Altopascio: sindaca D’Ambrosio presenta nuova giunta

Altopascio: sindaca D’Ambrosio presenta nuova giunta

Sara D’Ambrosio Bis: ecco la nuova giunta comunale di Altopascio, tra conferme, Daniel Toci e Adamo La Vigna, e nuovi ingressi, Valentina Bernardini, Francesco Mastromei e Alessio Minicozzi.

“Preferenze, esperienze, voti di lista: sono stati questi i criteri che mi hanno portato a formare la nuova squadra di governo – spiega il sindaco di Altopascio, Sara D’Ambrosio -. Una squadra che nasce dal confronto con tutti i candidati e con tutte le liste che hanno reso possibile questo risultato e che hanno formato questo percorso. Un lavoro in rete, che dovrà contraddistinguere tutta la nostra attività di questo secondo mandato. In particolare, poi, sono tre linee-guida che attraversano tutti gli assessorati e il lavoro del consiglio comunale nelle azioni, nelle scelte, nei progetti e nell’organizzazione del lavoro: territorialità e prossimità; inclusione, pari opportunità e nuovo protagonismo dei giovani; sostenibilità ambientale.

La nostra sfida, ancora di più, sarà far crescere la nostra comunità, in ogni suo singolo territorio, e non lasciare indietro a nessuno. Abbiamo progetti importanti da portare a termine. Abbiamo nuovi progetti da avviare. Abbiamo molte idee e molti fatti da concretizzare. E abbiamo l’ascolto e il rapporto con i cittadini e con il territorio che contraddistinguerà il nostro lavoro, tanto della giunta quanto del consiglio comunale”.

LA SQUADRA

Daniel Toci, vicesindaco e assessore alla Pianificazione Sostenibile 

Deleghe: ambiente e transizione ecologica. Mobilità urbana, dolce e sostenibile. Tutela degli animali. Piano Nazionale Ripresa e Resilienza. Difesa del suolo e rischio idrogeologico, promozione e tutela della Riserva del Lago di Sibolla, valorizzazione e cura del territorio agricolo.

Pianificazione del territorio ed edilizia privata. Rapporto con i Consorzi di Bonifica e Ascit – Servizi Ambienali Spa. Personale e risorse umane.

Francesco Mastromei, assessore alla Crescita e alla Cura del territorio

Deleghe: lavori pubblici e cimiteri. Viabilità. Toponomastica. Edilizia scolastica. Patrimonio. Cura e manutenzione del territorio. Cantoniere di frazione e decoro urbano. Protezione Civile e prevenzione incendi.

Valentina Bernardini, assessore al Welfare e alla Pubblica istruzione

Deleghe: politiche sociali, economia solidale, politiche per l’inclusione sociale e la casa, la disabilità e la terza età. Politiche di genere. Rapporti con il volontariato e terzo settore. Pubblica istruzione e conoscenza. Sport.

Alessio Minicozzi, assessore alle Politiche turistico-culturali e giovanili e Partecipazione

Deleghe: cultura e tradizioni popolari. Politiche turistiche. Promozione, valorizzazione e riscoperta del patrimonio storico-artistico di Altopascio. Politiche giovanili e processi partecipativi. Tributi.

Adamo La Vigna, assessore al Commercio, alla Promozione e alla Prossimità

Deleghe: commercio, artigianato e agricoltura. Fiere, mercati, eventi. Promozione del territorio e marketing territoriale. Arredo urbano. Servizi al cittadino, innovazione, Smart City e trasformazione digitale.

Sara DAmbrosio, sindaco con delega allo Sviluppo socio-economico del territorio 

Deleghe: grandi opere. Attività produttive. Polizia Municipale. Risorse finanziarie: finanze e bilancio.

L'articolo Altopascio: sindaca D’Ambrosio presenta nuova giunta da www.controradio.it.

Elezioni, Altopascio va al centrosinistra al fotofinish

Elezioni, Altopascio va al centrosinistra al fotofinish

In nottata la sindaca uscente Sara D’Ambrosio, sostenuta dal centrosinistra prevalso per il 50,92%. Altopascio era uno dei tre comuni fino a ieri dato al ballottaggio

A spoglio concluso ad Altopascio Sara  D’Ambrosio ha prevalso per il 50,92% al termine di uno scrutinio incerto fino all’ultimo. Si è fermato al 46% Maurizio Marchetti, già sindaco e anche consigliere regionale, sostenuto da un’alleanza di centrodestra con Lega, Fdi e liste civiche.

Non ci saranno dunque tre ballottaggi ma solo due in Toscana (su sette Comuni over 15.000 abitanti che andavano al voto) dopo che ad Altopascio (Lucca) la corsa elettorale si è risolta al fotofinish con la conferma in nottata della sindaca uscente, sostenuta dal centrosinistra. A

I risultati definitivi mandano al secondo turno invece  i Comuni di Sansepolcro (Arezzo) e Massarosa (Lucca) come già si prefigurava in corso di spoglio delle schede. A Massarosa la candidata del centrosinistra Simona Barsotti (48,4%) andrà al ballottaggio con Carlo Bigongiari (Lega-Forza Italia 30,96%) e decisivo sarà il sindaco uscente Alberto Coluccini (17,57% sostenuto da Fdi e una civica a suo nome). Il centrodestra si è spaccato in questo Comune perciò è andato alle urne anzitempo: o nascono nuovi accordi dopo la crisi oppure la divisione nel campo moderato favorirà naturalmente il centrosinistra.

Centrodestra in due parti anche a Sansepolcro e conseguente ballottaggio. Svetta al primo turno Andrea Laurenzi (centrosinistra, 40,60%) seguito di poco da Fabrizio Innocenti (Lega-Fi, 39,54%). La candidata di FdI Laura Chieli (14,57%) sarà fuori dal ballottaggio su cui influirà la scelta del 5,29% dato dagli elettori a Catia Giorni, candidata di M5s più una lista civica.

L'articolo Elezioni, Altopascio va al centrosinistra al fotofinish da www.controradio.it.

Zona rossa per altri tre comuni della provincia di Lucca

Zona rossa per altri tre comuni della provincia di Lucca

Lucca, altri tre comuni in zona rossa dal 24 marzo, sono Altopascio, Bagni di Lucca e Villa Basilica.

Per i tre comuni la zona rossa si protrarrà fino al 28 marzo: per cinque giorni quindi saranno chiuse le scuole e le attività commerciali, eccetto gli alimentari e quelle di prima necessità. Vietati anche gli spostamenti se non per motivi di lavoro, di salute o comunque di grave urgenza.

A Bagni di Lucca il lockdown è motivato dall’escalation dei nuovi casi, una trentina negli ultimi giorni, con un focolaio alla scuola d’infanzia di Ponte a Serraglio. Adesso i contagi complessivi sono 55, su una popolazione di poco più di 6mila persone.

A Villa Basilica i numeri sono più contenuti ma rapportati ad una popolazione ancora minore, 1.600 abitanti circa: in totale i nuovi contagiati sono 21 dall’inizio del mese.

“Avevo detto – spiega in una nota il sindaco di Altopascio Sara D’Ambrosio – che avremmo monitorato quotidianamente la situazione e, se qualora il dato fosse andato verso un peggioramento anziché un miglioramento, avrei chiesto al presidente Eugenio Giani di istituire la zona rossa”.

“E così ho fatto – continua il sindaco – negli ultimi tre giorni (sabato, domenica e lunedì) il numero quotidiano dei nuovi positivi segna un generale aumento, anziché una decrescita (si va dal picco dei 16 positivi di sabato, ai 10 di ieri, ai 9 di oggi). Numeri che, se rapportati agli stessi giorni della scorsa settimana, rivelano una tendenza della curva che va verso l’alto e non verso il basso. Anche il tasso settimanale di contagio ogni 100mila abitanti è cresciuto e con le ultime rivelazioni siamo sopra i 400 casi. Una crescita repentina ed è per questo motivo che ho deciso di intervenire subito”.

“Purtroppo – aggiunge – non è solo Altopascio a crescere: cresce il tasso di positività a livello regionale (oggi sfiora l’8,5 per cento, mentre ieri era fermo al 6,5 per cento) e a livello provinciale. L’intera provincia di Lucca, negli ultimi tre giorni, ha superato la soglia dei 250 casi ogni 100.000 abitanti sui 7 giorni. Non era mai successo prima. E cresce il tasso di contagio anche nella Piana di Lucca: è una crescita lenta, in alcuni territori più lenta di altri, ma è comunque una crescita costante. Di fronte a tutto questo io continuo a sostenere che sia inefficace agire per chiusure localizzate o comunali, senza prendere una decisione a livello generale. La politica serve per decidere, non per farsi trascinare dalla corrente: credo che sarebbe più opportuno scegliere una zona rossa a livello provinciale e, addirittura, a livello regionale. I dati vanno in questa direzione e intervenire ora consentirebbe di uscirne prima, per tutti”.

L'articolo Zona rossa per altri tre comuni della provincia di Lucca proviene da www.controradio.it.

Comune di Altopascio da mascherine ad ogni famiglia

Comune di Altopascio da mascherine ad ogni famiglia

Altopascio in provincia di Lucca, il Comune consegna un kit di due mascherine di tessuto-non-tessuto a ogni nucleo familiare di Altopascio.

Questa l’iniziativa dell’amministrazione comunale di Altopascio, che vuole dotare tutti i cittadini dei dispositivi di sicurezza, così che li indossino quando devono uscire per andare a fare la spesa, all’edicola o in farmacia.

Un’iniziativa, si spiega una nota, resa possibile grazie alla staffetta di solidarietà che ha unito cittadini e aziende del posto: a produrre le mascherine è l’azienda dell’alta moda Peuterey, che, per far fronte all’emergenza sanitaria, ha deciso di convertire la sua linea produttiva interna al confezionamento di mascherine e che da lunedì ne donerà al Comune 400 al giorno, da distribuire alla cittadinanza grazie alla rete del volontariato.

“Questa è una storia di solidarietà, ingegno, capacità imprenditoriali e attaccamento al territorio – commenta il sindaco di Altopascio, Sara D’Ambrosio -. Una storia che riguarda tanti soggetti, da subito in prima linea per confezionare e preparare mascherine, che abbiamo già distribuito, da inizio emergenza, ai medici di medicina generale e ai volontari del terzo settore che ne erano sprovvisti e a tutti i commercianti che sono in prima linea per garantire i servizi essenziali”.

L'articolo Comune di Altopascio da mascherine ad ogni famiglia proviene da www.controradio.it.