A Firenze Country Exchange Visit su prevenzione e supporto vittime violenza

A Firenze Country Exchange Visit su prevenzione e supporto vittime violenza

Prevenire e sopportare le vittime di violenza: questo è lo scopo degli incontri che si svolgeranno a Firenze il 24 e 25 ottobre. La Regione Toscana, membro di EuroHealthNet, ospiterà infatti rappresentanti dei servizi sanitari degli altri Paesi appartenenti alla rete: Regno Unito, Slovacchia, Finlandia, Polonia, Bulgaria, Irlanda, Slovenia.

I sistemi sanitari dei Paesi ospitati si confronteranno sui temi della promozione della salute psico-sociale e della violenza. Come prevenire gli episodi e i metodi per supportare le vittime di tali eventi è l’oggetto degli incontri di giovedì 24 e venerdì 25 ottobre a Firenze. L’obiettivo della Country Exchange Visit è il confronto e lo scambio di esperienze tra i vari Paesi. Essi saranno rappresentati da ministri, funzionari, operatori, sulle buone pratiche, le strategie, i servizi per la prevenzione dei comportamenti violenti e gli interventi precoci per supportare i bambini e le famiglie a rischio.

Giovedì 24 mattina l’incontro si terrà nella Sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati. Nel pomeriggio è prevista una visita alla sede dell’associazione Artemisia, che fa parte della rete regionale dei Centri antiviolenza. Venerdì 25, invece, l’incontro della mattina sarà nella sede dell’assessorato in via Alderotti; seguiranno le visite a Villa Lorenzi, che si occupa di prevenzione e riabilitazione per bambini e giovani in difficoltà e con problemi di dipendenza; e al Codice Rosa di Careggi, il servizio riservato alle vittime di violenza, in grande maggioranza donne, ma anche bambini e persone comunque discriminate.

Sia gli incontrri che le visite non sono aperti al pubblico, ma riservati ai soli partecipanti alla Country Exchange Visit.

L'articolo A Firenze Country Exchange Visit su prevenzione e supporto vittime violenza proviene da www.controradio.it.

Meningite: un caso a Prato, grave donna di 64 anni

Meningite: un caso a Prato, grave donna di 64 anni

Un caso di meningite a Prato, ad essere colpita dall’infezione, spiega la Asl, una donna di 64 anni residente a Prato ora ricoverata in terapia intensiva all’ospedale pratese Santo Stefano: la prognosi è riservata.

In corso la tipizzazione dell’infezione; già avviata, spiega sempre la Asl, la profilassi per le persone venute a più stretto contatto con la donna che risulta non essere vaccinata contro la meningite. “L’unità funzionale di igiene e sanità pubblica dell’area pratese – si spiega dall’Azienda sanitaria – ha già attivato le procedure per l’indagine epidemiologica al fine di ricostruire i luoghi frequentati dalla signora ed ha già avviato le procedure di profilassi per i contatti stretti”.

L'articolo Meningite: un caso a Prato, grave donna di 64 anni proviene da www.controradio.it.

Superbatterio New Delhi, salgono a 126 i casi in Toscana

Superbatterio New Delhi, salgono a 126 i casi in Toscana

E’ salito a 126, da novembre 2018, il numero dei pazienti in Toscana nel cui sangue è stato isolato il batterio New Delhi.

E’ il dato, aggiornato al 20 ottobre, diffuso sul proprio sito dall’Agenzia regionale di sanità della Toscana che ogni mercoledì pubblica il monitoraggio settimanale sulla diffusione del superbatterio Ndm. Riguardo alla mortalità, Ars spiega che “i casi sono risultati letali nel 33% dei pazienti con sepsi, percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici carbapenemici”. La settimana scorsa, il 16 ottobre, il batterio New Delhi risultava essere stato isolato nel sangue di 122 pazienti mentre i casi erano risultati letali nel 34%.

L'articolo Superbatterio New Delhi, salgono a 126 i casi in Toscana proviene da www.controradio.it.