Max Cooper apre la XIII edizione di Nextech Festival al Teatro Puccini

Max Cooper apre la XIII edizione di Nextech Festival al Teatro Puccini

Max Cooper apre la XIII edizione di Nextech Festival al Teatro Puccini di Firenze. Giovedì 19 settembre. Dai palchi del Sonar e del Glastonbury il musicista nord irlandese in teatro con una performance dalle trame scintillanti e granulari, un mix di musica, scienza, e visual art

È Max Cooper l’ospite di punta della serata inaugurale della XIII edizione di Nextech Festival, prevista per giovedì 19 settembre al Teatro Puccini (Ore 21-15). Il musicista nord irlandese è certamente uno dei personaggi più interessanti in circolazione, abile a fuggire le definizioni di genere e le etichette con cui spesso, erroneamente, viene identificata la musica.
Cooper mischia il suo talento e la sua ispirazione musicale con gli studi scientifici, la matematica e la biologia (ha ottenuto un dottorato di ricerca nel 2008 come biologo computazionale e ha lavorato come scienziato genetista prima di dedicarsi totalmente alla musica).
Come musicista studia quei meccanismi delle emozioni e dei sentimenti che rendono unico l’essere umano e con l’album One hundred billion sparks (2018) vuole rappresentare musicalmente e visivamente i cento miliardi di neuroni che nelle nostre teste creano la nostra esperienza. Neuroni le cui connessioni plasmano sentimenti e idee, scintille che ci rendono unici e connessi l’uno all’altro.
Dalle collaborazioni internazionali con matematici e con visual e video artist sono nati progetti audiovisivi ambiziosi, tra cui  il progetto Aether – recentemente all’Uberhaus di Beirut – in cui insieme agli architetti Satyajit Das e Regan Appleton gioca sulla connessione tra strutture spaziali e onde sonore immergendo il pubblico nei brani musicali mentre esplorano superfici, simmetrie e paesaggi surreali. Dalla passione per l’intersezione tra musica, scienza, arte e il lavoro di ricerca con artisti che esplorano in modo creativo tutti gli aspetti della loro disciplina, nel 2016 è nata l’etichetta MESH.

In apertura il live del senese Giulio Aldinucci, classe 1981 è attivo da anni come compositore negli ambiti della sperimentazione musicale elettroacustica e della ricerca sul paesaggio sonoro. Il suo nuovo album Disappearing in a Mirror è uscito per Karlrecords lo scorso settembre.

Giovedì 19 settembre 2019
Teatro Puccini, ore 21:15

Max Cooper A/V Live
Giulio Aldinucci Live

Posto unico ridotto in prevendita: 13€ +dp
http://bit.ly/Nextech2019_DAY1
e nei circuiti BoxOffice e TicketOne
Biglietto in cassa la sera dell’evento: 20€

L'articolo Max Cooper apre la XIII edizione di Nextech Festival al Teatro Puccini proviene da www.controradio.it.

My Fever. Suoni e voci della club culture, al Centro Pecci

My Fever. Suoni e voci della club culture, al Centro Pecci

My Fever. Suoni e voci della club culture. Primo incontro, 19 settembre, con Simona Faraone e Mauro “Boris” Borella, conduce Andrea Mi. Centro Pecci di Prato

My Fever. Suoni e voci della club culture è una rassegna di quattro incontri “in mostra” per scoprire dalla voce dei protagonisti la storia della Club Culture, coniugando racconti privati a momenti salienti di questo affascinante viaggio.

Nel primo incontro di giovedì 19 settembre alle ore 18.00Simona Faraone, una delle prime donne dj d’Europa e  Mauro “Boris” Borella, tra i fondatori e animatori dello storico club Link di Bologna, incalzati da Andrea Mi, accompagneranno il pubblico nelle sale della mostra Night Fever. Designing Club Culture 1960 –  Today. Dopo la visita, alle 20.00, seguirà un Dj Set di Simona Faraone.

Giovedì 19 settembre 

Ore 18.00 – 19.30 visita alla mostra Night Fever. Designing Club Culture 1960 – Today

Ore 20.00 Dj set di Simona Faraone

Ingresso

Visita e Dj set inclusi nel biglietto d’ingresso alla mostra (intero 10 euro, ridotto 7)

 

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ANDREA MI

 

INFO

L'articolo My Fever. Suoni e voci della club culture, al Centro Pecci proviene da www.controradio.it.

Rock Contest IL FILM. Lunedì 16 settembre al Flower, al Piazzale!

Rock Contest IL FILM. Lunedì 16 settembre al Flower, al Piazzale!

Trent’anni di Rock Contest in un film. Nel documentario di Giangiacomo De Stefano, le testimonianze dei protagonisti del concorso e, per la prima volta, le immagini della finale 2018 con il tributo agli Offlaga Disco Pax. Lunedì 16 settembre ore 21.15 Flower Piazzale Michelangelo, ingresso libero. La proiezione sarà preceduta dalla presentazione a cura di Giustina Terenzi di Controradio con Giuseppe Barone (direttore artistico della manifestazione) e Stefano “Trevis” Luporini (storico presentatore del concorso).

 

Trent’anni di Rock Contest, il più importante e longevo concorso per gruppi emergenti in Italia, in un film. Il documentario, con la regia di Giangiacomo De Stefano, già autore di numerosi filmati a tema musicale per Sky e Rai 5, è stato presentato in prima assoluta il 25 gennaio al Cinema La Compagnia di Firenze.

Prodotto da Controradio e Controradio Club con Sonne Film, in collaborazione con Regione Toscana – FSE / Giovanisì, Comune di Firenze e SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, il film ripercorre, in poco più di quaranta minuti, tre decenni di musica italiana che si intrecciano con la storia di Firenze, attraverso le testimonianze di big come Manuel Agnelli, Dario Brunori, Piero Pelù, Lodo Guenzi e i Subsonica. Dalla nascita della radio nel 1977 “con un budget di centomila lire”, come raccontano gli organizzatori, alla prima edizione del concorso nel 1984, gli anni del Banana Moon, del Tenax, della new wave e di una scena musicale fiorentina che vantava band che sarebbero diventate iconiche, come i Litfiba o i Diaframma.

Un racconto cinematografico trans-generazionale che, toccando le innumerevoli derivazioni del rock, culmina nella memorabile finale del 2018, con il concerto di una superband d’eccezione: lo scorso primo dicembre, infatti, Max Collini e Daniele Carretti, insieme a Dario Brunori, Tre Allegri Ragazzi Morti, Colapesce, Bologna Violenta, Alessandro Baronciani e Thomas Koppen di Tante Anna, hanno fatto rivivere, sul palco di un Auditorium Flog tutto esaurito, la storia di una band di culto, gli Offlaga Disco Pax, vincitori del contest fiorentino nel 2004, la cui carriera si è prematuramente interrotta per la morte di Enrico Fontanelli, al quale è stata dedicata l’intera edizione del concorso. Gli Offlaga rappresentano il paradigma perfetto del Rock Contest: da band sconosciuta, hanno conquistato pubblico e critica, aggiudicandosi il primo premio, un contratto e la realizzazione di “Socialismo tascabile”, esordio discografico di una formazione che ha scritto un pezzo di storia della musica italiana.

Numerose le testimonianze dei protagonisti della musica italiana, che intervengono nel corso del documentario: da Irene Grandi, che confessa che “quello al Rock Contest è stato il primo concerto in un palazzetto” a Manuel Agnelli che ritiene il concorso “una delle cose di qualità che sono rimaste in questi anni”; da Piero Pelù, che afferma che “per l’Italia il Rock Contest è un punto di riferimento, una sorta di brodo primordiale” a Lodo Guenzi che la ritiene un’esperienza “bellissima, un pezzo di vita”. E ancora, Samuel e Boosta dei Subsonica, che rivelano di aver partecipato al Rock Contest appena quattordicenni con un embrionale progetto hip hop.

Il documentario Rock Contest è una produzione dell’emittente radiofonica Controradio e dell’associazione Culturale Controradio Club con la collaborazione di Regione Toscana – FSE / Giovanisì, Comune di Firenze e con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

INFO

L'articolo Rock Contest IL FILM. Lunedì 16 settembre al Flower, al Piazzale! proviene da www.controradio.it.

Green Day primi headliner per Firenze Rocks 2020

Green Day primi headliner per Firenze Rocks 2020

Firenze Rocks si prepara a tornare nel 2020! Giunto alla quarta edizione, il festival fiorentino lancia i primi nomi che vedremo sul palco della Visarno Arena: si tratta di Green Day e Weezer che si esibiranno giovedì 11 giugno 2020

I Green Day sono una delle band più iconiche della loro generazione. Formato nel 1986 a Berkeley (CA), il gruppo ha venduto oltre 70 milioni di copie e accumulato oltre 10 miliardi di streams. Il disco che li ha rivelati al mondo, Dookie, uscito nel 1994, ha venduto 10 milioni di copie e raggiunto la certificazione Diamante, riaccendendo l’interesse popolare e i riflettori sul genere punk rock e proiettando la band verso una carriera costellata di successi e hit planetarie.  Nel 2004 i Green Day hanno pubblicato la rock opera American Idiot che ha catturato l’attenzione di un’intera nazione, vendendo oltre 7 milioni di copie negli Stati Uniti e portando a casa il Grammy Award come miglior Album Rock. Nel 2010 è stata realizzata una versione teatrale di American Idiot  che ha debuttato a Broadway e ha ricevuto grandi consensi di critica e pubblico.
Il nuovo tour partirà il 13 giugno da Parigi e toccherà moltissime città in Europa, facendo tappa anche a Milano (Ippodromo SNAI San Siro) il 10 giugno, prima di approdare a Firenze Rocks.
Ad oggi i Green Day hanno vinto 5 Grammy Awards e sono stati inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame.

I Weezer, band multi-platino vincitrice di un Grammy Award, hanno recentemente pubblicato il nuovo singolo dal titolo “The End of the Game”, che anticipa il quattordicesimo album in studio “Van Weezer”. L’ispirazione per il nuovo album arriva dalle radici musicali metal della band. Rivers è un grande fan dei KISS, Brian adora i Black Sabbath, Pat ama Van Halen e i Rush e Scott è da sempre fan degli Slayer e dei Metallica.

I biglietti per la data saranno disponibili per l’acquisto in anteprima esclusiva per i titolari di carte Intesa Sanpaolo a partire dalle ore 10.00 di lunedì 23 settembre 2019 sul sito www.ticketone.it/intesasanpaolo per 48 ore. La messa in vendita generale avverrà a partire dalle ore 11.00 di mercoledì 25 su www.ticketmaster.it, www.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

L'articolo Green Day primi headliner per Firenze Rocks 2020 proviene da www.controradio.it.

Rock Contest 2019, c’è tempo solo fino al 4 ottobre

Rock Contest 2019, c’è tempo solo fino al 4 ottobre

Ancora più premi, le nuove partnership con Woodworm, Locusta e Rockit, la nuova immagine di Alessandro Baronciani, il video live in studio, e ancora molto altro. Scopri le novità del Rock Contest 2019! Ma attenzione, c’è tempo solo fino al 4 ottobre.

Meno di un mese per iscriversi all’edizione 2019 del Rock Contest, il più longevo concorso nazionale per musicisti emergenti che con la scorsa edizione ha superato il giro di boa dei 30 anni. Storico trampolino di lancio per formazioni che si sono affermate nell’universo rock italiano, il contest fornisce una panoramica sempre attuale delle nuove tendenze musicali in Italia. La manifestazione è rivolta ai giovani musicisti italiani under 35 ed è organizzata da Controradio e Controradio Club in collaborazione con Comune di Firenze e SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, e Regione Toscana. E ancora, il contributo di Audioglobe, la partnership di Woodworm LabelLocusta Booking e Rockit. Le iscrizioni sono aperte fino al 4 ottobre 2019 sul sito www.rockcontest.it.

Numerose le opportunità per i partecipanti grazie ai molti premi in palio. Il Rock Contest promuoverà i vincitori delle selezioni live con un supporto produttivo alla loro attività con premi in denaro (primo premio 2.000 euro) da investire nell’attività musicale ed in giorni di studio di registrazione (secondo premio: 5 giorni presso il SAM Recordings). SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori sosterrà i nuovi autori con un premio di 2.000 euro alla miglior composizione musicale presentata da artisti iscritti SIAE tra i 30 selezionati per il concorso (per gli under 31 l’iscrizione è gratuita). Alla canzone italiana che meglio descriverà la condizione giovanile andrà, invece, il Premio Fondo Sociale Europeo/Giovanisì, dell’importo di 3.000 euro. Il riconoscimento è istituito nell’ambito della campagna di informazione sugli interventi del FSE dedicati ai giovani e sulle altre opportunità di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani. Si conferma anche lo speciale Premio Ernesto de Pascale, dedicato alla memoria del conduttore radiofonico (RAI Stereonotte), giornalista, musicista e storico presidente di giuria del Rock Contest, prematuramente scomparso; al vincitore la registrazione del brano in studio. Per il primo classificato anche la realizzazione di una live session in video dal Blue Moon Studio con riprese curate dai Blanket Studio.

Per partecipare al concorso, ed essere uno dei 30 artisti selezionati a esibirsi di fronte a una platea di esperti del settore e musicisti, questo il premio sussidiario” quasi più importante dei premi in denaro, occorre avere meno di 35 anni (per le band la cifra di 35 è da intendersi come l’età media massima). Fino al 4 ottobre, sarà possibile iscriversi sul sito www.rockcontest.it, compilando il modulo di preselezione, caricando sull’apposita pagina 3 brani originali (sono escluse le cover version), una o più foto della band o dell’artista, una scheda biografica e uno stage plan (scheda tecnica live). Per gli artisti provenienti da fuori Toscana è previsto un rimborso spese di trasferta relative alle serate della loro esibizione (sono previste agevolazioni per gli eventuali pernottamenti).

Novità di questa edizione, l’immagine che accompagnerà il concorso è una rielaborazione di un dettaglio di San Benedetto e il diavolo di Neroccio de’ Landi (1471), realizzata da Alessandro Baronciani, uno dei fumettisti ed illustratori emergenti italiani più apprezzati, che ha firmato il manifesto del Premio Strega 2019, già autore di copertine di band come Baustelle, Tre Allegri Ragazzi Morti, Sick Tamburo, Perturbazione, e illustratore del libro per ragazzi Nello spazio con Samantha, scritto dall’astronauta Samantha Cristoforetti.

Anche questanno, Rock Contest, concorso che ha visto gli esordi di Offlaga Disco Pax, Manitoba, King Of The Opera, Ros, The Street Clerks, Lo Straniero e moltissimi altri, darà ai giovani artisti e gruppi musicali, assieme ai corposi premi, le migliori condizioni di visibilità e di relazione con la stampa specializzata e le realtà discografiche italiane, al fine di facilitare lo sviluppo di un percorso artistico e professionale. I migliori gruppi realizzeranno poi progetti musicali, partecipando a importanti festival nazionali o internazionali e faranno tournée, grazie alle collaborazioni con promoter, direttori artistici e manager di locali di tutta Italia. Anche questanno SIAE conferma il supporto come sponsor del Rock Contest, un riconoscimento al concorso che da sempre si batte per la crescita e la tutela di gruppi e singoli artisti che suonano musica originale. Si conferma anche la collaborazione con Audioglobe, una delle più consolidate realtà produttive e distributive in Italia.

Tutte le informazioni, il regolamento completo e le schede di iscrizione online sono sul sito www.rockcontest.it 

oppure telefonare allo 055.73.999.46 (dal lunedi al venerdi ore 11.00-13.00 e 14.00-16.00); e-mail contest@controradio.it. Facebook: Rock Contest Controradio

INFO CONCORSO

L'articolo Rock Contest 2019, c’è tempo solo fino al 4 ottobre proviene da www.controradio.it.