Regionali, Toscana: Nardella, allargare a M5s? Serve programma

Regionali, Toscana: Nardella, allargare a M5s? Serve programma

“Le coalizioni elettorali non devono basarsi solo su una somma di voti, ma devono basarsi sulla capacità di presentare un programma unitario molto chiaro e molto incisivo”. Lo ha detto Dario Nardella, sindaco di Firenze, rispondendo a chi gli chiedeva se fosse favorevole ad un allargamento della coalizione del Pd in vista delle prossime regionali a forze come il M5s.

“Io non sono a priori contrario ad allargare la coalizione,  l’importante è che quando allarghiamo le coalizioni e ci presentiamo davanti ai cittadini, dobbiamo avere delle posizioni molto chiare sui contenuti e sui progetti”, ha aggiunto Nardella, a margine della presentazione della mostra ‘Dante. La visione dell’arte’ che sarà organizzata dalle Gallerie degli Uffizi a Forlì.
“Se si trovano delle convergenze vere e trasparenti – ha aggiunto – su temi sui quali fino ad ora siamo stati divisi, penso alle infrastrutture, ai rifiuti, penso anche al rapporto con la giustizia, e tanti altri aspetti, allora lo spazio per delle alleanze strategiche c’è”.

Il Sindaco ha commentato anche la decisione di Maurizio Sguanci, presidente del Quartiere 1 della città, di lasciare il Pd per passare a Italia Viva. “Ognuno è libero di fare le proprie scelte: è presto per fare valutazioni politiche, ma non c’è dubbio che il Pd al suo interno dovrà aprire una discussione su un atto di questo tipo”.

L'articolo Regionali, Toscana: Nardella, allargare a M5s? Serve programma proviene da www.controradio.it.

Del Ghingaro: “A Viareggio è tornata la politica”

Del Ghingaro: “A Viareggio è tornata la politica”

Viareggio, con un comunicato stampa, il sindaco uscente Giorgio Del Ghingaro, candidato per un secondo mandato, esprime soddisfazione per l’accordo raggiunto ieri con il Partito Democratico, in virtù del quale il Pd lo sosterrà alle prossime elezioni.

“Alcune settimane fa è iniziata una lunga e complessa discussione col Pd che, al termine del confronto, ha deciso di sostenermi alle prossime Amministrative – scrive Del Ghingaro –  La cosa, apparentemente naturale, contiene in sé degli elementi così particolari che la fanno diventare straordinaria”.

“In primo luogo – spiega il sindaco – c’è stato il ritorno della politica sulla scena viareggina. Già, la politica, quella cosa che negli anni s’era persa, mescolata, fino ad annegare nella palude dei rancori personali, delle rabbie tra le fazioni, dei livori consolidati nel tempo, che avevano fatto dimenticare le prospettive generali per concentrarsi sulle beghette di bottega, poco interessanti per chiunque, eccetto per quei pochi che le facevano diventare elementi imprescindibili di valutazione strategica generale”.

“Questa volta invece la politica ha prevalso, quella sana e pulita delle mediazioni e del buon senso, quella che tutela l’interesse dei cittadini, nell’ottica locale e regionale. La politica che governa le grandi questioni e che programma gli interventi da realizzare, guardando sempre in alto e avanti, pensando che ogni realtà locale si deve confrontare con aggregazioni più vaste, perché se nessuno è solo ed autonomo. Mi piace dire che questo accordo è frutto della buona politica che è tornata a Viareggio”.

L'articolo Del Ghingaro: “A Viareggio è tornata la politica” proviene da www.controradio.it.

Pd: Rossi, è tempo di un congresso programmatico

Pd: Rossi, è tempo di un congresso programmatico

“Per il Pd è il tempo di organizzare un congresso programmatico, chiamando a contribuire tutte le forze progressiste e di sinistra, le rappresentanze sociali e del mondo del lavoro, gli intellettuali e tutti i democratici che hanno a cuore il futuro dell’Italia. Solo con un programma fondamentale la sinistra può ridefinire oggi la sua identità e il suo ruolo nella società”. Lo ha scritto sul proprio profilo facebook Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana.

“Oggi su Il Manifesto, Alberto Asor Rosa chiarisce bene come il governo Conte e questa maggioranza siano dettate da uno stato di necessità e come ogni altra prospettiva – altra maggioranza e altro governo, oppure elezioni anticipate- sia peggiore o addirittura catastrofica – ha ripreso Rossi -. Nondimanco, direbbe Machiavelli, deve esercitarsi la critica e la proposta da parte delle forze progressiste. Occorre quindi un confronto sul programma perché la necessità di questo governo apra ad opportunità di concrete realizzazioni nel campo di uno sviluppo qualificativo e più giusto. Proprio quello che manca e a cui urge che la sinistra rimedi”.

L'articolo Pd: Rossi, è tempo di un congresso programmatico proviene da www.controradio.it.

Coronavirus, Bugetti (PD):”momento delicato, Regione al fianco delle imprese”

Coronavirus, Bugetti (PD):”momento delicato, Regione al fianco delle imprese”

Intervista con la consigliera regionale del Partito Democratico ILARIA BUGETTI: “i dati definitivi della crisi li vedremo al termine di questa vicenda, ma i segnali sono già di grande sofferenza, non solo del turismo”

Turismo,  commercio, moda, pelletteria: sono questi  i comparti che stanno registrando le maggiori sofferenze per la crisi legata al Coronavirus. Ma il raffreddamento  generale dell’economia, legato anche alle restrizioni alla libertà di movimento,  ovviamente ci offriranno a breve un quadro ancora peggiore. Di quanto?

“Non possiamo dirlo” afferma la consigliera Bugetti. Che sottolinea “grazie a ‘Garanzia Toscana’ siamo riusciti a dare risposte nell’immediato alla sofferenza di tante piccole e medie aziende”

L'articolo Coronavirus, Bugetti (PD):”momento delicato, Regione al fianco delle imprese” proviene da www.controradio.it.

Regionali Toscana: iniziato confronto ‘interlocutorio’ con sinistra, i commenti

Regionali Toscana: iniziato confronto ‘interlocutorio’ con sinistra, i commenti

“Un primo incontro interlocutorio” ma comunque “positivo” con le sigle della sinistra con cui “a questo punto si viene a creare un rapporto in modo diretto che conseguentemente troverà un punto di verifica importante in quello che da parte di quest’area sarà un’assemblea che mi hanno preannunciato terranno il 18 gennaio”. Lo ha detto Eugenio Giani, presidente del Consiglio toscano e candidato governatore per il centrosinistra alle regionali, parlando con i giornalisti al termine di un incontro con Sinistra italiana, Articolo 1 e 2020 a Sinistra.

Le tre forze, secondo quanto riporta l’ANSA, “decideranno se e come sostenere Giani” in occasione dell’assemblea del 18 gennaio. Giani ha ricordato che “questa area di sinistra non aveva sottoscritto il documento finale” per la coalizione di centrosinistra, e che oggi “è stata la prima volta che il sottoscritto, come candidato presidente della coalizione, ha avuto uno scambio di idee, una possibilità di approfondimento dei vari temi. Quindi sotto questo aspetto, pur ritenendo quella di oggi una occasione interlocutoria, do una valutazione a mio giudizio positiva”.
Giani ha spiegato che durante l’incontro “siamo entrati anche a fondo su alcuni temi ma non possiamo parlare né di offerte né di risposte. Era un trovare una lunghezza d’onda per affrontare i problemi, per poter mettere insieme una coalizione più larga possibile, ben radicata anche a sinistra oltre che sul versante più moderato e riformista per affrontare una competizione elettorale col centrodestra a maggio”.
Simone Bartoli, coordinatore regionale di Articolo 1, intervistato da Raffaele Palumbo dice: “Ieri c’è stato questo primo incontro interlocutorio, siamo partiti col piede giusto anche se di strada ne dobbiamo fare molta. A Giani abbiamo ribadito che non c’è piaciuto il percorso del Pd che ha portato alla sua candidatura e che è una scelta che guarda alla partaemoderata più che alla sinistra.  Avevamo chiesto di fare primarie, inspiegabilmente negate e siamo dunque arrivati a questo punto cercando di capire direttamente col candidato quali sono i margini per rientrare nella coalizione a partire dalle questioni programmatiche”.

 

L'articolo Regionali Toscana: iniziato confronto ‘interlocutorio’ con sinistra, i commenti proviene da www.controradio.it.