Pisa: torna Internet Festival 2019, evento sull’innovazione digitale

Pisa: torna Internet Festival 2019, evento sull’innovazione digitale

Dal 10 al 13 ottobre torna a Pisa, Internet Festival-Forme di Futuro, il maggior evento in Italia dedicato all’innovazione digitale, ai suoi protagonisti e al futuro della rete. L’Internet Festival 2019 è l’edizione numero nove di questa rassegna.

Ben 280 sono gli eventi in programma ad Internet Festival 2019, distribuiti in tredici diverse location in città: tecnologia e rapporto con le persone, le regole per un fair play digitale, lo spazio dedicato al gioco in rete, cultura e turismo, le imprese e la Pubblica amministrazione; e poi ancora incursioni nel mondo della musica, dello sport, dell’enogastronomia sensoriale e dell’educazione ambientale.

Alla conferenza stampa, prevista per oggi a Palazzo Strozzi Sacrati, interverranno l’assessore ai sistemi informativi della Regione Vittorio Bugli, l’assessore al turismo del Comune di Pisa Paolo Pesciatini, il presidente della Fondazione Sistema Toscana Iacopo Di Passio, il direttore dell’Istituto di informatica e telematica del Cnr di Pisa e responsabile di Registro.it Marco Conti, il direttore degli Museo degli strumenti per il calcolo di Pisa Fabio Gadducci e Adriana de Cesare, che ha curato il progetto dell’Internet Festival.

Ci saranno anche altri ospiti: Mercè López racconterà il programma “If Kids” dedicato ai bimbi dagli zero anni in su e i TTOUR, percorsi educativi e formativi che nel 2018 hanno registrato oltre 13 mila presenze e che sono confermati anche quest’anno; Marcos Valdes, direttore scientifico di Vis presenterà due progetti: “Moon Landing”, applicazione immersiva che permette di rivivere l’allunaggio a bordo dell’Apollo 11 grazie alla tecnologia VR, e Darkside20k, videodocumentario sul rilevatore di materia oscura realizzato nel laboratorio nazionale del Gran Sasso; Roberto Fazio, artista multimediale studio RF, parlerà di “(Argo)Ritmi di danza”, opera nata dall’interazione di uomo e macchina, com’è proprio del filone dell’arte generativa, e che mira a promuovere il territorio della riviera apuana attraverso anche la danza; Roberto Malfagia infine  illustrerà “The Sound of the Crowd”, installazione multimediale che sfrutta la tecnica del riconoscimento facciale per trasformare i volti del pubblico presente al festival di quest’anno in suoni.

Internet Festival è promosso da Regione Toscana, Comune di Pisa, Registro.it e Istituto di Informatica e Telematica del Cnr, Università di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola Normale Superiore insieme a Camera di Commercio di Pisa, Provincia di Pisa e Associazione Festival della Scienza; la progettazione e l’organizzazione sono a cura di Fondazione Sistema Toscana, il direttore del Festival è Claudio Giua, Anna Vaccarelli (IIT-CNR e di Registro .it) e Gianluigi Ferrari (Università di Pisa), invece, coordinano rispettivamente il comitato esecutivo e scientifico.

L'articolo Pisa: torna Internet Festival 2019, evento sull’innovazione digitale proviene da www.controradio.it.

Pisa: torna “Fior di città”

Pisa: torna “Fior di città”

Da venerdì 12 a domenica 14 aprile a Pisa torna Fior di Città. L’evento, dedicato alla cura del verde in ambito urbano, trasformerà il centro cittadino in un grande giardino fiorito al fine di promuovere la tutela della natura come componente essenziale per il miglioramento della qualità della vita e la salvaguardia della biodiversità.

Gli allestimenti, le installazioni e l’ampio programma di attività divulgative e culturali saranno articolate in sei aree tematiche comprendenti installazioni artistiche, laboratori di giardinaggio, punti informativi, iniziative educative e mostre.

La decima edizione di Fior di città è promossa dall’Ufficio Verde e arredo urbano del Comune di Pisa in collaborazione con Euroambiente e con l’Ufficio Turismo ed è organizzata dalla Casa della Città Leopolda, in collaborazione con il Sistema Museale di Ateneo e con il sostegno della Fondazione Pisa.

Fior di Città intende valorizzare l’impegno offerto dagli enti pubblici, dalle istituzioni scientifiche e dalle associazioni nel settore della tutela ambientale. La decima edizione si svolgerà lungo un percorso espositivo che condurrà i visitatori da Borgo Largo a Piazza Vittorio Emanuele II, facendo tappa in Largo Ciro Menotti, Piazza Garibaldi, Ponte di Mezzo, Piazza XX Settembre, Logge di Banchi, Palazzo Blu, Corso Italia e Piazza Gambacorti (La Pera).

“Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con Fior di città – commenta l’assessore al verde urbano Raffaele Latrofa – l’evento dedicato alla valorizzazione e alla cura del verde in ambito urbano. Se fino ad ora Pisa in Fiore aveva rappresentato un punto di arrivo, fiore all’occhiello per la promozione del verde in città, da qui in avanti la manifestazione sarà più che altro un punto di partenza, un piccolo antipasto del “modello Salisburgo” a cui la nostra Amministrazione punta per riqualificare in maniera definitiva gli spazi verdi e gli arredi urbani di tutta la città. Cura e valorizzazione del verde urbano dunque non solo per tre giorni, ma per tutto l’anno, in tutto il territorio comunale, dal centro al litorale, passando quartiere per quartiere”.

“L’obiettivo di Fior di città – aggiunge l’assessore al turismo Paolo Pesciatini –  è quello di trasformare nel tempo la città in un bellissimo giardino fiorito. Pisa in Fiore è una manifestazione che è volta a diventare un’importante occasione di promozione turistica durante il periodo primaverile. Un momento per valorizzare e promuovere il patrimonio verde a disposizione della città, che si aggiunge e si fonde insieme alle bellezze architettoniche e monumentali, basti pensare al prato di Piazza dei Miracoli, al pomerio che si estende a ridosso delle mura storiche, ai giardini cittadini di valore storico come il Giardino Scotto, il Parco delle Concette e l’area della Cittadella, senza dimenticare l’importante Orto Botanico, e il grande valore che rappresenta per la città, la scienza e la cultura”.

Il programma su www.pisainfiore.it

L'articolo Pisa: torna “Fior di città” proviene da www.controradio.it.

“Tuffo di Befana”, Pisani e Livornesi insieme in nome della solidarietà

“Tuffo di Befana”, Pisani e Livornesi insieme in nome della solidarietà

Torna il “Tuffo di Befana”, Pisani e Livornesi insieme in nome della solidarietà e del valore della donazione. Trecento tuffatori attesi da tutta la Toscana. Pesciatini: «Intuizione positiva da valorizzare»

Domenica 6 gennaio torna il tradizionale appuntamento del “Tuffo di Befana” a Marina di Pisa. L’appuntamento per tutti i partecipanti è in piazza Sardegna alle ore 11.30 per le iscrizioni cui seguirà il primo bagno dell’anno. Con il Tuffo anche l’arrivo della tradizionale Befana di Avis Pisa che porta calze a tutti i bambini presenti da oltre 40 anni. L’iniziativa, giunta alla undicesima edizione, è promossa da Avis Pisa e Amici del Mare di Livorno, è inserita tra gli eventi di “Marenia di Inverno” e patrocinata e sostenuta dal Comune di Pisa.

 

«Si conferma positiva l’intuizione di Avis di richiamare l’attenzione sul valore della donazione con una iniziativa particolarmente significativa come il “Tuffo di Befana” – dichiara l’assessore al turismo del Comune di Pisa, Paolo Pesciatini -. Da anni, ormai, questo periodo delle festività natalizie è dedicato alla solidarietà verso chi ha più bisogno, riuscendo ad andare anche oltre il campanilismo e le rivalità. Non a caso l’iniziativa si svolge proprio nel nostro Litorale che da sempre unisce Pisa e Livorno e sa anche coinvolgere ogni anno sempre nuove associazioni».

 

Oltre a Avis Pisa e Amici del mare di Livorno, infatti, l’iniziativa è svolta in collaborazione con Croce Rossa Italiana, Pubblica Assistenza Litorale Pisano, AGBALT Onlus (Associazione Genitori per la cura e l’assistenza ai bambini affetti da Leucemia o Tumore), ADMO, Vigili del Fuoco, Coordinamento Etico dei CAREGIVERS, Avis Toscana, QuasiRadio.it. Ha il contributo di AVR, Centro Commerciale Naturale di Marina di Pisa, Confesercenti Toscana Nord, IPA, Nocita Caffè.

 

Dopo il tuffo, gli organizzatori distribuiranno panettone e cioccolata calda, mentre sono previsti premi per il gruppo più numeroso, per i tuffatori/trici più giovani e meno giovani. Lo scorso anno furono oltre 223 persone provenienti da tutta la Toscana a tuffarsi, ma gli organizzatori si aspettano che quest’anno si possa raggiungere la cifra di 300 tuffatori.

L'articolo “Tuffo di Befana”, Pisani e Livornesi insieme in nome della solidarietà proviene da www.controradio.it.