Amministrative Sesto Fiorentino, Claudia Pecchioli (Pd) in tandem con Falchi

Amministrative Sesto Fiorentino, Claudia Pecchioli (Pd) in tandem con Falchi

Sesto Fiorentino, Claudia Pecchioli, 28 anni, del Pd, correrà in tandem con il sindaco uscente Lorenzo Falchi alle prossime amministrative per la guida di della città toscana. Il ticket politico è stato presentato venerdì.

La candidata del Partito Democratico alle amministrative è laureata in giurisprudenza e praticante avvocato presso l’Avvocatura di Stato di Firenze, spiega una nota, Pecchioli è stata consigliera comunale di Sesto fiorentino e presidente di commissione.

“Abbiamo lavorato con impegno per aprire una nuova pagina politica e programmatica per la città, per costruire il futuro insieme e non per perpetuare divisioni – sottolinea il segretario del Pd sestese Massimo Labanca -. Con Lorenzo Falchi e le altre forze politiche abbiamo avuto in questi mesi un confronto serrato e impegnativo sul programma, tutti si sono rimessi in discussione con fiducia e rispetto reciproco. Ora ci sono tutti gli ingredienti per fare squadra e agire con energia e entusiasmo”.

Per Falchi “essere riusciti a comporre un’ampia coalizione di sinistra unita da comuni valori e idee per il futuro della nostra città è un fatto estremamente positivo per Sesto. Le sfide che abbiamo davanti richiedono alla politica visione e risposte forti e chiare. Le forze progressiste di Sesto hanno scelto di iniziare insieme un nuovo cammino, lanciando un segnale di rinnovamento e cambiamento”.

“Sono felice di far parte di questa nuova stagione politica che stiamo aprendo insieme – dice Pecchioli -. Quello di oggi è il risultato di un percorso collettivo molto lungo, che abbiamo intrapreso come Pd Sesto cinque anni fa, quando abbiamo deciso di fare un’opposizione costruttiva, che entrasse sempre nel merito delle singole questioni, trovandoci a volte dalla stessa parte della maggioranza, a volte in disaccordo, ma sempre guardando al bene comune della città. Per me due priorità su cui mettere grande energia saranno la transizione ecologica, su cui dobbiamo agire con decisione, e la questione della parità di genere”.

L'articolo Amministrative Sesto Fiorentino, Claudia Pecchioli (Pd) in tandem con Falchi da www.controradio.it.

Falchi per le ‘Comunali’ di Sesto: No aeroporto, Sì a Parco della Piana

Falchi per le ‘Comunali’ di Sesto: No aeroporto, Sì a Parco della Piana

Sesto Fiorentino, ‘Sí’ allo sviluppo del Parco della Piana, ‘No’ alla nuova pista dell’aeroporto di Firenze e al progetto di termo-valorizzatore: queste sono le scelte per il territorio di Sesto Fiorentino proposte dal sindaco Lorenzo Falchi, che si candida ad un suo secondo mandato.

Questo accordo di programma è stato sottoscritto oggi da Sinistra Italiana, il partito a cui appartiene Falchi, dal Pd, da Volt, da Ecolò e da Per Sesto; mentre Italia Viva ha deciso che non sarà parte della coalizione.

Falchi promette “scelte coraggiose su politiche sociali, sportive e culturali, azioni concrete per la transizione ecologica e vicinanza al mondo del lavoro e alle nostre attività produttive, potenziamento dei sistemi di mobilità pubblica e sostenibile oltre ovviamente alle nostre posizioni sui grandi temi infrastrutturali”.

Allargare la squadra di governo, sostiene il sindaco, “ci aiuterà sicuramente a migliorare, ad avere una visione ancora più ampia e più orecchie che possano ascoltare bisogni, problemi o anche critiche”.

Il sostegno a Falchi da parte del Pd conosce anche oggi la reazione di Italia Viva. “Inspiegabile come in otto mesi il Partito democratico abbia completamente cambiato coalizione, programma ed idee – affermano in una nota Francesco Grazzini – coordinatore provinciale Iv a Firenze e nella provincia, e Leonardo Pagliazzi, coordinatore Iv a Sesto Fiorentino – È inspiegabile come otto mesi fa per le elezioni regionali toscane c’era una coalizione, un programma, delle idee e dei punti fermi ben precisi mentre, adesso, per le elezioni comunali di Sesto Fiorentino è nata tutt’altra coalizione, con un programma e con dei progetti totalmente differenti. Il Partito democratico, con una capriola inspiegabile rinnega le sue battaglie decennali come quella per le infrastrutture strategiche per il territorio, ad esempio la nuova pista di Peretola. Noi invece non cambiamo, rimaniamo fermi sulle nostre posizioni, quelle che abbiamo sempre ribadito negli anni scorsi e durante la recente campagna elettorale regionale”

L'articolo Falchi per le ‘Comunali’ di Sesto: No aeroporto, Sì a Parco della Piana da www.controradio.it.

Principio d’incendio tetto impianto Case Passerini, no combustione rifiuti

Principio d’incendio tetto impianto Case Passerini, no combustione rifiuti

Principio d’incendio al tetto dell’impianto di Compostaggio di Case Passerini. Intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento le fiamme: nessun danno a persone e nessuna combustione di rifiuti.

Un principio d’incendio si è sviluppato nella tarda mattinata di oggi sul tetto di un corridoio a servizio della sezione di compostaggio dell’impianto di Case Passerini, nel comune di Sesto Fiorentino, originando una densa colonna di fumo visibile all’esterno.
Le squadre dei Vigili del Fuoco, prontamente intervenute,  hanno domato le fiamme in breve tempo, mettendo in sicurezza tutta l’area.

Case PasseriniL’incendio, circoscritto alla sola copertura del capannone, parte della quale è andata distrutta, non ha causato danni ai dipendenti e agli addetti alle lavorazioni o ai macchinari e non ha interessato i rifiuti in stoccaggio né quelli in trattamento all’interno dell’impianto.
Il rapido contenimento del principio d’incendio ha permesso di non interrompere le attività di lavorazione dei rifiuti raccolti, pur isolando precauzionalmente l’area interessata; attualmente sono in corso gli accertamenti per individuare le cause dell’incendio.

L’impianto di Case Passerini, si trova in via del Pantano, Sesto Fiorentino, ed è situato nel centro della piana fiorentina, ha due sezioni principali di trattamento rifiuti.
Un trattamento meccanico biologico (TMB) di oltre 95.000 tonnellate annue per la produzione di CSS con il flusso secondario di FOS (frazione organica stabilizzata) proveniente dal sottovaglio; la sezione di compostaggio per oltre 65.000 tonnellate annue con produzione di ammendante compostato misto e verde.

L'articolo Principio d’incendio tetto impianto Case Passerini, no combustione rifiuti proviene da www.controradio.it.