Taglio Parlamentari, Fusaro; se ne parla da decenni, giusto farlo

Taglio Parlamentari, Fusaro; se ne parla da decenni, giusto farlo

Intervista con il professore di diritto elettorale e parlamentare all’Università di Firenze, Carlo Fusaro. “A mio parere non era la priorità, ma tutte le obiezioni mi paiono infondate”

La Camera ha dato il via libera definitivo al taglio dei parlamentari con 553 sì. Luigi Di Maio e Giuseppe Conte hanno parlato di “giornata storica”. “Mi sembra un’affermazione molto sovradimensionata rispetto alla realtà”, smorza a Circo Massimo, su Radio Capital, il giudice emerito della Corte costituzionale Sabino Cassese, “La domanda fondamentale è: sarà una democrazia migliore quella con un minor numero di parlamentari? Io francamente ho dei dubbi, penso che non ci siano grandi festeggiamenti da fare”. Il premier ha parlato di “snellimento”, utilizzando quella che Cassese definisce una “terminologia da beauty farm che fa un po’ ridere. Parlano di risparmi, ma ho calcolato che il risparmio che si può ottenere è pari a un settimo del costo di un F35. In realtà è un attacco alla democrazia parlamentare da parte di coloro che pensano alla democrazia diretta”. Cassese, poi, fa notare che “forse ci sarebbe stato un buon motivo per ridurre il numero dei parlamentari, ma nessuno lo ha detto. Dal 1970”, spiega, “abbiamo 20 consigli regionali che svolgono la medesima funzione che svolge il parlamento nazionale”.

Non la pensa così il professor Carlo Fusaro, Domenico Guarino lo ha intervistato

L'articolo Taglio Parlamentari, Fusaro; se ne parla da decenni, giusto farlo proviene da www.controradio.it.

PD Firenze: tutti (o quasi) contro il segretario Piccioli

PD Firenze: tutti  (o quasi) contro il segretario Piccioli

Una lettera, firmata da 15 segretari di circolo su 19 , indirizzata al presidente dell’assemblea cittadina Andrea Ceccarelli per chiedere ‘maggiore chiarezza’ in una fase politica delicata. Intervista a Paolo Beni, segretario circolo PD Rifredi

Certo, il nome del segretario cittadino, Piccioli non viene mai fatto, ma i riferimenti sono numerosi. Nella lettera si chiede di  “convocare quanto prima la direzione cittadina” perché gli “nostri iscritti  chiedono conto della mancata convocazione degli organi di partito, come assemblea e direzione”  “L’inerzia dei livelli territoriali del nostro partito non è più accettabile- aggiunge la missiva- perché può essere interpretata come una mancanza di capacità di reagire del nostro partito a fronte dei grandi cambiamenti che stiamo attraversando”.

Di fatto l’accusa, nemmeno tanto velata è che il segretario cittadino non si sia dato abbastanza da fare per contrastare l’avanzata di Renzi e Italia Viva. Anzi di aver dichiarato qualche settimana fa: “Non dico che rimarrò nel Pd. Certo lo farò nell’immediato” . “Non posso che aderire alla richiesta dei segretari – ha chiosato Ceccarelli

Il Pd oggi ha bisogno di tutto tranne che di ulteriori scontri interni o ipotetici regolamenti dei conti. Per quanto mi riguarda Massimiliano Piccioli può rimanere dove sta”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, a margine della seduta del Consiglio metropolitano, rispondendo ad una domanda sulla presa di posizione dei  segretari di circolo. “Chiedo al mio partito unità, determinazione, tranquillità nell’andare avanti col lavoro che c’è da fare – ha aggiunto Nardella -, perché i cittadini chiedono non solo alle istituzioni, ma anche ai partiti di essere presenti e attivi. Mi auguro che ci sia un chiarimento costruttivo e positivo”.

 

L'articolo PD Firenze: tutti (o quasi) contro il segretario Piccioli proviene da www.controradio.it.

Ehm (M5S): Vicini a popolo Curdo per stabilità e pace

Ehm (M5S): Vicini a popolo Curdo per stabilità e pace

Oggi in commissione esteri della Camera  un’audizione dei rappresentanti della regione del Rojava (Kurdistan siriano) nei confronti dei quali tutte le forze politiche hanno espresso vicinanza.

“Esprimo profonda apprensione di fronte alla minaccia concreta turca di intervento militare in Siria, nei territori abitati dal popolo curdo. Operazioni militari di questo tipo sicuramente non faciliterebbero il mantenimento dell’equilibrio di un’area già provata da anni di conflitto durante i quali i curdi hanno avuto un ruolo fondamentale nel contrasto a Daesh”. È quanto afferma in una nota la deputata del MoVimento 5 Stelle in commissione Esteri alla Camera Yana Ehm.
“Oggi in commissione abbiamo avuto un’audizione importante dei rappresentanti della regione del Rojava (Kurdistan siriano) nei confronti dei quali tutte le forze politiche hanno espresso vicinanza. L’unica strada da seguire in questa delicata situazione è quella del dialogo e della pace per cercare di non alterare una seppur precaria stabilità raggiunta in seguito alla dura lotta contro il terrorismo”, continua la deputata.
“La testimonianza portata oggi in commissione ci ha fatto conoscere una realtà di convivenza civile tra popolazioni di diversa religione e cultura che rischia di essere distrutta da interessi militari. Di fronte a questa minaccia auspichiamo l’attenzione costante da parte dell’Europa e delle forze internazionali per il raggiungimento di una soluzione politica della crisi in atto”, conclude Ehm.

L'articolo Ehm (M5S): Vicini a popolo Curdo per stabilità e pace proviene da www.controradio.it.

” A difesa di Fido”: arriva in Toscana lo sportello legale per i diritti degli animali (e dei loro ‘padroni’)

” A difesa di Fido”: arriva in Toscana lo sportello legale per i diritti degli animali (e dei loro ‘padroni’)

Nasce Gaia Lex, un centro di azione giuridica per gli animali e l’ambiente creata dall’associazione Gaia Animali & Ambiente Onlus. L’iniziativa si avvale di un pool di avvocati esperti in legislazione animale. In Toscana, per le zone di Firenze, Arezzo e Siena, c’è l’avvocato Carlotta Padrini.

“Gaia Lex nasce per rispondere alla richiesta di assistenza legale da parte di cittadini e associazioni sulle tematiche ambientali e sulla difesa degli animali”. Queste sono le parole del presidente nazionale di Gaia, Edgar Meyer. Anche la Toscana, avrà il suo specialista di riferimento e sarà l’avv. Carlotta Padrini per le zone di Firenze, Arezzo e Siena. L’avvocato dell’Ordine di Firenze, Carlotta Padrini, si occupa principalmente di diritto penale ma ha una formazione professionale anche in alcune materie del diritto civile.

Lo scopo principale di Gaia Lex è quello di garantire consulenza, assistenza e supporto concreto in materia di tutela degli animali ai cittadini. Così facendo si può assicurare un intervento in difesa degli interessi lesi. L’associazione permette di rivolgersi anche alle istituzioni per instaurare una collaborazione volta alla produzione e alla applicazione delle norme necessarie a tutelare i diritti dell’ambiente e degli animali.

L’email di riferimento è: gaiaanimaliambiente@gmail.com

L'articolo ” A difesa di Fido”: arriva in Toscana lo sportello legale per i diritti degli animali (e dei loro ‘padroni’) proviene da www.controradio.it.

“Gli stranieri delinquono più degli italiani? E chi lo dice? “

“Gli stranieri delinquono più degli italiani? E chi lo dice? “

Illustrando i dati relativi al 2016», il Capo della Polizia Franco Gabrielli, ha dichiarato che «su 893mila persone denunciate ed arrestate, il 29,2% erano stranieri; nel 2017 gli stranieri sono aumentati al 29,8%; nel 2018 sono arrivati al 32%». Ma è proprio così? “No’ ci spiega Sergio Bontempelli, presidente dell’associazione Africa Insieme

L’Italia non è un paese «sempre più insicuro», come vorrebbero farci credere tanti commentatori: le statistiche dicono il contrario: i reati sono in costante calo da almeno dieci anni. Questo  quanto spiegato dal Capo della Polizia Franco Gabrielli, intervenendo al Festival delle Città tenutosi a Roma nei giorni scorsi (qui il video del suo intervento). Gabrielli ha aggiunto  poi una precisazione: se è vero che i reati nel loro insieme diminuiscono, gli stranieri sembrano avere un ruolo crescente nelle dinamiche criminali.«Nel 2016», dice Gabrielli, «su 893mila persone denunciate ed arrestate, il 29,2% erano stranieri; nel 2017 gli stranieri sono aumentati al 29,8%; nel 2018 sono arrivati al 32%». In effetti tra le persone «denunciate e arrestate» la percentuale di stranieri è in aumento.

Però non è tutto così semplice come appare. perché ce lo Spiega Sergio Bontempelli, presidente di Africa Insieme

 

L'articolo “Gli stranieri delinquono più degli italiani? E chi lo dice? “ proviene da www.controradio.it.