Energia: Baker Hughes e Nana Bianca insieme per selezione startup tecnologiche

Energia: Baker Hughes e Nana Bianca insieme per selezione startup tecnologiche

L’obiertivo è quello di  elezionare startup ad alto contenuto tecnologico provenienti da tutto il mondo, e capaci di sviluppare progetti a sostegno della transizione energetica dei prossimi anni.

Si chiama ‘ l’Energy Ideas Generation Program  ed ha l’obiettivo di selezionare cinque startup per progetti di innovazione enegretica attraverso una call for ideas e scouting diretto su tre filoni specifici: la ricerca e lo sviluppo di materiali innovativi che possano essere alla base di nuove soluzioni per la transizione energetica; la gestione intelligente della supply chain; la ricerca e io sviluppo di soluzioni e tecnologie per decarbonizzare le industrie pesanti.

L’iniziativa nasce da una collaborazione tra l’azienda globale di tecnologia al servizio dell’industria dell’energia Baker Hughes e lo startup studio Nana Bianca per la selezione di startup ad alto contenuto tecnologico del settore energia capaci di sviluppare progetti a sostegno della transizione energetica.  Il progetto, che vuole essere una rampa di lancio per i progetti legati all’innovazione in ambito energetico, con un focus particolare sulle nuove frontiere dell’energia, porterà alla creazione di un nuovo ecosistema di innovatori a Firenze, generando valore per il territorio toscano e nazionale.

Ogni startup avrà la possibilità di partecipare a 16 settimane di accelerazione e avrà a disposizione un budget di 20mila euro.

Secondo Paolo Noccioni, presidente di Nuovo Pignone (Baker Hughes), il progetto sulle startup “porterà alla creazione di un nuovo ecosistema di innovatori a Firenze, generando valore per il territorio e non solo”. Riteniamo sia una grande occasione per tutta la città e per i giovani innovatori soprattutto”, ha aggiunto Paolo Barberis, cofondatore di Nana Bianca.

L'articolo Energia: Baker Hughes e Nana Bianca insieme per selezione startup tecnologiche da www.controradio.it.

Webinar in occasione del trentennale della scomparsa di Giovanni Michelucci

Webinar in occasione del trentennale della scomparsa di Giovanni Michelucci

Venerdì 20 novembre 2020, dalle ore 16.00 alle ore 19.00, la Fondazione Giovanni Michelucci con il patrocinio ed il contributo di Regione Toscana, il patrocinio del Comune di Firenze, la collaborazione della Fondazione Architetti Firenze e la media partnership di AND – Rivista di Architetture, Città e Architetti, promuove il webinar dal titolo “La Città Variabile. Gli spazi del lavoro”.

Tra gli ospiti che interverranno vi sono l’assessore all’urbanistica del Comune di Firenze Cecilia Del Re, il co-fondatore di Nana Bianca, Jacopo Marello, Mariagrazia Bonzagni dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, l’architetto Gianluca Peluffo, Pilar Lebole di Osservatorio dei Mestieri d’Arte, l’assessore al lavoro del Comune di Livorno Gianfranco Simoncini, e l’architetto Alessandro Melis, curatore del padiglione Italia per la Biennale di Architettura di Venezia 2021.

Questo webinar dedicato agli spazi del lavoro è il primo della serie “La Città Variabile” che si svilupperà su diversi temi in alcune città italiane emblematiche, fino al momento di sintesi finale previsto per giugno 2021, in corrispondenza con la conclusione delle iniziative per il trentennale della scomparsa di Giovanni Michelucci.

La partecipazione al webinar è gratuita e aperta a tutti, ma è obbligatoria l’iscrizione. Per informazioni visita il sito.

L'articolo Webinar in occasione del trentennale della scomparsa di Giovanni Michelucci proviene da www.controradio.it.

Lavanderia a domicilio: da Firenze a servizio (anche) dei positivi al Covid

Lavanderia a domicilio: da Firenze a servizio (anche) dei positivi al Covid

Un servizio di lavanderia a domicilio diventato fondamentale nella fase di emergenza sanitaria servendo molte persone positive in isolamento a casa.

E’ Lavanderia24, un progetto nato due anni fa dall’idea di Fabio Vichi e realizzato con altri due amici Fabrizio Azzarri e Daniele Saccardi e sostenuto dall’incubatore di imprese Nana Bianca, che ha potenziato il suo servizio in questi ultimi mesi puntando ad andare oltre i confini toscani.

Chiara Brilli ha intervistato l’ideatore

 

L'articolo Lavanderia a domicilio: da Firenze a servizio (anche) dei positivi al Covid proviene da www.controradio.it.