Prato: sequestrata soffitta-dormitorio, denuncia per abusi

Prato: sequestrata soffitta-dormitorio, denuncia per abusi

Durante un controllo per uno stoccaggio pericoloso e irregolare di bombole di gas Gpl la polizia municipale di Prato ha scoperto in zona Chiesanuova una soffitta-dormitorio abitata da cittadini orientali: la soffitta è stata sequestrata e un orientale che l’aveva presa in affitto da italiani e che non vi è residente è stato denunciato per reati in materia edilizia.

Nei giorni precedenti un reparto dei vigili motociclisti impegnato nel controllo al deposito di bombole, aveva anche notato un andirivieni sospetto ai piani superiori dell’immobile e quindi è stato deciso di fare una verifica sul presunto uso difforme di alcuni ambienti e i sospetti di irregolarità hanno trovato conferma sul posto. Nella soffitta c’erano due ambienti abusivi ad uso dormitorio, arredati con letto matrimoniale e mobilia tipica da camera da letto, sicuramente utilizzati data la presenza di biancheria da letto ed effetti personali.

Precarie le condizioni igienico sanitarie con gravi irregolarità riguardo alle altezze, insufficiente areazione ed illuminazione tali da potersi considerare insalubri, impianti elettrici improvvisati, artigianali non certificati, con punti luce privi di protezione e cavi volanti potenziali fonti di folgorazione e di incendio. Oltre alla denuncia, sono state segnalate all’ufficio Abusi edilizi del Comune di Prato le irregolarità per successivi provvedimenti amministrativi.

L'articolo Prato: sequestrata soffitta-dormitorio, denuncia per abusi da www.controradio.it.

Prefettura di Prato, controllate 746 persone, di cui 30 sanzionate

Prefettura di Prato, controllate 746 persone, di cui 30 sanzionate

La Prefettura di Prato, tramite un comunicato fa sapere che, complessivamente sono state controllate 746 persone, di cui 30 sanzionate, e che inoltre sono state controllate 44 attività commerciali, di cui 2 sottoposte a sanzione. Le violazioni hanno riguardato prevalentemente persone fuori comune di residenza senza giustificato motivo.

“La vigilanza sulla corretta osservanza delle misure anti-contagio prosegue a ritmo intenso, – si legge sul comunicato della Prefettura di Prato – in esecuzione del dispositivo rafforzato definito nel corso degli ultimi Comitati provinciali per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutisi in Prefettura e presieduti dal Prefetto Adriana Cogode, nonché in vista dell’imminente passaggio della provincia alla zona rossa”.

Questi dati si riferiscono ai controlli nel pomeriggio di sabato 13 marzo, che hanno visto l’impiego di numerosi operatori delle forze di Polizia, che hanno presidiato le principali piazze del centro cittadino. Insieme, alle altrettanto numerose unità della Polizia Municipale, che hanno pattugliato a piedi le strade del centro storico, per regolamentare l’utilizzo di quegli spazi da parte dei cittadini, in particolare vietando lo stazionamento in determinate vie.

Dagli esiti del monitoraggio è emersa una presenza di persone nel centro storico ben inferiore a quella degli scorsi sabati, con una regolare e scarsa presenza di persone anche negli ambiti della stazione di Porta al Serraglio.

“Si è pertanto registrato un apprezzabile rispetto della normativa anticontagio in vigore – conclude il comunicato – con una valutazione positiva da parte della collettività circa l’operato delle Forze di Polizia”.

L'articolo Prefettura di Prato, controllate 746 persone, di cui 30 sanzionate proviene da www.controradio.it.

Pirati strada: fuga dopo investimento ciclista, preso a Prato

Pirati strada: fuga dopo investimento ciclista, preso a Prato

Donna ferita e conducente mezzo s’allontanò velocemente. Preso il pirata della strada a Prato: ritiro patente e denuncia per omissione di soccorso e fuga e lesioni stradali

Alla guida di un furgone il 10 febbraio scorso travolse una donna di 31 anni che pedalava in bicicletta a Prato, in via Veneto, e scappò lasciandola ferita a terra con un trauma cranico per cui è stata ricoverata in ospedale sebbene non in pericolo di vita. Ora la polizia municipale ha rintracciato il conducente del veicolo e per lui sono scattati il ritiro della patente di guida ai fini della sospensione ed il sequestro penale dell’autocarro, quindi è stato denunciato per omissione di soccorso e fuga, e lesioni stradali. Alcuni passanti avevano assistito all’investimento e subito hanno chiamato sia il 118 sia la municipale riferendo di un furgone di color blu che non si era per niente fermato dopo l’incidente e che anzi si era dileguato rapidamente.

Grazie a filmati di videosorveglianza, è stato individuato il veicolo, fermato in un controllo stradale da una pattuglia del Reparto Motociclistico. L’autocarro presentava danni nella parte anteriore che, con i frammenti lasciati sul luogo dell’incidente, non hanno lasciato dubbi sul fatto che quello era proprio il veicolo che aveva investito la bicicletta e si era allontanato. Il 38enne ha provato a dire di aver urtato un muretto, ma messo di fronte all’evidenza dei fatti ha confessato di essere l’autore dell’incidente.

L'articolo Pirati strada: fuga dopo investimento ciclista, preso a Prato proviene da www.controradio.it.

Municipale di Prato, 42 violazioni autocertificazione in un giorno

Municipale di Prato, 42 violazioni autocertificazione in un giorno

Prato, sessanta autocertificazioni giornaliere acquisite dalla Municipale di Prato, e la cui motivazione prevalente è quella lavorativa, 42 violazioni accertate e verificate giornalmente 130 ordinanze di quarantena obbligatoria già notificate da parte degli operatori Asl.

Questi dati si riferiscono all’attività di controllo sul territorio della polizia municipale di Prato, messa in campo dall’emissione del primo Polizia del 9 marzo scorso, sul rispetto delle misure per impedire la diffusione del contagio da Coronavirus.

“Progressivamente si è assistito da parte della cittadinanza al manifestarsi di un crescente senso di responsabilità anche se rimangono abitudini alle uscite per la spesa troppo frequenti, troppe e troppo lunghe passeggiate con gli amici a quattro zampe – spiega l’assessore alla Polizia municipale Flora Leoni -. Ricordiamo l’importanza al discostamento fisico sociale in questo periodo sulla base dell’indicazione fondamentale di ‘restare a casa'”.

La polizia municipale annuncia anche l’imminente utilizzo dei dispositivi aeromobili a pilotaggio remoto con mezzi aerei di massa cosiddetti ‘droni’ per il monitoraggio degli assembramenti.

L'articolo Municipale di Prato, 42 violazioni autocertificazione in un giorno proviene da www.controradio.it.