Firenze, consegnate Chiavi a Richard Gere per difesa diritti umani

Firenze, consegnate Chiavi a Richard Gere per difesa diritti umani

Sono state consegnate all’attore americano Richard Gere le ‘Chiavi della Città’ di Firenze, onorificenza pubblica, da parte del sindaco del capoluogo toscano, Dario Nardella, durante una cerimonia tenuta ieri sera nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Parte dei consiglieri comunali, dei gruppi del centrodestra e di M5s, hanno lasciato Palazzo Vecchio e hanno protestato contro l’iniziativa in piazza della Signoria.

Richard Gere, è stato detto nella cerimonia, si è conquistato il riconoscimento per il suo impegno nella difesa dei diritti umani. La cerimonia si è svolta alla presenza di una parte del consiglio comunale di Firenze e si è aperta con i saluti istituzionali del sindaco Dario Nardella e del presidente del consiglio comunale Luca Milani. “Sono stato molto onorato di ricevere questa onorificenza e di riceverla da questa città e non prendo questa cosa alla leggera, credo che siamo tutti al mondo per aiutarci l’un l’altro”. Lo ha detto Richard Gere, in occasione della cerimonia per l’onoreficenza ottenuta per il suo impegno dimostrato anche nel mese di agosto quando è salito a bordo della nave Open Arms.

“A me non interessa la politica – ha aggiunto Gere – perché per me non ha senso, i volontari su quella imbarcazione” la Open Arms “sono degli angeli, quello che noi abbiamo in mente è di aiutare le persone, questa è l’unica cosa importante che rende significativa la nostra vita”. L’attore americano ha detto che se “manteniamo un livello umano, senza pensare a cose stupide come la politica e cose simili, pensiamo soltanto al felice impulso umano di prenderci cura delle altre persone”. La star di Hollywood ha ammesso che la religione buddhista, di cui lui è un noto fedele, gli ha insegnato che “tutti gli esseri umani propendono verso la felicità e tendono a sottrarsi alla sofferenze. E quindi possiamo capirci l’un l’altro se partiamo da questo punto di vista, possiamo iniziare a perdonare l’un l’altro e lavorare insieme”.

La scelta di consegnare le ‘Chiavi della Città‘ a Richard Gere ha scatenato le opposizioni: i consiglieri del centrodestra hanno spiegato che, secondo loro, “ci vogliano legami forti con Firenze o comunque meriti straordinari per giustificare simile onorificenza”. Critiche anche dal capogruppo M5s Roberto De Blasi: “Riteniamo che la situazione di degrado delle nostre città sia, invece, la diretta conseguenza degli atteggiamenti di chi, come l’attore hollywoodiano, ha speso la propria immagine per promuovere iniziative di illegalità nel nostro paese culminate nel caso della comandante della See Watch 3 Carola Rakete quando ha tentato di speronare una motovedetta della nostra guardia di finanza”.

“Il riconoscimento delle Chiavi della Città viene dato innanzitutto al lavoro della fondazione di Richard Gere, ai suoi collaboratori, alle persone che lo sostengono”, ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella durante la cerimonia. Rispondendo alle polemiche delle opposizioni in Consiglio comunale Nardella ha detto: “Credo ci sia stata una lettura superficiale, anche perché fin dall’inizio abbiamo ribadito che Firenze ringrazia Richard Gere per il suo impegno, attraverso la fondazione, a favore dei più deboli, dei poveri, delle persone svantaggiate, dei diritti fondamentali di libertà”. Per il sindaco Nardella “è difficile giustificare una polemica per il ringraziamento ad una fondazione che si occupa di persone che stanno male, di persone che non hanno i diritti che abbiamo noi oggi qui, di persone che non hanno strumenti e risorse per avere una vita dignitosa, di persone che soffrono e di persone che vedono limitate le loro libertà”.

La consegna delle ‘Chiavi della Città’ non è stato l’unico appuntamento toscano di Gere: già presente a Pomaia (Pisa) per un ritiro spirituale all’istituto buddista Lama Tzong Khapa, nel pomeriggio di ieri è stato accompagnato dal direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt a visitare il museo, che di lunedì solitamente è chiuso.

L'articolo Firenze, consegnate Chiavi a Richard Gere per difesa diritti umani proviene da www.controradio.it.

Mercafir e nuovo stadio: modificata la previsione urbanistica

Mercafir e nuovo stadio: modificata la previsione urbanistica

Via libera alla delibera della giunta comunale alla modifica dell’attuale previsione urbanistica. Prevista la possibilità che il nuovo stadio possa essere realizzato e mantenuto da un operatore privato. Confermata la previsione attuale in termini di dimensioni. Si prevede inoltre che l’attuazione del nuovo Centro alimentare polivalente possa avvenire attraverso l’approvazione di progetto di opera pubblica, attuabile anche per singoli stralci, mantenendo invariate le prescrizioni a garanzia della corretta progettazione dell’insediamento.

La giunta di Palazzo Vecchio ha dato via libera alla modifica della previsione urbanistica. Sono state inserite disposizioni per far sì che il nuovo stadio possa sorgere ed essere mantenuto da un privato. Ciò perchè l’attuale previsione urbanistica relativa al Centro alimentare polivalente prevede la realizzazione di un impianto sportivo pubblico.

Dovrà inoltre essere meglio precisato il paragrafo relativo alle prescrizioni specifiche e compensazioni della scheda vigente. Ciò subordina la realizzazione degli interventi del comparto sud all’esecuzione di alcune opere infrastrutturali come lo svincolo di Peretola, tramvia linea 2 (aeroporto-stazione Santa Maria Novella), la fermata Peretola del servizio ferroviario metropolitano. Si considera ammissibile la loro realizzazione contestualmente agli interventi del comparto sud. Il riferimento non sarà più alla “realizzazione” ma alla “messa in esercizio” dell’impianto sportivo. Inoltre, il parcheggio previsto nel “Comparto sud stadio” sarà realizzato autonomamente dal Comune di Firenze tramite Firenze Parcheggi. Tale onere non sarà dunque a carico dal soggetto che realizzerà il nuovo stadio.

Si procederà quindi alla modifica dell’elenco dei beni suscettibili di alienazione e valorizzazione, nonché del piano delle valorizzazioni e alienazioni. Infatti dovrà essere previsto che l’area nuovo stadio sia inserita tra gli immobili da alienare. Per procedere all’alienazione con procedure di evidenza pubblica, sarà redatta perizia estimativa sul valore del complesso immobiliare ‘stadio e attività private’.

Mercafir fornirà un piano di dettaglio con modalità e tempistiche di realizzazione del nuovo mercato ortofrutticolo, prevedendo la riconsegna all’Amministrazione comunale entro 24 mesi dell’area del Comparto sud dove è attualmente prevista la realizzazione del nuovo stadio. La somma derivante dall’alienazione del Comparto sud, in caso in cui non sia individuata altra soluzione con gli operatori privati, andranno alla realizzazione del Comparto nord – mercato ortofrutticolo.

L'articolo Mercafir e nuovo stadio: modificata la previsione urbanistica proviene da www.controradio.it.

La voce degli anziani a Firenze per comprendere “La forza degli anni”

La voce degli anziani a Firenze per comprendere “La forza degli anni”

Il convegno internazionale “La forza degli anni” si terrà in Palazzo Vecchio venerdì 18 e sabato 19 ottobre; i lavori saranno introdotti dalla senatrice a vita Liliana Segre.

“La forza degli anni” fa sentire la sua voce nuovamente, a Firenze, per sottolineare che “senza sogni si invecchia davvero” e individuare risposte e prospettive suggerite direttamente dagli anziani il 18 e 19 ottobre in Palazzo Vecchio, con due sessioni di convegno, promosse dalla Comunità di Sant’Egidio, venerdì 18 ottobre pomeriggio nel Salone dei Cinquecento, e sabato 19 ottobre mattina nella Sala d’Arme. I lavori saranno avviati venerdì 18 ottobre alle 16:30 dall’On. Liliana Segre, dopo il saluto del Sindaco Dario Nardella, il Card. Giuseppe Betori e Gabriele Gori, Direttore della Fondazione CR Firenze.

Segue il primo panel dedicato al tema ‘Alleanza fra generazioni e culture: il futuro della città’, presieduto da Maria Ballerini (Prato) con gli interventi di Fiorella Bacherini (Firenze), Francis Cobbinah (Nkwanta, Ghana), Ortensia Mele (Lucca), Graziella Grazzini (Firenze), Godstime Akhelumele (Edo State, Nigeria).

Sabato 19 ottobre 2019, alle 10, nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, il secondo panel, sul tema ‘Storie e memorie alla radice del nostro presente’, presieduto da Maura Mazzini (Firenze), Enio Mancini (Sant’Anna di Stazzema), Cosimo Martinese (Firenze), Besnik Sopoti (Bari), Carmela Grande (Firenze), Angelina Fanis (Livorno).

Nel terzo panel, ‘Accogliere le sorprese nella vita’, con la presidenza di Renata Calzolari (Firenze), intervengono Adriana Turini (Firenze), Romano Carletti (Firenze), Gloria Marchionni (Livorno) e Teresa Bruno (Firenze).

“La forza degli anni” è un convegno, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, che nasce dal desiderio di dare voce pubblicamente agli anziani. “Siamo convinti – spiegano gli oranizzatori – che per affrontare i nodi del presente e provare a dare risposte soprattutto alle giovani generazioni, è necessario ascoltare la voce spesso silenziata di chi ha affrontato con responsabilità i molti anni vissuti. Per usare le parole di Papa Francesco, vogliamo ‘ascoltare i sogni degli anziani'”, dar vita alle loro preoccupazioni, alla loro visione dell’attualità, alle loro proposte per la città e la società”.

L’esperienza delle passate edizioni ha mostrato l’autorevolezza di quanto gli anziani hanno da dire con la loro voce mite: “Abbiamo scoperto che c’è un coraggio e un’energia che nascono dal non fuggire la debolezza. Abbiamo visto che, anche quando le forze fisiche declinano, nella vita dell’essere umano possono manifestarsi energie alternative che consentono di proseguire il cammino e di non perdere la speranza”.

Il cammino quest’anno riprende attraverso contributi provenienti da diverse aree geografiche e da differenti culture. Interverranno anziani che hanno dato un contributo rilevante alla società civile, testimoni della storia recente europea, persone che a diverso titolo, nel luogo dove vivono, si impegnano per la costruzione di una società più solidale.

Per questa terza edizione, nel corso della prima tavola rotonda, gli anziani incontreranno coloro che da lontano sono venuti in Italia a cercare un futuro, per testimoniare che “è in quest’incontro che c’è futuro per tutti”. Il secondo panel vuole essere un invito a non avere paura, a fidarsi, a essere sempre aperti alle sorprese nella vita, consapevoli della ricchezza di vita che scaturisce dal saper accogliere le novità. Un’ulteriore tavola rotonda sarà infine dedicata alla memoria del passato come chiave per capire il presente.

“Le voci che ascolterete – concludono gli amici di Sant’Egidio – forse non sono più squillanti come un tempo, ma certamente non sono deboli o rassegnate. Anzi, hanno la forza e la saggezza maturate in una vita lunga che non ha abbandonato la speranza. Perchè  solo chi non sogna invecchia davvero”.

Il convegno è promosso in collaborazione con il Comune, l’Arcidiocesi e la Fondazione CR di Firenze, e il contributo dell’8 per mille della Chiesa Cattolica.

L'articolo La voce degli anziani a Firenze per comprendere “La forza degli anni” proviene da www.controradio.it.

Firenze: consegna chiavi della città a Richard Gere

Firenze: consegna chiavi della città a Richard Gere

Richard Gere riceverà le chiavi della città dal sindaco di Firenze Dario Nardella. La consegna si terrà infatti lunedì 14 ottobre, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio.

Il 14 ottobre è prevista la consegna della riproduzione fedele delle chiavi delle antiche porte della città. Richard Gere, attore e attivista statunitense impegnato nella difesa dei diritti umani, riceverà questa importante riconoscenza da parte della città di Firenze.

La cerimonia si svolgerà alla presenza del Consiglio comunale e si aprirà con i saluti istituzionali del sindaco Nardella e del presidente del Consiglio comunale Luca Milani. Previsti inoltre l’intervento del direttore del Migration Policy Center dell’EUI professor Andrew Geddes. Ci sarà anche il dialogo tra il sindaco Nardella e l’attore Richard Gere moderato dalla giornalista Eva Giovannini.

L'articolo Firenze: consegna chiavi della città a Richard Gere proviene da www.controradio.it.

Clima: 100 biciclette per illuminare facciata Palazzo Vecchio

Clima: 100 biciclette per illuminare facciata Palazzo Vecchio

La proiezione di alcune campagne per l’ambiente sulla facciata di Palazzo Vecchio a Firenze, grazie all’energia ‘verde’ prodotta da 100 biciclette e oltre 500 pedalatori: è l’iniziativa organizzata da Unicoop Firenze la sera del 27 settembre, a partire dalle 19, in occasione dello sciopero internazionale per il clima.

In piazza della Signoria saranno allestite 100 biciclette, ma chi vuole potrà portare la propria, e chiunque voglia pedalare contribuirà ad alimentare il videomapping proiettato sulla facciata di Palazzo Vecchio; la partecipazione prevista è di circa 500 ‘pedalatori’.

Le immagini, spiega una nota, avranno come protagoniste le campagne ‘L’Ambiente non è usa e getta’ di Unicoop Firenze e ‘Arcipelago Pulito’ di Regione Toscana, Legambiente ed Unicoop Firenze per pulire il mare dai rifiuti. Durante la serata, condotta da Carletto Dj, interverranno anche tanti comici e personaggi fiorentini famosi.

Uno spazio importante sarà dedicato allo sport: salirà sul palco, montato per l’occasione sull’arengario di Palazzo Vecchio, anche il dirigente della Fiorentina Joe Barone, mentre alcuni ragazzi delle squadre giovanili del club saliranno in sella e contribuiranno a dare energia (pulita) alla lotta contro i cambiamenti climatici.

L'articolo Clima: 100 biciclette per illuminare facciata Palazzo Vecchio proviene da www.controradio.it.