Natale agli Uffizi: in arrivo mostra virtuale e due video speciali

Natale agli Uffizi: in arrivo mostra virtuale e due video speciali

Dopo il presepe pop dell’artista Marco Lodola arrivano anche le sale virtuali per bambini e famiglie con i capolavori dell’arte dedicati alla Natività.  Quest’anno, si inaugura l’ipervisione (mostra virtuale) dedicata al celebre Trittico Portinari del pittore fiammingo Hugo Van der Goes (sarà online sul sito del museo a partire dal 23 dicembre) e due video speciali su Facebook: il primo, incentrato sull’Adorazione del Bambino di Gherardo delle Notti, sarà visibile a partire dal 24 dicembre; il secondo, la videofiaba ‘Speciale Natale’ dedicata ai bambini, verrà pubblicato il 25 dicembre.

La mostra virtuale analizza lo spettacolare Trittico Portinari di Hugo van der Goes, il capolavoro del Rinascimento che è uno dei vanti delle Gallerie degli Uffizi. Sul sito web si offre ai visitatori l’opportunità di uno sguardo ravvicinatissimo su tutti i particolari che lo compongono e sulla raffinata tecnica pittorica con la quale fu realizzato. Costituito da una tavola centrale con l’Adorazione dei pastori e due sportelli laterali raffiguranti i committenti accompagnati dai loro santi protettori, il gigantesco trittico fu dipinto nelle Fiandre tra 1473 e 1478 da Hugo van der Goes su commissione di Tommaso di Folco Portinari (1428-1501), banchiere fiorentino agente del Banco Mediceo a Bruges e influente consigliere presso la corte borgognona. Il trittico venne poi spedito a Firenze dove giunse, dopo un avventuroso tragitto via mare e via fiume, il 28 maggio 1483 per essere esposto nella chiesa di Sant’Egidio annessa allo Spedale di Santa Maria Nuova. E fu un evento per l’arte fiorentina: l’opera d’arte fiamminga più imponente esposta in città, suscitò subito enorme curiosità ed ammirazione. Artisti come Filippino Lippi, Domenico Ghirlandaio, Luca Signorelli e Leonardo da Vinci restarono fortemente impressionati dagli effetti brillanti della tecnica ad olio e dal realismo rivoluzionario della raffigurazione.

Coordinato e curato da Cristina Gnoni Mavarelli, storica dell’arte e curatrice delle Gallerie degli Uffizi, il percorso virtuale è strutturato in sezioni che illustrano con ampiezza di dettagli la storia, i protagonisti dell’opera e la sua complessa iconografia. Ma non solo: la moda e i costumi straordinari dei personaggi sono spiegati dalla conservatrice del Museo del Tessuto di Prato Daniela Degli Innocenti, e i sontuosi gioielli indossati dai membri della famiglia Portinari e dagli angeli, vengono interpretati dalla storica dell’arte Silvia Malaguzzi.

Il video della Vigilia ha come protagonista il capolavoro raffigurante l’Adorazione del Bambino, realizzato  tra il 1619 e il 1620 dal pittore olandese Gerard van Honthorst, noto in Italia come ‘Gherardo delle Notti’ per la sua peculiare efficacia nel ritrarre scene notturne. Nell’opera, Maria, Giuseppe e due angioletti osservano amorevolmente il neonato Gesù avvolto in fasce, che, sprigionando luce dal suo corpo, illumina e riscalda i loro volti. Ad illustrare il dipinto sarà la storica dell’arte Monica Alderotti.

Lo ‘SPECIALE NATALE’: Il video, che sarà online il 25 dicembre, segue e racconta da vicino l’avventura di un gruppo di bambini che, accompagnati da una “Guida Babbo Natale”, vanno alla scoperta dei capolavori degli Uffizi curiosando tra le sale del museo chiuso.

E a proposito di iniziative per bambini, sono già centinaia i bambini che con le loro famiglie hanno partecipato e prenotato le sale virtuali con opere della Galleria a tema natalizio della serie ‘Uffizi sotto l’albero’: le iscrizioni sono arrivate dalla Toscana e da tante altre regioni italiane, ma non solo, anche dall’estero, in particolare da paesi come Francia, Svizzera, Inghilterra.

“Per Natale quest’anno – commenta il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – gli Uffizi offrono tre doni virtuali, ma molto concreti: un’opportunità per trascorrere il tempo delle feste tra i nostri capolavori. Se le misure di sicurezza ci impongono il distacco dai nostri cari, possiamo comunque trovarci insieme nel nome dell’arte, messa a disposizione di tutti, con un’attenzione speciale ai bambini”.

L'articolo Natale agli Uffizi: in arrivo mostra virtuale e due video speciali proviene da www.controradio.it.

Natale agli Uffizi: in arrivo mostra virtuale e due video speciali

Natale agli Uffizi: in arrivo mostra virtuale e due video speciali

Dopo il presepe pop dell’artista Marco Lodola arrivano anche le sale virtuali per bambini e famiglie con i capolavori dell’arte dedicati alla Natività.  Quest’anno, si inaugura l’ipervisione (mostra virtuale) dedicata al celebre Trittico Portinari del pittore fiammingo Hugo Van der Goes (sarà online sul sito del museo a partire dal 23 dicembre) e due video speciali su Facebook: il primo, incentrato sull’Adorazione del Bambino di Gherardo delle Notti, sarà visibile a partire dal 24 dicembre; il secondo, la videofiaba ‘Speciale Natale’ dedicata ai bambini, verrà pubblicato il 25 dicembre.

La mostra virtuale analizza lo spettacolare Trittico Portinari di Hugo van der Goes, il capolavoro del Rinascimento che è uno dei vanti delle Gallerie degli Uffizi. Sul sito web si offre ai visitatori l’opportunità di uno sguardo ravvicinatissimo su tutti i particolari che lo compongono e sulla raffinata tecnica pittorica con la quale fu realizzato. Costituito da una tavola centrale con l’Adorazione dei pastori e due sportelli laterali raffiguranti i committenti accompagnati dai loro santi protettori, il gigantesco trittico fu dipinto nelle Fiandre tra 1473 e 1478 da Hugo van der Goes su commissione di Tommaso di Folco Portinari (1428-1501), banchiere fiorentino agente del Banco Mediceo a Bruges e influente consigliere presso la corte borgognona. Il trittico venne poi spedito a Firenze dove giunse, dopo un avventuroso tragitto via mare e via fiume, il 28 maggio 1483 per essere esposto nella chiesa di Sant’Egidio annessa allo Spedale di Santa Maria Nuova. E fu un evento per l’arte fiorentina: l’opera d’arte fiamminga più imponente esposta in città, suscitò subito enorme curiosità ed ammirazione. Artisti come Filippino Lippi, Domenico Ghirlandaio, Luca Signorelli e Leonardo da Vinci restarono fortemente impressionati dagli effetti brillanti della tecnica ad olio e dal realismo rivoluzionario della raffigurazione.

Coordinato e curato da Cristina Gnoni Mavarelli, storica dell’arte e curatrice delle Gallerie degli Uffizi, il percorso virtuale è strutturato in sezioni che illustrano con ampiezza di dettagli la storia, i protagonisti dell’opera e la sua complessa iconografia. Ma non solo: la moda e i costumi straordinari dei personaggi sono spiegati dalla conservatrice del Museo del Tessuto di Prato Daniela Degli Innocenti, e i sontuosi gioielli indossati dai membri della famiglia Portinari e dagli angeli, vengono interpretati dalla storica dell’arte Silvia Malaguzzi.

Il video della Vigilia ha come protagonista il capolavoro raffigurante l’Adorazione del Bambino, realizzato  tra il 1619 e il 1620 dal pittore olandese Gerard van Honthorst, noto in Italia come ‘Gherardo delle Notti’ per la sua peculiare efficacia nel ritrarre scene notturne. Nell’opera, Maria, Giuseppe e due angioletti osservano amorevolmente il neonato Gesù avvolto in fasce, che, sprigionando luce dal suo corpo, illumina e riscalda i loro volti. Ad illustrare il dipinto sarà la storica dell’arte Monica Alderotti.

Lo ‘SPECIALE NATALE’: Il video, che sarà online il 25 dicembre, segue e racconta da vicino l’avventura di un gruppo di bambini che, accompagnati da una “Guida Babbo Natale”, vanno alla scoperta dei capolavori degli Uffizi curiosando tra le sale del museo chiuso.

E a proposito di iniziative per bambini, sono già centinaia i bambini che con le loro famiglie hanno partecipato e prenotato le sale virtuali con opere della Galleria a tema natalizio della serie ‘Uffizi sotto l’albero’: le iscrizioni sono arrivate dalla Toscana e da tante altre regioni italiane, ma non solo, anche dall’estero, in particolare da paesi come Francia, Svizzera, Inghilterra.

“Per Natale quest’anno – commenta il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – gli Uffizi offrono tre doni virtuali, ma molto concreti: un’opportunità per trascorrere il tempo delle feste tra i nostri capolavori. Se le misure di sicurezza ci impongono il distacco dai nostri cari, possiamo comunque trovarci insieme nel nome dell’arte, messa a disposizione di tutti, con un’attenzione speciale ai bambini”.

L'articolo Natale agli Uffizi: in arrivo mostra virtuale e due video speciali proviene da www.controradio.it.

Musei: ‘Uffizi sotto l’albero’ per spiegare il Natale a bambini e bambine

Musei: ‘Uffizi sotto l’albero’ per spiegare il Natale a bambini e bambine

Sale virtuali per scoprire il racconto in diretta della nascita di Gesù Bambino, spiegata davanti a due capolavori delle Gallerie degli Uffizi: è quanto propone l’iniziativa ‘Uffizi sotto l’albero’.

Per accedere alla visita virtuale, spiega una nota, occorre prenotare a partire da lunedì 14 dicembre, scrivendo una mail alle Gallerie degli Uffizi. Il costo per attivare una sala (in cui potranno accedere un massimo di dieci bambini) è di 40 euro. Sarà possibile chiamare anche amici e parenti lontani, o anche utilizzare questo spazio per riunire famiglie che vivono in regioni diverse o all’estero: tutti potranno ascoltare e interagire con il narratore.

L’incontro, della durata di 30/40 minuti, inizierà con la scelta di due dipinti che si vogliono usare per il racconto, selezionandoli da una lista pensata per il Natale. Le conversazioni potranno essere anche in Lis, la lingua italiana dei segni e ,a richiesta, in altre lingue europee.

“Il nostro ‘Natale sotto l’albero’ permetterà ai bambini e alle bambine di imparare a leggere l’arte come se fosse una fiaba meravigliosa, illustrata da dipinti veri: i capolavori del museo – spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt -. Sarà un’occasione per legare l’apprendimento al divertimento. E sarà un’opportunità unica per avvicinare anche coloro che sono fisicamente distanti, per chiamare a raccolta amici e parenti lontani, unendo affetto e conoscenza in occasione della festività più amata dell’anno”.

L'articolo Musei: ‘Uffizi sotto l’albero’ per spiegare il Natale a bambini e bambine proviene da www.controradio.it.

Musei per l’Alzheimer: le opere d’arte per stimolare emozioni nei soggetti fragili

Musei per l’Alzheimer: le opere d’arte per stimolare emozioni nei soggetti fragili

Martedì 1 dicembre alle ore 15,30 nuovo appuntamento online con il progetto “Musei per l’Alzheimer, lontani ma vicini”, per portare i benefici dell’interazione con le opere d’arte alle persone che soffrono di Alzheimer.

Partito ad aprile 2020 il progetto sperimentale del MuDEV (Sistema museale dell’Empolese Valdelsa) si è svolto con modalità on line per continuare ad offrire occasioni di stare insieme, opportunità di relazione, incontri e comunicazione grazie alle opere d’arte.

L’attività dell’incontro di martedì 1 dicembre si ispira alla video-installazione dell’artista Roberta Montaruli, una delle opere all’interno della mostra Stoner. Landing Pages che si trova allestita presso il Palazzo Pretorio di Certaldo.

Le persone saranno guidate in un’attività che propone il coinvolgimento del corpo: le linee, i segni che l’artista utilizza nel video sono l’ispirazione per sperimentare nuove narrazioni corporee, nuove possibilità espressive attraverso il gesto e attraverso l’utilizzo della musica.

Per informazioni e adesioni si può scrivere all’e-mail.

L'articolo Musei per l’Alzheimer: le opere d’arte per stimolare emozioni nei soggetti fragili proviene da www.controradio.it.

Rubriche social, talk e “Mezz’ora d’arte”: tutte le iniziative del Museo Novecento durante la chiusura

Rubriche social, talk e “Mezz’ora d’arte”: tutte le iniziative del Museo Novecento durante la chiusura

Il Museo Novecento raggiunge visitatori e visitatrici, durante il periodo di chiusura, attraverso le rubriche sui canali social della serie “Novecento Off: Il Museo fuori dal Museo”.

“Nel momento difficile che anche il mondo della cultura sta attraversando – ha spiegato Sergio Risaliti, direttore artistico -, il Museo Novecento intende sottolineare il suo ruolo attivo, di produttore e non solo contenitore di cultura, impegnato sui grandi temi dell’attualità, sulle lotte civili e politiche, continuando nella sua pratica quotidiana di valorizzazione della collezione e di aggiornamento sulle nuove realtà artistiche nazionali e internazionali. Vogliamo sfruttare al massimo e bene le potenzialità dei social media, in una declinazione di didattica diffusa e sensibilizzazione. Perché l’arte è tra i beni essenziali e non accessoria.”

Il lunedì, su Facebook, Instagram e Twitter, va online #MuseumStaffStories, una rubrica attraverso cui lo staff del museo racconta il proprio rapporto con le opere della collezione permanente. A seguire, #MindTheGap offrirà al pubblico la ricostruzione di una collezione permanente.

Il mercoledì è invece il giorno dedicato all’approfondimento settimanale sulla vita e la carriera artistica di Henry Moore. “Il disegno dello scultore”, questo il titolo della retrospettiva a cura di Sebastiano Barassi e Sergio Risaliti.

Ogni venerdì vengono invece raccontate le mostre in corso attraverso approfondimenti sulle singole opere e sul processo creativo degli artisti presi in esame: è questo il caso della rubrica #Atlas, che cita l’atlante delle immagini di Aby Warburg.

Infine, il pubblico potrà ispirarsi attraverso la rubrica #ArtQuotes, che presenta frasi e citazioni d’artista.

Il 25 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il Museo Novecento ospiterà un talk con l’artista collettiva Claire Fontaine (che sarà protagonista al Museo anche nelle giornate dell’8 dicembre e del 27 gennaio) e la curatrice Paola Ugolini, alle ore 18.00 via Zoom.

Completa l’offerta, nell’ambito di Mezz’ora d’arte, il ciclo di visite virtuali su Zoom della durata di 30 minuti dedicate al Museo Novecento con cinque appuntamenti a cura di Elisabetta Stumpo e Valentina Zucchi, in programma a martedì alterni, alle 18.00 a partire dal 1 dicembre. di

L'articolo Rubriche social, talk e “Mezz’ora d’arte”: tutte le iniziative del Museo Novecento durante la chiusura proviene da www.controradio.it.