezioni ospedaliere proviene da www.controradio.it.

Prato, 92enne attende 10 ore al pronto soccorso, interrogazione FI

Prato, 92enne attende 10 ore al pronto soccorso, interrogazione FI

Interrogazione nata da Maurizio Marchetti, capogruppo azzurro in Consiglio regionale. La donna non sarebbe nemmeno stata riparata dal freddo.

A Prato “una signora di 92 anni invalida al 100% arriva al pronto soccorso in ambulanza alle 2.30 del mattino, e lì resta senza nemmeno una coperta per oltre 10 ore. Come è stato possibile? Eppure all’ospedale di Prato, secondo quanto annunciato dalla Asl nel gennaio scorso, è attivo il Day service geriatrico proprio per trattare con tempestività pazienti così fragili. Voglio sapere cosa non ha funzionato”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti annunciando un’interrogazione, in merito alla notizia riportata oggi dall’edizione locale de La Nazione.

“Il racconto dei familiari della signora mi lascia davvero l’amaro in bocca – sottolinea Marchetti in una nota -. Come al solito il Pd fa quadrato sugli annunci in grande spolvero, come quello del percorso d’emergenza dedicato agli anziani presso il Santo Stefano di Prato, e poi però i fatti raccontano tutt’altri standard di servizi”. Marchetti sottolinea che “i familiari riferiscono che tra l’altro durante tutte quelle ore di attesa in barella la signora non è stata nemmeno riparata dal freddo e che hanno dovuto provvedere i familiari coprendola con un giubbotto. Sono cose che non si possono nemmeno sentire, e questo è lo stato in cui la sinistra ha ridotto il sistema salute della Toscana in decenni di governo. Anche basta”.

L'articolo Prato, 92enne attende 10 ore al pronto soccorso, interrogazione FI proviene da www.controradio.it.

Carrara: Marchetti, situazione bus critica

Carrara: Marchetti, situazione bus critica

“I ‘nonni’ della flotta sono stati immatricolati nel secolo scorso e tra questi i più anziani sono stati messi su strada nel lontano 5 marzo 1991. Non tutti hanno aria condizionata se non nell’abitacolo dell’autista, ma non sono pochi i mezzi su cui nemmeno chi lavora per ore a bordo può contare sulla climatizzazione. Pedana automatica? Un sogno nella grandissima parte dei casi”.

E’ quanto reso noto dal capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti spiegando che si tratta del ‘ritratto di famiglia dei mezzi di Ctt Nord srl ricostruito nell’anagrafica fornitagli dalla giunta toscana e richiesto alla luce dei ripetuti guasti verificatisi nell’area di Carrara su mezzi sia urbani che extraurbani.
“Quanto la giunta ci dice in merito ai guasti a bordo mezzo avvenuti a Carrara lo scorso dicembre non ci rassicura”, riprende Marchetti. “Se ci vengono confermati il principio di incendio sul bus extraurbano K2082 in servizio sulla linea 50 e la rottura di un tubo sulla linea urbana 52, bus A4046 – spiega – poco ci consola che i sistemi d’allarme presenti sul cruscotto a vantaggio dell’autista abbiano funzionato. Ci mancava solo quella”.
Secondo il capogruppo la criticità del trasporto su gomma nell’area è del resto ammessa anche dalla giunta.
“In merito alla situazione del parco bus dell’azienda Ctt Nord – scrive l’assessore con delega al settore Vincenzo Ceccarelli, e rende noto Marchetti – si evidenzia che all’interno del bacino si sono verificate nei mesi scorsi alcune particolari circostanze che hanno reso difficile un esercizio regolare del servizio”.
“Il contesto ricostruito – conclude Marchetti – è definito come emergenziale, con mezzi anche nuovi che si incendiano e manutenzione che fatica a tornare a pieno regime. Il punto è che, a fronte di un’anagrafica che vede su strada mezzi in procinto di festeggiare il ventottesimo compleanno, non c’è manutenzione che tenga e pochi e mal fatti sono i mezzi nuovi che entrano in circolazione. Non sono soddisfatto della risposta per il merito che attesta una gestione come minimo insufficiente del servizio su cui la Regione avrebbe avuto il dovere di intervenire per tempo”.

L'articolo Carrara: Marchetti, situazione bus critica proviene da www.controradio.it.

Rifiuti: Giannarelli, impianto di Tana Termini è nel posto sbagliato

Rifiuti: Giannarelli, impianto di Tana Termini è nel posto sbagliato

La commissione d’inchiesta in visita a San Marcello Piteglio. Il presidente: “Favorevoli ai biodigestori anaerobici ma il vincolo localizzativo è serio”.

Primo sopralluogo della “commissione d’inchiesta in merito alle discariche sotto sequestro e al ciclo dei rifiuti”, presieduta da Giacomo Giannarelli (M5S). Questa mattina, lunedì 4 febbraio, si è svolta la visita alla sede Sistemi Biologici srl, società a capitale misto pubblico, dichiarata fallita dal Tribunale di Pistoia nel 2017, che ha avuto in gestione l’impianto di compostaggio Tana Termini situato al confine con Bagni di Lucca. L’impianto è adibito all’attività di stoccaggio e trattamento di rifiuti organici urbani.

Maurizio Marchetti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, da tempo lamenta “forti perplessità” sull’impianto ubicato proprio nell’alveo del torrente Lima. Fermo dall’estate 2016 per emissione di miasmi, è stato da sempre contrastato da cittadini e attività economiche del luogo”.

“Siamo favorevoli ai biodigestori anaerobici, – spiega Giannarelli – perché non producono maleodoranze, recuperano il biogas e abbattono la dispersione del percolato. Tuttavia il luogo scelto per Tana Termini lascia perplessi. Una valle a ridosso del fiume del Lima, con un impatto ambientale evidente”.

“Chiederemo alla Regione – continua il presidente – di trovare un nuovo sito, più compatibile dal punto di vista ambientale e nel rispetto della popolazione residente. Certo sarebbe utile avere il piano regionale dei rifiuti che è in ritardo di tre anni”.

I commissari hanno anche illustrato l’ipotesi di progetto che ha presentato l’ingegnere di ‘Pistoia compost’, Rossano Degl’Innocenti: il volume dovrebbe aumentare del doppio con la copertura del piazzale attualmente scoperto, il conferimento dovrebbe rimanere inalterato rispetto alle autorizzazioni originarie (31mila tonnellate l’anno). Attualmente, ‘Pistoia compost’ (società partecipata al 50 per cento da ‘Greenpower’ e per il resto da privati) ha presentato una prima bozza di progetto.

La commissione d’inchiesta del Consiglio regionale proseguirà la giornata con il sopralluogo a Serravalle Pistoiese, alla società PistoiAmbiente, gestore della discarica del Cassero sequestrata nel 2014 a seguito di un incendio e riaperta lo scorso aprile su decisione del Tribunale del riesame di Pistoia. Il sito è adibito allo smaltimento di rifiuti speciali.

L'articolo Rifiuti: Giannarelli, impianto di Tana Termini è nel posto sbagliato proviene da www.controradio.it.

Firenze, Forza Italia: gilet azzurri in piazza per festeggiare 25/mo nascita del partito

Firenze, Forza Italia: gilet azzurri in piazza per festeggiare 25/mo nascita del partito

Forza Italia in piazza anche in Toscana con i gilet azzurri per celebrare il 25/mo anniversario della nascita del partito. A Firenze i gazebo azzurri saranno sabato mattina davanti ai supermercati di viale De Amicis e di via Masaccio, e domenica in piazza Strozzi, a Orsammichele e a Porta Romana, tutti in orario 9.30-12.30.

“Gazebo come i nostri saranno presenti in tutte le città italiane”, ha spiegato stamani Maurizio Marchetti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale in una conferenza stampa illustrando le iniziative nel capoluogo con gli esponenti fiorentini del partito, insieme al capogruppo in Palazzo Vecchio, Jacopo Cellai.
“Un’iniziativa – ha aggiunto Marchetti – che ha il duplice significato di celebrare il compleanno del partito e di rilanciare la posizione di Fi, che è all’opposizione rispetto al Governo”. Case, pensioni, infrastrutture i temi che dividono l’esecutivo dalle posizioni di Forza Italia, secondo Marchetti.
“Siamo delusi in particolare – ha aggiunto Cellai – sul tema del lavoro, un elemento centrale di 25 anni di storia del partito. Il Governo ci ha deluso, in particolare sul reddito di cittadinanza, la misura più lontana dalla nostra visione”.

L'articolo Firenze, Forza Italia: gilet azzurri in piazza per festeggiare 25/mo nascita del partito proviene da www.controradio.it.