Lucca, “sventato rave party” a Santa Maria a Colle

Lucca, “sventato rave party” a Santa Maria a Colle

Lucca, le forze di polizia hanno sventato un possibile rave party in corso di formazione sul Serchio, vicino alla città toscana.

Secondo quanto riferisce la questura, la segnalazione sarebbe arrivata da un abitante della zona, che sentendo musica ad alto volume provenire dal lungo fiume, nei pressi di Santa Maria a Colle, una frazione del Comune di Lucca, ha chiamato le forze dell’ordine ed è quindi stata inviata una volante.

L’equipaggio della volante, intervenuto sul posto ha trovato circa 20 giovani già accampati con tende ed un camper che ascoltavano musica ad alto volume. A quel punto hanno chiamato in rinforzo la Digos, la squadra mobile, i carabinieri e la polizia municipale.

All’arrivo della forza pubblica alcuni dei giovani si sono allontanati, ma nove di loro sono stati identificati, e la questura fa sapere che i ragazzi sono tutti di Pisa e con precedenti per occupazione di terreni.

Portati in questura per loro è scattato il foglio di via obbligatorio dalla provincia di Lucca per tre anni ed inoltre la municipale li ha sanzionati per violazione del divieto di campeggio.

Per quanto riguarda le attrezzature portate sul posto, il gruppo elettrogeno, il mixer e le casse sono state prese in consegna dalla polizia.

L'articolo Lucca, “sventato rave party” a Santa Maria a Colle da www.controradio.it.

Chiudono al pubblico gli Uffici Immigrazione

Chiudono al pubblico gli Uffici Immigrazione

A seguito del D.P.C.M. del 9 marzo 2020, che ha vietato di ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico, il Ministero dell’Interno – Direzione Centrale per l’Immigrazione e la Polizia delle Frontiere ha disposto la CHIUSURA TEMPORANEA al pubblico degli Uffici Immigrazione di tutta Italia almeno per i prossini 30 giorni.

Per lo stesso periodo viene sospesa l’attività di consegna dei permessi di soggiorno presso i Commissariati di P.S. di Empoli e Sesto Fiorentino. Si avvisano tutti gli utenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Firenze che:
– gli appuntamenti già fissati da Poste Italiane verranno modificati e comunicati tramite SMS;
– gli appuntamenti già fissati tramite CUPA Project verranno modificati e comunicati tramite e-mail dall’Ufficio Immigrazione.

I documenti integrativi e le memorie relativi ai procedimenti in corso dovranno essere trasmessi all’indirizzo PEC immig.quest.fi@pecps.poliziadistato.it in formato PDF ed allegando la ricevuta dell’istanza e la nota consegnata dall’Ufficio con l’indicazione della documentazione mancante.

Si fa presente che, in base al D.L. 2 marzo 2020 nr. 9, tutti i termini del procedimento finalizzato al rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno sono prorogati di 30 giorni, quindi non è indispensabile inviare con urgenza la documentazione al fine di non congestionare la casella di posta.

L’attività dell’Ufficio Immigrazione, compatibilmente con le esigenze di ordine e sicurezza pubblica, continuerà allo scopo di definire le pratiche in corso di valutazione ed evitare eventuali conseguenze negative sulla posizione di soggiorno di tutti gli utenti.

Per ogni informazione relativa alle pratiche in corso o in materia di permesso di soggiorno, è disponibile l’indirizzo immigrazione.fi@poliziadistato.it, al quale si chiede di inviare UNA SOLA mail per ogni richiesta allegando la ricevuta dell’istanza e copia del passaporto al fine di facilitare l’immediata risposta.

Si prega di seguire      tutte le citate indicazioni evitando di recarsi presso i locali dell’Ufficio Immigrazione, che rimarranno aperti solo per le esigenze degli utenti che hanno necessità di esprimere la volontà di richiedere protezione internazionale.

Si evidenzia che le disposizioni emanate dal Governo sono finalizzate alla tutela e salvaguardia della salute pubblica e vanno obbligatoriamente rispettate senza eccezione alcuna.

L'articolo Chiudono al pubblico gli Uffici Immigrazione proviene da www.controradio.it.