La Classifica Musicale di Controradio del 15 maggio

La Classifica Musicale di Controradio del 15 maggio

Torna sabato 15 maggio alle 20:00 la Classifica Musicale di Controradio. Il nostro ‘best of’ settimanale in onda anche in replica la domenica alle 11.30 e il lunedì sera alle 21.30. Conduce Giustina Terenzi

Scopri le novità discografiche della settimana con la Classifica di Controradio.

  1. Living With You / Teenage Fanclub (Album della settimana. A distanza di quattro anni dall’ultimo album in studio intitolato Here, tornano in pista gli scozzesi Teenage Fanclub. Endless Arcade è il dodicesimo album, il primo senza il bassista e cantante co-fondatore Gerard Love)

  2. Qualcosa di normale / Motta

  3. The Darkness That You Fear  / The Chemical Brothers

  4. Not for me / Rachele Bastreghi

  5. Crime To Be Poor / The Reverend Peyton’s Big Damn Band

  6. Mick Jones Nicked My Pudding / Dropkick Murphys

  7. Out of Love / Steve Cropper

  8. The Melting of the Sun / St. Vincent

  9. The Killing Of Georgie (PART III) / The Mighty Mighty Bosstones

  10. The end of the game / Weezer

  11. Boilermaker / Royal Blood

  12. Crawling Kingsnake  / The Black Keys

  13. Ci abbracciamo / Vasco Brondi

  14. Hard Times / The Cold Stares

  15. 15 This Is Not Utopia / The Offspring

QUI puoi riascoltare tutti le puntate a cura della redazione musicale, con la conduzione di Giustina Terenzi.

L'articolo La Classifica Musicale di Controradio del 15 maggio proviene da www.controradio.it.

Il ritorno dei Bachi Da Pietra

Il ritorno dei Bachi Da Pietra

“Reset” è il settimo album per i Bachi da Pietra. Un disco di rock scurissimo che mette in mostra anche un cinico senso dell’umorismo come dimostrato dall’ultimo singolo ‘Meriterete. L’intervista a cura du Davide Agazzi

Reset, è il settimo disco dei  Bachi da Pietra, creatura musicale figlia di Giovanni Succi e Bruno Dorella che esce per la prima volta per Garrincha Dischi).

Il lavoro, fatto di un rock scurissimo, mette in mostra anche un cinico senso dell’umorismo come ben dimostrato nell’ultimo singolo ‘Meriterete’, che segue di qualche settimana il primo estratto ‘Comincia adesso’. Nuovo album e nuova label, dunque, ma stessa battaglia, seppure con rinnovata potenza di fuoco perché in trincea scende un nuovo sodale: Marcello Batelli (Non Voglio Che Clara, Il Teatro Degli Orrori) che si affianca a Succi e Dorella portando la band in una nuova dimensione sonica attraverso basso e synth, e curando personalmente il suono generale in cabina di regia.

I BACHI DA PIETRA sono insetti e spaccano la pietra, o li odi o li ami: quando pensi di trovarli in cantina sono sulle scale, quando li vedi in soggiorno sono già in cucina. L’unica certezza è che ci sono e che loro sanno quello che fanno. Un vero bacato sa di non poter stare mai tranquillo, perché i BACHI DA PIETRA sono la sfida.
Comincia adesso.

I Bachi da Pietra sono:
BATELLI: corde grosse e spippoli
DORELLA: massi, mazze e scudi
SUCCI: pece, scuri e corni

 

L'articolo Il ritorno dei Bachi Da Pietra proviene da www.controradio.it.

Il ritorno dei Bachi Da Pietra

Il ritorno dei Bachi Da Pietra

“Reset” è il settimo album per i Bachi da Pietra. Un disco di rock scurissimo che mette in mostra anche un cinico senso dell’umorismo come dimostrato dall’ultimo singolo ‘Meriterete. L’intervista a cura du Davide Agazzi

Reset, è il settimo disco dei  Bachi da Pietra, creatura musicale figlia di Giovanni Succi e Bruno Dorella che esce per la prima volta per Garrincha Dischi).

Il lavoro, fatto di un rock scurissimo, mette in mostra anche un cinico senso dell’umorismo come ben dimostrato nell’ultimo singolo ‘Meriterete’, che segue di qualche settimana il primo estratto ‘Comincia adesso’. Nuovo album e nuova label, dunque, ma stessa battaglia, seppure con rinnovata potenza di fuoco perché in trincea scende un nuovo sodale: Marcello Batelli (Non Voglio Che Clara, Il Teatro Degli Orrori) che si affianca a Succi e Dorella portando la band in una nuova dimensione sonica attraverso basso e synth, e curando personalmente il suono generale in cabina di regia.

I BACHI DA PIETRA sono insetti e spaccano la pietra, o li odi o li ami: quando pensi di trovarli in cantina sono sulle scale, quando li vedi in soggiorno sono già in cucina. L’unica certezza è che ci sono e che loro sanno quello che fanno. Un vero bacato sa di non poter stare mai tranquillo, perché i BACHI DA PIETRA sono la sfida.
Comincia adesso.

I Bachi da Pietra sono:
BATELLI: corde grosse e spippoli
DORELLA: massi, mazze e scudi
SUCCI: pece, scuri e corni

 

L'articolo Il ritorno dei Bachi Da Pietra proviene da www.controradio.it.

Africa Unite: 40 anni di carriera! Ascolta l’intervista

Africa Unite: 40 anni di carriera! Ascolta l’intervista

Quest’anno gli Africa Unite  celebrano 40 anni di carriera. Per l’occasione propongono un concerto in streaming nel giorno del 40° anniversario della morte di Marley. A ciò si aggiunge la pubblicazione in digitale del loro catalogo storico in attesa del nuovo disco di inediti. L’intervista a cura di Davide Agazzi

Era il 1981 quando, immediatamente dopo la prematura scomparsa di Bob Marley, Bunna e Madaski formarono gli Africa Unite, cominciando il percorso che oggi li ha portati a diventare il gruppo più longevo e rappresentativo del reggae in Italia.

Quarant’anni dopo gli Africa Unite celebrano, nel giorno dell’anniversario della morte di Marley, i loro quarant’anni con un concerto live in streaming su Bandcamp per festeggiare insieme alle persone che in questi anni hanno condiviso con loro la passione per la musica e per il reggae. Il monitor di un computer non è una dancehall ma gli Africa Unite cercheranno di essere vicini al loro pubblico come dal palco. Un live virtuale ma diretto. L’unico modo possibile, oggi, per rivivere, in una serata, questi ultimi quarant’anni di storia della musica degli Africa Unite.
Durante il live streaming gli A.U. presenteranno alcuni dei brani storici del loro repertorio e le nuove versioni dell’album People Pie (1991) che hanno completamente ri-registrato e re-interpretato in questi mesi di isolamento e che, a partire da maggio, saranno ripubblicate da Believe sulle piattaforme di streaming e digital store insieme a Mjekrari (1987) e ‘Llaka! (1987), i primi due album della band. Seguirà la pubblicazione digitale del repertorio mai distribuito digitalmente.
Numeri è invece il titolo del nuovo disco, previsto per l’estate ed anticipato dal singolo 41 Bullets, che ripercorre un sanguinoso episodio di cronaca americana: l’omicidio di un ragazzo africano, Amadou Diallo, da parte di quattro poliziotti, poi, assolti.

L'articolo Africa Unite: 40 anni di carriera! Ascolta l’intervista proviene da www.controradio.it.

Musart Festival 2021

Musart Festival 2021

Dopo un anno di stop per l’emergenza Covid, musica e danza tornano nella rinascimentale piazza della Santissima Annunziata di Firenze per l’edizione 2021 di Musart Festival. Tra gli ospiti Bolle, Fiorella Mannoia, Capossela, Fabi, Bennato e molti altri…

La manifestazione che abbina grandi nomi dello spettacolo al fascino secolare di Firenze.
Roberto Bolle, Edoardo Bennato, Stefano Bollani, Luka Šulić, Fiorella Mannoia, Niccolò Fabi, Vinicio Capossela ed Enrico Pieranunzi sono solo alcuni degli artisti in scena dal 15 al 27 luglio in uno degli luoghi più iconici di Firenze, a pochi passi dal Duomo.

Allo scenario incantevole di piazza Santissima Annunziata si aggiungono due spazi adiacenti ricchi di storia e altri concerti da non perdere: Ginevra Di Marco, Marco Parente, Serena Altavilla, Giulia Pratelli, Paolo Benvegnù suoneranno nel Cortile degli Uomini dell’Istituto degli Innocenti. Al tramonto, nel Chiostro di Levante dell’Università di Firenze, spazio a Federico Mecozzi, Pietro Cantarelli, Angelo Trabace, Vincenzo Vasi, artisti di formazione classica ma votati al contemporaneo.

E ancora, mostre e visite a luoghi d’arte (ingresso libero).

Per gran parte degli spettacoli, i biglietti sono già in vendita online sul sito ufficiale www.musartfestival.it (info tel. 055/667566) e nei punti Boxoffice Toscana www.boxofficetoscana.it/punti-vendita (info tel. 055.210804). Ricordiamo che restano validi i biglietti per gli spettacoli di Roberto Bolle, Stefano Bollani, Fiorella Mannoia, Edoardo Bennato e Orchestra della Toscana previsti per l’edizione 2020 del festival e rinviati a seguito delle disposizioni anti Covid: attenzione, gli extra previsti dalla formula Gold Package non possono essere erogati, a chi ha acquistato questo tipo di biglietti verrà rimborsata la quota inerente ai servizi aggiuntivi, i tagliandi rimangono validi per assistere allo spettacolo.
Al Musart 2021 si recupera pure il concerto di Niccolò Fabi, in programma all’Estate Fiesolana 2020: anche in questo caso restano validi i biglietti acquistati per quella data.

Il sipario di piazza della Santissima Annunziata si apre sabato 17 luglio con il gala di danza “Roberto Bolle and Friends”: l’Étoile dei due mondi torna al Musart Festival con i suoi ospiti eccellenti.

PROGRAMMA:

Piazza SS. Annunziata h 21.15
17 luglio – ROBERTO BOLLE AND FRIENDS
19 luglio – EDOARDO BENNATO e ORCHESTRA DELLA TOSCANA
21 luglio – STEFANO BOLLANI Piano Variations on Jesus Christ Superstar
22 luglio – LUKA SULIC
23 luglio – FIORELLA MANNOIA
24 luglio – NICCOLÒ FABI
26 luglio – VINICIO CAPOSSELA La bestiale comedia


Cortile degli Uomini – Istituto Degli Innocenti h. 21.15
15 luglio – GINEVRA DI MARCO
16 luglio – MARCO PARENTE
18 luglio – SERENA ALTAVILLA e GIULIA PRATELLI
20 luglio – PAOLO BENVEGNÙ
27 luglio – ENRICO PIERANUNZI (concerto all’alba ore 04.45)

Chiostro di Levante – Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Firenze h 18.45
21 luglio – FEDERICO MECOZZI
23 luglio – PIETRO CANTARELLI
24 luglio – ANGELO TRABACE
25 luglio – VINCENZO VASI

L'articolo Musart Festival 2021 proviene da www.controradio.it.